web-archive-it.com » IT » N » NAIOT.IT

Total: 396

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Non sono tutte le religioni uguali avendo l'unico scopo di avvicinare l'uomo a Dio
    necessità della salvezza la personalità di Dio i piani di Dio per l uomo il giudizio di Dio etc gli insegnamenti delle varie religioni si discostano tangibilmente gli uni dagli altri Esaminando superficialmente sembrerebbe che ci siano delle affinità almeno nell origine e nello scopo ma addentrandosi un po di più si notano differenze macroscopiche negli insegnamenti principali che sono incompatibili tra di loro La peculiarità del cristianesimo è nella presentazione da parte di Dio del Messia e della salvezza Nelle altre religioni è pressoché impossibile realizzare la salvezza ed addirittura non è nei piani di Dio All infuori del cristianesimo non esiste persino la figura del Figlio di Dio che muore per i peccati dell uomo Anche l Islam non riconosce Gesù Cristo come Figlio di Dio e Salvatore Delle differenze sostanziali ci sono anche nell ambito delle religioni cosiddette cristiane come nei Testimoni di Geova o nei Mormoni e riguardano principalmente la figura del Cristo la personalità di Dio e la natura di Dio Riguardo le religioni in generale in ognuno di esse è presente la consapevolezza dell esistenza di Dio cioè che credono in un Essere superiore e del bisogno di avere un rapporto con Lui per

    Original URL path: http://www.naiot.it/Risposte/religioniuguali.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive


  • Avete la messa come la Chiesa Cattolica
    28 Quindi non possiamo rinnovare il suo sacrificio per aiutare le povere anime del purgatorio Notate bene che la Bibbia non parla affatto di purgatorio Inoltre fatto molto importante la necessità di ripetuti sacrifici dà l idea che il sacrificio di Cristo non sia stato sufficiente per l espiazione dei nostri peccati ma che necessiti contribuire ad essa con numerosi altri sacrifici complementari Dio afferma al contrario che il sacrificio di Cristo non può essere ripetuto perché è sufficiente per tutti i tempi per la remissione dei nostri peccati E non mi ricorderò più dei loro peccati e delle loro iniquità Ora dov è remissione di queste cose non c è più luogo a offerta per il peccato Ebrei 10 17 18 La Bibbia insegna che Il Sangue di Gesù ci purifica da ogni peccato 1 Giovanni 1 7 Accanto alla teoria del sacrificio giornaliero di Cristo c è la tradizione cattolica secondo la quale la sostanza del pane e del vino viene cambiata effettivamente nel corpo e nel sangue di Cristo Il miracolo viene chiamato transustanziazione Questa tradizione si introdusse nella Chiesa circa il 380 d C Divenne dogma di fede nel 1215 ed i cattolici cominciarono ad inginocchiarsi davanti all ostia nel 1226 La Chiesa accettando questa tradizione cerca di sostenerla con le parole di Gesù Questo è il mio corpo ma queste parole non insegnano che il pane subisce un cambiamento diventando letteralmente carne di Cristo Gesù dopo aver detto questo è il mio corpo chiama il pane nello stesso brano per ben tre volte pane 1 Corinzi 11 24 28 Lo stesso pensiero troviamo riguardo al vino il quale viene chiamato frutto della vigna Marco 14 25 quando invece avrebbe dovuto già essere stato cambiato in sangue Così per interpretare letteralmente le tre volte che viene

    Original URL path: http://www.naiot.it/Risposte/AveteLaMessa.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive

  • Divorzio e seconde nozze
    di Cristo non lo facevano Che cosa è cambiato Forse l essere sposati a ogni costo è percepito più come una necessità oggi di quanto non lo era nel passato Forse i comandamenti di Gesù come quello riportato in Matteo 19 6 sono meno importanti Il fenomeno di cui sopra mi pare faccia parte di una tendenza simile a quella manifestata dai farisei ai tempi di Gesù Dalle parole di

    Original URL path: http://www.naiot.it/Risposte/Divorzioesecondenozze.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive

  • NELLE VOSTRE RIUNIONI SI SENTE SPESSO PARLARE DI “NUOVA NASCITA”, “RIGENERAZIONE” E “CONVERSIONE”, COSA SIGNIFICANO QUESTE PAROLE
    figliuoli di Dio per la fede in Cristo Gesù Galati 3 26 La rigenerazione o nuova nascita è indispensabile ed insostituibile in quanto tutti gli individui sono creati da Dio ma diventano figliuoli di Dio per l opera redentrice di Cristo per mezzo di questo atto miracoloso e divino che li fa nascere di nuovo OPINIONI ERRATE Da sempre l uomo ha cercato di deviare dal consiglio preciso di Gesù Cristo e dalla Sua Scrittura Un esempio di questa pericolosa tendenza è riscontrabile nell incontro di Gesù con Nicodemo descritto nel Vangelo di Giovanni al capitolo tre Questo teologo giudeo interpreta le parole di Gesù Se uno non è nato di nuovo non può vedere il regno di Dio Giovanni 3 3 in senso terreno ritenendole un paradosso La nuova nascita non è una nascita naturale ma soprannaturale Quel che è nato dalla carne è carne quel che è nato dallo Spirito è spirito Giovanni 3 6 Da allora studiosi e teologi d ogni tendenza hanno tentato di dare alle parole di Gesù il significato che più si confà alle proprie opinioni Qualcuno ha detto che la nuova nascita è soltanto una esperienza psicologica l uomo in crisi esistenziale sarebbe afflitto dal complesso di Dio e quindi si illuderebbe di ritrovare calma e serenità in una esperienza religiosa Altri hanno affermato che per nuova nascita s intende soltanto un assenso razionale alle parole di Gesù che darebbero all individuo l illusione d essere coerente con se stesso Altri ancora considerano la nuova nascita soltanto un miglioramento morale in conseguenza all accettazione delle norme etiche del cristianesimo Ma la risposta dell Evangelo è inequivocabile la nuova nascita non può essere un esperienza psicologica né un semplice assenso razionale Nicodemo infatti non riesce a spiegarsi la nuova nascita e dichiara Come possono avvenir queste cose Giovanni 3 9 La meraviglia con una punta di ironia che è rivelata dalla risposta di Gesù Tu sei il dottor d Israele e non sai quante cose Giovanni 3 10 evidenzia un fatto molto importante non è possibile afferrare il significato vero della Scrittura sulla base della conoscenza umana ma Dio lo rivela per mezzo dello Spirito Santo perché lo Spirito investiga ogni cosa anche le cose profonde di Dio 1 Corinzi 2 10 Ritenere la nuova nascita soltanto come l accettazione delle norme etiche insegnate da Gesù vuol dire giudicarsi capaci di un miglioramento morale fondandosi sulle proprie abilità ma questo è totalmente contrastante con il concetto di Grazia in Cristo È per grazia che voi siete stati salvati mediante la fede e ciò non viene da voi è il dono di Dio Non è in virtù d opere affinché unno di glori Efesini 2 8 9 LA CONVERSIONE Questa esperienza interessa l aspetto esteriore della vita cristiana della nuova nascita La rigenerazione o nuova nascita è una profonda esperienza interiore e personale che si manifesta esteriormente con la conversione Se qualcuno è nato di nuovo immediatamente lo dimostrerà La nuova nascita si manifesta con

    Original URL path: http://www.naiot.it/Risposte/nuovanascita.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive

  • LA RESURREZIONE DI GESU’ E’ UNA LEGGENDA
    era stata scavata nella roccia ed era stata rotolata una pietra contro l apertura del sepolcro Marco 15 46 Le pie donne che il primo giorno della settimana andavano alla tomba con gli armati Dicevano tra loro Chi ci rotolerà la pietra dell apertura del sepolcro Da questo si può dedurre che questa pietra era molto grande ed occorrevano molte braccia per rimuoverla Tuttavia quando le donne giunsero al sepolcro la trovarono rotolata Marco 16 4 Soltanto un miracolo poteva aver compiuto ciò Infatti un angelo del Signore sceso dal cielo si accostò rotolò la pietra e vi sedette sopra Matteo 28 2 Questo intervento angelico spiegherebbe la ragione per cui le guardie non vennero condannate dai capi sacerdoti per non aver ben vigilato presso al tomba Se fossero stati i discepoli a rubare il corpo del Signore poiché la pietra che chiudeva il sepolcro era molto grande avrebbero necessariamente fatto del rumore richiamando l attenzione delle guardie ammesso che queste si fossero distratte La grossolana ingenuità della menzogna fatta circolare a Gerusalemme è un altra conferma della resurrezione di Gesù Secondo la consuetudine ebraica anche Gesù fu avvolto in un panno di lino netto Nicodemo venne portando una mistura di mira e d aloe di circa cento libbre presero il corpo di Gesù e lo avvolsero in pannilini con gli aromi com è usanza di seppellire presso i Giudei Giovanni 19 39 40 Queste bende o pannilini con cui avvolsero il corpo di Gesù e gli aromi offerti da Nicodemo dovevano pesare totalmente circa quarantacinque chilogrammi I pannilini che avvolgevano il corpo del Signore formavano un involucro simile a quello delle mummie egiziane e il tutto aveva un peso equivalente a due corpi umani Quando Pietro e Giovanni andarono al sepolcro correvano ambedue assieme ma l altro discepolo Giovanni corse innanzi più presto di Pietro e giunse primo al sepolcro e chinatosi vide i pannilini giacenti ma non entrò Giunse intanto anche Simon Pietro che lo seguiva ed entrò nel sepolcro e vide i pannilini giacenti e il sudario ch era stato sul capo di Gesù non giacente coi pannilini ma rivoltato in un luogo a parte Allora entrò anche l altro discepolo Giovanni che era giunto prima al sepolcro e vide e credette Giovanni 20 4 8 Quando Giovanni si inchinò dall esterno guardò all interno della tomba e vedendo le bande al loro posto pensò che il corpo del Signore fosse ancora là Pietro vide i pannilini ordinati notò però che il sudario non copriva più il volto di Gesù perché il Suo corpo non era più tra le bende Il Signore era risorto e il Suo corpo uscì dalle bende senza che fossero svolte Come una farfalla che esce dal bozzolo Cristo glorificato uscì dai pannilini ed allora anche Giovanni entrando nel sepolcro vide e credette In nessun altro modo poteva accadere questo tranne che per un atto divino e miracoloso Se il corpo di Gesù fosse stato rubato non vi sarebbe stata alcuna ragione di

    Original URL path: http://www.naiot.it/Risposte/laresurrezione%C3%A8unaleggenda.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive


  • prima che la croce venisse inventata come strumento di supplizio i termini greci anzidetti avevano anche il significato di palo presso Omero cioè V sec a C ma quando i popoli persiani greci cartaginesi romani cominciarono ad usare la croce come supplizio di morte per i condannati gli stessi termini assunsero anche il significato di croce D altra parte se non si tiene conto di questi elementari accorgimenti viene da domandarsi come mai i TdG Testimoni di Geova non abbiano scelto come strumento di morte per Gesú il collare di legno oppure il tavolo altre varianti dei termini in questione Per queste ragioni quando nella loro Bibbia i capi dei TdG traducono palo di tortura piuttosto che croce come fanno tutte le Bibbie in tutte le lingue essi stanno sbagliando poiché è accertato come i Dizionari riportano che ai tempi del Nuovo Testamento i termini anzidetti avevano già assunto il significato di croce Inoltre bisogna dire che se gli scrittori ispirati del N T avessero voluto riferirsi inequivocabilmente ad un palo di tortura come sostengono i TdG avrebbero piú agevolmente usato la parola skòlops almeno una volta che significa proprio palo 2 Corinzi 12 7 LXX Numeri 23 55 Ezechiele 28 24 Gli stessi dirigenti TdG ammettono ciò scrivendo nella nota in calce a 2 Corinzi 12 7 della loro Bibbia Un palo appuntito L aspetto biblico Per essere originali ad ogni costo i dirigenti dei TdG rappresentano Gesú messo su un palo di tortura con le mani sopra la testa trafitte da un solo chiodo si veda p es il volumetto La conoscenza che conduce alla vite eterna ed Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova Roma 1995 pag 67 Ora non bisogna essere dei grandi teologi per accorgersi dell evidente discrepanza con la Parola di Dio Il Vangelo di Giovanni ci narra l episodio in cui Gesú Cristo risorto appare ai discepoli Quando la cosa in seguito verrà riferita a Tommaso che non era stato presente questi dice Se non vedo nelle Sue mani il segno dei chiodi e se non metto la mia mano nel Suo costato io non crederò Giovanni 20 25 Il testo parla di chiodi in greco tòn éIon al plurale e non del chiodo come avrebbe dovuto esprimersi Tommaso se il Maestro fosse stato appeso al palo con le mani sovrapposte Per cui i dirigenti dei TdG cercano di ingannare La contraddizione è facilmente risolvibile se Cristo è morto su una croce a doppio braccio ricevendo un chiodo per ogni mano Un altra indicazione la riceviamo dal titulus ossia il cartello con la causa della pena scritta sopra che nella rappresentazione geovista è posta sopra le mani di Cristo mentre la Bibbia afferma che essa Gli fu posta sopra la testa e non sopra le mani Al di sopra del capo gli posero scritto il motivo della condanna Questo è Gesú il re dei Giudei Matteo 27 37 Non è questa un altra contraddizione Non è questa un altra prova della volontaria fraudolenza dei

    Original URL path: http://www.naiot.it/Risposte/croceopalo.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive

  • Riflessioni sull’Eutanasia
    è illecita Il paziente che chiede al medico di farlo morire è nel pieno delle sue facoltà mentali L aspettativa dolorosa di una morte magari lontana ma certa il dolore fisico la frustrazione e la depressione possono innescare un istinto di distruzione in questo caso si configura un suicidio per mano d altri La richiesta di morte del malato può equivalere a quella del malinconico il tedium vitae angosciante vede nella morte la cancellazione di ogni sofferenza fisica o morale La tremenda abulia del mattino il senso di incapacità la constatazione della propria inutilità e inferiorità sono insostenibili Emergono sensi di colpa fino al delirio fino alla negazione della morte quale simbolo di condanna eterna alla vita Professione ed etica medica Il dovere del medico è la cura del malato Lo stato di grave depressione può essere rimosso con viva riconoscenza del malato Lo stato di riconoscenza indica che quando il paziente cercava attivamente la morte non era nel pieno delle sue facoltà mentali non era lui possiamo allora ipotizzare che il paziente che chiede di morire si trovi nello stesso stato del paziente depresso Il compito del medico non è quello di dare la morte serena compito assai facile e superficiale sul piano tecnico professionale ma è quello molto più difficile di curare il dolore di far sentire al paziente di essere ancora amato e stimato di valorizzarne le abilità residue Anche un paziente nel polmone d acciaio può mantenere le sue capacità ideative e sentimentali come diceva una coraggiosa ragazza in un intervista televisiva La persona non si identifica con il suo movimento nello spazio Il tetraplegico può continuare ad apprezzare Beethoven il profumo di una rosa i suoi cibi preferiti può carezzare con gli occhi le persone amate Ci sono dei casi di spettanza neurologica dove il limite fra morte naturale e morte accelerata non è chiaro Mi riferisco alla Sclerosi Laterale Amiotrofica malattia caratterizzata come è noto da progressiva perdita di fibre muscolari che comporta l inesorabile progressione verso la paralisi degli arti del tronco della fonazione della deglutizione e della respirazione Il malato va incontro a morte certa ma fino all ultimo istante non è compromesso nelle sue capacità mentali E lecito rimuovere il respiratore artificiale o farne a meno Ovvero questo deve essere tenuto fino alla fine Nessun dubbio di legittimità quando il paziente in precedenza aveva già previsto l uso del respiratore e l aveva rifiutato Al contrario in un paese come la California la violazione della volontà del paziente potrebbe essere oggetto di contestazione legale da parte dei parenti e in questo caso le convinzioni personali del medico vanno sacrificate Per un malato terminale i livelli di assistenza sono nell ordine 1 la cura infermieristica confort igiene dignità 2 l idratazione e la nutrizione 3 le cure mediche 4 le cure strumentali respiratori Se invece non esiste dichiarazione esplicita del paziente o se questa è inammissibile perché in contrasto con l articolo 5 del Codice Civile che riguarda gli atti di disposizione

    Original URL path: http://www.naiot.it/Risposte/Riflessionisull%27eutanasia.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive

  • SI PUÒ AFFERMARE CHE ESISTE IL DESTINO IN BASE AL MESSAGGIO BIBLICO
    siano determinate secondo il capriccio di una forza misteriosa e sconosciuta Esiste nella Bibbia il destino Nel mondo protestante questo concetto è strettamente legato a quello della predestinazione e l accostamento è favorito anche dalle versioni italiane della Bibbia È notorio che Giovanni Diodati fu uno dei più importanti personaggi che parteciparono al Sinodo di Dort 1618 1619 dove si definì il concetto di predestinazione assoluta Lutero ed altri riformatori per reazione all importanza attribuita dalla teologia cattolico romana alle buone opere come meriti per guadagnarsi la vita eterna si fece sostenitore con Calvino ed altri riformatori della teoria della predestinazione assoluta In antitesi con quella posizione l olandese Arminio 1560 1609 sostenne il concetto di predestinazione condizionale Pur avvicinandosi più della definizione precedente al concetto neotestamentario l Arminianesimo comportava il pericolo di attribuire eccessiva importanza alle buone opere Non crediamo che questa sia la sede per un ampio esame dell argomento sul quale si è impegnato uno stuolo di teologi i quali hanno scritto volumi su volumi Il termine destino non si trova nella Bibbia Esiste soltanto il verbo destinare ma è usato soltanto come manifestazione della volontà di Dio per coloro che l accettano e la scelgono volontariamente Non è quindi il destino col significato pagano del termine Quando affermiamo che non esiste il destino vogliamo dire che l individuo non è schiavo di una forza misteriosa Tanto è vero che è scritto Quello che l uomo avrà seminato quello pure mieterà Galati 6 7 Il fatalismo vale a dire la teoria che considera tutti gli avvenimenti predeterminati da una forza soprannaturale capace di spingere l individuo ad arrendersi di fronte all ineluttabilità degli eventi rendendo impotente l impegno della volontà è completamente estraneo al concetto cristiano e biblico che garantisce invece la libertà dell uomo di accettare o rifiutare la propria salvezza Il credente pone la propria fede nell Onniscienza e nell Onnipotenza di Dio che si è rivelato in Cristo il divino Salvatore Quindi si rimette a Colui che è Onnipotente ed Onnisciente al Quale ha affidato tutto se stesso per il tempo e per l eternità Esiste la predestinazione Allora come considerare tutti i versetti biblici che parlano di predestinazione Prima di tutto il termine è improprio quando è riferito a Dio che non prevede o vede prima e non destina prima Egli esiste nel presente eterno fuori del tempo per Lui non c è passato presente e futuro Perciò Egli non prevede ma vede non predestina o prestabilisce ma destina e stabilisce Noi figli e schiavi del tempo utilizziamo i termini prevede predestina prestabilisce ma in Lui tutto è eterno presente Tutti i versetti biblici che riguardano la decisione divina di eleggere di scegliere di stabilire debbono essere visti come conseguenza della scelta dell individuo che collabora con Dio perché i Suoi disegni si adempiano Un testo biblico famoso è Il Signore è la parte della mia eredità e il mio calice Tu sostieni quel che mi è toccato in sorte La sorte mi

    Original URL path: http://www.naiot.it/Risposte/esisteildestino.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive