web-archive-it.com » IT » K » KIWIDO.IT

Total: 668

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Kiwido.it :: Inside Art :: PIANI MIGRANTI
    un pranzo in un casale di campagna con alcuni immigrati residenti nella zona È l occasione per raccogliere testimonianze sulle loro aspettative i loro percorsi le loro esistenze le difficoltà l evolversi dei loro piani migranti Attraverso i racconti degli immigrati di Scansano le aspirazioni le difficoltà l impatto con il vecchio continente nel momento della sua massima crisi L abbandono del proprio paese alla volta dell Italia alla ricerca

    Original URL path: http://kiwido.it/stampa/dettaglio.asp?id=204 (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Kiwido.it :: Indie Eye :: PIANI MIGRANTI. L'IMMIGRAZIONE AI TEMPI DELLA CRISI
    STAMPA Download 2013 07 30PM IndieEye Indie Eye PIANI MIGRANTI L IMMIGRAZIONE AI TEMPI DELLA CRISI 30 07 2013 All inzio del 2013 il circolo Arci di Scansano in Maremma organizza un pranzo in un casale con alcuni immigrati della zona È l occasione per raccogliere testimonianze sulle aspettative i percorsi le esistenze le difficoltà l evolversi dei loro piani migranti Il circolo Arci Macramè è lo spazio dove Federico Carra raccoglie le testimonianze degli immigrati di Scansano le loro aspirazioni le loro difficoltà l impatto con il Vecchio Continente nel momento della sua massima crisi L abbandono del proprio paese per cercare in Italia una vita migliore di quella offerta nel loro paese di orgine con il progetto di un ritorno alla terra natale con maggiori mezzi economici a disposizione un progetto oggi totalmente irrealizzabile perchè arrivare in un paese in crisi totale è arrivare in un luogo che mostra come ferite ancora aperte tutte le sue contraddizioni in modo esplosivo È lo stesso concetto di inclusione che diventa una prassi difficoltosa con un solo denominatore comune tra italiani e immigrati quello di un futuro migliore La scomparsa della classe media in quasi tutto il mondo quella di potere

    Original URL path: http://kiwido.it/stampa/dettaglio.asp?id=203 (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Kiwido.it :: CinemAfrica :: PIANI MIGRANTI: IL MONDO IN MAREMMA
    MIGRANTI IL MONDO IN MAREMMA 30 07 2013 E visionabile su You Tube http youtu be q7hTXoV7yJk e su Facebook https www facebook com PianiMigranti il trailer del cortometraggio documentario di Federico Carra Piani migranti 34 2013 All inizio della primavera del 2013 il circolo Arci Macramè di Scansano in Maremma organizza un pranzo in un casale di campagna con alcuni immigrati residenti nella zona E l occasione per raccogliere testimonianze sulle loro aspettative i loro percorsi le loro esistenze le difficoltà l evolversi dei loro piani migranti Attraverso i racconti degli immigrati di Scansano scopriamo le aspirazioni le difficoltà l impatto con il primo mondo nel momento della sua massima crisi L abbandono del proprio paese alla volta dell Italia alla ricerca di un lavoro di una vita migliore spesso con la speranza ad oggi irrealizzabile di un ritorno con più mezzi economici in un paese di origine nel frattempo sviluppatosi L arrivo in un paese in crisi con l esplodere delle sue contraddizioni tra la solidarietà della gente e le complicazioni burocratiche la mancanza di sostentamento e una speranza difficile a morire Problematiche di un presente in cui l inclusione diviene ancor più difficoltosa con la speranza per

    Original URL path: http://kiwido.it/stampa/dettaglio.asp?id=205 (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Kiwido.it :: CarnageNews :: SECONDO L'OCCHIO DI PAOLO GIOLI
    bastano le briciole Una volta usò come otturatore del suo congegno una foglia diuna particolare pianta non ci dice quale in un particolareperiodo fatta vibrare dal vento Oppure la ruota di Marcel Duchamp che egli considera insieme a James Joyce mitoinsuperabile per ancora molte generazioni Avrebbe voluto che Marcel vedesse quel suo particolare tributo le Immagini travolte dalla ruotadi Duchamp 2008 proiettato al Lucca Film Festival Si chiede che faccia avrebbe fattovedendo che la sua ruota è diventata per Gioli un otturatore perfetto trasformando un ready made dada in un ingranaggio di una macchina da presa una macchina per la produzione di significato Perché Gioli ci mostra chiaramente come all interno del linguaggio da lui semprereinventato si nasconde la parte più potente del contenuto Quelle sue immagini in movimento sembrano cercare sempre unequilibrio una quiete Come scrive Erik Bullot il regista ecritico francese che introduce l artista veneto all incontrotenutosi al Lucca Film festival il 3 ottobre 2012 questa tensionefra movimento e quiete rispecchia le pulsioni freudiane di Erose Thanatos La pulsione sessuale di vita e quella di morte Non a caso fra i soggetti ricorrenti di Gioli ci sono i genitali Ma come abbiamo già detto questo tipo di contenuto è solo la puntadi un iceberg che diventa sempre più affascinante più si scendein profondità Negli abissi dove la luce non arriva La luce si ferma alla pellicola indirizzata da quelle invenzioni quelle macchine di cui probabilmente rimarranno poche traccefisiche forse perchè fatte a pezzi e rimontate per nuovi esperimenti ma che generanoprepotentemente l opera Gioli come molto spesso accade non è riuscito a conseguire in patria lostesso successo che gli hanno riservato all estero Le sue opere sono state esposte al MoMa di New York al Centro Pompidou di Parigi In Italiapurtroppo il suo contributo è pressochè sconosciuto Questo spiega perchè a Lucca come abbiamo già detto è Bullot a proporre al pubblico una chiaveinterpretativa al lavoro di quello che per il nostro paese è poco più di un eccentrico signore diSarzano di Rovigo Poi dopo un breve intervento dell artista vengono proiettate quattro dei suoi diciannove cortometraggi in programmazione a Lucca Intervista a Paolo Gioli Una volta che il cono di luce alle spalle delpubblico si affievolisce e torna la luce in sala raggiungiamo Gioli che ci parla del suo modo diintendere le sue ricerche Si racconta con umiltàma con la profonda amarezza di chi non riesce araccogliere l approvazione nella sua terrad origine dopo aver conseguito grandi successitra gli Stati Uniti e la Francia Il fare deve essere senza che te lo chieda nessuno Nel cinema trovi che ti venga ordinato un certomodo di procedere Nella mia opera c è la negazione assoluta di questo tipo di stimolo esterno Cisei solo tu con quello che sai e basta le letture quello che guardi la natura E un pò unafilosofia un atteggiamento disinteressato e spontaneo come uno che si alza e compone al pianoforte Non glielo chiede nessuno Può anche non farlo e lui si sente di

    Original URL path: http://kiwido.it/stampa/dettaglio.asp?id=201 (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Kiwido.it :: La Repubblica - Bari :: MASTRELLA E REZZA SVELANO OTTIMISMO DEMOCRATICO
    notizie eventi stampa informazioni contatti STAMPA La Repubblica Bari MASTRELLA E REZZA SVELANO OTTIMISMO DEMOCRATICO 15 08 2012 Si chiudono oggi gli Avvistamenti La mostra internazionale del video e del cinema d autore promossa da Antonio Rezza e Flavia Mastrella chiude i battenti Nella chiesa Santa Margherita dalle 19 sono in programma le proiezioni si parte con Escoriandoli e Delitto sul Po mentre l appuntamento più atteso della serata è

    Original URL path: http://kiwido.it/stampa/dettaglio.asp?id=200 (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Kiwido.it :: CineBlog.it :: ANTONELLO BRANCA: IL PIACERE DI CERCARE IL RACCONTO
    Il tema può essere posto a dieci anni dalla morte di Antonello Branca un regista sardo che ha viaggiato il mondo con la cinecamera in spalla E un tema importante che non può essere eluso Ogni giorno su tutte le reti vediamo in prevalenza doc che si somigliano in modo impressionante Lo stile è lo stesso e anche i contenuti quasi sempre a carattere sociale Consiste in immagini poco accurate inserite tra un intervista e l altra un tormentone di luoghi comuni o di chiacchiere a vuoto nella evaporazione dei contenuti e delle analisi Non restano negli occhi e nella mente che molte occasioni perdute Branca andava in senso letteralmente opposto Cominciò nel 1961 con doc girati a Londra la capitale dei Beatles e di Mary Quant la creatrice della minigonna Poi si trasferì negli Usa e filmò la sensazione il clamore il grido di dolore per la uccisione del presidente Kennedy Tornò in Italia per girare il disastro del Vajont scene straordinarie strazianti in una terra sconvolta dal crollo di una diga Realizzò ritratti di Fellini e Mastroianni Riprese la via dell America per raccontare le avanguardie artistiche a New York la vita a Los Angeles e la progettazione del futuro nei laboratori della California E così via Un lungo elenco di riprese e di interventi che sono i documenti di una storia che da essi può essere raccontata con ulteriori riflessioni a distanza di anni Nel 1970 diresse un film Seize the Time che è un punto di riferimento per la rappresentazione della protesta dei neri Tra gli ultimi lavori film sulla multiculturalità su Cinecittà sulla crisi del 1929 Come si vede una gran varietà di proposte Presentate con linguaggi diversi ritmati esaurienti Si capiva e si capisce non ci si perdeva e non ci si perde nei

    Original URL path: http://kiwido.it/stampa/dettaglio.asp?id=197 (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Kiwido.it :: Cineclandestino.it :: DVD & CO.: SEIZE THE TIME
    America ostile intollerante imperialista pronta a schierare tutto il proprio apparato repressivo contro le istanze di cambiamento promosse da più parti era il naturale antagonista del Black Panther Party Con il Libretto Rosso in una mano e un fucile nell altra pronte altresì a sostenere la loro gente con interventi sociali di notevole impatto come il Free Breakfast for Children Program le Pantere Nere dichiararono guerra al sistema Lo fecero nel nome dei diritti fino ad allora sempre violati della popolazione di colore ma puntellando al contempo una lotta di classe dotata di più ampio respiro e per niente isolata dalle rivendicazioni di gay femministe pacifisti ed altri ancora La piccola troupe di Antonello Branca in Seize the Time ne testimonia la vitalità rappresentando in forma semi documentaristica i momenti più duri dello scontro sociale in atto le manifestazioni soffocate brutalmente da democratici sbirri stelle e strisce armati di manganelli armi da fuoco e baionette Così come vengono testimoniati altri aspetti della militanza nel Black Panther Party Ma ciò avviene senza rinunciare a scene di evidente marca situazionista che hanno spesso per protagonista l attore Norman Jacobs bravo ad accompagnarne sullo schermo la carica eversiva di una rappresentazione che si arricchisce in questi casi di sfumature godardiane Con i bellissimi brani di Elaine Brown The Meeting The End of Silence Seize the Time a far vibrare la colonna sonora di un film che non nasconde certo l intento di risultare contiguo agli ideali delle Pantere Nere Scheda tecnica Titolo Originale id Paese anno Italia 1970 Regia Antonello Branca Durata 90 47 What s Happening Regione Free Formato Color b w PAL 4 3 Audio Inglese 2 0 Sottotitoli Italiano Francese Extra What s Happening WEB EXTRA Credits Distribuzione Kiwido Federico Carra Editore Credi amico mio Questo silenzio può finire Noi dobbiamo solo prendere i fucili Ed essere uomini Elaine Brown The end of Silence Il libro che accompagna il dvd di Seize the Time uno snello fascicolo i cui testi sono stampati sia in italiano che in inglese è in realtà uno strumento utilissimo se si vuole contestualizzare in maniera appropriata i due film di Antonello Branca What s Happening e per l appunto Seize the Time che altrimenti potrebbero sembrare scorie di una stagione di lotte e di mutamenti irrimediabilmente lontana Con tutto il sostrato di malinconia poi che il veder sepolta nella memoria un epopea come quella delle Pantere Nere così distante dallo squallore e dall opportunismo politico del nostro presente senza dubbio comporta Sono quattro gli interventi ivi raccolti ognuno con una datazione e un origine diversa Un film sulla rivoluzione di Nobuko Miyamoto L America di Branca e quella di Pasolini di Italo Moscati Afferra il tempo di Elaine Brown e Le difficoltà di una pellicola militante dello stesso Antonello Branca L artista nippo americana Nobuko Miyamoto partecipò alla realizzazione di Seize the Time ed il suo breve scritto è una emozionante testimonianza di chi scopriva in quel modo il Black Panther Party la metodologia di

    Original URL path: http://kiwido.it/stampa/dettaglio.asp?id=142 (2016-02-18)
    Open archived version from archive

  • Kiwido.it :: Kathodik :: ANTONELLO BRANCA: SEIZE THE TIME (AFFERRA IL TEMPO)
    nel 1935 e scomparso nel 2002 prova a raccontare attraverso questo film il movimento americano delle Pantere Nere dal suo interno L intenzione si legge nel suo saggio presente nel corposo libretto in italiano ed inglese all interno del dvd è quella di girare un film sul modello di La battaglia di Algeri di Gillo Pontecorvo Branca crea così questo docufiction nell accezione del termine fusione del cinema di finzione con il documentario militante utilizzando un solo attore professionista Norman Jacobs il quale vive momenti di vita di una pantera nell America teoricamente contro il razzismo ma che al suo interno aveva segretamente programmato l annientamento del movimento Scene di manifestazioni di scontri dei militanti con la polizia si alternano a momenti di relativa quotidianità e a tratti paradossale come il colloquio di lavoro effettuato con la macchina della verità a mò di interrogatorio o la scena in cui l attore partecipa ad un corteo con la camicia di forza cercando di spiegare ai partecipanti ed al manipolo dei musicisti quali erano le reali catene che imprigionavano le menti dei cittadini ad altri momenti in cui Jacobs gioca con la sua bambina e contemporaneamente cerca di spiegarle i precetti e

    Original URL path: http://kiwido.it/stampa/dettaglio.asp?id=139 (2016-02-18)
    Open archived version from archive