web-archive-it.com » IT » A » ANBI.IT

Total: 946

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • ALLUVIONE ROSSANO-CORIGLIANO: COLDIRETTI CALABRIA CHIEDE CHE LA REGIONE ATTINGA AI FONDI COMUNITARI
    delle aziende agricole che hanno subito danni nell alluvione In base alle richieste si confermano i dati sull ammontare complessivo che da una prima stima svolta congiuntamente da Coldiretti e dai consorzi di bonifica all indomani del tragico nubifragio ammontava ad oltre 20milioni di euro Il danno alla Produzione Lorda Vendibile PLV agricola è di oltre il 40 e quindi rientra nel classico caso che consente di attivare le misure consentite Ora commenta Molinaro presidente di Coldiretti Calabria è tempo che la Regione dopo la fase emergenziale attinga a tutte le opportunità che ha a disposizione Con il decreto del Governo è evidente che non si può fronteggiare tutta la situazione e per questo ritorniamo a chiedere al governatore Oliverio di emanare subito il bando a valere sulla misura 126 per le calamità naturali del Piano di Sviluppo Rurale 2007 2013 con il contestuale ricevimento delle domande da parte degli agricoltori Le risorse a disposizione per l APQ sul dissesto idrogeologico possono in collaborazione con i consorzi di bonifica essere utilizzate per la pulizia di torrenti ed altro Sono risorse quelle dei fondi comunitari che se non spese si rischia di restituire all Unione Europea C è un ventaglio di

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/588-alluvione-rossano-corigliano-coldiretti-calabria-chiede-che- (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • CONSIGLIO NAZIONALE GEOLOGI: IN AUMENTO ALLUVIONI, FRANE, ALLAGAMENTI
    EN MENU Home Struttura Chi siamo Statuto Organizzazione Consorzi Consorzi associati ANBI regionali Gestione attività Documenti Circolari Documenti vari Legislazione Nazionale sui consorzi di bonifica Regionale sui consorzi di bonifica Archivio News Eventi ANBI Eventi dal territorio ANBINFORMA Notiziario Comunicazione Rassegna stampa Filmati Foto Contatti Recapiti e mappa Weblink ANBINFORMA CAP 2020 ANBI Magazine Torna indietro 31 08 2015 CONSIGLIO NAZIONALE GEOLOGI IN AUMENTO ALLUVIONI FRANE ALLAGAMENTI In Italia aumentano le alluvioni il territorio è sempre più dissestato ed oramai notiamo a ritmo quotidiano il verificarsi di disastri naturali o l allagamento di intere città Ad affermarlo è Michele Orifici coordinatore della Commissione Protezione Civile del Consiglio Nazionale Geologi che ribadisce come accanto al rischio vulcanico e sismico ci sia il rischio idrogeologico La stima della popolazione esposta a rischio alluvioni in Italia è pari a 8 600 000 abitanti mentre i beni culturali esposti al medesimo rischio sono circa 28 500 e circa 7 100 le strutture scolastiche Articoli correlati DOMANI GIOVEDI CONFERENZA STAMPA ANBI PSR 2014 2020 SI PARTE INSEDIATO L OSSERVATORIO SULLE RISORSE IDRICHE NEL BACINO PADANO I CONSORZI DI BONIFICA CHIEDONO DI USARE I LAGHI COME RISERVE D ACQUA FRANCESCO VINCENZI CONFERMATO PRESIDENTE DEL LA BURANA

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/584-consiglio-nazionale-geologi-in-aumento-alluvioni-frane-allag (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • VINCENZI: “LA CALABRIA MERITA UN’ALTRA STORIA: SUPERATA L’EMERGENZA, METTIAMO A DISPOSIZIONE DEL GOVERNO, OLTRE CENTO PROGETTI SUBITO CANTIERABILI”
    di calamità è tempo di scrivere un altra storia per la Calabria per il suo futuro e per i suoi giovani E quanto afferma Francesco Vincenzi Presidente dell Associazione Nazionale Consorzi Gestione Tutela Territorio ed Acque Irrigue ANBI nell esprimere vicinanza alle popolazioni colpite dall ennesima emergenza idrogeologica ma soprattutto pieno sostegno a quanto dichiarato dal Presidente Coldiretti Calabria Molinaro e dal Presidente ANBI Calabria Blaiotta che mettono a disposizione del masterplan indicato da Renzi come obbiettivo di Settembre i progetti redatti dai Consorzi di bonifica e perlopiù immediatamente cantierabili finalizzati alla più grande opera infrastrutturale di cui la Calabria abbisogna quella contro il rischio da alluvioni e frane Si tratta di 186 progetti per un importo complessivo di quasi 248 milioni di euro ricompresi nel Piano Nazionale per la Riduzione del Rischio Idrogeologico annualmente redatto da ANBI e capaci di attivare circa 1 700 posti di lavoro La loro operatività afferma Vincenzi è quanto oggi offriamo al Ministro dell Ambiente Galletti Al proposito conclude il Presidente ANBI torna di drammatica attualità quanto da tempo ribadisce ANBI Calabria e cioè l attribuzione ai Consorzi di bonifica di quelle funzioni di manutenzione idraulica oggi in capo ad altri enti e determinanti

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/582-vincenzi-la-calabria-merita-un-altra-storia-superata-l-emerg (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • “PIU’ AGRICOLTURA IRRIGUA PER RIDARE SPERANZA E LAVORO AL SUD. SUPERARE LE GESTIONI COMMISSARIALI”
    un fatturato di oltre 130 miliardi di euro di questi più di 25 vanno all export con una crescita maggiore dell 8 ciò nonostante un agropirateria che fattura miliardi di euro a ciò si aggiunga che oltre l 86 dell agroalimentare esportato proviene da superfici irrigate Se si considera che in un tale scenario l agricoltura del Sud ha numeri e qualità per eccellere ben si comprende che ai problemi posti impietosamente dallo Svimez il Sud cresce molto meno della Grecia e frena la ripartenza del Paese hanno titolato molti media in questi giorni l agricoltura tutta e quella irrigua in particolare può essere una risposta originale e distintiva per competere sui mercati per il reddito delle imprese del settore e per l occupazione In un tale contesto i Consorzi di bonifica nella gestione collettiva ed economicamente efficiente della risorsa idrica sono decisivi per contribuire a dare quella spinta positiva che il Presidente del Consiglio intende affrontare con fermezza è quanto afferma il Presidente ANBI Francesco Vincenzi Consorzi di bonifica che già hanno mostrato nel lavoro svolto con l Unità di Missione di sapersi distinguere per la concretezza e conoscenza delle esigenze del territorio hanno infatti presentato 608 progetti definiti ed esecutivi per circa 2 1 miliardi di euro che aspettano soltanto di essere scelti per essere realizzati in un modello di sviluppo sostenibile Peraltro i Consorzi si sono già distinti al Sud per progettualità esecutiva verso l ammodernamento delle opere irrigue esistenti compresi i piccoli invasi bacini per avere l acqua quando serve e per irrigare nuovi terreni Tale attività in alcune Regioni del Sud è oggi tranne lodevoli eccezioni vedi la Calabria frenata da antiche liturgie di certa vetusta politica che ha commissariato i Consorzi da decenni asservendoli alle sue esigenze ed umiliandoli nelle attività e nelle professionalità

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/570-piu-agricoltura-irrigua-per-ridare-speranza-e-lavoro-al-sud- (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • RIPARTITO L’ITER DEL SECONDO PIANO IRRIGUO NAZIONALE
    05 08 2015 RIPARTITO L ITER DEL SECONDO PIANO IRRIGUO NAZIONALE Con soddisfazione apprendiamo la notizia della firma da parte del Ministro dell Agricoltura Maurizio Martina del decreto concernente le Linee Guida per la regolamentazione da parte delle Regioni delle modalità di quantificazione dei volumi idrici ad uso irriguo Questo è quanto affermato da Francesco Vincenzi Presidente dell Associazione Nazionale Consorzi Gestione Tutela Territorio ed Acque Irrigue ANBI Un obiettivo raggiunto con un lavoro di sistema che ANBI ha molto apprezzato prosegue Vincenzi ed ora formuliamo un forte auspicio affinchè le Regioni per le proprie competenze ed il Mi P A A F per i pochi ulteriori dettagli tecnici si attivino allo scopo di sbloccare al più presto le risorse del P N S R Piano Nazionale Sviluppo Rurale i 300 milioni di euro del 2 Piano Irriguo Nazionale e poi i Piani di Sviluppo Rurale regionali interessanti la gestione delle risorse idriche L agricoltura del made in Italy agroalimentare è irrigua e sempre più vede nei Consorzi i soggetti che attraverso la gestione collettiva dell acqua irrigua assumono rilevanza decisiva per dare competitività alle produzioni agricole reddito alle imprese qualità ai consumatori L attivazione delle risorse 300 milioni di euro del II Piano Irriguo Nazionale pur non essendo sufficienti a soddisfare quella necessità di innovazione e modernità che le imprese agricole richiedono e che i Consorzi sono in grado di tradurre in operatività concreta affrancherà comunque il Paese e l agricoltura dai continui alternanti stress dovuti ai cambiamenti climatici periodi con troppa acqua d inverno e periodi estivi con scarsità della risorsa 500 milioni di euro stanziati a seguito di calamità naturali negli ultimi due anni e già 200 milioni di danni all agricoltura in questa estate costituendo conclude Vincenzi un punto di partenza importante e rispetto al quale

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/572-ripartito-l-iter-del-secondo-piano-irriguo-nazionale (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • “ANCHE IL FUTURO DEL SUD NON PUO’ PRESCINDERE DAGLI INTERVENTI PER LA SALVAGUARDIA IDROGEOLOGICA”
    SUD NON PUO PRESCINDERE DAGLI INTERVENTI PER LA SALVAGUARDIA IDROGEOLOGICA Nel momento in cui il Governo avrà definito la governance delle politiche di coesione territoriale ci rivolgiamo al Ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio ribadendo la piena disponibilità dei Consorzi di bonifica ad operare nella logica di quella cultura del fare che gli appartiene e che ci appartiene e che oggi deve essere rivolta soprattutto alle regioni del Sud A ricordarlo è Francesco Vincenzi Presidente dell Associazione Nazionale Consorzi Gestione Tutela Territorio ed Acque Irrigue che prosegue Il nostro Piano per la Riduzione del Rischio Idrogeologico prevede per le regioni meridionali ed insulari 605 interventi pari a 2 145 milioni di euro finanziabili con mutui quindicennali e capaci di attivare almeno 15 000 posti di lavoro I progetti sono immediatamente cantierabili una risposta concreta di cui l economia l occupazione il territorio di questo Paese ha bisogno Non può esserci sviluppo senza sicurezza dalle alluvioni e dalle frane che tanto dolore hanno lasciato al Sud come oggi nel Veneto cui va la nostra umana vicinanza di fronte a cambiamenti climatici sempre più violenti Laddove rispondono ai principi di autogoverno e sussidiarietà e non a quelli della più deteriore interpretazione della politica

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/574-anche-il-futuro-del-sud-non-puo-prescindere-dagli-interventi (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • RICERCA DI ORDIGNI BELLICI PER AVVIARE I LAVORI DI UN’OPERA STRATEGICA
    indietro 05 08 2015 RICERCA DI ORDIGNI BELLICI PER AVVIARE I LAVORI DI UN OPERA STRATEGICA Sono iniziati e si concluderanno entro agosto gli interventi per la ricerca degli ordigni bellici nel cantiere per la nuova controchiavica sul fiume Po a Moglia di Sermide nel mantovano da parte del Consorzio di bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po Un opera che andremo a realizzare strategica per un area di pianura che spazia dal Mantovano al Reggiano e sino al Ferrarese In queste ore stiamo effettuando spiega Ada Giorgi presidente dell ente consortile attuatore dell opera e futuro gestore la messa in sicurezza di tutta l area interessata dai lavori e che nel passato fu teatro di conflitto in particolare durante la Seconda Guerra Mondiale è iniziata infatti la ricerca di ordigni bellici di tutta l area interessata dai lavori Si tratta di un operazione della durata di circa due mesi precisa Raffaele Monica direttore consorziale autorizzata dal Ministero di Difesa da farsi con il livello del fiume più basso possibile proprio in questo luogo che fu teatro di scontri militari sapendo che il governo dell acqua era strategico anche in una fase di economia di guerra Ora una ditta specializzata

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/576-ricerca-di-ordigni-bellici-per-avviare-i-lavori-di-un-opera- (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • DA AGOSTO AD OTTOBRE MAGGIOR RISCHIO PER CAMBIAMENTI CLIMATICI
    Eventi dal territorio ANBINFORMA Notiziario Comunicazione Rassegna stampa Filmati Foto Contatti Recapiti e mappa Weblink ANBINFORMA CAP 2020 ANBI Magazine Torna indietro 05 08 2015 DA AGOSTO AD OTTOBRE MAGGIOR RISCHIO PER CAMBIAMENTI CLIMATICI Da Agosto ad Ottobre è il periodo di maggiore rischio soprattutto per un territorio malato come quello italiano I mari si sono riscaldati e favoriscono il mantenimento prolungato di cellule temporalesche cariche d acqua Ogni anno in Italia proprio in questo periodo si verificano puntualmente eventi calamitosi Lo afferma Gian Vito Graziano Presidente del Consiglio Nazionale Geologi intervenendo sulle frane che stanno colpendo parte del Nord Italia I cambiamenti climatici sono in atto prosegue Graziano e bisogna che tutti ne prendano atto al di là del fatto che sotto il profilo scientifico non sono ancora pienamente conosciuti Le dichiarazioni del Presidente degli Stati Uniti Obama come quelle di Papa Francesco sono di notevole importanza e segnano una vera svolta rappresentando un chiaro messaggio al mondo intero e soprattutto alle società occidentali che dovranno delineare un nuovo stile di vita Gli aspetti energetici e la difesa del territorio sono entrambi pilastri di nuova politica ambientale basata proprio sui cambiamenti climatici Articoli correlati DOMANI GIOVEDI CONFERENZA STAMPA ANBI

    Original URL path: http://www.anbi.it/art/articoli/578-da-agosto-ad-ottobre-maggior-rischio-per-cambiamenti-climati (2016-02-18)
    Open archived version from archive