web-archive-it.com » IT » A » APHEX.IT

Total: 686

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Paul H. Grice
    Gli appartenenti a questo movimento si opponevano all approccio dominante a quel tempo in filosofia analitica del linguaggio approccio che a partire dall opera di autori quali Gottlob Frege Bertrand Russell e il primo Wittgenstein si proponeva di riformare il linguaggio ordinario impiegando gli strumenti della logica al fine di renderlo conforme agli scopi della ricerca scientifica Centrale per i sostenitori di questo approccio è la nozione di significato caratterizzata come i vero condizionale il significato di un enunciato si identifica con le sue condizioni di verità ii composizionale il significato di un enunciato dipende dal significato dei suoi componenti e infine iii non psicologica l attività mentale non determina in alcun modo il significato degli enunciati né dei loro componenti si veda Marconi 1999 p 15 I filosofi del linguaggio ordinario criticando tale modo di concepire il linguaggio mettono al centro della loro analisi i modi di parlare quotidiani Per loro infatti nell affrontare le principali questioni filosofiche è necessario tener conto degli usi ordinari delle espressioni filosoficamente rilevanti nelle situazioni concrete di comunicazione Mentre tuttavia i filosofi del linguaggio ordinario concordavano sulla necessità di un identificazione tra significato delle espressioni e loro uso seguendo la lezione del secondo Wittgenstein Grice attribuisce una valenza filosofica fondamentale proprio alla distinzione tra significato ed uso tanto da considerarla come uno dei capisaldi della sua filosofia del linguaggio Grice 1989 tr it p 34 Così facendo egli pone le basi per un metodo di analisi che si configura come un compromesso tra le pretese dell approccio logico formale e le istanze portate avanti dai filosofi del linguaggio ordinario È tra il 1948 e gli anni settanta che Grice realizza il suo progetto filosofico delineando prima una teoria del significato basata sulle intenzioni comunicative e in seguito una teoria dell implicatura La diffusione

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Profili=557D0301220074032107060077052771 (2016-02-10)
    Open archived version from archive


  • Peter Singer
    australiano nato a Melbourne nel 1946 Dopo il suo dottorato a Oxford sotto la supervisione di Richard M Hare 1919 2002 l autore che ha forse più influenzato il suo pensiero e un soggiorno a New York è tornato alla sua città natale Lì è stato professore fino al 1999 ottenendo in seguito la cattedra di bioetica presso l università di Princeton Singer è uno dei principali rappresentanti dell utilitarismo contemporaneo nella linea del cosiddetto utilitarismo delle preferenze Oltre ad affrontare questioni di etica normativa e di metaetica egli è stato fin dagli anni 1970 uno dei più noti e controversi teorici dell etica applicata I suoi interessi vanno dall etica degli animali fino a problemi sociali come la povertà mondiale e i rifugiati passando per questioni di bioetica e ambientalismo per citare solo alcune aree in cui i suoi contributi sono diventati ormai un punto di riferimento La notorietà di Singer non si deve soltanto ai suoi importanti contributi filosofici ma anche alla sua intensa attività pubblica sono innumerevoli i suoi articoli in giornali come il New York Times al suo attivismo e al suo interesse per la politica nel 1996 era stato candidato al senato australiano per i Verdi In questo contributo si esamina in primo luogo la posizione normativa di Singer facendo speciale riferimento alla differenza fra l utilitarismo classico e l utilitarismo delle preferenze Si analizzano poi gli sviluppi dell autore nel campo della metaetica e in particolare le sue riflessioni sull origine della morale e sul ruolo della ragione nell adozione dei principi normativi universalistici Infine si presenta brevemente la trattazione che Singer dà di tre temi centrali di etica applicata il problema della povertà mondiale quello dell etica animale e nell ambito della bioetica quello dell infanticidio Continua la lettura non è necessario il

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Profili=557D0301220074032107060277052771 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • Wilfrid Sellars
    scientifica e nel contempo sul principio dell irriducibilità logica del discorso normativo Ha insegnato in varie Università Minnesota Yale Pittsburgh influenzando diverse generazioni di studenti tra i suoi allievi Paul Churchland e Robert Brandom Wilfrid Stalker Sellars Ann Arbor 1912 Pittsburgh 1989 è stato uno tra i più importanti pensatori americani del XX secolo Figlio di Helen e Roy Wood Sellars filosofo noto per i suoi interessi verso il naturalismo il giovane Wilfrid inizia la sua carriera accademica nel 1933 come Teaching Assistant all Università di Buffalo Qui sotto la guida di Marvin Farber viene introdotto al pensiero di Kant e di Husserl L interpretazione in senso naturalistico della fenomenologia fornita da Farber segna un importante passaggio nella definizione del suo progetto filosofico Decisivi saranno anche per lo sviluppo successivo del suo pensiero l incontro con Herbert Feigl nonché la frequenza fra il 1935 e il 1937 dei corsi di Henry Price Clarence Lewis e Willard Quine Dopo aver insegnato in diverse università Iowa Minnesota Yale Sellars giunge nel 1963 a Pittsburgh dove rimane sino alla fine della sua carriera Il suo nome è legato per lo più alla critica del mito del dato myth of the given esposta per la prima volta nel suo lavoro più noto Empiricism and the Philosophy of Mind Nei suoi numerosi scritti Sellars ha affrontato tutti i temi tipici della tradizione analitica il significato delle parole e degli enunciati il ruolo della logica i fondamenti della conoscenza empirica la natura degli stati mentali Da uno sguardo d insieme tuttavia si può ricavare che proprio la questione della datità Givenness costituisce l asse centrale e unificante del suo pensiero l elemento capace di raccordare le molteplici linee di ricerca che lo caratterizzano In uno dei suoi articoli più tardi lo stesso Sellars riconoscerà retrospettivamente questo

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Profili=557D030122007403210F0776017327 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • David Malet Armstrong
    prestigiosa firma del panorama filosofico contemporaneo appartiene alla nuova generazione di filosofi che a partire dalla seconda metà degli anni 70 ha contribuito in misura determinate alla cosiddetta rinascita degli studi ontologico metafisici Personalità brillante ha saputo declinare con equilibrio e originalità un austero spirito empirista alle istanze fondative di un autentico realismo metafisico offrendo un progetto filosofico sistematico ed innovativo rispondente al nome di realismo scientifico Dopo aver conseguito il suo undergraduate degree alla Sydney University ha completato la sua formazione ad Oxford insegnando poi alla University of London ed infine a Melbourne dove ha portato a termine il suo Ph D Nel 1964 diviene professore presso la Sydney University insegnando fino al 1991 anno in cui si ritirerà dall attività didattica ordinaria conservando il titolo di professore emerito Il lavoro che qui proponiamo intende essere una breve ricostruzione di alcuni temi che occupano un luogo di primo piano nella riflessione filosofica armstronghiana Verranno inoltre indicati riferimenti bibliografici che potranno essere utili per ulteriori approfondimenti critici 2 Il problema degli universali Come abbiamo in parte anticipato l obbiettivo che si propone Armstrong nell elaborare il suo realismo scientifico è quello di proporre una teoria degli universali che risulti compatibile

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Profili=557D030122007403210E0276017327 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • Gottlob Frege
    logica contemporanea e della filosofia della matematica e in generale della filosofia analitica Egli è stato certamente fra i primi ad avvertire la necessità di rispondere al problema dei fondamenti della matematica questo atteggiamento gli è costato la pressoché totale indifferenza presso le comunità logica e matematica a lui contemporanee e gli ha procurato enorme considerazione presso la comunità filosofico analitica successiva A questo proposito infatti è necessario sottolineare la profonda influenza che Frege ha esercitato su alcuni pensatori che hanno poi contribuito allo sviluppo della logica e della filosofia analitica si pensi a Bertrand Russell Ludwig Wittgenstein Alonzo Church e Rudolf Carnap solo per citare alcuni fra quelli direttamente influenzati da Frege Nonostante l interesse di diversi studiosi nella prima metà del Novecento è soprattutto a partire dall imprescindibile Dummett 1973 che si dà avvio a una imponente produzione di studi freghiani Essi spaziano dai fondamenti della matematica alla logica alla filosofia del linguaggio e in certa misura alla epistemologia spesso ponendosi nell intersezione fra queste diverse discipline che Frege stesso ha inconsapevolmente contribuito ad inaugurare L interesse esercitato da Frege sta indubbiamente nel suo lavoro pionieristico Tuttavia all aspetto innovativo del suo lavoro si affiancano la complessità e

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Profili=557D03012200740321030176017327 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • Profili
    posizione ontologica che lui stesso denominò ontologica sistologica Willard Van Orman Quine di Sascia Pavan Daniele Sgaravatti Quine è riconosciuto unanimemente come una figura centrale del dibattito filosofico della seconda metà del secolo scorso I suoi contributi spaziano dalla filosofia del linguaggio all epistemologia e anche alla metafisica Il pensiero di Quine è però difficilmente scomponibile in parti separate essendo invece caratterizzato da forte coerenza e sistematicità In questo contributo cercheremo di fornire un quadro complessivo degli aspetti centrali del suo pensiero Arthur Prior di Roberto Ciuni Carlo Proietti Arthur Prior 1914 1969 si è occupato di temi che spaziano dalla logica formale all etica ed ha fornito contributi di grandissima importanza soprattutto nell ambito della logica modale della metafisica e della filosofia del tempo E considerato il padre della logica temporale e il precursore della contemporanea logica ibrida è stato un precursore della semantica a mondi possibili di Saul Kripke e il sostenitore di una forma raffinata e davvero audace di attualismo a sua volta fondata su una precisa concezione dei rapporti fra esistenza fatti e verità Il suo approccio alla filosofia è stato molto attento alle grandi questioni tradizionali di metafisica e ontologia ma allo stesso tempo ha gettato le basi di nuovi ambiti d investigazione in logica modale Il presente profilo si propone di presentare e discutere alcuni fra i suoi contributi più importanti e la loro rilevanza filosofica In particolare presenta e discute le semantiche per il branching time e la loro relazione con il problema del determinismo le logiche ibride e la riduzione degli istanti a proposizioni la logica Q e il problema della predicazione su individui contingentemente non esistenti Paul Karl Feyerabend di Luca Tambolo Paul Karl Feyerabend 1924 1994 tra i più celebri filosofi della scienza del Novecento ha dedicato la sua attenzione ai temi più disparati La sua opera può comunque essere intesa nel complesso come una pervicace difesa del pluralismo Feyerabend ha propugnato innanzitutto il pluralismo teorico cioè la proliferazione di alternative alla teoria che in un certo momento è accettata dalla comunità scientifica Ha inoltre difeso il pluralismo metodologico cioè la proliferazione non solo delle teorie ma anche dei metodi utilizzati per valutarle Secondo Feyerabend infatti il pluralismo è un ingrediente fondamentale di qualunque conoscenza che voglia proclamarsi oggettiva Gustav Bergmann di Guido Bonino L attività di Gustav Bergmann Vienna 1906 Iowa City 1987 si può dividere in tre fasi La prima è rivolta principalmente alla filosofia della scienza nel solco degli insegnamenti del Circolo di Vienna La seconda accompagnata da una riflessione sulla natura e il metodo dell impresa filosofica culminata in una delle più lucide formulazioni del metodo del linguaggio ideale consiste nell elaborazione di una ricca ontologia vincolata però dal principio di acquaintance e mirante a stabilire una posizione realista sia nel senso del realismo1 opposto al nominalismo sia in quello del realismo2 opposto all idealismo L ultima fase nota soprattutto dagli scritti postumi propone una revisione dell ontologia precedente In questo profilo si è prestata particolare

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Profili=557D030122007402217207767706 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • George Boole
    quanto riguarda le questioni algebriche ed è proprio in ambito algebrico che la necessità di ripensamento teorico del concetto di teoria si declinerà in una chiave essenzialmente logica Questo avvenne soprattutto in Inghilterra ad opera della scuola algebrica di Cambridge che vide in George Boole il suo esponente più rivoluzionario 1 VITA E OPERE George Boole nacque a Lincoln in Inghilterra nel 1815 da una famiglia di umili origini Boole fu inizialmente autodidatta e si dedicò allo studio dei classici per poi avvicinarsi sempre di più alla matematica I suoi lavori sulla risoluzione delle equazioni differenziali utilizzando metodi algebrici gli diedero grande notorietà Boole era a conoscenza sia degli sviluppi in analisi portati dalla scuola continentale la sua prima importante lettura in matematica fu il Calcul Differéntiel di Lacroix sia di quanto stava accadendo in Inghilterra all interno della cosidetta Scuola di Cambridge Questo movimento innovatore capeggiato da Peacock e De Morgan aveva introdotto la nozione di algebra simbolica o astratta che si contrapponeva a quella aritmetica L algebra aritmetica assumeva delle limitazioni alla fattibilità dei calcoli in quanto prendeva come dominio quello dell aritmetica il quale limitava la possibilità di compiere operazioni anche semplici sottrarre una quantità maggiore da una minore per esempio Nell algebra simbolica queste limitazioni scomparivano in quanto il riferimento non era più unicamente numerico quello diventava un caso particolare ma si compiva una generalizzazione facendolo diventare simbolico regolato cioè non più da interpretazioni specifiche ma da leggi Boole sfruttò questa potenzialità applicando questo metodo alle equazioni differenziali Egli mostrò come i simboli delle operazioni potessero essere distinti da quelli delle quantità attraverso l introduzione degli operatori differenziali In questo modo questi simboli potevano essere trattati come oggetti del calcolo e la formula di un equazione differenziale diventava un polinomio algebrico Per il suo articolo On

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Profili=557D03012200740321030576007327 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • David K. Lewis
    Oxford Lewis ascoltò l ultimo ciclo di lezioni tenute da John L Austin ed ebbe come tutrice Iris Murdoch L anno successivo conseguita la laurea in filosofia proseguì i suoi studi presso la Harvard University uno dei dipartimenti più vivaci di allora dove insegnavano tra gli altri Willard Van Orman Quine Nelson Goodman Hillary Putnam Tra i suoi compagni di corso Saul Kripke i due saranno poi per molti anni colleghi anche a Princeton E sempre ad Harvard Lewis conobbe la sua futura moglie Stephanie allora studentessa di psicologia con cui nel corso degli anni avrebbe coautorato tre articoli Nel 1966 in procinto di ricevere il Ph D Lewis accettò il suo primo incarico di insegnamento presso la UCLA La sua tesi di dottorato uno studio sulla convenzione divenne poi il volume Convention A Philosophical Study 1969 Harvard University Press Oltre a quel volume mentre era professore a UCLA Lewis pubblicò circa una dozzina di articoli che hanno segnato il dibattito in filosofia della mente semantica metafisica e logica Nel 1970 si trasferì a Princeton dove rimase fino alla prematura morte avvenuta il 14 ottobre 2001 a causa di un diabete cronico Un profondo impatto sul suo pensiero ebbero i numerosi soggiorni australiani in compagnia di Stephanie avvenuti nelle estati dell emisfero Nord del 1971 1975 1979 1999 e 2001 IL PROGRAMMA FILOSOFICO LEWISIANO L espressione sopravvenienza humeana è stata coniata in onore del noto oppositore delle connessioni necessarie Si tratta della dottrina secondo cui il mondo altro non è che un vasto mosaico di accadimenti locali iscritti entro fatti particolari una piccola cosa qua e un altra là E non fa parte della dottrina l idea che ci siano accadimenti locali di tipo esclusivamente mentale Abbiamo la geometria un sistema di relazioni esterne che riguardano la distanza spazio temporale tra punti Forse abbiamo anche i punti stessi dello spazio tempo forse pezzettini puntiformi di materia o di etere o di campi forse abbiamo tutte queste cose assieme E per ciascuno di questi punti abbiamo delle qualità locali delle proprietà intrinseche perfettamente naturali che non hanno bisogno di niente più che un punto per essere istanziate In breve abbiamo una distribuzione di qualità E questo è tutto Non vi è differenza senza una differenza nella distribuzione Tutto il resto sopravviene Philosophical Papers vol II ix x Pochi passi lewisiani hanno influenzato l interpretazione del suo pensiero quanto quello appena citato Diciamo che un ente x sopravviene su un ente y se e solo se necessariamente nel caso in cui y non esistesse anche x non esisterebbe Una precisazione d obbligo la sopravvenienza si considera più o meno forte in base al tipo di necessità chiamata in causa nella sua definizione nel caso di Lewis si potrebbe sostenere che questa sia la necessità nomologica per semplicità qui non sarà fatta alcuna specificazione a questo riguardo Il passo contiene due scommesse teoriche una di sopravvenienza secondo cui le verità nomologiche che riguardano le leggi di natura quelle sui fatti intenzionali i contenuti

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Profili=557D03012200740321030776007327 (2016-02-10)
    Open archived version from archive



  •