web-archive-it.com » IT » A » ANBI.IT

Total: 946

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • FRANA DEL ROTOLON: PROSEGUIRA’ IL MONITORAGGIO
    mappa Weblink ANBINFORMA CAP 2020 ANBI Magazine Torna indietro 15 01 2015 FRANA DEL ROTOLON PROSEGUIRA IL MONITORAGGIO FRANA DEL ROTOLON PROSEGUIRA IL MONITORAGGIO Nell ambito delle attività di prevenzione del rischio idrogeologico associato alla frana del Rotolon nel comune di Recoaro Terme n el vicentino continuerà a restare attivo il sistema di monitoraggio ed allarme installato a seguito dell evento alluvionale del Novembre 2010 Con questa finalità sarà stipulato un accordo di collaborazione fra la Regione Veneto il Consiglio Nazionale delle Ricerche ed il Comune La frana del torrente Rotolon è un fenomeno conosciuto da lungo tempo L ultimo importante episodio risale al 4 novembre 2010 quando dopo un periodo di intensa piovosità una massa di circa 320 000 metri cubi si è mossa dalla parte alta del bacino evolvendosi parzialmente in una colata di fango e detriti E stato istituito un centro operativo comunale e predisposto un sistema di monitoraggio a vista 24 ore su 24 con l ausilio dell Esercito dei volontari della Protezione Civile del Corpo Forestale dello Stato e del Soccorso Alpino In seguito ad incontri e sopralluoghi tra vari enti è stata riconosciuta la necessità di integrare e progressivamente sostituire il monitoraggio a vista con un sistema strumentale Il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale ha incaricato dell esecuzione i Centri di Competenza Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per la Protezione Idrogeologica e Università di Firenze Dipartimento di Scienze della Terra attraverso convenzioni che hanno consentito l attivazione ed il funzionamento dei sistemi di monitoraggio ed eventuale allertamento della popolazione in caso di evento Parallelamente è stato sottoscritto un accordo con l Amministrazione Comunale per attività di supporto Le convenzioni sono scadute a fine 2012 con il termine della gestione commissariale dell emergenza ma i sistemi di monitoraggio sono stati ugualmente mantenuti attivi dai centri

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/204-frana-del-rotolon-proseguira-il-monitoraggio (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • #ITALIASICURA: “BENE AZIONE MUNICIPIO, OPERE A RISCHIO BLOCCATE E PREVENZIONE COME REGOLA”
    consorzi di bonifica Archivio News Eventi ANBI Eventi dal territorio ANBINFORMA Notiziario Comunicazione Rassegna stampa Filmati Foto Contatti Recapiti e mappa Weblink ANBINFORMA CAP 2020 ANBI Magazine Torna indietro 15 01 2015 ITALIASICURA BENE AZIONE MUNICIPIO OPERE A RISCHIO BLOCCATE E PREVENZIONE COME REGOLA ITALIASICURA BENE AZIONE MUNICIPIO OPERE A RISCHIO BLOCCATE E PREVENZIONE COME REGOLA Il risultato più importante raggiunto oggi è la totale condivisione del principio che la prima e più importante opera di prevenzione dal rischio di frane e alluvioni è una corretta pianificazione urbanistica regola che vale in generale ma che diventa fondamentale per una città esposta al rischio idrogeologico come Messina Questo il commento di Erasmo D Angelis capostruttura di italiasicura l unità di governo contro il dissesto idrogeologico al termine dell incontro a Palazzo Chigi cui hanno partecipato il sindaco di Messina Renato Accorinti l assessore al territorio della Regione Sicilia Maurizio Croce il direttore di italiasicura Mauro Grassi i tecnici dei rispettivi staff La riunione ha avuto l obbiettivo di condividere le iniziative da realizzare nella prospettiva della definizione del piano per la messa in sicurezza delle aree metropolitane Articoli correlati DOMANI GIOVEDI CONFERENZA STAMPA ANBI PSR 2014 2020 SI PARTE INSEDIATO L

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/206-italiasicura-bene-azione-municipio-opere-a-rischio-bloccate- (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • METEO: DA INVERNO PAZZO, RISCHIO SICCITA’
    ANBINFORMA CAP 2020 ANBI Magazine Torna indietro 14 01 2015 METEO DA INVERNO PAZZO RISCHIO SICCITA METEO DA INVERNO PAZZO RISCHIO SICCITA Le gradevoli temperature primaverili fuori stagione sono accompagnate dalla mancanza di neve sui rilievi alpini da cui può derivare uno scarso riempimento delle falde acquifere un probabile abbassamento dei livelli dei bacini lacustri e dei laghi alpini il rischio di siccità estiva in caso di primavera asciutta è questo l allarme lanciato da Coldiretti in riferimento agli effetti di un inverno pazzo che conferma anche nel 2015 i cambiamenti climatici in atto Nella prima decade dell anno le temperature medie sono state complessivamente superiori alla norma così come nel 2014 che si è classificato in Italia come l anno più caldo della storia da quando esistono i rilevamenti climatici 1880 Nell anno appena trascorso si è registrata una temperatura superiore di 1 45 gradi rispetto alla media per l effetto combinato di un estate molto fresca e del caldo anomalo soprattutto in autunno ed in inverno L andamento climatico del 2015 se dovesse seguire quello del 2014 potrebbe portare ad un inverno non vero e a stagioni non bene identificate con gravi rischi per l agricoltura a causa di un risveglio vegetativo anticipato di molte coltivazioni che non sarebbero in grado di sopportare senza danni eventuali ed improvvisi periodi di freddo intenso Il clima ha già avuto nel 2014 pesanti effetti sui raccolti made in Italy che hanno registrato significativi cali produttivi dal 35 per l olio di oliva al 15 per il vino fino al 50 per il miele mentre il raccolto di castagne è stato da minimo storico Siamo di fronte sostiene Coldiretti ai drammatici effetti dei cambiamenti climatici che si manifestano con una tendenza al surriscaldamento accentuatasi negli ultimi anni ma anche con il moltiplicarsi

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/200-meteo-da-inverno-pazzo-rischio-siccita (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • ERASMO D’ANGELIS: “CENTRATO IL PRIMO OBBIETTIVO: IN 6 MESI, APERTI 450 CANTIERI ED INVESTITI CIRCA 700 MILIONI NON SPESI NEGLI ULTIMI 15 ANNI”
    MILIONI NON SPESI NEGLI ULTIMI 15 ANNI Abbiamo centrato il primo obiettivo superandolo di 100 milioni sono stati aperti nel 2014 da Giugno a Dicembre 450 cantieri per circa 700 milioni di euro in tutta Italia finalizzati alla prevenzione del rischio idrogeologico ciò grazie al lavoro di squadra che sta impegnando nell azione di controllo monitoraggio e sblocco di opere incagliate anche da decenni tutto lo Stato a partire dal Ministero dell Ambiente e dai presidenti di Regione nominati commissari di governo Abbiamo oggi un database finalmente chiaro di ciò che serve all Italia per ridurre i suoi grandi rischi di frane ed alluvioni Le Regioni con le Autorità di Bacino e la Protezione Civile ci hanno consegnato circa 5 200 opere per un fabbisogno di 19 miliardi di euro I ritardi nelle progettazioni sono però notevolissimi ed appena un 15 di progetti sono già esecutivi e cantierabili riguardano opere urgenti che finanziamo da Genova a Milano da Firenze a Cagliari Così Erasmo D Angelis capostruttura di italiasicura traccia nel corso dell audizione odierna in commissione ambiente al Senato il bilancio dei primi sei mesi di lavoro dell unità di missione di Palazzo Chigi contro il dissesto idrogeologico E finalmente iniziata la più importante ed urgente opera pubblica annunciata da decenni e che questo Governo ha messo in cima alla sua agenda Non illudiamoci non c è nessuna bacchetta magica Servono sei o sette anni per ricostruire e rafforzare la tenuta di aree in dissesto arginare la violenza di nubifragi imparare a difenderci ma ce la faremo mettendo da parte disorganizzazione fatalità rassegnazione Stiamo compiendo finalmente quel salto culturale che serve all Italia pianificare la sicurezza 365 giorni l anno con un lavoro che impegna tutti i livelli della Pubblica Amministrazione ma che riguarda anche tutti noi cittadini Lo dobbiamo

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/196-erasmo-d-angelis-centrato-il-primo-obbiettivo-in-6-mesi-aper (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • ACCORDO CON MINISTERO AMBIENTE MAURIZIO CONTE: “MODIFICHE AD ELENCO OPERE PER RIMUOVERE RISCHIO IDROGEOLOGICO”
    IDROGEOLOGICO ACCORDO CON MINISTERO AMBIENTE MAURIZIO CONTE MODIFICHE AD ELENCO OPERE PER RIMUOVERE RISCHIO IDROGEOLOGICO Sarà sottoscritto un secondo atto integrativo all Accordo di Programma con il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare con cui la Regione Veneto modifica l elenco delle opere da realizzare per rimuovere situazioni ad elevato rischio idrogeologico ne dà notizia l assessore regionale all ambiente e alla difesa del suolo Maurizio Conte facendo presente che l Accordo di Programma cui si fa riferimento è quello firmato nel Dicembre 2010 cui ha fatto seguito l approvazione dell elenco degli interventi finalizzati alla mitigazione di situazioni a rischio idrogeologico ed a salvaguardia della costa da effettuare nel territorio veneto Nel Novembre del 2011 l accordo è stato oggetto di un primo atto integrativo In seguito al verificarsi di eventi meteo avversi che hanno colpito il territorio regionale spiega Conte la Regione ha segnalato la necessità di rivedere le priorità degli interventi programmati ed ha proposto di modificare l elenco degli interventi Quelli inseriti sono opere di contenimento della colata detritica in comune bellunese di San Vito di Cadore primo stralcio per un importo di 550 000 euro lavori per la messa in sicurezza idraulica dell abitato di Bovolenta Padova secondo lotto funzionale primo stralcio per un importo di 1 500 000 euro lavori di completamento nel tratto terminale dei canali di scarico in località Boccasette del comune di Porto Tolle Rovigo per un importo di 1 000 000 di euro Sulla rimodulazione hanno concordato sia l Autorità di Bacino dei Fiumi Isonzo Tagliamento Livenza Piave Brenta Bacchiglione sia l Autorità di Bacino del Fiume Po Anche il Comitato di Indirizzo e Controllo presso il Ministero dell Ambiente ha approvato la riprogrammazione degli interventi proposta dalla Regione Veneto L Accordo di Programma nel

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/194-accordo-con-ministero-ambiente-maurizio-conte-modifiche-ad-e (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • LEZIONE DI BONIFICA IDRAULICA
    Studi di Brescia hanno scoperto le funzioni svolte dalla diga di Mignano partecipando ad una lezione didattica svoltasi in loco grazie al supporto dei tecnici specializzati del Consorzio di bonifica di Piacenza I futuri ingegneri sono stati accompagnati lungo un percorso idraulico in grado di ben rappresentare la concreta funzionalità della storica infrastruttura Nella prima parte dell incontro si sono approfonditi gli scopi e le finalità per cui la diga fu costruita a cavallo tra gli anni 20 e 30 e di come è mutato nel corso di quasi un secolo il suo utilizzo Particolare curiosità hanno destato gli strumenti tecnici idraulici utilizzati dal personale all interno della struttura Casa di Guardia vero centro operativo e cabina di regia della diga di Mignano nonchè le manovre che vengono effettuate per far defluire le acque dall invaso verso il loro naturale alveo Nella sala operativa della diga il personale consortile effettua il monitoraggio 24 ore su 24 dei flussi delle acque e dei volumi delle precipitazioni attraverso l analisi eseguita con il telecontrollo Durante il pomeriggio gli studenti hanno visitato i cunicoli ed osservato le attività svolte dalla vasca di dissipazione prima del rientro a Brescia hanno assistito alla proiezione di

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/190-lezione-di-bonifica-idraulica (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • MANUTENZIONE IDRAULICA: DALLA REGIONE 4,5 MILIONI AI PROGETTI DEI CONSORZI DI BONIFICA
    assessore regionale all ambiente Maurizio Conte trovano sostegno finanziario opere di manutenzione urgenti e indifferibili che i consorzi di bonifica eseguono sulla rete idraulica minore del Veneto con importanti ricadute sulla sicurezza del territorio Questi gli interventi finanziati CONSORZI DI BONIFICA OGGETTO LAVORI IMPORTO FINANZIAMENTO Acque Risorgive di Venezia Mestre Adeguamento manufatti e arredi idraulici nei bacini Tergola e Vandura 40 000 00 Messa in sicurezza idraulica della zona di via Centoni in Comune di Camposampiero PD 160 000 00 Opere di completamento degli interventi per la messa in sicurezza del canale Piovetta nei Comuni di Curtarolo Camposanmartino e San Giorgio in Bosco 1 stralcio integrazione finanziamento 650 000 00 Opere di completamento degli interventi per la messa in sicurezza del canale Piovetta nei Comuni di Curtarolo Camposanmartino e San Giorgio in Bosco 2 stralcio 550 000 00 Alta Pianura Veneta di San Bonifacio VR Interventi per la messa in efficienza dell impianto idrovoro Zerpa in Comune di Arcole VR 600 000 00 Interventi per la ripresa della rotta arginale sullo scolo Mutti in Comune di Monteforte d Alpone VI a seguito delle avversità atmosferiche del 31 8 1 9 2014 200 000 00 Intervento rialzo arginale scolo Ronego nei Comuni di Noventa Vicentina e Poiana Maggiore 300 000 00 Bacchiglione di Padova Interventi per la difesa idraulica dell area di Fossa Bastioni a Padova 250 000 00 Brenta di Cittadella PD Potenziamento dell impianto idrovoro di Brentelle in Comune di Padova 1 stralcio funzionale 800 000 00 Intervento di ripresa frane e messa in sicurezza di 130 metri dello scolo Rio Fosco in Comune di Villafranca Padovana 50 000 00 Veneto Orientale di San Donà di Piave VE Miglioramento della funzionalità idraulica dei bacini consorziali tra i fiumi Taglio e Tagliamento in Comune di San Michele al Tagliamento 1

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/188-manutenzione-idraulica-dalla-regione-4-5-milioni-ai-progetti (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Eventi ANBI
    X IT EN MENU Home Struttura Chi siamo Statuto Organizzazione Consorzi Consorzi associati ANBI regionali Gestione attività Documenti Circolari Documenti vari Legislazione Nazionale sui consorzi di bonifica Regionale sui consorzi di bonifica Archivio News Eventi ANBI Eventi dal territorio ANBINFORMA Notiziario Comunicazione Rassegna stampa Filmati Foto Contatti Recapiti e mappa Weblink ANBINFORMA CAP 2020 ANBI Magazine Torna indietro I TEMI DELLA SETTIMANA NAZIONALE DELLA BONIFICA E DELL IRRIGAZIONE ITALIA 16

    Original URL path: http://www.anbi.it/evn/eventi/495-i-temi-della-settimana-nazionale-della-bonifica-e-dell-irrig (2016-02-18)
    Open archived version from archive



  •