web-archive-it.com » IT » L » LEGAMBIENTEFVG.IT

Total: 413

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Legambiente FVG - Onlus - Luoghi e Territori
    visto subire un secco collasso dell attività La riscoperta di un cibo è capace da sola di rilanciare anche un paesaggio corrispondente Mangiando molta pitina aumentano le praterie artificiali Camminando il territorio ci chiederemo appunto di queste nuove prospettive 21 giugno Clauzetto Gli altopiani ricchi d acqua di Pradis a partire dal 600 furono fittamente insediati con decine di borghi di piccola dimensione legati per lo più all allevamento di pecore e capre Questa presenza fu in qualche modo organizzata anche in relazione alla produzione di prodotti facilmente vendibili in pianura Tra la fine dell 800 e l inizio del 900 sorsero le prime latterie sociali che producevano un nuovo formaggio del tipo montasio Questo cambiò in modo radicale il rapporto con le risorse riducendo il pascolo brado e privilegiando l allevamento in stalla di vacche che venivano alimentate con foraggio La crisi di questa economia dopo la seconda guerra mondiale portò a un collasso del sistema economico dell altipiano Negli anni 80 e 90 furono tentate delle iniziative di modernizzazione l allevamento di ungolati selvatici sul monte Pala coltivazioni intensive di patate l acqua Pradis senza riuscire ad invertire la crisi delle produzioni alpine Oggi su questi altipiani la ripresa dell allevamento e di una nuova forma di attività casearia si percepisce come un elemento di continuità rispetto alla recente tradizione 25 ottobre Il Sanvitese e le acque La conservazione e la protezione di una risorsa importante come l acqua ha prodotto un importante progetto di forestazione attorno alle prese dell acquedotto di Torrate In pochi anni quest ambiente sta cambiando il suo carattere paesaggistico da aree di agricoltura intensiva a una selva planiziale tornando verso un paesaggio tradizionale Visiteremo poi un ambiente quello del cimitero degli ebrei costruito alcune decine di anni fa con un intento di restauro paesaggistico degli ambienti delle olle di risorgiva Si tratta di un community garden gestito da volontari e soggetto a un suo speciale processo evolutivo Da qui raggiungeremo la settecentesca azienda agricola di Braida Curti un tempo al centro di un sistema di risaie oggi scomparse Attraverseremo poi un tratto di campagna ancora ben conservata per raggiungere Ramuscello patria della moderna agricoltura friulana da quando Gherardo Freschi iniziò a stampare l Amico del Contadino nel 1842 8 novembre Da Pinzano al Tagliamento a Travesio attraverso le colline argillose Le colline argillose della destra Tagliamento in origine erano sfruttate da insediamenti nucleati Pinzano e Valeriano posti sui primi depositi ghiaiosi ma più a monte questo ambiente fu colonizzato con insediamenti lineari e di vertice che si sviluppavano sui crinali più stabili Insediamenti in equilibrio con condizioni orografiche difficili e oggi difficili da comprendere visto la crisi insediativa e lo spazio conquistato dal bosco Nonostante tutto negli ultimi anni in questa zona sono nate delle esperienze molto interessanti che ripristinano e o reinventano alcune tradizioni locali la cipolla della Val del Cosa il recupero di alcuni vitigni autoctoni nuovamente impiantati e delle mele antiche l allevamento delle capre o hanno contribuito ad introdurre nuove pratiche e colture e a trasformare il paesaggio es il formaggio caprino e la creazione ex novo di boschetti di piante micronizzate per la produzione del tartufo Visiteremo quindi alcuni imprenditori e conosceremo questi esperimenti di nuova agricoltura nel solco della tradizione 13 dicembre Dopo l industrializzazione della bassa Panigai Pramaggiore e Azzanello La bassa del Friuli Occidentale è divisa tra Veneto e Friuli Venezia Giulia ma da sempre è caratterizzata nei settori della pianura umida da paesaggi piuttosto omogenei In questo ambiente in antico c erano tre piccoli feudi Panigai Frattina e Salvarolo Queste zone di antico disegno e caratterizzate da un insediamento diffuso piuttosto antico hanno visto consolidarsi alcuni centri con carattere anche industriale Chions e Pramaggiore e un sistema di agricoltura intensiva legata alla vigna nei territori più asciutti Le ampie golene del Fiume e del Sile si contrappongono alle piane strutturate dall agricoltura del vino di Lison Eppure in questi ambienti ricchi di contrasto si stanno costruendo anche esperienze evolutive legate a un senso sociale dell agricoltura 2016 3 aprile I nuovi paesaggi dell agricoltura industrializzata dell alta pianura I paesaggi dell alta pianura pordenonese vanno considerati tra i più modernizzati dell intera regione L arrivo dell acqua dopo gli anni 30 ma soprattutto i nuovi sistemi di irrigazione ha permesso di costruire un ambiente ricco di nuovi disegni di modernità e di imprenditorialità Le antiche praterie hanno lasciato il posto a vigne e coltivazioni di pregio Attività impensabili solo mezzo secolo fa Con questa escursione visiteremo le aree sabbiose di Ovoledo con l esperienza oggi un poco in crisi della cooperativa di agricoltori della patata i territori influenzati dalla continua crescita dei vivai di Rauscedo e le campagne della Richinvelda ormai colonizzate da vitigni forestieri come il prosecco Le casere del Cansiglio e la resistenza del formaggio di malga Complice la facile geografia delle terre alte di Caneva e Polcenigo servita dal 1877 da una importante strada diretta al Cansiglio le malghe dell altipiano hanno avuto una continuità d uso fino ad oggi Alcuni anni fa la crisi di questa attività fu contrastata con un progetto di valorizzazione del formaggio di malga e una generale ristrutturazione delle casere pubbliche Nel complesso delle diverse esperienze produttive legate al settore caseario oggi ci sono esperienze tradizionali e altre più moderne come quella di una fattoria didattica estiva Fossa di Sarone Visiteremo poi Malga Col dei Scios Malga Costa Cervera Casera Fossa di Bena Casera Cercenedo Caneva il figo il vino e gli olivi Negli ultimi vent anni i territori della storica canipa patriarcale non sono certo diventati il nuovo Collio e le trasformazioni territoriali hanno subito fasi alterne di espansione e crisi Il itto particellato dei campi ha sempre inibito la costituzione di grandi aziende agricole e dove queste sono state costituite il disegno del suolo è profondamente cambiato A Caneva è molto facile notare ambienti ben coltivati a fianco di cave di marmorino e a spazi inselvatichiti Questi accostamenti creano uno stridore paesaggistico impensabile in

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-pordenone/1203-luoghi-e-territori.html (2016-04-29)
    Open archived version from archive


  • Legambiente FVG - Onlus - Luoghi e Territori
    spontanee iniziative di allevamento della pecora in una zona in cui la storica tradizione dell allevamento ovino aveva visto subire un secco collasso dell attività La riscoperta di un cibo è capace da sola di rilanciare anche un paesaggio corrispondente Mangiando molta pitina aumentano le praterie artificiali Camminando il territorio ci chiederemo appunto di queste nuove prospettive 21 giugno Clauzetto Gli altopiani ricchi d acqua di Pradis a partire dal 600 furono fittamente insediati con decine di borghi di piccola dimensione legati per lo più all allevamento di pecore e capre Questa presenza fu in qualche modo organizzata anche in relazione alla produzione di prodotti facilmente vendibili in pianura Tra la fine dell 800 e l inizio del 900 sorsero le prime latterie sociali che producevano un nuovo formaggio del tipo montasio Questo cambiò in modo radicale il rapporto con le risorse riducendo il pascolo brado e privilegiando l allevamento in stalla di vacche che venivano alimentate con foraggio La crisi di questa economia dopo la seconda guerra mondiale portò a un collasso del sistema economico dell altipiano Negli anni 80 e 90 furono tentate delle iniziative di modernizzazione l allevamento di ungolati selvatici sul monte Pala coltivazioni intensive di patate l acqua Pradis senza riuscire ad invertire la crisi delle produzioni alpine Oggi su questi altipiani la ripresa dell allevamento e di una nuova forma di attività casearia si percepisce come un elemento di continuità rispetto alla recente tradizione 25 ottobre Il Sanvitese e le acque La conservazione e la protezione di una risorsa importante come l acqua ha prodotto un importante progetto di forestazione attorno alle prese dell acquedotto di Torrate In pochi anni quest ambiente sta cambiando il suo carattere paesaggistico da aree di agricoltura intensiva a una selva planiziale tornando verso un paesaggio tradizionale Visiteremo poi un ambiente quello del cimitero degli ebrei costruito alcune decine di anni fa con un intento di restauro paesaggistico degli ambienti delle olle di risorgiva Si tratta di un community garden gestito da volontari e soggetto a un suo speciale processo evolutivo Da qui raggiungeremo la settecentesca azienda agricola di Braida Curti un tempo al centro di un sistema di risaie oggi scomparse Attraverseremo poi un tratto di campagna ancora ben conservata per raggiungere Ramuscello patria della moderna agricoltura friulana da quando Gherardo Freschi iniziò a stampare l Amico del Contadino nel 1842 8 novembre Da Pinzano al Tagliamento a Travesio attraverso le colline argillose Le colline argillose della destra Tagliamento in origine erano sfruttate da insediamenti nucleati Pinzano e Valeriano posti sui primi depositi ghiaiosi ma più a monte questo ambiente fu colonizzato con insediamenti lineari e di vertice che si sviluppavano sui crinali più stabili Insediamenti in equilibrio con condizioni orografiche difficili e oggi difficili da comprendere visto la crisi insediativa e lo spazio conquistato dal bosco Nonostante tutto negli ultimi anni in questa zona sono nate delle esperienze molto interessanti che ripristinano e o reinventano alcune tradizioni locali la cipolla della Val del Cosa il recupero di alcuni vitigni autoctoni nuovamente impiantati e delle mele antiche l allevamento delle capre o hanno contribuito ad introdurre nuove pratiche e colture e a trasformare il paesaggio es il formaggio caprino e la creazione ex novo di boschetti di piante micronizzate per la produzione del tartufo Visiteremo quindi alcuni imprenditori e conosceremo questi esperimenti di nuova agricoltura nel solco della tradizione 13 dicembre Dopo l industrializzazione della bassa Panigai Pramaggiore e Azzanello La bassa del Friuli Occidentale è divisa tra Veneto e Friuli Venezia Giulia ma da sempre è caratterizzata nei settori della pianura umida da paesaggi piuttosto omogenei In questo ambiente in antico c erano tre piccoli feudi Panigai Frattina e Salvarolo Queste zone di antico disegno e caratterizzate da un insediamento diffuso piuttosto antico hanno visto consolidarsi alcuni centri con carattere anche industriale Chions e Pramaggiore e un sistema di agricoltura intensiva legata alla vigna nei territori più asciutti Le ampie golene del Fiume e del Sile si contrappongono alle piane strutturate dall agricoltura del vino di Lison Eppure in questi ambienti ricchi di contrasto si stanno costruendo anche esperienze evolutive legate a un senso sociale dell agricoltura 2016 3 aprile I nuovi paesaggi dell agricoltura industrializzata dell alta pianura I paesaggi dell alta pianura pordenonese vanno considerati tra i più modernizzati dell intera regione L arrivo dell acqua dopo gli anni 30 ma soprattutto i nuovi sistemi di irrigazione ha permesso di costruire un ambiente ricco di nuovi disegni di modernità e di imprenditorialità Le antiche praterie hanno lasciato il posto a vigne e coltivazioni di pregio Attività impensabili solo mezzo secolo fa Con questa escursione visiteremo le aree sabbiose di Ovoledo con l esperienza oggi un poco in crisi della cooperativa di agricoltori della patata i territori influenzati dalla continua crescita dei vivai di Rauscedo e le campagne della Richinvelda ormai colonizzate da vitigni forestieri come il prosecco Le casere del Cansiglio e la resistenza del formaggio di malga Complice la facile geografia delle terre alte di Caneva e Polcenigo servita dal 1877 da una importante strada diretta al Cansiglio le malghe dell altipiano hanno avuto una continuità d uso fino ad oggi Alcuni anni fa la crisi di questa attività fu contrastata con un progetto di valorizzazione del formaggio di malga e una generale ristrutturazione delle casere pubbliche Nel complesso delle diverse esperienze produttive legate al settore caseario oggi ci sono esperienze tradizionali e altre più moderne come quella di una fattoria didattica estiva Fossa di Sarone Visiteremo poi Malga Col dei Scios Malga Costa Cervera Casera Fossa di Bena Casera Cercenedo Caneva il figo il vino e gli olivi Negli ultimi vent anni i territori della storica canipa patriarcale non sono certo diventati il nuovo Collio e le trasformazioni territoriali hanno subito fasi alterne di espansione e crisi Il itto particellato dei campi ha sempre inibito la costituzione di grandi aziende agricole e dove queste sono state costituite il disegno del suolo è profondamente cambiato A Caneva è molto facile notare ambienti ben coltivati

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-pordenone/1203-luoghi-e-territori.html?tmpl=component&print=1&layout=default&page= (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Legambiente FVG - Onlus - Uno strumento di contrasto dell'abbandono della montagna
    può diventare uno strumento per il recupero funzionale per la promozione e la tutela dei terreni abbandonati Il sindaco di Stregna Luca Postregna parlerà di come è nata e si è sviluppata l Associazione fondiaria Valle dell Erbezzo nelle Valli del Natisone Moreno Baccichet presenterà il suo studio sulla trasformazione del paesaggio della pedemontana tra Aviano e Budoia negli ultimi due secoli Interverranno inoltre il sindaco di Budoia Roberto De Marchi e Renato Marcon presidente di Legambiente Pordenone e consigliere comunale a Stregna L Associazione fondiaria è uno strumento che raggruppa i proprietari dei terreni abbandonati con destinazione agricola boschiva o pastorale ed è finalizzato a una gestione del territorio che ne conservi e migliori i valori agricoli ambientali paesaggistici e ne tuteli la biodiversità Le prime esperienze nascono in Francia vengono esportate in Piemonte Lombardia e la prima Associazione fondiaria delle Alpi orientali è operativa da un anno con l unica esperienza della Valle dell Erbezzo la più sud orientale delle Valli del Natisone soprattutto per iniziativa del Comune di Stregna Il successo di quest iniziativa potrebbe essere trasferito presto anche nella pedemontana pordenonese dove ci sono simili problematiche di abbandono e marginalità Il convegno promosso da Legambiente inoltre vuole porre le basi per l avvio della sperimentazione di questa buona pratica anche in altre zone del Pordenonese Sono stati coinvolti infatti anche il circolo Legambiente delle Prealpi Carniche e quello di Pinzano al Tagliamento Un dato incoraggiante è la risposta positiva ottenuta dalla popolazione delle Valli del Natisone nel primo anno di vita dell Associazione fondiaria Valle dell Erbezzo Fin da subito afferma il sindaco Postregna siamo riusciti a coinvolgere numerosi soci che percepite le potenzialità dello strumento si sono attivati per contattare i proprietari dei fondi I cittadini una volta rassicurati sul mantenimento della proprietà hanno condiviso

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-pordenone/1410-uno-strumento-di-contrasto-dell-abbandono-della-montagna.html (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Legambiente FVG - Onlus - Uno strumento di contrasto dell'abbandono della montagna
    trasforma i paesaggi realizzato dall associazione ambientalista grazie al contributo della Regione Friuli Venezia Giulia Durante il convegno Gabriele Iussig dell Università di Torino spiegherà come l Associazione fondiaria può diventare uno strumento per il recupero funzionale per la promozione e la tutela dei terreni abbandonati Il sindaco di Stregna Luca Postregna parlerà di come è nata e si è sviluppata l Associazione fondiaria Valle dell Erbezzo nelle Valli del Natisone Moreno Baccichet presenterà il suo studio sulla trasformazione del paesaggio della pedemontana tra Aviano e Budoia negli ultimi due secoli Interverranno inoltre il sindaco di Budoia Roberto De Marchi e Renato Marcon presidente di Legambiente Pordenone e consigliere comunale a Stregna L Associazione fondiaria è uno strumento che raggruppa i proprietari dei terreni abbandonati con destinazione agricola boschiva o pastorale ed è finalizzato a una gestione del territorio che ne conservi e migliori i valori agricoli ambientali paesaggistici e ne tuteli la biodiversità Le prime esperienze nascono in Francia vengono esportate in Piemonte Lombardia e la prima Associazione fondiaria delle Alpi orientali è operativa da un anno con l unica esperienza della Valle dell Erbezzo la più sud orientale delle Valli del Natisone soprattutto per iniziativa del Comune di Stregna Il successo di quest iniziativa potrebbe essere trasferito presto anche nella pedemontana pordenonese dove ci sono simili problematiche di abbandono e marginalità Il convegno promosso da Legambiente inoltre vuole porre le basi per l avvio della sperimentazione di questa buona pratica anche in altre zone del Pordenonese Sono stati coinvolti infatti anche il circolo Legambiente delle Prealpi Carniche e quello di Pinzano al Tagliamento Un dato incoraggiante è la risposta positiva ottenuta dalla popolazione delle Valli del Natisone nel primo anno di vita dell Associazione fondiaria Valle dell Erbezzo Fin da subito afferma il sindaco Postregna siamo riusciti a

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-pordenone/1410-uno-strumento-di-contrasto-dell-abbandono-della-montagna.html?tmpl=component&print=1&layout=default&page= (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Legambiente FVG - Onlus - Assemblea dei soci del Circolo di Pordenone
    Ottimo Dettagli Pubblicato 10 Marzo 2016 Visite 117 L Assemblea dei soci di Legambiente Circolo Fabiano Grizzo di Pordenone si terrà sabato 12 marzo 2016 alle ore 17 00 presso la Casa del Popolo di Torre via Carnaro 10 a Pordenone Ordine del giorno 1 Relazione sulle attività del 2015 e approvazione del bilancio consuntivo 2015 2 Confronto sugli obiettivi dell Associazione e le attività in programma per il 2016 3 Rinnovo delle cariche sociali Consiglio Direttivo Presidente e Segretario 4 Varie ed eventuali Cena Sociale Dopo l Assemblea ci sarà la Cena Sociale del Circolo presso l Osteria Al Curtif in via del Cristo 3 a Cordenons Per partecipare alla cena è indispensabile la prenotazione entro martedi 8 marzo scrivendo a Renato Marcon Questo indirizzo email è protetto dagli spambots È necessario abilitare JavaScript per vederlo oppure telefonando o via sms 335 7504239 L Assemblea è aperta non solo ai soci ma a tutti gli interessati Vi aspettiamo Il Presidente Renato Marcon Prec Succ Circolo Pordenone Il circolo Chi siamo Attività Contatti Resta aggiornato sulle nostre iniziative Privacy e Termini di Utilizzo I più letti Come ho costruito la mia casa di legno Legambiente FVG a Casa Moderna Il

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-pordenone/1395-assemblea-dei-soci-del-circolo-di-pordenone.html (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Legambiente FVG - Onlus - Assemblea dei soci del Circolo di Pordenone
    di Torre via Carnaro 10 a Pordenone Ordine del giorno 1 Relazione sulle attività del 2015 e approvazione del bilancio consuntivo 2015 2 Confronto sugli obiettivi dell Associazione e le attività in programma per il 2016 3 Rinnovo delle cariche sociali Consiglio Direttivo Presidente e Segretario 4 Varie ed eventuali Cena Sociale Dopo l Assemblea ci sarà la Cena Sociale del Circolo presso l Osteria Al Curtif in via del

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-pordenone/1395-assemblea-dei-soci-del-circolo-di-pordenone.html?tmpl=component&print=1&layout=default&page= (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Legambiente FVG - Onlus - Ci sarà un'agricoltura in FVG nel 2021?
    un futuro sostenibile e sono testimonianza di costruzione di filiere corte di agricoltura sociale di recupero di prodotti tradizionali reinterpretati in modo moderno oppure di nuove produzioni che permettono di inquinare meno avvicinandosi a una gestione più ecologica dello spazio agricolo con il contributo della Regione FVG ai sensi della LR 23 del 2012 REPORT E MATERIALI Un incontro fuori dal coro Tra criticità opportunità ed esperienze le indicazioni di Legambiente FVG per il PSR La Politica Agricola Comunitaria PAC per il periodo 2014 2020 è probabilmente l ultima grande PAC Essa ha svolto dal secondo dopoguerra a oggi una forte funzione di collante per l Unione Europea è stato uno strumento per garantire la pace in Europa Ma tale funzione è esaurita i problemi da affrontare oggi sono altri disoccupazione giovanile innovazione ecc e i piani di integrazione sono nuovi politica fiscale comune ruolo internazionale dell UE polizia comunitaria politica migratoria Di fronte a tali esigenze pur non sottovalutando l importanza dell agricoltura nell edificazione dell Europa unita è difficile giustificare come circa il 40 del Bilancio Comunitario sia a favore esclusivo di un 4 tale è il peso degli agricoltori della popolazione europea Così ha esordito Mario Gregori professore dell Università di Udine ad apertura dell interessante e partecipato incontro pubblico svoltosi nel contesto offerto da Agriest Land 2016 E sempre per contestualizzare le riflessioni sulla politica agricola un ulteriore sollecitazione è venuta dalla professoressa Lucia Piani sempre dell Università di Udine che ha sottolineato come sia sempre più chiaro che la politica agricola non può essere trattata come un frammento avulso da un contesto un contesto di crisi economica ambientale sociale ma anche un contesto di interdipendenza nel positivo e nel negativo che questo comporta una crisi di sistema non di settore a cui cambiamenti climatici consumo di risorse picco del petrolio e perdita di biodiversità pongono sfide percepite sempre più concrete e vicine E infatti gli obiettivi indicati come prioritari indicati dalla PAC rispecchiano in pieno questa duplice necessità garantire competitività e posti di lavoro ma anche valorizzare e rinsaldare il legame tra agricoltura e ambiente tanto quanto tra agricoltura e territorio tessuto sociale E quindi verso quale agricoltura andare che sia capace di camminare con le sue gambe L agricoltura regionale è chiamata a competere soprattutto con le proprie forze su un mercato ormai globalizzato dove difficilmente potrà essere competitiva sul lato dei costi le agricolture Nord e Sud Americane e quelle del Sud est Asiatico la fanno da padrone È invece possibile essere competitivi sul lato del valore ricorda Gregori non cerchiamo calorie nel cibo ma valori valori che il cibo può incorporare e che hanno a che fare con qualità salubrità tradizione tutela ambientale ed energie rinnovabili Se da una parte i produttori devono attivare una crescita tecnologica e un cambiamento culturale e organizzativo dall altra il sistema regione deve partecipare a questo processo supportando il settore agricolo attraverso politiche di servizio multifunzionalità trasformazione organizzazione filiere logistica rapporto con Grande Distribuzione Organizzata e

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-pordenone/1366-ci-sar%C3%A0-un-agricoltura-in-fvg-nel-2021.html (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Legambiente FVG - Onlus - Gestione rifiuti urbani: comuni ricicloni a confronto
    rifiuti urbani comuni ricicloni a confronto Top Skip to content Gestione rifiuti urbani comuni ricicloni a confronto Valutazione attuale 0 Scarso Ottimo Dettagli Pubblicato 18 Giugno 2015 Visite 415 Il Circolo Fabiano Grizzo con il patrocinio del Comune di Pordenone organizza l incontro GESTIONE RIFIUTI URBANI COMUNI RICICLONI A CONFRONTO Ponte nelle Alpi tra i piccoli comuni e Pordenone tra i capoluoghi sono stati più volte premiati da Legambiente per le performance di gestione dei rifiuti ma quali sono le tipologie di raccolta adottate Quali sono le esperienze di riduzione dei rifiuti sperimentate E quali i margini di ulteriore miglioramento Ne parliamo con Ezio ORZES Assessore all ambiente del comune di Ponte nelle Alpi Nicola CONFICONI Assessore all ambiente del comune di Pordenone Luca MARIOTTO Amministratore Unico di GEA spa 24 GIUGNO 2015 ore 20 45 Saletta Ex Convento di San Francesco PORDENONE Prec Succ Circolo Pordenone Il circolo Chi siamo Attività Contatti Resta aggiornato sulle nostre iniziative Privacy e Termini di Utilizzo I più letti Come ho costruito la mia casa di legno Legambiente FVG a Casa Moderna Il deserto negli occhi anteprima a Pordenonelegge it Proposta concreta per abbattere l uso di acque in bottiglia Luminarie 2014 un

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-pordenone/1255-gestione-rifiuti-urbani-comuni-ricicloni-a-confronto.html (2016-04-29)
    Open archived version from archive



  •