web-archive-it.com » IT » A » ANBI.IT

Total: 946

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • #acquepulite: LE 6 MOSSE PER RIALLINEARE L’ITALIA ALLA UE NEL SETORE IDRICO
    2 milioni di persone scaricano nei corsi d acqua nel mare nelle campagne o dove capita In tutta la regione risultano 431 impianti di trattamento delle acque reflue urbane la maggioranza non sono attivi ovvero non sono connessi alla rete fognaria esistente e versano in stato di abbandono e degrado totale A 21 anni della legge Galli 1994 che dettava le regole per la gestione dell acqua cinque regioni non hanno ancora definito l assetto degli enti d ambito e i gestori Sicilia Calabria Campania Lazio e Molise per Lazio e Molise le due leggi regionali sono state impugnate per incostituzionalità In molte parti del mondo l accesso all acqua potabile non è garantito così come non esistono sistemi di collettamento e depurazione In questa parte di mondo rientrano purtroppo nel 2015 alcuni territori di nostre regioni con condizioni di criticità e arretratezza industriale Sicilia e Calabria E 3 italiani su 10 non sono ancora allacciati a fognature o a depuratori quasi la maggioranza di chi vive in Sicilia in Calabria Campania un 30 in Lombardia e Friuli L ultimo screening UE disponibile del 2011 non lasciava dubbi siamo in ritardo sulla capacità di depurazione e i livelli di allacciamento a fognature e depuratori nelle 86 città con oltre 150 000 abitanti vedeva il 21 8 non connesso a fogna e il 41 9 non in regola con il trattamento secondario Anche in grandi aree metropolitane A quasi 10 anni dal termine ultimo 2005 per la messa a norma dei sistemi fognari e depurativi prevista dalla Direttiva UE del 91 271 registriamo un forte ritardo nel rispetto degli obblighi assunti come Stato membro Questa situazione ha condotto già a due condanne della Corte di Giustizia Europea e all avvio di una terza procedura di infrazione che porterà inesorabilmente se non si interviene con forza e determinazione sbloccando l immobilismo cronico alla terza sentenza di condanna ed alla irrogazione di pesanti sanzioni Tutte le Regioni sono oggi in infrazione Il numero di agglomerati urbani non a norma supera i 1000 sparsi per il territorio nazionale La Sicilia con 175 ha il maggior numero di agglomerati in infrazione Segue la Calabria con 130 La Lombardia con 128 infrazioni di cui 14 agglomerati condannati e 114 in procedura è pari alla Campania 125 di cui 10 condannati e 115 in procedura In ballo ci sono sanzioni pesantissime già rese note da Bruxelles penalità di mora fino a un massimo di 714 000 euro per ogni giorno di ritardo nell adeguamento a decorrere dalla pronuncia della sentenza entro il 2016 A ciò si aggiungerà una somma forfettaria calcolata sulla base del PIL minimo 9 92 milioni oltre a finanziamenti europei che possono essere sospesi Multe salate quindi ad oggi per 19 Regioni e circa 2 500 Comuni fuorilegge Una prima simulazione porta la cifra complessiva a circa mezzo miliardo di euro l anno dal 2016 e fino al completamento delle opere Stima importo penalità in milioni euro ITALIA 482 Sicilia 185 Lombardia 74 Friuli

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/346-acquepulite-le-6-mosse-per-riallineare-l-italia-alla-ue-nel- (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • A ROMA, CONFERENZA INTERNAZIONALE SU ACQUE REFLUE MASSIMO GARGANO: “NELL’IRRIGAZIONE ITALIANA MENO DELL’1% SONO ACQUE DEPURATE. ESPERIENZE D’AVANGUARDIA DEI CONSORZI DI BONIFICA NELLA FITODEPURAZIONE”
    DELL 1 SONO ACQUE DEPURATE ESPERIENZE D AVANGUARDIA DEI CONSORZI DI BONIFICA NELLA FITODEPURAZIONE C è una potenziale risorsa idrica sottoutilizzata nel nostro Paese benché prevista dalle norme sull uso plurimo si chiama acque reflue Lo afferma Massimo Gargano Direttore Generale dell Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni in occasione della 2 Conferenza Internazionale SaveWaterReuseWater the ACCBAT Strategic Project organizzata a Roma da ICU in collaborazione con C R A I N E A Attualmente in Italia su una superficie di 3 363 273 ettari serviti dalla rete irrigua solo 14 258 ettari meno dello 0 5 usufruiscono di acque reflue cioè depurate A limitare l uso di tale modalità idrica prosegue Gargano ci sono carenze infrastrutturali e inadeguatezze normative Queste ultime in particolare interessano la salinità delle acque depurate i cui limiti ammessi dalla legge sono alti per l uso tal quale in agricoltura rischiando di bruciare le coltivazioni irrigate Per ovviare al problema i Consorzi di bonifica si sono fatti promotori di esperienze innovative nel campo della fitodepurazione posizionando vasche di decantazione idrica all uscita dai depuratori e riuscendo grazie all ausilio di particolari specie arboree ad abbattere il residuo salino presente nei reflui rendendoli così compatibili con l uso irriguo Va ricordato che la più vasta azione di fitodepurazione presente in Italia è collegata al disinquinamento del bacino scolante nella laguna di Venezia lungo i cui corsi d acqua sono state creati appositi bacini di stazionamento delle acque per permetterne l autodepurazione grazie anche all azione di canne palustri ed apposite plantumazioni lungo le rive L incremento di aree per la fitodepurazione ma soprattutto limiti più stringenti sulla quantità di residuo salino ammesso nelle acque reflue conclude Gargano sono provvedimenti da adottare a favore soprattutto di quelle zone dove l abbassamento delle falde sta testimoniando un bilancio idrico

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/348-a-roma-conferenza-internazionale-su-acque-reflue-massimo-gar (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • UN WEEK END RICCO DI SIGNIFICATI: OLTRE 40.000 BENI CULTURALI A RISCHIO FRANCESCO VINCENZI: “ARRIVA LA PRIMAVERA: TANTE INIZIATIVE DI RIFLESSIONE SULLA FRAGILE ITALIA DA VALORIZZARE”
    000 BENI CULTURALI A RISCHIO FRANCESCO VINCENZI ARRIVA LA PRIMAVERA TANTE INIZIATIVE DI RIFLESSIONE SULLA FRAGILE ITALIA DA VALORIZZARE In questo fine settimana per iniziativa del F A I Fondo Ambiente Italiano molti siti di pregio saranno aperti al pubblico per favorirne la riscoperta A N B I ricorda che secondo recenti dati I S P R A Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale I S R C Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro in Italia sono ben 14 000 i beni culturali a rischio frane e 28 483 quelli a rischio alluvione Nella città di Roma a rischio idraulico ci sono 2 204 capolavori d arte e l intero centro storico Piazza Navona Piazza del Popolo Pantheon nel comune di Firenze i beni culturali esposti a rischio idraulico risultano essere 1 145 tra cui la Basilica di Santa Croce la Biblioteca Nazionale il Battistero e la Cattedrale di Santa Maria del Fiore Numerosi sono anche i borghi storici a rischio dissesto idrogeologico come Volterra Pisa Civita di Bagnoregio Viterbo Certaldo Firenze A ciò vanno aggiunte 6 251 scuole e 547 strutture sanitarie ubicate in zone ad alto rischio idrogeologico A ricordarlo è Francesco Vincenzi Presidente A N B I Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni che prosegue Il 21 e 22 Marzo sono due date importanti anche per il nostro mondo il primo giorno di primavera si festeggia San Benedetto patrono dei bonificatori il giorno dopo è la Giornata Mondiale dell Acqua L occasione deve essere foriera per una riflessione sulla centralità che la salvaguardia idrogeologica ha per il futuro del nostro Paese il cui sviluppo economico e sociale non può prescindere dalla valorizzazione del bene territorio la cui fragilità è però racchiusa in un dato 5 581 comuni sono interessati da aree ad alto

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/344-un-week-end-ricco-di-significati-oltre-40-000-beni-culturali (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • ERASMO D’ANGELIS: “IN 8 MESI, AVVIATI 783 CANTIERI PER OLTRE UN MILIARDO. PARTITO ANCHE PIANO SICUREZZA PER 14 AREE METROPOLITANE”
    AREE METROPOLITANE ERASMO D ANGELIS IN 8 MESI AVVIATI 783 CANTIERI PER OLTRE UN MILIARDO PARTITO ANCHE PIANO SICUREZZA PER 14 AREE METROPOLITANE Basta piangersi addosso l Italia chiude la pagina vergognosa del dissesto doloso e per la prima volta investe in sicurezza e difesa idrogeologica non inseguendo le emergenze ma facendo prevenzione cosi Erasmo D Angelis coordinatore della Struttura di missione di Palazzo Chigi italiasicura contro il dissesto idrogeologico intervenendo a Milano Il test di questi mesi dimostra che ce la faremo con un lavoro di squadra In otto mesi abbiamo aperto o riaperto 783 cantieri per 1 072 milioni degli oltre miliardi recuperati e non spesi negli ultimi 15 anni Il resto continua D Angelis diventerà cantiere nel corso del 2015 E partito il piano delle 14 città metropolitane con un investimento complessivo di 1 miliardo e 200 milioni per opere da Genova a Milano da Firenze a Messina Abbiamo finalmente un piano nazionale con 7 152 opere da pianificare in tutte le regioni ed è stata già definita una spesa mai finanziata in Italia per 9 miliardi complessivi Cosa serve conclude D Angelis Serve coscienza del rischio conoscenza dei fenomeni una buona pianificazione urbanistica e per moltissimi

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/342-erasmo-d-angelis-in-8-mesi-avviati-783-cantieri-per-oltre-un (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • UVB ALLA SETTIMANA DELL’AMBIENTE VENETO
    ALLA SETTIMANA DELL AMBIENTE VENETO UVB ALLA SETTIMANA DELL AMBIENTE VENETO Unione Veneta Bonifiche è tra gli organizzatori partner della Regione Veneto de La Settimana dell Ambiente Veneto 2015 che si svolgerà dal 23 al 29 Marzo prossimi A differenza dell anno scorso gli eventi non si concentreranno in un unica sede ma saranno diffusi per sottolineare al meglio le peculiarità del nostro territorio Giuseppe Romano presidente U V B Siamo impegnati anche quest anno nell organizzazione di questa grande manifestazione in quanto crediamo che dopo decenni di scarsa attenzione nella gestione del territorio di un forte consumo del suolo agricolo e di una diffusa urbanizzazione sia importante sensibilizzare cittadini e stakeholders su temi come la sicurezza idraulica dove l impegno di tutti diventa indispensabile I consorzi di bonifica giocheranno un grande ruolo assieme ai Comuni per la realizzazione dei Piani delle Acque al fine di realizzare una pianificazione degli interventi nelle aree comunali e private con i cittadini per accrescere una piena consapevolezza che la gestione del territorio passa anche dalla responsabilità di ciascuno attraverso i Contratti di Fiume quale strumento indispensabile di coinvolgimento della comunità I consorzi di bonifica organizzeranno un convegno dal titolo La sicurezza del territorio

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/340-uvb-alla-settimana-dell-ambiente-veneto (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • COLDIRETTI: INVERNO FINISCE CON 36 % DI PIOGGIA IN PIU’
    Recapiti e mappa Weblink ANBINFORMA CAP 2020 ANBI Magazine Torna indietro 16 03 2015 COLDIRETTI INVERNO FINISCE CON 36 DI PIOGGIA IN PIU COLDIRETTI INVERNO FINISCE CON 36 DI PIOGGIA IN PIU La nuova ondata di maltempo arriva in Italia al termine di un inverno che ha fatto registrare ben il 36 di precipitazioni in piu rispetto alla media manifestatesi anche con temporali violenti che hanno provocato pesanti danni alle città ed alle campagne è quanto afferma Coldiretti in riferimento all allerta della Protezione Civile per la nuova perturbazione che con freddo e neve sta colpendo violentemente la Penisola ad una settimana dall arrivo della primavera L inverno italiano è stato quest anno particolarmente piovoso ma anche abbastanza mite con temperature medie che sono risultate superiori di 0 9 gradi rispetto alla media del periodo 1971 2000 con una anomalia piu marcata al Nord secondo le elaborazioni I S A C C N R E questa una conferma dei cambiamenti climatici che si abbattono su un terreno sempre piu fragile a causa del consumo di suolo e si manifestano anche conclude l organizzazione professionale agricola con la piu elevata frequenza di eventi estremi sfasamenti stagionali precipitazioni brevi ma intense un

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/336-coldiretti-inverno-finisce-con-36-di-pioggia-in-piu (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • DOMENICA, IRRIFRAME A “LINEA VERDE”
    ANBI Magazine Torna indietro 13 03 2015 DOMENICA IRRIFRAME A LINEA VERDE DOMENICA IRRIFRAME A LINEA VERDE Nella puntata dedicata alle eccellenze italiane ad Expo 2015 e programmata domenica 15 Marzo dalle ore 12 20 sulle frequenze di RAI 1 la popolare trasmissione Linea Verde dedicherà un servizio al sistema irriguo esperto Irriframe voluto dall ANBI Nel comprensorio del Consorzio di bonifica Grossetana il conduttore Patrizio Roversi incontrerà tra gli

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/334-domenica-irriframe-a-linea-verde (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • UNITI PER FERMARE LE ESTRAZIONI NEL DELTA PO
    che ha accolto il ricorso proposto dall azienda Northsun Italia contro il diniego della Regione di effettuare ricerche di idrocarburi in terraferma È sbigottito Giancarlo Mantovani direttore del Consorzio di bonifica Delta del Po Si dice che la Northsun sta solo facendo ricerca sulla presenza di metano nel sottosuolo con masse vibranti e non con trivellazioni Il T A R avrebbe dovuto leggere con maggiore attenzione i progetti proposti ed avrebbe capito che la ricerca di idrocarburi prevede oltre che indagini geognostiche anche se tutto il mondo sa che in Polesine e nel Delta in particolare il metano c è da sempre ndr anche un pozzo esplorativo Il direttore aggiunge che l articolo 30 della legge del Parco recita che è vietata la realizzazione di pozzi e impianti per la ricerca nonchè l estrazione di idrocarburi Dovrebbe bastare questo per evidenziare l impossibilità di autorizzare la ricerca del metano Il fatto che il T A R non abbia approfondito l analisi del progetto e abbia di fatto autorizzato la ricerca di idrocarburi con la conseguente realizzazione di un pozzo esplorativo è gravissimo significa superare il punto di non ritorno Il progetto di ricerca presenta aspetti fuorvianti e non tiene conto

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/332-uniti-per-fermare-le-estrazioni-nel-delta-po (2016-02-18)
    Open archived version from archive



  •