web-archive-it.com » IT » A » APHEX.IT

Total: 686

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Parole chiave
    in Italia Filosofia dello spaziotempo Filosofia Pratica Filosofia sperimentale Finzionalismo Finzione Fisica ingenua Fondamenti della matematica Forme di vita Foundations of mathematics Frege Funzionalismo computazionale Funzione Futuri contingenti Genere Geopolitica Giochi linguistici Giustificazione pubblica Giustizia Gradualismo Grammatica Grammatica universale Grammatiche a struttura di frase Hesse Hume Idealismo Idealismo inglese Idealizzazione Identità Il sogno di Leibniz Illusione Immaginazione filosofica Immagini Immagini filosofiche Impegno congiunto Impegno ontologico Imperscrutabilità Implicatura Implicito Incarnazione Incompletezza Indeterminatezza della traduzione Indeterminismo Indicibile Induzione Inferenza Inferenza causale Infinito Intelligenza artificiale Intelligenza meccanica Intenzionalità Intenzione Intenzione comunicativa Intenzioni Interazione multisensoriale Interazione strategica Interpretazione Intuitionism Intuizione Intuizionismo Ipotesi del continuo di Cantor Ironia Irrazionalità Istituzioni Jørgensen Leggi Leggi di natura Lessico Lessicografia filosofica Letteratura Lexical Competence LGBT Liberalismo politico Libertà Limiti della conoscenza Linguaggi formali Linguaggio Linguaggio figurato Linguaggio gestuale Linguaggio normativo Logica Logica classica Logica modale Logica temporale Logical empiricism Logiche della rilevanza Logiche ibride Logiche sottostrutturali Logicismo Macchina di Turing Matrimonio Meccanismi Meinong Mental Time Travel Mente Menzogna Mereologia Metaetica Metafora Metaphysics Mind reading Mito del dato Modalità Modelli in economia Modelli nelle scienze sociali Modus ponens Monismo anomalo Moore Morale Moralità Moto Multiculturalismo Multimodalità Natura Natural computing Naturalism Negoziazione Concettuale Neo logicismo Neuroetica Neuroni specchio Neuroscetticismo Neuroscienze Neutralità Nicchia ecologica Nominalismo Non Sostanzialità Non esistenza Noneismo Normatività Norme Numeri Nuovo Realismo Oggetti sociali Oggettività Olismo Ombre Omofobia Onde Ontologia Ontologia formale Ontologia materiale Ontologia temporale Ontology Origine del linguaggio Paradosso del nonno Paradosso del Sorite Paradosso della Conoscibilità Paradosso della Finzione Parole Partecipazione Perception Persona Pertinenza Peter Singer Philosophy of logic Philosophy of mathematics Philosophy of time Physics Platone Platonismo Pluralismo logico Pluralismo metodologico Pluralismo teorico Positivismo logico Possibilità Postmoderno Pragmatics Pragmatism Pragmatismo Pratica Praxeologia Predicazione Pregiudizio antropocentrico Presentismo Prevedibilità Principio del contesto Probabilità Processo Proprietà Prova giuridica Psicologia cognitiva Psicologia del senso comune Psicologia evoluzionista Raffigurazione

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Parole=557D0B715703740421050106777327 (2016-02-10)
    Open archived version from archive


  • Parole chiave
    Finzionalismo Finzione Fisica ingenua Fondamenti della matematica Forme di vita Foundations of mathematics Frege Funzionalismo computazionale Funzione Futuri contingenti Genere Geopolitica Giochi linguistici Giustificazione pubblica Giustizia Gradualismo Grammatica Grammatica universale Grammatiche a struttura di frase Hesse Hume Idealismo Idealismo inglese Idealizzazione Identità Il sogno di Leibniz Illusione Immaginazione filosofica Immagini Immagini filosofiche Impegno congiunto Impegno ontologico Imperscrutabilità Implicatura Implicito Incarnazione Incompletezza Indeterminatezza della traduzione Indeterminismo Indicibile Induzione Inferenza Inferenza causale Infinito Intelligenza artificiale Intelligenza meccanica Intenzionalità Intenzione Intenzione comunicativa Intenzioni Interazione multisensoriale Interazione strategica Interpretazione Intuitionism Intuizione Intuizionismo Ipotesi del continuo di Cantor Ironia Irrazionalità Istituzioni Jørgensen Leggi Leggi di natura Lessico Lessicografia filosofica Letteratura Lexical Competence LGBT Liberalismo politico Libertà Limiti della conoscenza Linguaggi formali Linguaggio Linguaggio figurato Linguaggio gestuale Linguaggio normativo Logica Logica classica Logica modale Logica temporale Logical empiricism Logiche della rilevanza Logiche ibride Logiche sottostrutturali Logicismo Macchina di Turing Matrimonio Meccanismi Meinong Mental Time Travel Mente Menzogna Mereologia Metaetica Metafora Metaphysics Mind reading Mito del dato Modalità Modelli in economia Modelli nelle scienze sociali Modus ponens Monismo anomalo Moore Morale Moralità Moto Multiculturalismo Multimodalità Natura Natural computing Naturalism Negoziazione Concettuale Neo logicismo Neuroetica Neuroni specchio Neuroscetticismo Neuroscienze Neutralità Nicchia ecologica Nominalismo Non Sostanzialità Non esistenza Noneismo Normatività Norme Numeri Nuovo Realismo Oggetti sociali Oggettività Olismo Ombre Omofobia Onde Ontologia Ontologia formale Ontologia materiale Ontologia temporale Ontology Origine del linguaggio Paradosso del nonno Paradosso del Sorite Paradosso della Conoscibilità Paradosso della Finzione Parole Partecipazione Perception Persona Pertinenza Peter Singer Philosophy of logic Philosophy of mathematics Philosophy of time Physics Platone Platonismo Pluralismo logico Pluralismo metodologico Pluralismo teorico Positivismo logico Possibilità Postmoderno Pragmatics Pragmatism Pragmatismo Pratica Praxeologia Predicazione Pregiudizio antropocentrico Presentismo Prevedibilità Principio del contesto Probabilità Processo Proprietà Prova giuridica Psicologia cognitiva Psicologia del senso comune Psicologia evoluzionista Raffigurazione Ragionamento ordinario Ragionamento riflessivo Rappresentazione mentale Rappresentazione pittorica Rappresentazioni

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Parole=557D0B715703740421040600777327 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • Francesco Paoli, Carlo Crespellani Porcella, Giuseppe Sergioli, "Ragionare nel quotidiano. Argomentare, valutare informazioni, prendere decisioni", Mimesis, Milano-Udine, 2012, pp. 256
    problema sia lo strumento da un lato il fluire continuo di informazioni da cui veniamo investiti giornalmente non lascerebbe spazio a un loro esame critico e dall altro i ritmi veloci e serrati che caratterizzano le comunicazioni dirette o mediate che siano sarebbero all origine delle difficoltà che troviamo nel dare ragione di quello che diciamo e facciamo Se tuttavia consideriamo la questione più a fondo quello che manca non è tanto il tempo di pensare quanto piuttosto un pensiero educato alla razionalità un pensiero cioè che non si limita ad accogliere passivamente opinioni ragionamenti e idee che sentiamo dagli altri ma si ferma quando necessario a valutare anche la loro fondatezza Il contesto educativo italiano è un esempio lampante non sono previsti programmi o percorsi di educazione alla razionalità né a livello di istruzione scolastica né in ambito universitario sebbene ogni test d ammissione ai corsi di laurea a numero chiuso preveda una sezione dedicata ai quiz di logica Le direttive del Ministero della Pubblica Istruzione spingono certamente verso un rafforzamento delle cosiddette competenze trasversali di cui quelle logico argomentative fanno parte ma poi non è chiaro dove quando e secondo quali modalità vadano insegnate e accertate Si potrebbe sostenere che studiare filosofia leggere i classici tradurre dal latino e imparare a risolvere problemi matematici siano già attività didattiche funzionali al rafforzamento di queste abilità È ovvio che se il problema viene posto in questi termini diviene superfluo istituire corsi o moduli dedicati all apprendimento di tecniche argomentative o di pensiero critico Le attività didattiche sopra elencate sono certamente utili ad accrescere il pensiero razionale ma in verità non sono sufficienti se si vuole aiutare gli studenti a riflettere sui più classici errori di ragionamento quelli che un po tutti fanno anche i premi Nobel o le persone con

    Original URL path: http://www.aphex.it/public/sito/ita/stampa.php?Letture=557D0301220174032107010A777327 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • Diego Zucca, "Esperienza e contenuto. Studi di filosofia della percezione", Mimesis, Milano 2012, pp. 564.
    lungo e di lettura impegnativa ma offre senza dubbio uno dei resoconti più completi sul tema di cui io sia a conoscenza Più che un introduzione come nel caso di Calabi 2009 e Paternoster 2007 è una trattazione sistematica di aspetti metafisici semantici e fenomenologici della percezione orientata a costituire una teoria unitaria sull argomento ne risulta una specifica variante dell intenzionalismo variante secondo cui l esperienza percettiva è essenzialmente sia una rappresentazione del mondo che una relazione ad esso aspetti metafisici ha un contenuto determinato dalle cause tipiche dell esperienza stessa aspetti semantici e una fenomenologia presentazionale in virtù della quale siamo direttamente coscienti di configurazioni ambientali aspetti fenomenologici Il libro è anche corredato di un ottimo apparato di note che oltre a dichiarare sempre la provenienza delle idee discusse con utili e abbondanti riferimenti bibliografici contiene alcuni approfondimenti che Zucca ha scelto di non inserire nel testo principale forse in quanto non direttamente legati alla percezione per esempio l esposizione dell argomento di Mike Martin contro l intenzionalismo basato sull immaginazione nota n 16 p 411 Esperienza e contenuto costituisce una lettura informativa e stimolante dalla quale chi sia interessato ad approfondire i temi della percezione può sicuramente

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Letture=557D0301220174032107000B77052771 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • Maria Grazia Turri, "Gli oggetti che popolano il mondo. Ontologia delle relazioni", Roma, Carocci, 2012, pp. 239
    se ne andrà via sbuffando persuaso che i grandi della sua specie siano quasi tutti completamente matti Ma immaginate che provi invece a rispondere per pura disinteressata condiscendenza infantile Di certo non avrà problemi ad ammettere che il triciclo la pigna e il laccio sono delle cose sono cioè oggetti che lui conosce bene e che può toccare e usare stringere e lanciare Qualche seria perplessità lo assalirà invece nel dover collocare il bar nella stessa categoria di una pigna e un senso di viva ripulsa gli impedirà di accostare la sua babysitter a un laccio da scarpe Un tale reazione sarebbe senza dubbio confortante sul piano etico da essa apprenderemmo che egli ha sviluppato una dose di senso morale sufficiente a impedirgli di ridurre gli altri esseri umani a oggetti la qual cosa da adulti e potenziali educatori non potrebbe che consolarci D altra parte sul piano teoretico una reazione del genere potrebbe apparirci anche interessante perché rivelatrice della presenza nel bambino di un ordine intuitivo che lo rende capace di distinguere chiaramente tra oggetti inanimati e oggetti animati tra cose e persone Continua la lettura non è necessario il reader PDF Scarica il file Pdf Numero della rivista

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Letture=557D0301220174032107000A77052771 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • Scott Aaronson, "Quantum Computing since Democritus", Cambridge University Press, Cambridge, 2013, pp. 370.
    nel 2006 tuttora disponibili liberamente online ma non è nemmeno un saggio per il tipico educatedreader a meno che non sia molto educated QCD è stato descritto da Dave Bacon di Google come un poema travestito da appunti di lezione e non credo potremo fare meglio tuttavia se non è chiaro nemmeno ad un ontologo come classificarlo nella tassonomia editoriale standard è chiarissimo quali siano i motivi per leggerlo tre

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Letture=557D0301220174032107000577052771 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • Vincenzo Fano, "I Paradossi di Zenone", Roma, Carocci Editore, 2012 (seconda ristampa 2013), pp. 142
    permettono di dire a proposito di tali paradossi le teorie matematiche fisiche e metafisiche più recenti Come si scopre ben presto nel corso della lettura il risultato non è una semplice presentazione più o meno completa di cose già dette Nel corso di tutto il testo infatti Fano assume una prospettiva critica prendendo posizione rispetto alle varie proposte e sostenendo specifiche risoluzioni dei paradossi ove possibile Tutto questo senza mai tralasciare accurati riferimenti alla filosofia e alla scienza Nonostante alcuni punti di disaccordo o perplessità che riporterò nel corso di questa nota ritengo che I paradossi di Zenone sia un opera notevole caratterizzata in primis da un bilanciamento quasi perfetto fra completezza storico concettuale e spirito critico da una parte e agilità e accessibilità dall altra In virtù di ciò il libro è senz altro un mezzo ideale per far acquisire al lettore non solo una buona comprensione dei problemi che Zenone riteneva di avere identificato ma anche un idea dell enorme e variegata serie di questioni e temi che si connettono al concetto di infinito una nozione che fonde in modo probabilmente unico il mondo astratto dei numeri e il mondo fisico e questi alla speculazione teoretica Peraltro questo testo di Fano riempie un evidente buco presente nella letteratura filosofica non solo quella in italiano dove forse occorre risalire al lavoro di Zellini 1993 per trovare una discussione dell infinito ugualmente articolata e attenta sia alla storia del pensiero che agli aspetti più tecnici e addirittura alle lezioni di Colli del 1964 1965 raccolte in Colli 1998 per recuperare una soddisfacente analisi del pensiero del filosofo di Elea a tale proposito fra i testi non in italiano è sicuramente da suggerire a tutti coloro che sono interessati al tema dell infinito la lettura di Oppy 2009 Continua la lettura

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Letture=557D0301220174032107030777052771 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • Erica Cosentino, "La mente narrativa. I fondamenti simulativi della comprensione e produzione del discorso", Roma-Messina, CORISCO 2012, pp. 132
    un racconto struggente e verosimile un vero e proprio capolavoro di pathos e brevità Sebbene Hemingway sia uno dei più grandi scrittori del secolo scorso per quanto cioè le sue abilità narrative non siano in discussione il suo compito è stato reso più semplice da un elemento niente affatto trascurabile la capacità della mente del lettore di imporre la struttura di una storia a pochi indizi linguistici Continua la lettura

    Original URL path: http://www.aphex.it/index.php?Letture=557D0301220174032107030577052771 (2016-02-10)
    Open archived version from archive