web-archive-it.com » IT » A » ANBI.IT

Total: 946

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Emilia-Romagna - Uniti per insegnare difesa del territorio e valore dell'acqua
    ROMAGNA UNITI PER INSEGNARE DIFESA DEL TERRITORIO E VALORE DELL ACQUA Oltre 100 bambini delle scuole elementari hanno preso parte ad Acqua e Territorio iniziativa che si è svolta a Collecchio per approfondire dal vivo e sperimentare nei laboratori la realtà e l evoluzione dei corsi d acqua naturali ed artificiali L evento è stato organizzato da Ente Parchi Emilia Occidentale Consorzio di bonifica Parmense con sede a Parma Amministrazione Provinciale di Parma URBER Unione Regionale Bonifiche Emilia Romagna e Coldiretti locale una sinergia che ha consentito di offrire una mattinata formativa intensa su temi importantissimi come il dissesto idrogeologico il buon governo delle acque il rispetto per l ambiente ed il territorio l importanza che la natura riveste nella vita quotidiana un segnale forte in un periodo di drammatiche criticità per numerosi comprensori del nostro Paese devastati dall urbanizzazione selvaggia e dal consumo del suolo Alla giornata hanno preso parte gli studenti delle classi elementari 4 e 5 dell Istituto Comprensivo di Collecchio e dell Istituto Comprensivo di Noceto Molteplici le tematiche trattate durante i laboratori ludico didattici i ragazzi hanno anche potuto godersi una divertente animazione di Lorenzo Bonazzi Per l acqua che scende e che sale c

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/140-emilia-romagna-uniti-per-insegnare-difesa-del-territorio-e-v (2016-02-18)
    Open archived version from archive


  • SUCCESSO DELLA MOSTRA SULLA CIVILTA’ DELL’ACQUA IN LOMBARDIA
    però a fronte di attacchi del tutto strumentali ancora una volta rilevare ha sottolineato Folli che i consorzi sono enti eletti democraticamente e che non solo si autofinanziano ma intervengono con proprie risorse ad attuare quegli interventi finanziati solo parzialmente da Stato e Regione Il sindaco di Montichiari Mario Fraccaro ha evidenziato l importanza dell acqua per il mondo agricolo ringraziando il Consorzio di bonifica Chiese per il ruolo svolto nella protezione del territorio e nello sviluppo del mondo agricolo L assessore a Territorio Urbanistica e Difesa del Suolo della Lombardia Viviana Beccalossi ha sottolineato l importanza dell agricoltura nella regione con la più alta produzione in Italia nonchè il ruolo fondamentale degli agricoltori nel sostenere e valorizzare il territorio L assessore ha anche rimarcato il ruolo multifunzionale svolto dai consorzi di bonifica L agricoltura lombarda è un eccellenza l acqua è la sua benzina ed i consorzi sono fondamentali per sostenere e mantenere l agricoltura I consorzi garantiscono inoltre la sicurezza del territorio e si occupano anche di produrre energia pulita e di fare cultura del territorio I manufatti di bonifica ed irrigui non sono solo un bellissimo esempio di architettura e la mostra inaugurata è il segno tangibile del lavoro millenario svolto dall uomo per rendere il territorio salubre produttivo e protetto Oggi quando parliamo di made in Italy pensiamo anche al cibo ha concluso l assessore frutto dell agricoltura da proteggere attraverso leggi di contenimento del consumo del suolo quale quella che Regione Lombardia ha approvato per prima in Italia Francesco Vincenzi Presidente dell Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni A N B I in pieno accordo con quanto sostenuto dall assessore Beccalossi ha ricordato come oggi non sia più possibile pensare di valorizzare il territorio senza proteggerlo ed a questo concorre Manutenzione Italia Piano per la Riduzione

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/284-successo-della-mostra-sulla-civilta-dell-acqua-in-lombardia (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • TAGLIAMENTO: FISSATI PROSSIMI TRE STEP PER RIDUZIONE RISCHIO ALLUVIONI
    indietro 16 02 2015 TAGLIAMENTO FISSATI PROSSIMI TRE STEP PER RIDUZIONE RISCHIO ALLUVIONI TAGLIAMENTO FISSATI PROSSIMI TRE STEP PER RIDUZIONE RISCHIO ALLUVIONI Analisi idrologica progetti per opere da realizzare nella sezione di valle del fiume e mandato per l individuazione di interventi nella parte alta del corso d acqua un punto di arrivo importante per la sicurezza del fiume Tagliamento quello raggiunto a Palazzo Chigi in una riunione convocata dalla struttura di missione del Governo italiasicura con le Regioni Friuli Venezia Giulia Veneto e l Autorità di Bacino Il tavolo tecnico coordinato dal direttore di italiasicura Mauro Grassi ha verificato la qualità del lavoro svolto finora e ha così fissato le prossime azioni necessarie alla riduzione del rischio di alluvioni rappresentato dal passaggio di piene storiche Dall analisi idrologica complessiva del sistema Tagliamento sono stati individuati gli interventi necessari nella sezione di valle del fiume realizzazione delle opere di presa idraulica per la gestione dei flussi e risistemazione degli argini del corso d acqua Cavrato così da poter gestire piene significative Gli interventi progettati garantiscono anche il miglioramento della sicurezza nella parte alta del corso d acqua grazie ad una maggiore capacità di deflusso verso mare delle acque di piena Fra tre mesi il tavolo tecnico tornerà a riunirsi per completare il lavoro fin qui svolto e valutare il complesso delle opere a monte e a valle per la messa in sicurezza delle popolazioni lungo tutta l asta del fiume Quello del Tagliamento è un caso da manuale commentato il coordinatore della struttura di missione di Palazzo Chigi italiasicura contro il dissesto idrogeologico Erasmo D Angelis e dimostra che quando tutte le istituzioni lavorano ad un obbiettivo comune si riesce a definire un percorso chiaro e condiviso capace di ridurre il rischio che aree importanti del NordEst finiscano alluvionate E

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/280-tagliamento-fissati-prossimi-tre-step-per-riduzione-rischio- (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • VERSO EXPO 2015 ANBI IN FRANCIA: PRESENTATO IRRIFRAME AI PAESI EUROMEDITERRANEI FORTE INCREMENTO NELLE RICHIESTE DI MISSIONE IN ITALIA
    internazionale dall Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni A N B I per il sistema irriguo Irriframe attualmente attivo in 60 consorzi operanti su quasi il 50 della superficie irrigua nazionale Piemonte Lombardia Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Lazio Abruzzo Puglia Basilicata Calabria Sardegna L annuncio è stato dato a Marsiglia in Francia durante il Forum sull acqua organizzato dalla Regione Paca presenti i rappresentanti dei Paesi euromediterranei interessati ad una virtuosa gestione della risorsa idrica Ampio è stato l interesse suscitato dal software italiano che attraverso la combinazione di più parametri offre il miglior consiglio irriguo all agricoltore permettendo un risparmio fino al 25 nel fabbisogno d acqua nel 2014 sono stati calcolati oltre 150 000 bilanci idrici interessanti circa 9 000 appezzamenti di terreno ed inviati più di 30 000 sms di consiglio irriguo agli agricoltori ne sono conseguenza le numerose richieste di missioni straniere per verificare l applicabilità di tale tecnologia made in Italy in altre zone del Pianeta Il sistema Irriframe che sarà tra i protagonisti di Expo 2015 è stato molto apprezzato anche dalle associazioni ecologiste presenti perché risponde ad esigenze ambientali preleva una quota di risorsa sostenibile e mirata a raggiungere un equilibrio ambientale tra apporti naturali ed impieghi produttive crea valore aggiunto alla filiera acqua massimizzando il reddito dell agricoltore e liberando risorse crescenti per l impiego nei settori industriale e civile etiche armonizza l irrigazione con altre pratiche colturali per fornire prodotti agricoli sempre più sani e con ridotto impiego di antiparassitari diserbanti concimi L impegno green dei consorzi di bonifica italiani commenta Anna Chiumeo direttore dell Unione Regionale Bonifiche Puglia che ha rappresentato l ANBI al Forum di Marsiglia è attivo anche nel campo delle energie rinnovabili attraverso l annuale produzione idroelettrica di oltre 380 milioni di kilowattora

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/282-verso-expo-2015-anbi-in-francia-presentato-irriframe-ai-paes (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • FRANCESCO VINCENZI: “DISSESTO IDROGEOLOGICO: IN CALABRIA, NESSUNO PUO’ DORMIRE SONNI TRANQUILLI”
    CALABRIA NESSUNO PUO DORMIRE SONNI TRANQUILLI FRANCESCO VINCENZI DISSESTO IDROGEOLOGICO IN CALABRIA NESSUNO PUO DORMIRE SONNI TRANQUILLI Anche noi come D Angelis Capo Struttura di italiasicura non dormiamo tranquilli pensando al grave rischio idrogeologico che incombe su molte zone della Calabria A dichiararlo è Francesco Vincenzi presidente dell Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni A N B I intervenendo a margine della conferenza interregionale dei consorzi di bonifica di Calabria e Sicilia organizzata a Lamezia Terme I locali consorzi di bonifica prosegue il presidente A N B I vivono con senso di impotente responsabilità questa critica situazione che interessa ben 409 comuni su 1167 chilometri quadrati Per questo abbiamo appreso con soddisfazione la volontà di costituire un fondo dotato di 200 milioni di euro per combattere l abusivismo edilizio aiutando le Regioni nelle progettazioni La nostra risposta prosegue Vincenzi sta nel Piano A N B I per la Riduzione del Rischio Idrogeologico presentato nei giorni scorsi a Roma Per la Calabria sono previsti 186 interventi soprattutto sistemazioni idrauliche e contenimento di frane per un importo complessivo di quasi 248 milioni di euro una cifra ingente che proponiamo di finanziare con mutui quindicennali D altronde conclude il presidente A N B I

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/278-francesco-vincenzi-dissesto-idrogeologico-in-calabria-nessun (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • UNA BOTTE A RISCHIO
    improvvisa del secolare manufatto comporterebbe l allagamento del territorio emiliano e lombardo compreso tra Panaro e Crostolo con interessamento di centinaia di migliaia di persone È la Botte Sifone del Consorzio di bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po ubicata a San Siro di San Benedetto Po Essa consente alle acque piovane della Destra Secchia di sottopassare il fiume e giungere nel fiume Po a Moglia di Sermide La sua messa in sicurezza durante le piene necessità per altro abbastanza rara è attuata ancora a mano occorrono otto uomini contemporaneamente per aprirla e chiuderla così come è avvenuto durante l ultima piena del Po quando è stata attivata per la terza volta in cento anni Il Consorzio di bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po dichiara la presidente Ada Giorgi può vantare alcuni dei manufatti idraulici più longevi di Italia di cui due candidati a diventare patrimonio mondiale e culturale Unesco Ex Agro Mantovano Reggiano ed Ex Revere Alcuni però come la Botte Sifone necessitano di interventi per la loro messa in sicurezza come l automazione idraulica e l adeguamento idraulico La rottura improvvisa del manufatto comporterebbe l alluvionamento del territorio emiliano e lombardo compreso fra i fiumi Panaro e Crostolo interessando oltre 100 000 persone una tragedia equivalente alla rotta dell argine maestro del Po Nel corso dell ultima piena spiega Raffaele Monica direttore dell ente consorziale la situazione più critica è stata registrata proprio nella Botte Sifone a San Siro di San Benedetto Po in comune di Quistello Il livello dell acqua nel fiume era molto più alto di quello per il quale la botte era stata progettata nel 1906 e da un muro di sottoscarpa si sono verificate infiltrazioni preoccupanti che hanno comportato una sorveglianza h24 da parte del personale consortile coadiuvati dalla Protezione Civile di San

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/276-una-botte-a-rischio (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • CONFERENZA INTERREGIONALE DISSESTO IDROGEOLOGICO, EXPO, MIGLIORAMENTO GESTIONALE: QUESTI I TEMI
    di forestazione nuovi bilanci consortili e innovazione gestionale sostenibilità economica e finanziaria sono stati questi i temi trattati nelle relazioni Il presidente dell Unione Regionale Bonifiche Calabria U R B I Marsio Blaiotta che ha presieduto e coordinato gli interventi ha evidenziato come gli importanti traguardi conseguiti nella passata legislatura impongano un ulteriore accelerazione nel processo di ammodernamento gestionale e nell implementazione dei servizi rivolti ai consorziati Importanti contributi sono arrivati anche dai due vicepresidenti Roberto Torchia e Giandomenico Caridi così come dal consigliere A N B I Macchione La presenza del direttore generale A N B I Massimo Gargano ha poi consentito di affrontare anche in funzione dell appuntamento di Expo 2015 i temi dell innovazione della gestione e tutela del territorio Irriframe ed i progetti cantierabili per la mitigazione del dissesto idrogeologico continuano a dimostrare che il sistema consortile risponde alle esigenze non solo dell impresa agricola ma dell intera collettività Dalla Calabria continuate a mostrare quella serietà che serve a testimoniare che il Sud non è diverso anche al Sud si può e si deve come fate voi affrontare e risolvere i problemi aldilà di oggettive maggiori difficoltà Interessanti ed appassionati i contributi da parte del presidente di Coldiretti Sicilia e del Direttore del Consorzio di bonifica Caltagirone che hanno sottolineato come la gestione diretta della Regione siciliana non può certo garantire una programmazione seria per dare servizi alle reali necessità del mondo agricolo Dopo interessanti ed approfonditi contributi tecnici il saluto del presidente di Coldiretti Calabria Pietro Molinaro ha rinnovato il coerente impegno dell organizzazione professionale agricola I servizi all agricoltura offerti dai consorzi di bonifica ha affermato sono essenziali e devono continuare a perseguire quelle esigenze di innovazione che sempre più spesso non trovano risorse nelle pubbliche amministrazioni progettare e programmare anche attraverso l utilizzo

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/272-conferenza-interregionale-dissesto-idrogeologico-expo-miglio (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • GRANDI OPERE IN CORSO: L’EMILIA E LA LOMBARDIA CHE RIVIVONO DOPO IL GRANDE SISMA
    col danneggiamento agli impianti posti a tutela di un comprensorio vastissimo tra Emilia e Lombardia Grazie ai progetti presentati interviene Domenico Turazza direttore consortile si è potuti giungere ad oltre 26 milioni di euro di risorse dedicate Di questi 13 milioni per le opere provvisionali e urgenti finanziate dalla Regione Emilia Romagna con fondi comunitari già spesi al 60 ad un anno e mezzo dal sisma 12 milioni stanziati per la ricostruzione dall Emilia Romagna e 1 200 000 euro da parte della Regione Lombardia Sono ora in corso prosegue il direttore i grandi cantieri negli impianti che scolano le acque reggiane e modenesi San Siro Botte San Prospero Mondine Proprio in quest ultimo uno dei simboli del sisma 2012 si è ripensato completamente il nodo idraulico che sarà composto nuova idrovora nuova chiavica e nuovo impianto irriguo il progetto complessivo è già finanziato Nel caso di Mondine spiega Turazza il sisma ha consentito paradossalmente di ripensare il tema della sicurezza idraulica a quasi un secolo dall originaria concezione dell impianto Il manufatto ancora parzialmente in funzione sarà in futuro destinato a divenire una struttura museale Grazie alla Regione Emilia Romagna inoltre con i primi 600 000 euro di finanziamento si è potuto mantenere l impianto storico che è ancora attivo e parzialmente agibile garantisce la sicurezza del comprensorio Per il futuro al posto dell antico impianto ne sorgeranno due nuovi per lo scolo entrambi del valore di 6 000 000 di euro finanziati dalla Regione Emilia Romagna Sono in corso anche le opere per la messa in sicurezza della chiavica emissaria per un importo di 200 000 euro sono inoltre stati finanziati i progetti per la nuova controchiavica ed il nuovo impianto irriguo da 3 000 000 di euro ciascuno L impianto di sollevamento di San Siro situato a

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/274-grandi-opere-in-corso-l-emilia-e-la-lombardia-che-rivivono-d (2016-02-18)
    Open archived version from archive



  •