web-archive-it.com » IT » A » ANBI.IT

Total: 946

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • “AL SIG. FOTI, UN MANUALE SULLE COMPETENZE IDRAULICHE PER EVITARE ALTRI SCIVOLONI” “”
    a volte silenzioso ma indispensabile e vitale potrà anche apparire in taluni casi meno roboante rispetto ad altri ma essendo certi e soprattutto orgogliosi di ciò che facciamo ogni giorno per la manutenzione del nostro territorio ci spiace ancora una volta constatare che false e mirate operazioni di disfattismo create ad hoc e a tutela degli interessi più disparati vogliano minare alla radice ciò che è stato fatto con tanta abnegazione e laboriosità E quanto afferma il presidente di ANBI Emilia Romagna Massimiliano Pederzoli che prosegue Un ex parlamentare di lungo corso come il sig Foti Tommaso dopo quattro legislature dalla XIII alla XVI passate in Parlamento ed una tuttora in corso in Consiglio Regionale dell Emilia Romagna ancora non sembra aver preso coscienza delle competenze specifiche che hanno i Consorzi di bonifica competenze semplici chiare alla luce del sole e che riguardano le canalizzazioni artificiali la loro manutenzione il sistema di scolo la sistemazione di alcuni tratti di collegamento viario minore in montagna Ad oggi ma forse il sig Foti può smentirci non ci risulta che i fiumi e i torrenti come il Nure e il Trebbia siano canali artificiali sono corsi d acqua naturali e competono ad altri soggetti che citiamo solo affinché il consigliere regionale possa prenderne adeguata e non sommaria conoscenza Autorità di Bacino Stb Aipo e Province Su questo fronte lo invitiamo caldamente a trascorrere una giornata con noi per una lezione di idraulica full immersion e sulle attività che svolgiamo Detto questo il consigliere Foti può chiedere l abolizione di tutto ciò che vuole o vorrebbe ma non azzardi a mettere in relazione quanto drammaticamente accaduto con il nome e l operato degli uomini e delle donne della Bonifica perché non fa solo un errore a rigor di legge che in teoria dovrebbe conoscere

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/620-al-sig-foti-un-manuale-sulle-competenze-idrauliche-per-evita (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • VINCENZI: "L'ITALIA DEL FARE E' STUFA DEI SOLONI DELL'EMERGENZA"
    bonifica sono tuttora impegnate nel concorrere a riportare la situazione alla normalità sono ad affermare che siamo stufi dei soloni dell emergenza specializzati per non conoscenza o peggio perché latori di interessi di parte a sbagliare pervicacemente l obbiettivo dello loro inutili polemiche Ad attaccare è il presidente dell Associazione Nazionale Consorzi Gestioni Tutela Territorio ed Acque Irrigue ANBI Francesco Vincenzi che prosegue Sono a ribadire per l ennesima volta che la competenza dei Consorzi di bonifica è relativa alla rete idraulica minore mentre la gestione dei fiumi maggiori è in carico ad altri enti con cui comunque collaboriamo In caso di esondazioni i canali e le opere idrauliche consortili sono vittima degli eventi come qualsiasi altro soggetto del territorio e proprio per questo la nostra vicinanza è quanto mai sincera verso chi è colpito negli affetti o nelle cose da un evento drammatico come un alluvione È noto quasi a tutti aimè come a causa dei cambiamenti climatici il territorio è continuamente esposto a situazioni di stress e pericolo A tal proposito è stata convocata a Parigi una conferenza mondiale sui cambiamenti climatici per individuare azioni di mitigazione degli effetti E paradossale denuncia Vincenzi trovino invece ascolto coloro che strumentalmente accusano chi come i Consorzi di bonifica si impegna quotidianamente per garantire condizioni di sicurezza idrogeologica ad un territorio la cui strutturale fragilità è accentuata da eventi meteo estremi ma anche da anni di dissennate politiche urbanistiche Per chi vuole capire l esempio piacentino è lampante i fiumi straripati non sono di competenza consortile mentre lo è la diga di Mignano che ha trattenuto le acque evitando l alluvione della Val d Arda Gli enti consortili per le loro competenze sono esempio di efficienza laddove sono posti nelle condizioni di operare secondo i principi dell autogoverno e della sussidiarietà

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/616-vincenzi-l-italia-del-fare-e-stufa-dei-soloni-dell-emergenza (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • VIA I DETRITI
    sicurezza le reti viarie pulire le zone abitate nonchè le infrastrutture civili così duramente colpite dall ondata di fango detriti e tronchi sopraggiunti con la straordinaria piena Gli operatori del Consorzio che di norma avrebbero la competenza esclusiva sulla rete di canalizzazione artificiale in gestione e non sui corsi d acqua naturali stanno portando un aiuto concreto anche in alcuni punti nevralgici dove il loro lavoro sta contribuendo in modo significativo a mitigare le criticità ed al faticoso impegno di tutti nella ricostruzione più rapida possibile di quanto danneggiato dall alluvione A Roncaglia proseguendo per tutta la settimana sono quindici operai e due escavatori del Consorzio di bonifica di Piacenza insieme alla Protezione Civile e agli altri enti coinvolti ad allontanare la pesante mole di fanghi dalle abitazioni Nell immediato si sta cercando di ripulire alloggi garage cantine cortili da ciò che la violenza delle acque ha trasportato a valle così rovinosamente e contemporaneamente si liberano gli spazi comuni da quel che potrebbe danneggiare l incolumità dei singoli come oggetti metallici e legnami di vario tipo Sempre a Roncaglia i tecnici consortili hanno gettato le basi per un progetto rilevante finalizzato ad incrementare i livelli di sicurezza della rete di canali che afferiscono al torente Nure e contribuire così direttamente all azione che sta svolgendo AIPo Agenzia Interregionale per il Po nell opera di rialzo degli argini nello stesso comprensorio a Nord In montagna la situazione non è semplice e i sindaci dei comuni più colpiti chiedono al Consorzio un supporto anche per effettuare la conta precisa dei danni ma soprattutto per fare i sopralluoghi necessari a monitorare le zone che ancora presentano rischi per la viabilità Uno staff di esperti da alcuni giorni sta verificando le condizioni anche delle più piccole strade di collegamento in diversi comuni tra cui

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/614-via-i-detriti (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • APPROVATA MOZIONE REGIONALE PER INSERIMENTO BONIFICA LOMBARDA IN PATRIMONIO UNESCO
    percorrono fino a confluire nel fiume Po gli oltre 1000 fontanili ed una rete di rogge navigli e canali che raggiunge 40 000 chilometri fanno della Lombardia una vera e propria regione d acqua e l acqua è alla base della costruzione della sua civiltà fin dall Alto Medioevo le Abbazie prima poi i Comuni e le Signorie da ultimo lo Stato Unitario hanno costruito un numero imponente di opere per governare l acqua bonificando le zone paludose rendendo sicuro il territorio dalle inondazioni irrigando le campagne fornendo energia alle industrie dotando i commerci di comode vie di comunicazione Un opera immensa per fatica per costi ma anche per tecnologie capace di assicurare il primato della Lombardia in Italia nonchè in Europa nel campo idraulico ed irriguo e che ne ha assicurato lo sviluppo socio economico Per valorizzare e promuovere queste opere i consorzi di bonifica e di irrigazione rappresentati da ANBI ed ANBI Lombardia con gli Assessorati Regionali Territorio Culture ed Agricoltura stanno predisponendo il progetto La civiltà dell acqua in Lombardia così da inserire i più importanti impianti idraulici e canali nel Patrimonio Mondiale dell UNESCO A sostegno del progetto il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato una mozione che ne ribadisce l importanza e l impegno a sostenere l azione dei consorzi di bonifica per ottenere la candidatura A conclusione del dibattito cui hanno partecipato in rappresentanza dei vari gruppi regionali i consiglieri Alloni Baldini Baroni Fiasconaro Fossati Lena e Malvezzi l Assessore alle Culture Cristina Cappellini anche a nome dei colleghi assessori Beccalossi Fava e Terzi ha sottolineato la stretta connessione tra l attività della bonifica che affonda le sue radici in epoca antica e la costruzione dell attuale pianura padana L assessore ha posto in particolare l accento sul lavoro sinergico svolto fin qui da

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/608-approvata-mozione-regionale-per-inserimento-bonifica-lombard (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • BOMBA D’ACQUA: NUMERI IMPRESSIONANTI
    sicurezza rapidamente alcune strade di bonifica in montagna operai impegnati nel drenaggio delle acque e nella rimozione del fango in pianura con l ausilio delle pompe mobili nelle zone più colpite dall alluvione in particolare a Roncaglia continui monitoraggi antidissesto montano nelle zone nevralgiche dell intero territorio sono queste le attività del personale del Consorzio di bonifica di Piacenza che ad un giorno di distanza dalla grande piena che ha coinvolto i fiumi Nure e Trebbia hanno consentito di rendere nuovamente transitabile la rete viaria San Gregorio Cassimoreno nel comprensorio di Ferriere intervenendo anche in altri molteplici snodi nevralgici interrotti e coperti da detriti sulle strade Rigolo Restano nel comune di Bettola nonchè sulla Ottone Soprano Semensi nel comune di Ottone Interventi ulteriori sono stati effettuati sulla strada Centenaro nel comune di Ferriere sulla Groppallo Pedesini Cento Pecore a Farini sulla Montelana tra Morfasso e lo stesso abitato di Farini sulla Cerignale Oneto nel comune di Cerignale Impressionanti sono i dati metereologici e tecnici registrati dagli esperti della Bonifica sulla diga di Mignano durante la caduta violenta della bomba d acqua nelle sei ore di caduta più intensa le piogge hanno raggiunto i 142 9 millimetri una quantità che pur inferiore alla pioggia caduta in Valnure ha una cadenza statistica variabile stimata tra i 500 e i 1000 anni La portata di picco in ingresso è stata di 272 metri cubi al secondo e in questo caso il fenomeno è riscontrabile in un lasso di tempo variabile tra i 100 e i 200 anni Nell invaso di Mignano che al momento dell evento conteneva acqua ai minimi livelli sono entrati complessivamente 3 milioni di metri cubi di pioggia e la diga ha incrementato il suo livello di oltre 10 metri in un periodo brevissimo Nel corso della nottata dell alluvione

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/610-bomba-d-acqua-numeri-impressionanti (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • IL CONSORZIO DI BONIFICA SI “APRE” ALL’UNIVERSITA’
    un progetto ambizioso far diventare Catanzaro Città degli Studi Noi afferma Grazioso Manno presidente dell ente consortile continueremo a fare fino in fondo la nostra parte perché sentiamo nostro questo progetto La città deve essere accogliente armoniosa capace di offrire anche spazi per il tempo libero e la socializzazione Come stiamo facendo per i Giardini Nicholas Green adottati dalla Cicas provvederemo alla manutenzione di altre aree verdi che via via si individueranno così come continueremo la messa in sicurezza idrogeologica di parti del territorio Al centro della nostra attività ci sarà lo studente poiché crediamo che ancora oggi l istruzione sia il pilone portante del progresso non solo tecnico ma anche sociale ed economico Siamo prosegue Manno un istituzione che opera in 55 comuni e che ha la sede legale proprio nel centro storico di Catanzaro Il nostro è un edificio che da sempre consideriamo aperto cioè capace di ascoltare e risolvere nell ambito delle proprie competenze le problematiche dei cittadini e quindi ci viene naturale mettere a disposizione le nostre sale riunioni per studenti professori e Comitato Strategico come spazio di democrazia partecipata Credo che questi concreti impegni e questa disponibilità contribuiscano ad arricchire il bouquet attrattivo verso gli

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/612-il-consorzio-di-bonifica-si-apre-all-universita (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • METEO: DICHIARATO STATO DI PREALLARME PER CRITICITA’ IDROGEOLOGICA IN DUE BACINI DEL VENETO.
    ANBI Eventi dal territorio ANBINFORMA Notiziario Comunicazione Rassegna stampa Filmati Foto Contatti Recapiti e mappa Weblink ANBINFORMA CAP 2020 ANBI Magazine Torna indietro 14 09 2015 METEO DICHIARATO STATO DI PREALLARME PER CRITICITA IDROGEOLOGICA IN DUE BACINI DEL VENETO Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile Regionale del Veneto alla luce della situazione meteorologica che si è verificata nelle ultime ore ed a quella attesa nella prossime ha dichiarato lo stato di preallarme per situazioni di possibile criticità idrogeologica fino alle ore 14 00 di domani 15 Settembre sulla rete idraulica principale del bacino idrografico Piave Pedemontano nelle province di Belluno Treviso e del bacino Livenza Lemene e Tagliamento nelle province di Treviso Venezia I rovesci ed i temporali finora occorsi stanno incrementando i livelli lungo il reticolo idrografico dei bacini afferenti all area pedemontana Il possibile verificarsi di residui rovesci potrebbe creare disagi al sistema fognario e lungo la rete idrografica minore Viene segnalata la possibilità d innesco di fenomeni franosi superficiali sui versanti Dal pomeriggio di oggi sono previste comunque crescenti schiarite specie a partire dalla pianura meridionale con precipitazioni anche a carattere di rovescio in attenuazione nel corso della giornata Articoli correlati DOMANI GIOVEDI CONFERENZA STAMPA ANBI

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/602-meteo-dichiarato-stato-di-preallarme-per-criticita-idrogeolo (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • LA DIGA DI MIGNANO SALVA LA VAL D’ARDA
    acque tratti di strade dissestate parziale interruzione dell energia elettrica ed aziende agricole duramente colpite da una delle esondazioni dei fiumo Trebbia e Nure più rapide ed imponenti degli ultimi anni in questo complesso scenario il Consorzio di bonifica di Piacenza si è subito attivato nelle operazioni di intervento nelle zone colpite del proprio comprensorio Tutti gli impianti idrovori sono accesi ed al massimo dell attività di pompaggio ad Armalunga 3 idrovore drenano di continuo acqua dalle primissime ore del mattino le squadre dei tecnici consortili stanno effettuando ininterrottamente sopralluoghi di monitoraggio e lavori di ripristino dove possibile vista la consistente mole del fenomeno verificatosi attraverso drenaggi nonchè risistemazioni mirate in attesa di attivarsi successivamente per portare via le acque di superficie attraverso il lunghissimo reticolo delle canalizzazioni di scolo gli impianti idrovori e le pompe mobili Va evidenziato commenta Francesco Vincenzi presidente dell Associazione Nazionale Consorzi Gestione Tutela Territorio ed Acque Irrigue ANBI come la diga di Mignano ed i rilasci programmati dai tecnici del Consorzio abbiano scongiurato gravi danni ed ulteriori ripercussioni anche sull intera Val d Arda fungendo da vera e propria vasca che ha contenuto l abbondante quantità di pioggia caduta in così breve tempo Un lavoro molto importante di mitigazione del danno in queste ore concitate è da attribuire alle numerose imprese agricole ancora una volta colpite dagli eventi naturali ed ai consorzi privati che stanno svolgendo un prezioso ruolo Il presidente del Consorzio di bonifica Fausto Zermani sottolinea come queste bombe d acqua così violente e straordinarie con nefaste conseguenze dirette su persone ed economia mettano pesantemente in discussione le recenti norme sulla cosiddetta ri naturalizzazione degli alvei dei fiumi in cui si critica l azione degli interventi artificiali dell uomo sul territorio volti alla salvaguardia ed alla prevenzione di questi gravi fenomeni basti

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/604-la-diga-di-mignano-salva-la-val-d-arda (2016-02-18)
    Open archived version from archive