web-archive-it.com » IT » I » INNOVAZIONESISTEMATICA.IT

Total: 192

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • The Centre of competence for Systematic Innovation
    of the Centre Next events TETRIS Project Contacts What is TRIZ IS Services The actors involved The experts of the Centre Next events TETRIS Project Contacts Contacts Centro di competenza per l Innovazione Sistematica Centre of competence for Systematic Innovation Fondazione Politecnico di Milano Piazza Leonardo da Vinci 32 20133 Milano Italy Tel 39 02 2399 9107 info at innovazionesistematica it The Centre of competence for Systematic Innovation The Centre of competence for Systematic Innovation unites teachers researchers and experts who aim to further research disclose and offer knowledge on TRIZ and on technological innovation to enterprises institutions and individuals TRIZ is the Theory of Inventive Solutions to Problems i e a theory and a set of technical methods recommended to solve non ordinary problems that may arise in products and services development activities The Centre aims to build a network that unites the best skills and types of knowledge and acts as a meeting and discussion point focused on developing and circulating systematic innovation methods highlighting and valorising proposals by the academic enterprise industrial and institutional sectors develop research and training activities on Product Development and Systematic Innovation issues act as a broker of innovation flexibly supporting enterprises in

    Original URL path: http://www.innovazionesistematica.it/index.php?option=com_content&view=article&id=34&Itemid=32 (2016-04-29)
    Open archived version from archive


  • Perché rivolgersi al Centro
    progetto TRIZ per le PMI FSE I Servizi del Centro Scarica la presentazione pdf Il Centro e i Servizi per Aziende e Singoli Contatti Centro di competenza per l Innovazione Sistematica c o Fondazione Politecnico di Milano Piazza Leonardo da Vinci 32 20133 Milano Italy Tel 39 02 2399 9107 info at innovazionesistematica it Perché rivolgersi al Centro Il Centro riunisce le competenze sviluppate dai soggetti partecipanti Inventive Problem Solving basato su TRIZ Teoria per la Soluzione Inventiva di Problemi per supportare le aziende nel processo di sviluppo nuovo prodotto o servizio Analisi strategica di brevetti per l individuazione di trend brevettuali per l analisi comparata dell attività brevettuale di competitor in determinati settori tecnologici mediante strumenti avanzati di data e text mining di documenti elettronici Analisi di Trend Tecnologici Trend Analysis e Previsioni Tecnologiche Technology Forecasting per valutare il livello di maturità delle proprie soluzioni tecniche per anticipare l evoluzione tecnologica di prodotti e o processi per conoscere tecnologie emergenti e ed anticipare l introduzione di nuove soluzioni tecniche ed innovazioni radicali Business Intelligence e Market Analysis per raccogliere ed analizzare informazioni strategiche riguardo a contesti aziendali e settori di mercato mirando a supportare il decision making in ambito

    Original URL path: http://www.innovazionesistematica.it/index.php?option=com_content&view=article&id=6&Itemid=3 (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Gli attori
    Services The actors involved The experts of the Centre Next events TETRIS Project Contacts Perché rivolgersi al Centro Gli attori Gli esperti del centro Collaborazioni Il progetto TRIZ per le PMI FSE I Servizi del Centro Scarica la presentazione pdf Il Centro e i Servizi per Aziende e Singoli Contatti Centro di competenza per l Innovazione Sistematica c o Fondazione Politecnico di Milano Piazza Leonardo da Vinci 32 20133 Milano Italy Tel 39 02 2399 9107 info at innovazionesistematica it Gli attori Soggetti partecipanti al Centro di competenza per l Innovazione Sistematica Fondazione Politecnico di Milano sede operativa Dipartimento di Meccanica del Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria industriale dell Università degli Studi di Bergamo Dipartimento di Meccanica e tecnologie industriali dell Università degli Studi di Firenze PIN Scrl Servizi didattici e scientifici per l Università di Firenze Prato CNR Ircres Istituto di Ricerca sulla Crescita Economica Sostenibile Torino Il Centro di competenza è aperto a associazioni istituzioni comitati consorzi e imprese che ne condividano gli obiettivi e abbiano interesse ad aderirvi Comitato di indirizzo Monica Bordegoni Politecnico di Milano Umberto Cugini Fondazione Politecnico di Milano Mauro Lombardi PIN Scrl Prato Paolo Rissone Università degli Studi di Firenze Caterina Rizzi

    Original URL path: http://www.innovazionesistematica.it/index.php?option=com_content&view=article&id=7&Itemid=4 (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Gli esperti del Centro
    e Creatività nella Progettazione Ingegneristica e Problem Solving Inventivo Si occupa di innovazione del valore ideazione nella progettazione ingegneristica sviluppo creativo di nuovi prodotti reingegnerizzazione dei processi industriali utilizzo non standard delle tecniche di problem solving Computer Aided Innovation proprietà intellettuale E autore di oltre 40 pubblicazioni fra riviste e conferenze internazionali nonché del libro Re engineering of Products and Processes How to achieve global success in the changing marketplace pubblicato da Springer nel 2012 Gaetano Cascini Gaetano Cascini ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Progettazione di Macchine ed è Professore ordinario presso il Politecnico di Milano Dipartimento di Meccanica I suoi interessi di ricerca riguardano metodi e strumenti per la progettazione con un attenzione particolare alle fasi di generazione di idee per l innovazione di prodotto e di processo È Associate Editor dellarivista scientifica Jour nal of Integrated Design Process Science e membro dell Editorial Board delle riviste Research in Engineering Design e International J ou rnal of Design Creativity and Innovation Inoltre è membro dell Advisory Board della Design Society di cui co presiede il gruppo di lavor o s u Design Creativity Ha coordinato diversi progetti di ricerca fra cui il progetto europeo Marie Curie IAPP FORMAT FORecast and Roadmapping for MAnufacturing Technologies Attualmente è il coordinator dei progetti europei SPARK Spatial Augmented Reality as a Key for co creativity Horizon 2020 ICT e OIPEC Open innovation Platform for university Enterprise Collaboration new product business and human capital development Erasmus Capacity Building in Higher Education È autore di oltre 140 pubblicazioni su riviste internazionali ed atti di conferenze internazionali e 13 brevetti assegnatari Università di Firenze Whirlpool Europe Bracco Imaging Logli Scam Meccaniche Fiorentine Otlav Politecnico di Milano SAES Getters Elettrotecnica Rold Stefano Filippi Professore Associato in Disegno e Metodi dell Ingegneria Industriale presso l Università degli Studi di Udine Dagli studi per conseguire il Dottorato di Ricerca in Ingegneria Industriale e dell Informazione presso il Politecnico di Milano si è sempre occupato di innovazione di prodotto interazione uomo macchina sistemi basati sulla conoscenza il tutto applicato in settori eterogenei quali l ingegneria industriale il medicale e la conservazione dei beni culturali E stato co fondatore di Apeiron l Associazione italiana TRIZ E autore di oltre 90 pubblicazioni scientifiche per riviste e conferenze nazionali ed internazionali Francesco Saverio Frillici Laureato in Fisica presso l Università di Perugia nel luglio del 2004 ha conseguito il Master ProMeA Progettazione Meccanica Avanzata presso l Università di Firenze Attualmente è titolare di borsa di studio presso il Dipartimento di Meccanica e tecnologie industriali dell Università di Firenze e si occupa dell integrazione di tecniche di problem solving e sistemi CAE Daniele Regazzoni Laureato in Ingegneria Meccanica nel 2002 all università di Bergamo attualmente ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale della stessa università Si occupa di metodologie per lo Sviluppo prodotto da strumenti CAD a soluzioni PDM PLM di Innovazione sistematica e Proprietà intellettuale Ha partecipato come ricercatore a progetti di interesse nazionale e ad azioni specifiche per

    Original URL path: http://www.innovazionesistematica.it/index.php?option=com_content&view=article&id=27&Itemid=29 (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Collaborazioni
    passati What is TRIZ IS Services The actors involved The experts of the Centre Next events TETRIS Project Contacts Perché rivolgersi al Centro Gli attori Gli esperti del centro Collaborazioni Il progetto TRIZ per le PMI FSE I Servizi del Centro Scarica la presentazione pdf Il Centro e i Servizi per Aziende e Singoli Contatti Centro di competenza per l Innovazione Sistematica c o Fondazione Politecnico di Milano Piazza Leonardo

    Original URL path: http://www.innovazionesistematica.it/index.php?option=com_content&view=article&id=10&Itemid=5 (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Il progetto “TRIZ per le PMI” (FSE)
    iniziativa Innovazione Sistematica è nata grazie al progetto TRIZ Innovazione Sistematica per le PMI lombarde avviato da allora Consorzio Politecnico Innovazione in seguito Alintec nel 2005 per diffondere nelle piccole e medie imprese la capacità di innovare con metodo e continuità con la metodologia Triz Il progetto è stato finanziato da Regione Lombardia Ministero dell Economia e delle Finanze e Ministero dell Università e della Ricerca Obiettivi Analizzare il processo di innovazione nei settori dell automazione e della meccanica avanzata Individuare modelli sostenibili per l introduzione della metodologia per l innovazione sistematica nelle Pmi Promuovere lo sviluppo tecnologico del sistema produttivo milanese supportando in particolare le Pmi localizzate in aree depresse nell acquisizione della metodologia Generare e trasferire conoscenze nelle Pmi Diffondere una nuova cultura e un approccio all innovazione di tipo pro attivo Divulgare metodologie ed esperienze di successo che siano alla portata di aziende anche di piccole dimensioni e che possano contribuire a mantenere ed aumentare il vantaggio competitivo acquisito Interessare il maggior numero di imprenditori alla metodlogia TRIZ e sensibilizzarli all uso di nuove tecniche e strumenti innovativi Rafforzare le interazioni tra università e mondo industriale attraverso esperienze di trasferimento tecnologico Nel progetto sono state coinvolte nove piccole e medie imprese del milanese operanti nei settori dell automazione e della meccanica avanzata che hanno sperimentato l utilizzo di TRIZ con l ausilio di esperti universitari Partner Provincia di Milano Formamec consorzio di formazione della Federazione Anima Il progetto si è chiuso con un convegno conclusivo il 12 Ottobre 2006 presso Palazzo Isimbardi Milano Di seguito è disponibile un articolo di sintesi del progetto e realizzato in occasione del convegno di chiusura D Tommasi Innovazione sistematica pdf Subfornitura News febbraio 2007 Risultati I risultati del progetto concluso a fine ottobre 2006 sono stati raccolti in una pubblicazione distribuita

    Original URL path: http://www.innovazionesistematica.it/index.php?option=com_content&view=article&id=8&Itemid=6 (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Formazione sulla Teoria TRIZ
    Servizi per Aziende e Singoli Contatti Centro di competenza per l Innovazione Sistematica c o Fondazione Politecnico di Milano Piazza Leonardo da Vinci 32 20133 Milano Italy Tel 39 02 2399 9107 info at innovazionesistematica it Formazione sulla Teoria TRIZ Il Centro di competenza offre servizi di formazione su TRIZ e sull Innovazione Sistematica per imprenditori tecnici responsabili di R S ricercatori universitari professionisti e in generale per chi opera nel campo dello sviluppo prodotto L obiettivo della formazione è fornire i metodi e gli strumenti per la risoluzione inventiva dei problemi industriali attraverso un processo sistematico anche attraverso la sperimentazione di quanto appreso su casi pratici Per questo motivo l attività formativa si articola tipicamente sia in sessioni di apprendimento in aula sia assistenza e tutoraggio dei partecipanti nello svolgimento di progetti e casi aziendali di problem solving I corsi sono organizzati per Aziende ed Enti Le attività formative sono concordate e programmate in base alle specifiche esigenze del cliente sia partendo da un offerta formativa standard sia creando un offerta personalizzata per Persone singole Vengono organizzati corsi Executive e percorsi base erogati con cadenza semestrale sulla base del numero di richieste pervenute L offerta formativa standard si riferisce

    Original URL path: http://www.innovazionesistematica.it/index.php?option=com_content&view=article&id=11&Itemid=8 (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Offerta formativa standard per aziende
    DI INTRODUZIONE A TRIZ Durata 4 ore Destinatari imprenditori responsabili di Ricerca e Sviluppo responsabili innovazione di prodotto e processo Obiettivi informare sulla teoria TRIZ la logica i suoi vantaggi di applicazione rispetto ai metodi tradizionali Contenuti Introduzione alle principali metodologie di sviluppo prodotto Maggiori ostacoli all innovazione Caratteristiche e limiti dei metodi psicologici Origine e filosofia TRIZ Vantaggi di TRIZ e come può supportare il processo di innovazione Introduzione all intero programma di formazione PERCORSO COMPLETO DI FORMAZIONE CORSO BASE TRIZ Durata 3 2 giornate Destinatari tecnici progettisti innovatori di prodotto e processo max 15 partecipanti Obiettivi Far comprendere ai partecipanti i fondamenti di TRIZ ed acquisire le capacità operative di base analisi del problema e generazione di idee per la risoluzione inventiva di problemi attraverso un percorso sistematico Contenuti Fondamenti di TRIZ Tecniche e strumenti per la modellazione di sistemi tecnici Modelli del processo di problem solving strumenti TRIZ per la generazione di soluzioni inventive Applicazione integrata degli strumenti I contenuti del corso base strumenti tecniche e modelli consentono di affrontare e di gestire in linea di massima pressoché tutte le casistiche di problemi tecnici Modalità il 50 60 del tempo è dedicato all acquisizione delle capacità pratiche tramite la proposizione di esercizi TUTORAGGIO CASO DI STUDIO Al termine del corso base è possibile organizzare un attività di tutoraggio che prevede l affiancamento e l assistenza ai tecnici formati nella risoluzione di uno o più casi proposti dal committente I casi aziendali proposti per la sperimentazione del metodo sono definiti e selezionati perché la loro complessità sia adeguata a commisurata con gli strumenti presentati nel corso base Durata 5 6 ½ giornate Obiettivi Far acquisire una maggiore pratica e confidenza con gli strumenti TRIZ di base sperimentando la loro applicazione ad un caso reale Modalità I tecnici che hanno seguito il corso base sono divisi in gruppi di 2 3 persone e affiancati e guidati da un Tutor nell esecuzione del progetto proposto L assistenza è svolta alternando incontri diretti presso l azienda ad incontri a distanza La durata consigliata per ciascun caso di studio è di 1 2 mesi con cadenza degli incontri settimanale CORSO AVANZATO TRIZ Durata 3 2 giornate Destinatari tecnici progettisti innovatori di prodotto e processo max 15 partecipanti che hanno seguito il corso base ed hanno svolto un attività di tutoraggio su un caso studio o che hanno maturato autonomamente competenze teoriche e pratiche di TRIZ Obiettivi Far acquisire capacità pratiche nell uso e nell applicazione degli strumenti avanzati del TRIZ classico all inventive problem solving e nell applicazioni di TRIZ ad attività di carattere strategico Contenuti Modellazione S field 76 Inventive Standard Fondamenti di ARIZ 85 C Technology Forecasting basato su TRIZ Analisi per la prevenzione dei guasti Modalità Il 50 del tempo sarà dedicato alla pratica con dei casi reali È consigliabile tenere il corso avanzato almeno due mesi dopo il termine del corso base TUTORAGGIO PROGETTO AZIENDALE Al termine del corso avanzato è possibile organizzare un attività di tutoraggio che

    Original URL path: http://www.innovazionesistematica.it/index.php?option=com_content&view=article&id=12&Itemid=25 (2016-04-29)
    Open archived version from archive



  •