web-archive-it.com » IT » I » ILFONDODELWEB.IT

Total: 362

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Lista degli indirizzi POP3, IMAP e SMTP dei principali server di posta - Il Fondo del Web
    email it Smtp smtp email it richiede autenticazione server Fastweb Indirizzo fastwebnet it Pop3 pop fastwebnet it Smtp smtp fastwebnet it Gmail Indirizzo gmail com Pop3 pop gmail com Smtp smtp gmail com richiede autenticazione server Hotmail Indirizzo hotmail it hotmail com Pop3 Non disponibile Smtp Non disponibile Inwind Indirizzo inwind it Pop3 popmail inwind it Imap imapmail inwind it Smtp mail inwind it Iol Indirizzo iol it Pop3 popmail iol it Imap imapmail iol it Smtp mail iol it Jumpy Indirizzo jumpy it Pop3 pop jumpy it Smtp mail jumpy it Kataweb Indirizzo kataweb it Pop3 pop katamail com Smtp smtp katamail com Libero Indirizzo libero it Pop3 popmail libero it Imap imapmail libero it Smtp mail libero it richiede connessione attiva a Libero Lycos Indirizzo lycos it Pop3 pop lycos it Smtp smtp lycos it Mail com Indirizzo mail com Pop3 pop1 mail com Smtp smtp1 mail com richiede servizio Premium a pagamento Mclink Indirizzo mclink it Pop3 mail mclink it Smtp mail mclink it MSN Indirizzo msn it msn com Pop3 Non disponibile Smtp Non disponibile NGI it Indirizzo ngi it Pop3 popnew ngi it Smtp smtp ngi it Nopay Indirizzo nopay it Pop3 mail nopay it Smtp mail nopay it Poste it Indirizzo poste it Pop3 relay poste it Smtp relay poste it Postino it Indirizzo postino it Pop3 pop3 postino it Smtp smtp postino it Supereva Indirizzo supereva it Pop3 mail supereva it Smtp mail supereva it Tele2 Indirizzo tele2 it Pop3 pop tele2 it Smtp smtp tele2 it richiede autenticazione server Tiscali Indirizzo tiscali it Pop3 pop tiscali it Smtp smtp tiscali it richiede connessione attiva a Tiscali Tin Indirizzo tin it Pop3 pop tin it Smtp smtp tin it Virgilio Indirizzo virgilio it Pop3 in virgilio it Smtp out virgilio it Yahoo it Indirizzo yahoo it Pop3 pop mail yahoo it Smtp smtp mail yahoo it Yahoo com Indirizzo yahoo com Pop3 pop mail yahoo com Smtp smtp mail yahoo com Ymail com Indirizzo ymail com Pop3 in pop mail yahoo com richiede autenticazione server Smtp in smtp mail yahoo com richiede autenticazione server Fonte megalab it Altro Nuovo Informazioni Software permalink About Daniele Ferla Sviluppatore di siti web ed e commerce Realizzatore di applicazioni web complesse e sistemi di gestione Progettista di strategie online attraverso social media e immagine creativa Esperto in ottimizzazione e motori di ricerca Professionista a capo di Desdinova See all posts by Daniele Ferla Post navigation Native SSPI library not loaded Crearsi il proprio file Autorun inf per l avvio di un CD DVD 4 thoughts on Lista degli indirizzi POP3 IMAP e SMTP dei principali server di posta mauro ha detto 23 luglio 2010 alle 10 14 aiutatemi ho da poco cambiato la connessione adsl dal libero a telecom libero non mi permette più di scaricare la posta se non dal sito qualcuno mi può dire se si può fare qualcosa grazie Rispondi raffaella ha detto 5 agosto 2010 alle 17 00 URGENTE ho appena acquistato una

    Original URL path: http://www.ilfondodelweb.it/lista-degli-indirizzi-pop3-imap-e-smtp-dei-principali-server-di-posta/ (2016-02-18)
    Open archived version from archive


  • Ciclo di vita di una pagina ASP.NET - Il Fondo del Web
    immagine creativa Esperto in ottimizzazione e motori di ricerca Professionista a capo di Desdinova See all posts by Daniele Ferla Post navigation Crearsi il proprio file Autorun inf per l avvio di un CD DVD Impossibile accedere al metabase IIS Lascia una risposta Annulla risposta L indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono contrassegnati Nome Email Sito web Commento Search for Download database Excel e MySql dei comuni geolocalizzati CAP e prefissi italiani Aggiornato a Febbraio 2016 Clicca e scarica gratis l eBook Pillole in salsa SEO Daniele Ferla Sviluppatore di siti web ed e commerce Realizzatore di applicazioni web complesse e sistemi di gestione Progettista di strategie online attraverso social media e immagine creativa Esperto in ottimizzazione e motori di ricerca Professionista a capo di Desdinova Si trova su Twitter Facebook LinkedIn e Google Articoli recenti Le 16 cose che ho imparato lanciando una startup web Sul perchè le skills bar sono una stupidaggine Perchè il coworking Backup semplice e veloce con Bvckup 2 Il web visto come rischio Categorie Altro Nuovo ASP NET BlogEngine NET C coworking Curiosità Database Enterprise risk management Fotografia Frase del Giorno Green Informazioni Intervista Marketing Personal Branding Sappiatelo Senza categoria SEO

    Original URL path: http://www.ilfondodelweb.it/ciclo-di-vita-di-una-pagina-asp-net/ (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Crearsi il proprio file Autorun.inf per l'avvio di un CD/DVD - Il Fondo del Web
    nomefile ext dove nomefile è il nome del file e ext stà per l estensione normalmente exe Un esempio concreto è autorun open explorer exe in questo modo all inserimento del CD verrà aperto Esplora Risorse Il comando open comunque è in grado di lanciare qualsiasi programma quindi è sufficiente scrivere il nome del programma eventualmente con la sua path dopo il comando open per lanciare quel programma all inserimento del CD Volendo tramite un file autorun inf è possibile assegnare un icona specifica al CD in modo che all inserimento del CD nel lettore Esplora risorse utilizzi per quel CD l icona indicata e non l icona standard utilizzata per i CD In questo caso la linea da aggiungere a quelle già presenti deve essere icon nomeicona ico Come prima nomeicona è il nome dell icona e ico è l estensione usata dai sistemi classe Windows per le icone Ovviamente il file dell icona deve essere scritto nella root del CD Un altro metodo per specificare l icona è la riga icon nomexe exe n Dove nomexe exe e il nome del file dell eseguibile e n è un numero da 0 in poi che specifica l ID dell icona salvata nel file exe infatti nei file eseguibili è possibile usando file di risorse includere più di una icona provate con il file explorer exe oppure con shell32 dll E anche possibile far aprire dal file autorun inf una pagina web In questo caso è necessario utilizzare il comando open explorer exe nomepagina htm che va a sostituire il comando open nomefile ext Quindi in questo caso l esempio è autorun open explorer exe nomepagina htm Infine per finire si può fare in modo che all inserimento del CD vengano aggiunte alcune voci nel menù contestuale di Windows di modo che cliccando con il tasto destro sul CD da Esplora risorse compaiano anche queste voci di menù In questo caso è necessario ricorrere al comando shell Ecco un esempio autorun open setup exe i shell install INSTALLA shell install command setup exe i shell readme LEGGIMI shell readme command notepad help readme txt In questo modo il comando di default dell autorun è setup exe Andando a cliccare con il tasto destro sul CD oltre alle solite voci di menù contestuale compariranno anche queste voci INSTALLA che eseguirà il comando setup exe LEGGIMI che lancerà il blocco note aprendo automaticamente il file readme txt Prima di masterizzare il CD finale consigliamo sempre di provare un un disco riscrivibile Altro Nuovo Informazioni Software permalink About Daniele Ferla Sviluppatore di siti web ed e commerce Realizzatore di applicazioni web complesse e sistemi di gestione Progettista di strategie online attraverso social media e immagine creativa Esperto in ottimizzazione e motori di ricerca Professionista a capo di Desdinova See all posts by Daniele Ferla Post navigation Lista degli indirizzi POP3 IMAP e SMTP dei principali server di posta Ciclo di vita di una pagina ASP NET One thought on Crearsi il proprio file

    Original URL path: http://www.ilfondodelweb.it/crearsi-il-proprio-file-autorun-inf-per-lavvio-di-un-cddvd/?replytocom=106 (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • 5 validi motivi per non avere un sito web - Il Fondo del Web
    essere elevato è necessario prevedere che mantenere il sito vivo e fruibile significa senza alcun dubbio investire tempo e persone Molto spesso si crede che il sito una volta online viva di vita propria e si autopromuova senza alcuno sforzo purtroppo la realtà è ben diversa e gli investimenti iniziano proprio quando si pensa di averli conclusi 3 Avere un sito online perchè tutti ce l hanno Realizzare qualcosa solo perchè il proprio concorrente lo ha fatto non è mai un buon motivo proprio perchè non si è capita la potenzialità dello strumento Il fatto che ci siano tanti siti internet sopratutto dello stesso settore non significa che sia il passaggio obbligatorio per la propria attività E necessario invece valutare tutti gli strumenti che il web fornisce come per esempio i social networks i quali oggi offrono incredibili opportunità di business senza scomodare la realizzazione di un sito Il percorso che propongo ai miei clienti ancor prima di pensare al sito internet è quello di analizzare insieme una serie di strumenti e piattaforme potenzialmente adatte ed insieme trovarne le potenzialità per il proprio business 4 Avere l idea geniale che farà il botto come Facebook Non sto a scrivere quante richieste ho ricevuto quest anno per la realizzazione di simil Facebook siti di incontri e chi più ne ha più ne metta Tutti rifiutati oppure spariti nel nulla ovviamente Il fatto che Facebook o altre piattaforme famose siano usate da migliaia di utenti ed abbiano fatto il botto non significa che ogni idea anche se geniale sia destinata ad avere successo Inoltre replicare qualcosa di già famoso e collaudato significa scontrarsi con una concorrenza che difficilmente potrà essere scalfita Da addetto ai lavori valuto attentamente ogni proposta che mi viene fatta per la realizzazione di progetti web complessi e grazie all esperienza riesco a capire se ha potenzialità o meno Qualora non ne avesse sono il primo a metterne in dubbio con il cliente la realizzazione questo per evitare disastri a chi ho difronte sia economici che di immagine 5 Sperare che funzioni Realizzare un sito internet sperando che funzioni è la somma di tutti i punti precedenti significa non aver capito la potenzialità del web magari perchè convinti in malo modo da qualcuno o da qualche agenzia significa non avere un piano pubblicitario valido e strutturato significa non avere la possibilità di investire risorse significa non aver compreso quanto la concorrenza sia più avanti rispetto all idea nuovo o vecchia che sia Chi realizza siti web professionista o agenzia non deve alimentare false speranze sulla potenzialità del web senza metterne in luce i risolti negativi che possono sorgere Questo non significa però perdere un possibile cliente ma significa essere sinceri e professionali con chi si a difronte Paga sempre Marketing Web permalink About Daniele Ferla Sviluppatore di siti web ed e commerce Realizzatore di applicazioni web complesse e sistemi di gestione Progettista di strategie online attraverso social media e immagine creativa Esperto in ottimizzazione e motori di ricerca Professionista

    Original URL path: http://www.ilfondodelweb.it/5-validi-motivi-per-non-avere-un-sito-web/ (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Social media un tanto al chilo - Il Fondo del Web
    E necessario fare prima di tutto un analisi del business aziendale e contestualmente un analisi del target e delle sue abitudini quotidinane Da qui ne deriva che sarebbe perfettamente inutile ma sopratutto una perdita di tempo imporre l utilizzo di Twitter se l utente non ha nulla da condividere negli orari di maggior posting oppure non abbia necessità di un contatto diretto e minuto per minuto con il suo cliente tipo Così come aprire un canale Youtube per un cliente che ha solo due video da condividere Oppure ancora utilizzare Pinterest se il target non è prettamente femminile I social networks non devono essere visti come un modo forzato di comunicare a tutti i costi il proprio messaggio su più piattaforme possibili I social networks devono essere invece visto come una possibile opportunità per diminuire la distanza tra azienda e cliente al fine di facilitare la comunicazione e la condivisione di argomenti comuni Aprire account su social networks che vanno di moda è solo un modo per vendere un servizio fatto male e sopratutto inutile Se aggiungiamo inoltre che il non mantenere aggiornati tali account rischia solo di far fare una pessima figura al cliente la questione si sposta unicamente sul mero guadagno di chi con belle parole e pochi sforzi vende fumo e false promesse E tu Ti sei fatto aprire 10 account sui social Marketing Web permalink About Daniele Ferla Sviluppatore di siti web ed e commerce Realizzatore di applicazioni web complesse e sistemi di gestione Progettista di strategie online attraverso social media e immagine creativa Esperto in ottimizzazione e motori di ricerca Professionista a capo di Desdinova See all posts by Daniele Ferla Post navigation I siti web a pacchetto Come passare il tuo blog dalla piattaforma BlogEngine a WordPress Lascia una risposta Annulla risposta L indirizzo

    Original URL path: http://www.ilfondodelweb.it/social-media-un-tanto-al-chilo/ (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Il punto della situazione sui siti one-page - Il Fondo del Web
    SEO per i motori di ricerca Le problematiche sono moltepli Un unica pagina avente tutti i contenuti risulta pesante e i motori odiano le pagine pesanti Un unico URL permette di lavorare solo su una al più due keywords Un unico titolo di pagina H1 è insufficiente per ottimizzare tutto sito Un unica classe di meta tags è insufficiente per ottimizzare tutto il sito Un unica pagina presuppone che non ci siano links interni amati invece dai motori Personalmente ho realizzato siti one page Li ho però realizzati con cognizione di causa di comunicazione Mi sento di proporli elencandone sempre tutte le problematiche solo quando si ha a che fare con progetti con idee o con nuovi prodotti che possono e sopratutto devono essere presentati in un unica pagina esplicativa come fosse una landing page Pensare di rappresentare un business o una struttura aziendale attraverso un sito one page oltre che sciocco è anche deleterio Se qualcuno vi ha proposto di fare un sito one page per spendere meno significa che non ha a cuore il vostro progetto web e vuole solo vendervi una pagina fine a se stessa ma soprattutto senza alcuna strategia Marketing Web permalink About Daniele Ferla Sviluppatore di siti web ed e commerce Realizzatore di applicazioni web complesse e sistemi di gestione Progettista di strategie online attraverso social media e immagine creativa Esperto in ottimizzazione e motori di ricerca Professionista a capo di Desdinova See all posts by Daniele Ferla Post navigation Come passare il tuo blog dalla piattaforma BlogEngine a WordPress Gli errori più comuni presenti nei siti web fatti male Lascia una risposta Annulla risposta L indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono contrassegnati Nome Email Sito web Commento Search for Download database Excel e MySql dei comuni geolocalizzati CAP e prefissi

    Original URL path: http://www.ilfondodelweb.it/il-punto-sull-ottimizzazione-seo-dei-siti-one-page/ (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Come passare il tuo blog dalla piattaforma BlogEngine a Wordpress - Il Fondo del Web
    che hanno la forma post mio post aspx a quelli nuovo di WordPress che sono mio post Quelli creati da me sono questi Partenza post aspx Arrivo 1 Codice 301 Partenza page aspx Arrivo 1 Codice 301 Partenza category aspx Arrivo category 1 Codice 301 WP Ricreare le singole pagine in HTML tenendo presente di dare il nome del files permalink identico a quello in aspx per preservare il posizionamento WP Potrebbe essere necessario dover cancellare tutti i post e re importarli qualche volta per fare in modo che le vecchie immagini abbiano puntato correttamente a quelle salvate Consiglio l uso di BulkDelete qui per cancellare in un colpo solo i post facendo attenzione Questo è tutto Preparatevi a lunghe sessioni di lavoro io ci ho messo circa 6 8 ore per ultimare il tutto ma sopratutto per capire come procedere ma il risultato sarà veramente soddisfacente BlogEngine NET Web permalink About Daniele Ferla Sviluppatore di siti web ed e commerce Realizzatore di applicazioni web complesse e sistemi di gestione Progettista di strategie online attraverso social media e immagine creativa Esperto in ottimizzazione e motori di ricerca Professionista a capo di Desdinova See all posts by Daniele Ferla Post navigation Social media un tanto al chilo Il punto della situazione sui siti one page 2 thoughts on Come passare il tuo blog dalla piattaforma BlogEngine a WordPress Fabrizio ha detto 26 novembre 2014 alle 17 22 Ciao Daniele ci siamo già scritti un pò di tempo fa sul redirect ambito BlogEngine net Volevo farti i complimenti per il post che reputo veramente molto interessante anche perché è proprio quello che stavo cercando sul Web Come te sto anche io iniziando la fase di esportazione da BE net a WordPress per avere maggior sostegno e soprattutto maggiore qualità di piattaforma ma già ho trovato dei problemi Il plugin da te consigliato plugins BlogML Importer non è stato più aggiornato da circa 2 anni e installandolo sull ultima versione di WordPress 4 1 restitutisce il seguente errore Fatal error break operator with non constant operand is no longer supported in C wamp www wp content plugins blogml importer XPath class php on line 3773 Hai risolto in qualche modo La mie domande sono queste 1 che versione hai utilizzato di WordPress per fare la migrazione 2 che intendi con Non verranno esportate le singole pagine che andranno salvate direttamente in HTML il file è in XML es 00b0d0a3 b1ab 4296 abbb 446f9e693006 xml come le converto in HTML 3 Per assegnare il titolo ad ogni post HTML come hai fatto Spero risponderai a questi dubbi Nel frattempo ti ringrazio e ti saluto Fabrizio Rispondi Daniele Ferla ha detto 26 novembre 2014 alle 17 34 Ciao Fabrizio spero di esserti utile 1 La versione che ho utilizzato è la 4 0 0 in italiano e tutto è andata liscio con l importer probabilmente è proprio un problema di compatibilità Tieni presente che ci sono molti altri importer per BlogML non solo quello 2

    Original URL path: http://www.ilfondodelweb.it/come-passare-il-tuo-blog-dalla-piattaforma-blogengine-a-wordpress/?replytocom=5787 (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Come passare il tuo blog dalla piattaforma BlogEngine a Wordpress - Il Fondo del Web
    hanno la forma post mio post aspx a quelli nuovo di WordPress che sono mio post Quelli creati da me sono questi Partenza post aspx Arrivo 1 Codice 301 Partenza page aspx Arrivo 1 Codice 301 Partenza category aspx Arrivo category 1 Codice 301 WP Ricreare le singole pagine in HTML tenendo presente di dare il nome del files permalink identico a quello in aspx per preservare il posizionamento WP Potrebbe essere necessario dover cancellare tutti i post e re importarli qualche volta per fare in modo che le vecchie immagini abbiano puntato correttamente a quelle salvate Consiglio l uso di BulkDelete qui per cancellare in un colpo solo i post facendo attenzione Questo è tutto Preparatevi a lunghe sessioni di lavoro io ci ho messo circa 6 8 ore per ultimare il tutto ma sopratutto per capire come procedere ma il risultato sarà veramente soddisfacente BlogEngine NET Web permalink About Daniele Ferla Sviluppatore di siti web ed e commerce Realizzatore di applicazioni web complesse e sistemi di gestione Progettista di strategie online attraverso social media e immagine creativa Esperto in ottimizzazione e motori di ricerca Professionista a capo di Desdinova See all posts by Daniele Ferla Post navigation Social media un tanto al chilo Il punto della situazione sui siti one page 2 thoughts on Come passare il tuo blog dalla piattaforma BlogEngine a WordPress Fabrizio ha detto 26 novembre 2014 alle 17 22 Ciao Daniele ci siamo già scritti un pò di tempo fa sul redirect ambito BlogEngine net Volevo farti i complimenti per il post che reputo veramente molto interessante anche perché è proprio quello che stavo cercando sul Web Come te sto anche io iniziando la fase di esportazione da BE net a WordPress per avere maggior sostegno e soprattutto maggiore qualità di piattaforma ma già ho trovato dei problemi Il plugin da te consigliato plugins BlogML Importer non è stato più aggiornato da circa 2 anni e installandolo sull ultima versione di WordPress 4 1 restitutisce il seguente errore Fatal error break operator with non constant operand is no longer supported in C wamp www wp content plugins blogml importer XPath class php on line 3773 Hai risolto in qualche modo La mie domande sono queste 1 che versione hai utilizzato di WordPress per fare la migrazione 2 che intendi con Non verranno esportate le singole pagine che andranno salvate direttamente in HTML il file è in XML es 00b0d0a3 b1ab 4296 abbb 446f9e693006 xml come le converto in HTML 3 Per assegnare il titolo ad ogni post HTML come hai fatto Spero risponderai a questi dubbi Nel frattempo ti ringrazio e ti saluto Fabrizio Rispondi Daniele Ferla ha detto 26 novembre 2014 alle 17 34 Ciao Fabrizio spero di esserti utile 1 La versione che ho utilizzato è la 4 0 0 in italiano e tutto è andata liscio con l importer probabilmente è proprio un problema di compatibilità Tieni presente che ci sono molti altri importer per BlogML non solo quello 2 Nel

    Original URL path: http://www.ilfondodelweb.it/come-passare-il-tuo-blog-dalla-piattaforma-blogengine-a-wordpress/?replytocom=5791 (2016-02-18)
    Open archived version from archive



  •