www.web-archive-it.com » IT » A » AISF.IT

Total: 646

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Proto et al. (2011)
    biomasse ed altri impianti per la produzione di energia elettrica sono in costruzione Le attuali centrali hanno un consumo annuo di circa un milione di tonnellate di cippato di origine agro forestale e stanno condizionando tantissimo la filiera legno energia Questo nuovo sbocco economico insieme alla multifunzionalità del sistema bosco può favorire lo sviluppo di nuovi posti occupazionali attraverso una adeguata e minuziosa pianificazione forestale per salvaguardare e sviluppare l intero territorio calabrese SUMMARY The present study provides an important review of wood chain in Calabria In particular the research analyses the latest forest inventory data and compares different studies carried out in Calabria on forest mechanization and timber processing After describing the areas the productive potentialities and service conditions of forest the main working systems adopted in the wood for typical utilizations in Calabria have been examined highlighting the most important aspects in the framework of firewood Indeed Calabria in a few years has experienced an increment in the amount of machines and specific equipments for energy sector with a consequent rise in mechanization level in some situations In the same region there are five wood biomass electric power plants Other plants for electric energy production from biomass are under construction The existing plants have an annual consumption of about one million tons of woodchips from agro forest supply and are really influencing the timber energy chain This new economic issue together with wood multi functionality can promote new employment through an adequate forest planning aiming to preserve and develop in a sustainable way the whole Calabrian territory BIBLIOGRAFIA REFERENCES Baldini S Picchio R Cecchi P Calvani P 2002 L evoluzione delle utilizzazioni forestali in Italia macchine infrastrutture formazione Mondo Macchina 7 8 18 27 Barreca L Marziliano P Menguzzato G Pelle L Ruello G Scuderi A 2008 Caratteristiche
    http://www.aisf.it/IFM/ifm_6_2011/Proto.htm (2013-01-08)


  • Carollo e Ferro (2011)
    la conoscenza delle caratteristiche erosive della precipitazione Nella memoria dopo aver richiamato i presupposti teorici della legge di Ulbrich e le espressioni della potenza cinetica da essa deducibili viene presentata una verifica di applicabilità della suddetta distribuzione teorica sulla base delle distribuzioni dimensionali delle gocce di pioggia rilevate mediante un disdrometro ottico installato presso la sezione Idraulica del Dipartimento dei Sistemi Agro Ambientali dell Università di Palermo Viene proposta infine una verifica sperimentale dell equazione di Wischmeier e Smith per il calcolo della potenza cinetica SUMMARY In this paper after a review of both the drop size distribution DSD proposed by Ulbrich and the related relationship for evaluating the kinetic power the theoretical DSD is tested by the measurements carried out with an optical disdrometer Finally the relationship proposed by Wischmeier and Smith for calculating the kinetic power is experimentally tested BIBLIOGRAFIA REFERENCES Atlas D Ulbrich C W 1977 P ath and area integrated rainfall measurement by microwave attenuation in the 1 3 cm band Journal of Applied Meteorology 16 1322 1331 http dx doi org 10 1175 1520 0450 1977 016 1322 PAAIRM 2 0 CO 2 Brawn D Upton G 2008 On the measurement of atmospheric gamma drop size distributions Atmospheric Science Letters 9 245 247 http dx doi org 10 1002 asl 198 Carollo F G Ferro V 2009 Analisi delle distribuzioni dimensionali delle gocce di pioggia rilevate in Sicilia Atti del IX Convegno Nazionale AIIA Ischia Porto 12 16 settembre 2009 Ferro V 2001 Tecniche di misura e monitoraggio dei processi erosivi Quaderni di Idronomia Montana 21 1 269 299 Leone A Pica M 1993 Caratteristiche dinamiche e simulazione delle piogge Parte prima Fondamenti teorici Rivista di Ingegneria Agraria 3 167 175 Marshall J Palmer W 1948 T he distribution of raindrops with size Journal of
    http://www.aisf.it/IFM/ifm_6_2011/Carollo.htm (2013-01-08)

  • Lisa (2011)
    as monumental because of their size age shape of crown location and historic and cultural value Starting from the census of monumental trees made in 1982 by the Italian State Forest Service the regulatory initiatives on monumental trees in Italy are examined with reference also to other European countries Conclusions show the importance of a consistent and shared approach to preserve these invaluable biological and cultural entities BIBLIOGRAFIA REFERENCES Alessandrini A Bortolotti L Fazzuoli F Mitchell A Nievo S Rigoni Stern M 1990a Gli alberi monumentali d Italia Isole e centro sud Vol 1 Edizioni Abete Roma Alessandrini A Bortolotti L Fazzuoli F Mitchell A Nievo S Rigoni Stern M 1990b Gli alberi monumentali d Italia Il Centro e il Nord Vol 2 Edizioni Abete Roma Cagnoni C 2005 Grandi alberi d Italia Alla scoperta dei monumenti naturali del nostro Paese De Agostini Novara Capodarca V 1984 Marche Cinquanta alberi da salvare I più importanti della regione Vallecchi Editore S p a Firenze Capodarca V 2008 Alberi monumentali delle Marche Roberto Scocco Edizioni Macerata 55 p Caramiello R Grossoni P 2005 Alberi monumentali e significato di monumentalità Sherwood Foreste e Alberi oggi n 111 Compagnia delle Foreste Arezzo Ceccarelli E 2009 Aspetti metodologici e applicative per la definizione l individuazione e la conservazione degli alberi vetusti e monumentali Il caso studio del Parco Nazionale Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna Tesi di dottorato in Economia pianificazione forestale e scienze del legno XXII ciclo Università degli Studi di Firenze Clark J R 1983 Age related changes in trees Journal of Arboricolture 9 201 205 Cousseran F Feterman G 2009 Guide des arbres remarquables de France Association A R B R E S Édisud Aix en Provence France Grossoni P 2002 Metodologie per l inventario e l archivio della componente verde dei
    http://www.aisf.it/IFM/ifm_6_2011/Lisa.htm (2013-01-08)

  • La Mela Veca et al. (2012)
    e hanno possibilità di produzione elevate pari a quelle riscontrate in letteratura per le piantagioni realizzate in Francia Inoltre si nota l interessante ruolo paesaggistico sia pur considerandone la natura alloctona che questi popolamenti possono svolgere in ambiti di non facile colonizzazione per le specie arboree Infine si suggeriscono alcuni indirizzi di gestione volti ad assicurarne la migliore affermazione e la possibilità di rinnovazione sia pur su scala locale SUMMARY Atlas cedar has been widely diffused in reforestation in Europe particularly in France In Italy the Atlas Cedar covers about 2600 ha This paper examines 7 cedar plantations in Sicily in the various typical condition of the island evaluating their dendrometric characters in order to estimate productivity and growth capacity The results show that this specie is both highly suitable for wood production and has a landscape restoration role in difficult ecological conditions such as the Mediterranean mountain environment is The stands production is comparable with the better results reported for the French plantations Some cultivation advices in order to better manage these stands and locally assure natural regeneration are also addressed BIBLIOGRAFIA REFERENCES Brunetti M De Capua E L Macccchioni N Monachello S 2001 Natural durability physical and mechanical properties of Atlas cedar Cedrus atlantica Manetti wood from Southern Italy Ann For Sci 58 607 613 http dx doi org 10 1051 forest 2001148 Camerano P Cullotta S Varese P a cura di 2011 Strumenti conoscitivi per la gestione delle risorse forestali della Sicilia Tipi Forestali Regione Siciliana Assessorato Territorio e Ambiente 192 p Castellani C Scrinzi G Tabacccchi G Tosi V 1984 Tavole di cubatura a doppia entrata Inventario Forestale Nazionale Italiano I F N I 1 5 111 ISAFA Trento http www ricercaforestale it Ciancio O Mercurio R Nocentini S 1981 82 Le specie forestali esotiche nella selvicoltura italiana Annali Istituto Sperimentale per la Selvicoltura vol XII e XIII 141 217 Cutini A Mercurio R 1994 Growth performances of a thinned Atlas Cedar C atlantica Manetti stand Ann Rech For Maroc 27 special Di Taranto L Quartulli S 1989 Prime indagini sulle proprietà fisiche e meccaniche del legno di Cedrus atlantica Monti e Boschi 1 53 58 Drago A 2002 Atlante climatologico della Sicilia Servizio Informativo Agrometereologico siciliano Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Fierotti G 1988 Carta dei suoli della Sicilia Assessorato Territorio e Ambiente Regione Siciliana Università studi di Palermo Fontnoire J 1972 Le Cèdre Le Forét Privèe 6 38 49 Fusaro E 1991 Caratteristiche e distribuzione dei rimboschimenti di cedro in Italia Cellulosa e Carta 42 5 17 24 Garfì G La Mela Veca D S Saporito L 1998 A nalisi degli accrescimenti di Pinus brutia Ten e Pinus halepensis Mill in popolamenti artificiali sui monti Sicani AG Atti del Secondo Congresso Nazionale di Selvicoltura per il miglioramento e la conservazione dei boschi italiani Venezia 24 27 giugno 1998 vol IV 271 278 Hapla F Oliver Villanueva J V GonzaÂlez Molina J M 2000 E ffect of silvicultural management on wood quality and timber
    http://www.aisf.it/IFM/IFM_2012/IFM_1_2012/LaMela.htm (2013-01-08)

  • Gualdi e Tartarino (2012)
    of the XXth Century on It refers in particular to the second half of theXXth Century and it outlines the further developments of the Forestry field as well as its employment in the forest management procedure with reference to the European Mediterranean Forest considered in its widest meaning BIBLIOGRAFIA REFERENCES Bernetti G 1998 Tipologia forestale e Fitosociologia L Italia Forestale e Montana 53 4 Bernetti G 2007 Botanica e Selvicoltura Parte III Tipologia Accademia Italiana di Scienze Forestali Firenze Braun J 1913 Die Vegetationsverältnisse der Schneestufe in den Raetisch Lepontischen Alpen Denkschr Schw Naturf Gesellsch 48 Braun J 1915 Les Cévennes meridionales Étude phytosociologique Ach Sc Nt Genève 48 Braun J Furrer E 1915 Remarques sur l étude des groupments de plantes Soc Languedoc Bull 36 Braun Blanquet J Pallmann H Bach R 1954 Pflanzensoziologische und bodenkundliche Untersuchungen im Schweizerischen Nationalpark und seinen Nachbargebieten Liestel Brockmann Jerosch H 1907 Die Pflanzengesellschaften der Schweizeralpen I Teil Die Flora des Puschlav una ihre Pflanzengesellschaften Leipsig Caj ander A K 1909 Über Waldtypen Acta Forestalia Finnnica 1 C antiani M 1986 La determinazione dello stato normale In AA VV Nuove metodologie nella elaborazione dei piani di assestamento dei boschi ISEA Bologna D e Philippis A 1937 Classificazioni e indici climatici in rapporto alla vegetazione forestale Nuovo Giornale Botanico Italiano Nuova serie 44 D el Favero R 1992 Un esperienza di studio di tipologia forestale Annali dell Accademia Italiana di Scienze Forestali 41 D el Favero R 1999 Le tipologie forestali per la selvicoltura In AA VV Nuove frontiere nella gestione forestale Accademia Italiana di Scienze Forestali Firenze D el Favero R 2002 I tipi forestali della Lombardia CIERRE Caselle di Sommacampagna VR D el Favero R 2004 I boschi delle regioni alpine italiane Tipologia funzionamento selvicoltura CLEUP Padova D el Favero R 2008 I boschi delle regioni meridionali peninsulari e insulari d Italia Tipologia funzionamento selvicoltura CLEUP Padova D el Favero R 2010 I boschi delle regioni centrali d Italia Tipologia funzionamento selvicoltura CLEUP Padova D el Favero R et al 1998 La vegetazione forestale e la selvicoltura nella regione Friuli Venezia Giulia Direzione regionale delle Foreste Udine D el Favero R et al 2000 Biodiversità e Indicatori nei tipi forestali del Veneto Regione Veneto Direzione regionale delle Foreste e dell Economia montana Mestre Venezia El lemberG H 1967 Vegetations und bodenkundliche Methoden der forstlichen Standortskarterung Veröffentlichung zu Geobotanich Institut 39 E mberger L 1971 Travaux de botanique et d écologie Ed Masson Paris Fl ahault Ch Schröder C 1910 Nomenclature phytogèografique In AA VV Rapports et propositions au troisième Congrès International de Botanique Bruxelles Giacobbe A 1938 Schema di una teoria ecologica per la classificazione della vegetazione italiana Nuovo Giornale Botanico Italiano Nuova serie 45 Giacomini V 1960 La cartografia della vegetazione per la conoscenza della vegetazione forestale Annali dell Accademia Italiana di Scienze Forestali 9 Gualdi V Tartarino P 2009 Altre riflessioni sulla gestione su basi assestamentali della foresta mediterranea europea L impiego della Tipologia forestale nella procedura assestamentale i contributi
    http://www.aisf.it/IFM/IFM_2012/IFM_1_2012/Gualdi.htm (2013-01-08)

  • Slee  (2012)
    che dovrà rispondere all attuale necessità di ridurre l impronta di carbonio delle attività economiche che dalla formale applicazione di tutti questi principi Il presente contributo rielabora questi concetti e sottolinea alcuni aspetti che risultano cruciali per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo rurale riconoscendo la necessità di sviluppare un insieme di innovazioni che siano in grado sia di supportare la neces saria transizione verso una lowcarbon economy che di fornire un maggiore contributo allo sviluppo rurale REFERENCES BIBLIOGRAFIA Committee on Climate Change 2010 Scotland s path to a low carbon economy CCC London Council of the European Union 1997 Council Agriculture Press Release Brussels 19 11 1997 press 343 Nr 12241 97 Brussels Defra 2007 An introductory guide to valuing ecosystem services Defra London De la Torre Ugarte D 2005 The contribution of bioenergy to a new energy paradigm EuroChoices 4 6 11 http dx doi org 10 1111 j 1746 692X 2005 00011 x European Commission 2010 The CAP towards 2020 COM 2010 672 final Fitoussi J P Sen A Stiglitz G 2008 Report by the Commission on the Measurement of Economic Performance and Social Progress Commission on the Measurement of Economic Performance and Social Progress Paris Jackson T 2009 Prosperity without growth Earthscan London Keenleyside C Tucker G M 2010 Farmland Abandonment in the EU an assessment of trends and prospects Report prepared for WWF Institute for European Environmental Policy London Kelly E C Bliss J C 2009 Healthy Forests Healthy Communities an emerging paradigm for natural resource dependent communities Society Natural Resources 22 519 537 http dx doi org 10 1080 08941920802074363 Kemp R Martens P 2007 Sustainable development how to manage something that is subjective and can never be achieved Sustainability Science Practice and Policy 3 1 10 Loorbach D 2007 T ransition management new mode of governance for sustainable development Utrecht International Books MacKay D J C 2009 Sustainable energy without the hot air UIT Cambridge Mantau U Merlo M Sekot W Welcker B 2001 Recreational and environmental markets for forest enterprises a new approach towards marketability of public goods CABI Publishing Wallingford http dx doi org 10 1079 9780851994802 0000 MCFPE 2004 Sustainable forest management and the ecosystem approach MCFPE Warsaw Millennium Ecosystem Assessment 2005 E cosystems and human well being synthesis Island Press Washington The UK National Ecosystem Assessment Synthesis of the Key Nijnik M Slee B Pajot G 2011 Opportunities and challenges for terrestrial carbon offsetting and marketing with some implications for forestry in the UK South East European Forestry SEEFOR in press OECD 1998 Meeting of the Committee for Agriculture at Ministerial Level Agricultural policy the need for reform Discussion Paper AGR CA MIN 98 2 OECD Paris OECD 2001 Multifunctionality Towards an Analytical Framework OECD Paris OECD 2005 Multifunctionality in agriculture what role for private initiatives OECD Paris OECD 2008 Multifunctionality in agriculture evaluating the degree of jointness policy implications OECD Paris Pettenella D Maso D 2011 Networks of Small Medium Enterprises operating in Forestry Some theoretical concepts and
    http://www.aisf.it/IFM/IFM_2012/IFM_2_2012/Slee.htm (2013-01-08)

  • Antognazza et al. (2012)
    assigned in view of the share of municipal area of each forest type in the Region and the provincial estimated value was obtained from its municipal contributions while harvest and fire data set reported in the National Inventory Report 2011 were brought down to the NUTS2 level in order to be processed Forest carbon stock in Lombardy has increased from 327 MtCO 2 in 1990 to 408 MtCO 2 in 2008 while carbon sink has been estimated 4 7 MtCO 2 in 2008 resulting in approximately 5 5 of regional GHGs emission level Further analysis are in progress in order to refine the accounting at local level and to have a technical tool that allows to support decision making in the allocation of obligations for reducing emissions as well as to enhance the forestry sector in the generation of carbon credits and in procedures of environmental impact assessment related to human settlements and infrastructure works RIASSUNTO La Regione Lombardia ha realizzato un inventario dei serbatoi forestali di carbonio con scopi di contabilizzazione finalizzati a definire un bilancio fra l assorbimento e l emissione del carbonio connessi all accrescimento forestale e ai cambiamenti nella superficie forestale ma anche con l obiettivo di avere uno strumento istituzionale e tecnico per caratterizzare e sfruttare i serbatoi di carbonio nelle strategie di controllo e mitigazione delle emissioni antropiche Nella prima implementazione il For est Model è stato computato all interno dell Inventario regionale delle emissioni atmosferiche in modo da definire e aggiornare lo stock di carbonio forestale e i serbatoi di carbonio regionali nel periodo 1990 2008 Lo stock di carbonio e i serbatoi di carbonio a livello comunale sono stati assegnati in funzione della proporzione di area municipale di ogni tipo forestale a livello regionale e il valore stimato a livello provinciale è stato ottenuto dai diversi contributi comunali mentre i dati di taglio e incendio riportati nel report dell Inventario Nazionale del 2011 sono stati ridotti a livello NUTS2 in modo da poter essere processati Lo stock di carbonio forestale è passato in Lombardia da 327 MtCO 2 nel 1990 a 408 MtCO 2 nel 2008 mentre i serbatoi di carbonio sono stati stimati intorno a 4 7 MtCO 2 nel 2008 corrispondendo a circa il 5 5 del livello regionale di emissioni di gas serra Ulteriori analisi sono in corso allo scopo di affinare la contabilizzazione a livello locale e al fine di avere uno strumento tecnico che permetta sia di supportare i processi decisionali di allocazione degli obblighi di riduzione delle emissioni che di rafforzare il settore forestale nella generazione di crediti di carbonio e nelle procedure di valutazione dell impatto ambientale connesso agli insediamenti umani e alle opere infrastrutturali REFERENCES BIBLIOGRAFIA ARPA Lombardia 2011 IN EM AR Emission Inventory 2008 emission in Lombardy Region public review Environmental Protection Agency of Lombardy Region Lombardy Region Direction General Environment Energy and Networks http www inemar eu Ciccarese L Brown S Schlamadinger B 2005 Carbon sequestration through restoration of temperate and boreal
    http://www.aisf.it/IFM/IFM_2012/IFM_2_2012/Antognazza.htm (2013-01-08)

  • Bagnato et al. (2012)
    Un sistema selvicolturale finalizzato a favorire la rinnovazione naturale attraverso l apertura di buche nella copertura arborea sistema di tagli a buche è stato adottato a partire dal 2003 in un sito sperimentale realizzato in popolamenti di pino laricio Pinus nigra Arn ssp laricio Poiret var Calabrica Delamare situati nell Appennino calabrese per confrontare gli effetti di buche di piccole 380 m2 medie 855 m2 e grandi 1520 m2 dimensioni I principali risultati di questa esperienza dimostrano dopo 7 anni che la grandezza appropriata delle buche per la rinnovazione del pino laricio una specie esigente di luce è quella rappresentata da buche di 1500 m2 con un rapporto d h di 2 0 mentre per specie tardo successionali abete bianco e faggio sono consigliate buche di 380 m2 con un d h di 1 0 o leggermente più grande Questo consente al gestore forestale di scegliere se mantenere il pino o avviare un azione di restauro delle formazioni forestali autoctone L intervallo tra i diversi tagli è di 7 anni Dato che ad ogni intervento si rimuove il 30 della superficie il ciclo si completa in circa 20 anni In questo caso popolamenti normalmente diradati al momento del primo taglio si possono ottenere da 15 a 70 m3 di legname per ogni buca o 140 m3 per ettaro Questo approccio sistema di tagli a buche può essere considerato una pratica selvicolturale sostenibile grazie al basso impatto ambientale ed estetico che produce e grazie alla possibilità che offre di soddisfare anche esigenze di produzione di materiale legnoso da destinare a fini energetici REFERENCES BIBLIOGRAFIA Canham C D Denslow J S Platt W J Runkle J R Spies T A White P S 1990 Light regimes beneath closed canopies and tree fall gaps in temperate and tropical forests Canadian Journal of Forest Research 20 620 631 http dx doi org 10 1139 x90 084 Coates K D Burton P J 1997 A gap based approach for development of silvicultural systems to address ecosystem management objectives Forest Ecology and Management 99 337 354 http dx doi org 10 1016 S0378 1127 97 00113 8 Dai X 1996 Influence of light conditions in canopy gaps on forest regeneration a new gap light index and its application in a boreal forest in east central Sweden Forest Ecology and Management 84 187 197 http dx doi org 10 1016 0378 1127 96 03734 6 Diaci J 2002 Regeneration dynamics in a Norway spruce plantation on silver fir beech forest site in the Slovenian Alps Forest Ecology and Management 161 27 38 http dx doi org 10 1016 S0378 1127 01 00492 3 Gagnon J L Jokela E J Moser W K Huber D A 2003 Dynamics of artificial regeneration in gaps within a longleaf pine flatwoods ecosystem Forest Ecology and Management 172 133 144 http dx doi org 10 1016 S0378 1127 01 00808 8 Gray A N Spies T A Easter M J 2002 Microclimatic and soil moisture responses to gap formation in coastal Douglas
    http://www.aisf.it/IFM/IFM_2012/IFM_2_2012/Bagnato.htm (2013-01-08)