web-archive-it.com » IT » L » LEGAMBIENTEFVG.IT

Total: 413

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Legambiente FVG - Onlus - Corso Urbi et Horti
    percorso gratuito di formazione 2016 su orti e verde urbano a Trieste Urbi et horti 2016 realizzato da Urbi et Horti in collaborazione con il Comune di Trieste programma in allegato L obiettivo è quello di fornire strumenti e metodi utili per promuovere progettare e realizzare esperienze di agricoltura sociale a livello territoriale con attività teoriche abbinate a momenti di confronto con esperienze già maturate integrando conoscenze e capacità di fare Interverranno all incontro gli assessori comunali Elena Marchigiani e Andrea Dapretto e Tiziana Cimolino per Urbi et Horti che presenteranno la situazione attuale e illustreranno il programma dell iniziativa che si sviluppa in 4 moduli formativi di 2 ore ciascuno per un totale di 8 ore di attività con più relazioni di esperti di agricoltura botanica e tutela del verde intervallate da momenti interattivi e lezioni pratiche Il secondo appuntamento si terrà venerdì 1 aprile sempre dalle 17 30 alle 19 00 nella sala Arac del giardino pubblico e sarà sul tema de La cura e la sicurezza del patrimonio arboreo pubblico con l intervento di Francesco Panepinto funzionario del Servizio Spazi Aperti e Spazi Verdi Pubblici del Comune di Trieste Allegati File Dimensione del File Downloads Corso urbi

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-trieste/1407-corso-urbi-et-horti.html (2016-04-29)
    Open archived version from archive


  • Legambiente FVG - Onlus - Corso Urbi et Horti
    è quello di fornire strumenti e metodi utili per promuovere progettare e realizzare esperienze di agricoltura sociale a livello territoriale con attività teoriche abbinate a momenti di confronto con esperienze già maturate integrando conoscenze e capacità di fare Interverranno all incontro gli assessori comunali Elena Marchigiani e Andrea Dapretto e Tiziana Cimolino per Urbi et Horti che presenteranno la situazione attuale e illustreranno il programma dell iniziativa che si sviluppa

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-trieste/1407-corso-urbi-et-horti.html?tmpl=component&print=1&layout=default&page= (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Legambiente FVG - Onlus - Gita in bici tra Latisana e Marano
    escursione percorreremo la ciclabile lungo l argine del Tagliamento fino a Pertegada poi attraverseremo verso est le bonifiche fino all argine della laguna di Marano dove ci fermeremo a visitare un piccolo e poco conosciuto gioiello la chiesetta medievale della Madonna della neve di Titiano fondata quale avamposto imperiale dai cavalieri dell ordine Teutonico e punto di dogana imperiale Avremo anche modo di ammirare la vasta zona umida che si estende a est di detto argine Nel pomeriggio raggiungeremo l agriturismo dell azienda Zaglia a Precenicco sulla statale 14 Si tratta di un azienda che pratica l agricoltura integrata a basso impatto ambientale e produce in particolare ottimi vini Verso le 16 degusteremo cibi e vini dell azienda Menù 20 euro bevande escluse il vino comunque non è caro Da lì alle 18 ci muoveremo per tornare alla stazione di Latisana 4 km Il percorso non presenta dislivelli e prevede un totale di complessivi 25 km circa per cui l escursione è alla portata di chiunque abbia un minimo di pratica con la bicicletta e normale forma fisica Dal momento che si mangia alle 16 chi temesse di soffrire la fame può munirsi di vettovaglie proprie da consumare al sacco presso la chiesetta di Titiano dove ci fermeremo per un oretta nelle ore centrale della giornata Non è obbligatorio consumare il menù previsto chi ad esempio desiderasse un pasto vegetariano potrà consumare ciò che preferisce pagando a parte E possibile anche venire con l auto portandosi la bici e posteggiare presso l agriturismo raggiungendo però la stazione di Latisana entro le 10 10 quando arriva il treno da Trieste E evidente che è indispensabile prenotarsi per tempo in quanto il treno difficilmente potrà portare più di 20 bici e comunque il numero massimo di partecipanti non dovrà superare le 30

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-trieste/1399-gita-in-bici-tra-latisana-e-marano.html (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Legambiente FVG - Onlus - Gita in bici tra Latisana e Marano
    all argine della laguna di Marano dove ci fermeremo a visitare un piccolo e poco conosciuto gioiello la chiesetta medievale della Madonna della neve di Titiano fondata quale avamposto imperiale dai cavalieri dell ordine Teutonico e punto di dogana imperiale Avremo anche modo di ammirare la vasta zona umida che si estende a est di detto argine Nel pomeriggio raggiungeremo l agriturismo dell azienda Zaglia a Precenicco sulla statale 14 Si tratta di un azienda che pratica l agricoltura integrata a basso impatto ambientale e produce in particolare ottimi vini Verso le 16 degusteremo cibi e vini dell azienda Menù 20 euro bevande escluse il vino comunque non è caro Da lì alle 18 ci muoveremo per tornare alla stazione di Latisana 4 km Il percorso non presenta dislivelli e prevede un totale di complessivi 25 km circa per cui l escursione è alla portata di chiunque abbia un minimo di pratica con la bicicletta e normale forma fisica Dal momento che si mangia alle 16 chi temesse di soffrire la fame può munirsi di vettovaglie proprie da consumare al sacco presso la chiesetta di Titiano dove ci fermeremo per un oretta nelle ore centrale della giornata Non è obbligatorio

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-trieste/1399-gita-in-bici-tra-latisana-e-marano.html?tmpl=component&print=1&layout=default&page= (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Legambiente FVG - Onlus - Ferriera - manifestazione cittadina
    presenza di inquinanti che minacciano la salute sia degli abitanti sia di tutti coloro che operano all interno del complesso industriale rappresentano una situazione che accomuna ma che spesso ha invece diviso creando conflitti fra persone che vivono le stesse problematiche di non rispetto dei diritti alla salubrità in uno stesso ambiente In questi anni i sindacati hanno dimenticato che le vertenze devono avere come fine da una parte la difesa del lavoro ma dall altra il rispetto dei ritmi della dignità e della salute E inaccettabile il ricatto occupazionale meglio inquinati che disoccupati La difesa dei diritti di chi opera all interno della fabbrica deve essere contestuale alla salvaguardia del benessere di chi vive nel territorio a contatto con lo stabilimento Lo sviluppo economico del territorio non può prescindere dal diritto a un esistenza non stressante alla continua angoscia di essere bersagli di sostanze chimiche che possono produrre danni sanitari irreversibili Quindi Legambiente ritiene che solo una Ferriera ecocompatibile possa essere accettabile per il territorio E mentre aspettiamo di conoscere quali saranno i criteri che devono caratterizzare la nuova Autorizzazione Integrata Ambientale con prescrizioni precise e puntuali non dimentichiamo l impegno di impresa e istituzioni di chiudere l area a caldo nel caso in cui non fossero rispettate le clausole di contenimento delle emissioni di altoforno cokeria e agglomerazione Intendiamo però pretendere per rispetto di un vivere civile e dignitoso non solo che sia salubre la qualità dell aria ma anche l eliminazione dello stress acustico associato all impianto di aspirazione della cokeria e al nuovo laminatoio Di fronte alle promesse e agli impegni di massima trasparenza dichiarati più volte dalla Regione chiediamo che vengano pubblicati in tempo reale tutti i dati relativi all inquinamento atmosferico e acustico relativi all area della Ferriera in particolare del benzoApirene e delle

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-trieste/1373-ferriera-manifestazione-cittadina.html (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Legambiente FVG - Onlus - Ferriera - manifestazione cittadina
    del complesso industriale rappresentano una situazione che accomuna ma che spesso ha invece diviso creando conflitti fra persone che vivono le stesse problematiche di non rispetto dei diritti alla salubrità in uno stesso ambiente In questi anni i sindacati hanno dimenticato che le vertenze devono avere come fine da una parte la difesa del lavoro ma dall altra il rispetto dei ritmi della dignità e della salute E inaccettabile il ricatto occupazionale meglio inquinati che disoccupati La difesa dei diritti di chi opera all interno della fabbrica deve essere contestuale alla salvaguardia del benessere di chi vive nel territorio a contatto con lo stabilimento Lo sviluppo economico del territorio non può prescindere dal diritto a un esistenza non stressante alla continua angoscia di essere bersagli di sostanze chimiche che possono produrre danni sanitari irreversibili Quindi Legambiente ritiene che solo una Ferriera ecocompatibile possa essere accettabile per il territorio E mentre aspettiamo di conoscere quali saranno i criteri che devono caratterizzare la nuova Autorizzazione Integrata Ambientale con prescrizioni precise e puntuali non dimentichiamo l impegno di impresa e istituzioni di chiudere l area a caldo nel caso in cui non fossero rispettate le clausole di contenimento delle emissioni di altoforno cokeria

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-trieste/1373-ferriera-manifestazione-cittadina.html?tmpl=component&print=1&layout=default&page= (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Legambiente FVG - Onlus - IL CASO TIP
    Trade and Investment Partnership ovvero il Parternariato Transatlantico su Commercio e Investimenti è un trattato in via di negoziazione tra Stati Uniti e Unione Europea che dovrebbe integrare Le due economie per favorirne la crescita nel lungo periodo In realtà i vantaggi si concentrerebbero nelle mani di pochi poiché l obiettivo reale è la riduzione delle barriere non tariffarie ovvero di leggi e di regolamenti che oggi esistono per la tutela dei diritti dei cittadini sul piano politico sociale ed economico I negoziati sono svolti senza trasparenza e sotto l influenza costante delle lobby economico finanziare La governance antidemocratica è confermata dal proposto Regulatory cooperation council Consiglio per la Cooperazione Regolativa che dovrebbe armonizzare verso il basso le normative europee come il principio di precauzione che è necessario per prevenire il possibile impatto negativo di un attività o di un prodotto su ambiente e salute L obiettivo principale del TTIP è la mercificazione e la privatizzazione di beni e servizi la sottrazione ai cittadini dei beni comuni come l acqua il territorio la cultura il welfare I servizi pubblici non sono oggetto dei negoziati viene affermato ma negli accordi la definizione di servizio pubblico è confinata solo all amministrazione della giustizia all ordine pubblico e alla regolazione delle rotte aeree internazionali Istruzione sanità servizio idrico servizio postale comunicazioni sarebbero alla mercè delle multinazionali Gli standard in campo ambientale alimentare chimico biotecnologico agricolo cosmetico verrebbero armonizzati in difesa degli interessi delle grandi lobby degli affari L armonizzazione avrebbe un pesante impatto occupazionale e sociale sarebbero ridotti i diritti dei lavoratori la democrazia contrattuale e limitati gli spazi delle rappresentanze sindacali Sebbene la relazione votata dal Parlamento europeo sia contraria all inclusione dell ISDS Investor to State Dispute Settlement Meccanismo di risoluzione delle controversie fra Stato e investitori che tutela gli interessi

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-trieste/1335-il-caso-tip.html (2016-04-29)
    Open archived version from archive

  • Legambiente FVG - Onlus - Memoria di Legambiente FVG sul caso Ferriera di Servola
    nota Agenzia di protezione ambientale USA USEPA in tutta una serie di pubblicazioni di settore sta prendendo piede una innovativa tecnologia di bonifica alternativa al marginamento fronte mare e al pump treat come proposto da Invitalia con già numerose applicazioni negli USA in Europa e anche a Torino nota come PRB Permeable reactive barriers Una tecnologia innovativa e meno costosa La vicenda Ferriera presenta spunti da dramma teatrale Primi attori gli imprenditori da Lucchini ad Arvedi L imprenditore non è un benefattore è normale che curi i propri interessi e il profitto magari utilizzando ingenti fondi pubblici ma è il secondo attore la Pubblica amministrazione che dovrebbe imporre all impresa il rispetto delle leggi concedere l Autorizzazione integrata ambientale solo a precise condizioni fissare prescrizioni precise e intervenire immediatamente quando queste non sono rispettate Il terzo attore l Azienda sanitaria ha svolto un ruolo positivo anche se la richiesta di svolgere un indagine epidemiologica significativa sia sugli abitanti che sui lavoratori non ha avuto una risposta utile a disegnare il quadro della situazione Il quarto attore il sindacato ha dimenticato che le battaglie sindacali pregnanti hanno come obiettivo non solo la difesa del posto di lavoro ma soprattutto i ritmi di lavoro la dignità e la salute Il quinto attore i lavoratori sono stati usati meglio inquinati che disoccupati Il timore di esprimere il proprio disagio la loro strumentalizzazione i tornaconti individuali l incapacità o la cattiva volontà del sindacato nel saper interpretare queste contraddizioni ha ridotto questi attori a soggetti poco capaci di consapevole autonomia Il sesto attore i comitati dei cittadini e le associazioni ambientaliste hanno svolto e continuano a svolgere un ruolo antagonista non tantonei confronti dell impresa quanto nei confronti della pubblica amministrazione che non ha svolto il proprio ruolo di tutela della salute di chi vive direttamente il dramma sanitario stando a stretto contatto con la Ferriera Quante contraddizioni Come il voto favorevole in Consiglio comunale sulla petizione popolare che chiedeva l eventuale chiusura dell area a caldo nel caso in cui non fosse risolto il rischio per la salute anche con gli interventi di ambientalizzazione degli impianti a cui si è aggiunta il 12 11 15 l approvazione della mozione presentata dal SEL che chiede alla giunta di intervenire sul gruppo Arvedi con un ordinanza volta a ridurre l andamento della cokeria visti i frequenti sforamenti dei limiti di legge delle emissioni e un progetto vero di riconversione Fra le tante contraddizioni la promessa di incontri periodici da parte della Regione Più niente dopo 2 incontri il primo del 13 marzo con argomento di discussione il rinnovo dell Autorizzazione Integrata Ambientale e il secondo il 16 03 con una puntuale e dettagliata illustrazione degli impegni di Regione e di ARPA dal titolo Un accordo di programma un cambio di passo un impegno per il futuro Mentre il 29 aprile compare sul sito della Regione l annuncio della presentazione da parte di Siderurgica Triestina della documentazione necessaria al rinnovo dell AIA All interno della documentazione

    Original URL path: http://cms.legambientefvg.it/il-circolo-trieste/1333-memoria-di-legambiente-fvg-sul-caso-ferriera-di-servola.html (2016-04-29)
    Open archived version from archive



  •