web-archive-it.com » IT » B » BEEDIZIONI.IT

Total: 461

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • La conversione evangelica di John Wesley (prima parte) - BE Edizioni
    che bruciò la casa della famiglia Wesley Egli non si scordò mai di quest avvenimento e ne fece addirittura una specie di simbolo della sua vita e della sua chiamata a predicare il vangelo Vedeva nel suo essere salvato da quell incendio un esempio di una frase che si trova scritta nel libro del profeta Zaccaria un versetto che parla di un tizzone strappato dal fuoco 3 2 Già da bambino Wesley vedeva se stesso come debitore dell amore sconfinato e della grazia meravigliosa di Dio Figlio di pastore con una mamma seria e brava Wesley aveva una formazione culturale e spirituale da invidiare Quando egli e suo fratello Charles nota 1 erano studenti all università di Oxford guidavano un gruppo di studenti che cercavano insieme di diventare cristiani più impegnati nota 2 Insieme i membri del gruppo studiavano la Bibbia pregavano facevano un esame di coscienza e s impegnavano ad aiutare i malati i poveri e i carcerati Gli altri vedendo questo gruppo serio e metodico prendendoli in giro li chiamavano metodisti È significativo che le enfasi di questo gruppo saranno in gran parte le enfasi del movimento metodista che doveva ancora nascere La Bibbia la preghiera e una serietà riguardo alla vita cristiana dovevano tutte diventare enfasi fondamentali del metodismo storico Inoltre anche la premura e l impegno per i malati e i bisognosi avrebbero continuato ad avere un posto di rilievo nel movimento metodista Un versetto dalla lettera di Giacomo 1 27 riassume bene quest aspetto dell impegno spirituale di Wesley La religione pura e senza macchia davanti a Dio e Padre è questa soccorrere gli orfani e le vedove nelle loro afflizioni e conservarsi puri dal mondo La seconda frase di questo versetto conservarsi puri dal mondo ci spinge a riflettere su un tema che accompagna

    Original URL path: http://www.beedizioni.it/sito/it/blog/37-storia-della-chiesa/238-la-conversione-evangelica-di-john-wesley-1-2.html (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • SAMUELE, IL DIARIO DI UNA SVOLTA - BE Edizioni
    the Holy Spirit Andy Naselli 17 Mar 2015 10 23 am My Review of True Woman 101 Practical Theology for Women 14 Mar 2015 6 24 pm Sei qui Home Blog Novità editoriali SAMUELE IL DIARIO DI UNA SVOLTA SAMUELE IL DIARIO DI UNA SVOLTA Pubblicato Domenica 31 Agosto 2014 19 40 Redazione La serie di commentari biblici di BE edizioni affronta la saga del popolo di Israele dal governo dei giudici al re secondo il cuore di Dio le vicende di un appassionante periodo storico che può offrire insegnamenti validi ancora oggi per ogni cristiano Continua il viaggio attraverso le Sacre Scritture intrapreso da BE Edizioni nel 2013 insieme al teologo Pietro Ciavarella dopo il primo volume dedicato a l Pentateuco Genesi Esodo Levitico Numeri e Deuteronomio il secondo concentrato su i tre libri che narrano i primi passi di Israele nella Terra Promessa Giosuè Giudici e Rut la collana Studiare la Bibbia si arricchisce ora di un volume dedicato ad altri due volumi di carattere storico I e II Samuele I due testi biblici coprono un importante periodo di passaggio per il popolo di Israele narrando le vicende dell ultimo giudice Samuele della successiva instaurazione della monarchia in Israele con il primo re Saul e dell inesorabile ascesa di Davide il re secondo il cuore di Dio dalla cui discendenza sarebbe nato mille anni dopo Gesù Ciavarella nel suo commento a I e II Samuele rileva come i due libri risultano un tassello fondamentale per la teologia biblica e offrono importanti insegnamenti per la vita del cristiano e il suo servizio l e numerose tabelle e i supporti grafici accompagnano il lettore nell approfondi mento degli argomenti specifici presenti nel testo biblico Pietro Ciavarella è laureato in teologia presso il Trinity Evangelical Divinity School e in storia alla

    Original URL path: http://www.beedizioni.it/sito/it/blog/32-novita-editoriali/236-samuele-il-diario-di-una-svolta.html (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • L’eredità di Losanna (1974-2014) - BE Edizioni
    10 48 pm Exodus 29 John 8 Proverbs 5 Galatians 4 For the Love of God 18 Mar 2015 12 00 pm Prooftexting the Personality of the Holy Spirit Andy Naselli 17 Mar 2015 10 23 am My Review of True Woman 101 Practical Theology for Women 14 Mar 2015 6 24 pm Sei qui Home Blog Notizie L eredità di Losanna 1974 2014 L eredità di Losanna 1974 2014 Pubblicato Sabato 16 Agosto 2014 07 31 Redazione Giornate teologiche 2014 Padova IFED 5 6 settembre Nel linguaggio cristiano Losanna evoca un congresso per l evangelizzazione 1974 che ha dato una svolta nella vita dell evangelismo contemporaneo Evoca anche un movimento che si è sviluppato ed è proseguito in numerosi convegni documenti e in due successivi congressi Manila 1989 e Città del Capo 2010 Evoca uno spirito contrassegnato da una visione della missione olistica e collaborativa A quarant anni dal primo congresso qual è l eredità di Losanna Quali sono i punti irrinunciabili Quali le aree di tensione Al livello delle chiese poi quale recezione è necessario attivare per assimilarne il contributo Venerdì 5 settembre 10 15 Apertura dei lavori 11 00 12 15 Il Movimento di Losanna specchio della chiesa globale Jean Paul Rempp Coordinatore europeo del Movimento di Losanna 12 30 Pranzo 15 00 16 00 Focus Losanna 1974 Evangelizzazione e responsabilità sociale la relazione ricostruita a Losanna Giacomo Ciccone presidente Alleanza Evangelica Italiana 16 15 17 15 Focus Manila 1989 Tutto il mondo tutto l evangelo tutta la chiesa l anelito di cattolicità evangelica di Manila Leonardo De Chirico IFED 17 30 18 30 Focus Città del Capo 2010 Dalla missione alla missionalità solo un neo logismo Giuseppe Rizza IFED Sabato 6 settembre 9 00 10 30 Tavola rotonda Religioni nella società globale Che senso ha se

    Original URL path: http://www.beedizioni.it/sito/it/blog/31-notizie/234-l-eredita-di-losanna-1974-2014.html (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • BRASILE, SUCCESSI (E RISCHI) DI UNA CHIESA IN CAMMINO - BE Edizioni
    calcio 2014 BE Edizioni pubblica Che cosa stanno facendo alla chiesa un libro di Augustus Nicodemus che risponde a queste e altre domande Con non poche sorprese Un libro capace di criticare la maggioranza è senza dubbio un libro coraggioso andare controcorrente specie in campo religioso non porta popolarità semmai attira critiche e anatemi Che cosa stanno facendo alla chiesa nasce da un urgenza l urgenza di Augustus Nicodemus pastore brasiliano di dare l allarme sulla possibile deriva del movimento evangelico brasiliano protagonista negli ultimi anni di uno straordinario boom di adesioni e purtroppo di scandali pressoché unico negli ultimi cento anni Grandi numeri grandi chiese un immagine vincente dove però denuncia l autore non mancano seri elementi di criticità appena dall apparenza si tenta di far luce sulla sostanza ci si rende conto di quanto siano evanescenti le basi bibliche e quanto la pratica si distanzi dalle indicazioni neotestamentarie Attraverso un percorso suddiviso in sei parti l autore affronta sul piano teologico le origini della crisi del movimento evangelico brasiliano i limiti della dottrina liberale e le basi della neo ortodossia getta una sinistra luce sull insegnamento morale impartito dai neo libertini rivela le falle del risveglio senza santità vissuto in Brasile dai neo pentecostali per poi concludere concentrando l attenzione su una realtà evangelica brasiliana meno appariscente quella composta da fondamentalisti riformati e puritani L obiettivo di Nicodemus non è quello di demolire Semmai l intenzione è di contribuire a una crescita sana ed equilibrata di un movimento che può offrire ai brasiliani e a ogni essere umano un indicazione di vita e di speranza Perché la chiesa e la fede sembra dire l autore sono cose serie e come tali vanno trattate tenendosi lontani da rischiosi trionfalismi e con una continua attenzione all integrità della dottrina e

    Original URL path: http://www.beedizioni.it/sito/it/blog/32-novita-editoriali/232-brasile-successi-e-rischi-di-una-chiesa-in-cammino.html (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • Quando dubitare è giusto, anzi spirituale - BE Edizioni
    sia la Bibbia per capire che cosa Dio vuole da noi ma solo la Bibbia nota 1 La Bibbia basta essa è sufficiente Deve fare parte integrante della sola scrittura anche la credenza nella piena ispirazione della Bibbia Il motivo è semplice Se non tutta la Bibbia è ispirata siamo noi a decidere quali parti siano ispirate e finiamo nella stessa situazione sbagliata di prima Ora l autorità messa accanto alla Bibbia siamo noi le nostre decisioni la Bibbia ciò a cui ci rifacciamo per capire cosa Dio vuole da noi Questo ovviamente non va bene Perciò non è una virtù dubitare né della sufficienza della Bibbia né della sua autorità Ma c è una situazione in cui dubitare è molto importante Se non dubitiamo qui non saremo in grado di riconoscere né la sufficienza della Bibbia né la sua autorità Quando si tratta delle tradizioni delle nostre comunità e della nostra interpretazione della Bibbia è doveroso che ne dubitiamo Tutti noi o nasciamo in un determinato contesto ecclesiale di chiesa o ci siamo inseriti in esso Se questi contesti di chiesa sono evangelici conservatori in essi si affermano le dottrine di base del cristianesimo la trinità la salvezza per grazia il ritorno di Cristo ecc Questo è ciò che rende tali chiese ortodosse ovvero conformi alla retta dottrina Ma poi su una serie di cose di minore importanza ogni chiesa inevitabilmente ha modi di fare e modi di credere propri I modi di fare costituiscono tradizioni sul comportamento i modi di credere costituiscono invece tradizioni sulla dottrina Alcune di queste tradizioni possono essere e sicuramente sono innocue Altre invece possono essere nocive Se una determinata tradizione umana rimpiazza una dottrina biblica o la neutralizza è nociva Questo è il motivo per cui dobbiamo dubitare delle nostre tradizioni vagliandole sulla base della Bibbia Perché è solo in questo modo che possiamo scoprire se siano conformi alla Bibbia o no Ed è solo sulla base di tale esame che possiamo scartarle se non sono conformi alle Scritture per mettere noi stessi in maggiore conformità con la Bibbia riconoscendo davvero la sufficienza e l autorità della Bibbia In sintesi la Bibbia è ispirata le nostre tradizioni no Lo stesso principio è applicabile alla nostra interpretazione personale della Bibbia È doveroso che ci interroghiamo per vedere se in questo punto o in quell altro essa è conforme alla Bibbia nota 2 Se no la nostra fede è posta nella nostra interpretazione della Bibbia e non nella Bibbia proprio come i farisei e gli scribi di Matteo 15 3 Ma Gesù rispose loro E voi perché trasgredite il comandamento di Dio a motivo della vostra tradizione 6 Così avete annullato la parola di Dio a motivo della vostra tradizione 7 Ipocriti Ben profetizzò Isaia di voi quando disse 8 Questo popolo mi onora con le labbra ma il loro cuore è lontano da me 9 Invano mi rendono il loro culto insegnando dottrine che sono precetti d uomini Non dobbiamo confondere la gloriosa credenza

    Original URL path: http://www.beedizioni.it/sito/it/blog/39-teologia/231-quando-dubitare-e-giusto-anzi-spirituale.html (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • Riscoprendo le nostre radici - BE Edizioni
    essere presi da noi stessi e dalle nostre cose quindi dal nostro immediato presente Tuttavia questa nostra naturale tendenza egocentrica accentuata da una cultura effimera che disprezza il passato e ignora il futuro ci danneggia come cristiani perché riduce drasticamente la nostra comprensione di Dio e del suo piano Basta leggere il Salmo 105 per rendersi conto quanta forza possa dare al credente ricordare le grandi cose che Dio ha fatto nel passato Sembra però che noi evangelici italiani non abbiamo molto da ricordare o su cui riflettere almeno relativamente all opera di Dio nel nostro paese In fin dei conti il movimento evangelico italiano non è forse sorto nel XIX secolo all epoca di Piero Guicciardini e Luigi Desanctis Questo è la percezione generale ovvero quella di un movimento senza radici senza passato senza storia Non è così Nel XVI secolo ad esempio il nostro paese conobbe un grande movimento di risveglio evangelico Pensate che nel giro di tre o quattro decenni sorsero chiese ovunque nella penisola dalla Sicilia al Piemonte Ovviamente erano tutte chiese clandestine perché in Italia era consentito professare unicamente la religione cattolico romana Infatti per arrestare la formidabile diffusione della fede evangelica le autorità religiose attuarono una spietata repressione Migliaia di credenti vennero inquisiti imprigionati torturati e uccisi Si pensi solo ai 2000 evangelici che furono massacrati nel 1561 nei villaggi calabresi di Montalto La Guardia e San Sisto Di loro scriveva euforico l arcivescovo locale Gaspare del Fosso sono stati scannati e poi segati per mezzo e appiccati per tutta la strada da Murano fino a Cosenza che dura quarantasei miglia Un testimone oculare racconta Oggi di buon ora si è ricominciato a fare l orrenda giustizia di questi luterani che solo a pensarvi è spaventevole E così sono questi tali come una morte di castrati i quali erano tutti serrati in una casa e veniva il boia e li pigliava a uno a uno e gli legava una benda davanti agli occhi e poi lo menava in un luogo spazioso poco distante da quella casa e lo faceva inginocchiare e con un coltello gli tagliava la gola e lo lasciava così Poi pigliava quella benda così insanguinata e col coltello sanguinante ritornava a pigliare l altro e faceva il simile Pierroberto Scaramella L inquisizione romana e i valdesi di Calabria 1554 1703 Napoli Editoriale Scientifica 1999 pp 1 143 Che cosa rimane del grande risveglio evangelico che il Signore suscitò in quel secolo in Italia Il seguente ce ne dà un idea edizioni del testo ebraico dell Antico Testamento traduzioni e parafrasi della Bibbia testi di grammatica ebraica greca caldea e sira apologie delle traduzioni bibliche commentari biblici lettere spirituali confessioni di fede apologie di fede catechismi commenti ai catechismi commentari al credo apostolico trattati dottrinali raccolte di scritti teologici teologie sistematiche trattati di edificazione predicazioni discorsi opuscoli evangelistici dialoghi spirituali biografie bibliche prefazioni a testi evangelici di autori stranieri atti di processi inquisitoriali lettere dal carcere lettere personali preghiere narrazioni storiche biografie

    Original URL path: http://www.beedizioni.it/sito/it/blog/31-notizie/230-riscoprendo-le-nostre-radici.html (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • Peccare o non peccare, questo è il problema - BE Edizioni
    nostri peccati nel suo corpo sul legno della croce 3 18 Cristo ha sofferto una volta per i peccati lui giusto per gli ingiusti Fa male se mi capite anche allo Spirito Santo Nessuna cattiva parola esca dalla vostra bocca ma se ne avete qualcuna buona che edifichi secondo il bisogno ditela affinché conferisca grazia a chi l ascolta Non rattristate lo Spirito Santo di Dio con il quale siete stati suggellati per il giorno della redenzione Efesini 4 29 30 Poi va da sé che il nostro peccato fa male anche a noi stessi Conoscere Dio è sicuramente la cosa più eccellente Giovanni 17 3 ma più pecchiamo anche come credenti più ci allontaniamo da un Dio tre volte santo Tuttavia il nostro peccato fa male anche agli altri Basta pensare a quei mariti che hanno abbandonato mogli e figli Quanto ma quanto male hanno fatto a quelle altre persone O all uomo d affari disonesto Quante persone ci hanno rimesso magari perdendo anche soldi prudentemente investiti a causa di tale disonestà Vengono in mente spontaneamente Bernard Madoff Calisto Tanzi e Jordan Belfort il personaggio storico rappresentato da Leonardo Dicaprio in The Wolf of Wall Street Senza sminuire queste cose c è un altro modo collegato a quello appena trattato in cui il nostro peccato fa male agli altri li deruba dei benefici che avrebbero potuto avere dalla nostra testimonianza in forma sia indiretta sia diretta Un esempio Se una donna spostata con figli si comporta secondo i desideri di Dio come moglie e madre fa del bene al marito e ai figli Ma fa del bene anche a tante altre persone in modo indiretto Dato che lei sarà vista come una persona affidabile le altre donne saranno attratte a lei e potrebbero chiederle un consiglio o una mano con una sfida particolare Il suo vivere secondo i dettami di Dio non solo non fa male ma fa del bene alle persone intorno a lei in forma indiretta Lei non deruba gli altri con il suo peccato piuttosto li arricchisce con la propria testimonianza Inoltre lei avrà occasione di testimoniare esplicitamente la nostra forma diretta dell amore di Dio per i peccatori invitando gli altri ad accettare il sacrificio di Cristo per la salvezza eterna Il punto è che questa donna ha scelto di seguire Dio e così facendo arricchisce tante persone Ma quanti di noi non di voi di noi scelgono di impoverire gli altri quando non seguono Dio Parlando di personaggi biblici quanto bene avrebbero potuto fare Anania e Saffira Atti 5 e Dema 2 Timoteo 4 10 se avessero scelto Dio anziché l ego Sopra abbiamo fatto un accenno fugace a Ebrei 11 25 Se guardiamo meglio quel testo vedremo invece una straordinaria illustrazione di uno che ha scelto Dio anziché l ego e l enorme bene per milioni di persone che è venuto fuori da tale scelta Il testo Ebrei 11 24 26 24 Per fede Mosè fattosi grande rifiutò di essere chiamato figlio della

    Original URL path: http://www.beedizioni.it/sito/it/blog/40-vita-cristiana/229-peccare-o-non-peccare-questo-e-il-problema.html (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • Gli idoli patroni d'Italia 2/2 - BE Edizioni
    anche a Giorgio una grande somma di denaro che egli distribuì ai poveri Ireneo Bellotta I santi patroni d Italia ed Newton Compton Roma 2001 p 140 In seguito sempre secondo la leggenda Giorgio morì martire essendosi rifiutato di rinnegare la propria fede Secondo quanto scrive sempre il Bellotta Il culto del santo si diffuse ampiamente in tutto l Oriente e assunse in sé molti elementi di origine pagana In Egitto assimilò l immagine del dio Horus che in abiti di cavaliere romano trafigge un coccodrillo fra le zampe sul suo cavallo D altra parte assimila molti temi mitici greci e romani relativi alla vittoria sul drago soprattutto la leggenda di Perseo e Andromeda In Italia il culto ebbe molte sedi A Roma erano dedicati a S Giorgio e S Sebastiano una porta e la chiesa del Velabro dove si conservava il cranio del santo La devozione si consolidò particolarmente in Inghilterra dopo la conquista normanna nel XI secolo Divenne il santo delle armate britanniche dopo che Riccardo I durante la III crociata vide il santo armato guidare le truppe cristiane alla vittoria In Inghilterra la festa era celebrata con la stessa solennità del Natale e tuttora è celebrata dagli Anglicani mentre nella bandiera nazionale è presente la croce rossa di S Giorgio in campo bianco La celebrazione in Occidente e in Oriente è fissata al 23 aprile mentre è stata ridotta di grado dalle recenti disposizioni conciliari riforma del calendario liturgico nel 1969 per la mancanza di notizie sicure Insieme con altri due santi combattenti S Sebastiano e S Maurizio S Giorgio protegge tutti coloro che praticano il mestiere delle armi E stato anche patrono contro le morsicature di serpente la peste la lebbra e la sifilide e difensore contro le streghe Fa parte del gruppo dei santi ausiliatori che proteggono contro le malattie Nei paesi tedeschi e slavi è collegato alla festività di ritorno della primavera nella forma di Il Verde Giorgio un giovane maschio ricoperto di rami e di fiori che ricorda alcune cerimonie dell antichità pagana op cit p 145 Ecco un altro mito in cui non pochi Cattolici pongono la loro fiducia cioè in un miscuglio di fantasia e forse realtà anche se spesso non si sa se vi sia stata una qualche realtà Ed a proposito di realtà non ce n era affatto nel culto di Santa Filomena che è stato del tutto abolito dalle autorità della Chiesa Cattolica Il suo culto ebbe inizio al principio del secolo XIX quando nelle catacombe di Priscilla a Roma sulla via Salaria furono rinvenute alcune ossa umane assieme ad un iscrizione marmorea frammentaria che ricostruita ipoteticamente diede questa frase Pax tecum Filumena cioè Pace con te Filomena Filumena in greco significa amata Queste ossa furono poi portate a Mugnano nei pressi di Napoli l 8 giugno 1805 da dove si propagò il culto in Italia ed altrove Anche i miracoli furono attribuiti a tale presunta santa Una trentina d anni fa però il suo culto fu ufficialmente

    Original URL path: http://www.beedizioni.it/sito/it/blog/29-ma-il-vangelo-non-dice-cosi-cattolicesimo-romano/228-gli-idoli-patroni-d-italia-2-2.html (2015-03-19)
    Open archived version from archive