web-archive-it.com » IT » N » NAIOT.IT

Total: 396

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Seguire Cristo in tempi difficili
    penetrare nella mia mente e nel mio cuore In seguito il fratello Tarollo ci fece conoscere in credenti dell assemblea di Foggia Qui il fratello Ciro Santangelo ed altri insieme a lui ci accolsero con tanto amore ed affetto cristiano ospitandoci nelle loro case e rallegrandoci perché insieme a loro parlavamo in continuazione del Signore Il valore dei rapporti fraterni In seguito conoscemmo anche l amore fraterno di tanti altri fratelli della zona fra i quali ricordo in particolare il fratello Saverio Longo di Poggio Imperiale con la sua famiglia A quei tempi l assemblea di Foggia era molto fiorente e ne facevano parte tanti credenti Proprio qui abbiamo avuto la possibilità di frequentare di più le riunioni di fare amicizia con tutti i credenti di conoscere il dono del loro affetto e della loro ospitalità che non abbiamo mai dimenticato negli anni futuri Inoltre siamo stati molto incoraggiati dal loro amore e dalla testimonianza di fede vissuta nella vita di tutti i giorni Tutte le volte che i credenti venivano a trovarci in campagna avevo sempre modo di rivolgere loro delle domande sulla Bibbia e piano piano la Parola di Dio ha frantumato tutti i miei pensieri contrari all autorità della Scrittura Dopo alcuni anni conoscemmo il fratello Paolo Di Vieste di Apricena che venne tante volte a trovarci Questo fratello svolgeva un servizio come colportore Alla sera dopo aver sistemato tutti i nostri animali avendo più tempo a disposizione ci mettevamo vicino al focolare con una piccola luce a petrolio che ci illuminava e così immersi e raccolti nel silenzio della campagna si leggeva la Parola di Dio di cantavano gli inni al Signore e si pregava tutti insieme Quante gioie ho potuto godere insieme a mio marito ed ai miei figli nel conoscere Cristo Gesù la Verità il mio Signore e Salvatore Disprezzati e perseguitati Al momento in cui dopo la nostra scelta di seguire Cristo tornammo dalla Puglia al nostro paese natio abbiamo trovato solo disprezzo biasimo e contrarietà per la decisione che avevamo preso da parte dei nostri stessi genitori dei parenti degli amici Il prete del paese ci definì impostori e invitò tutti a considerarci come scomunicati perché avevamo lasciato la chiesa cattolica romana In mezzo a tutte queste dicerie e mormorii il Signore ci diede tanta forza per parlare ai nostri compaesani della grazia di Dio proclamando il messaggio dell Evangelo che pur essendo quasi tutti molto religiosi in realtà nessuno conosceva Molti in quel periodo fecero una professione di fede ma poi a causa delle pressioni del prete e dei familiari alle quali non seppero resistere in tanti tornarono alla chiesa di Roma La mano benigna di Dio nella prova In quel periodo avemmo molte difficoltà economiche perché alcuni ladri ci derubarono di quasi tutti i nostri averi e conoscemmo i momenti difficili della fine della guerra Rimanemmo soli e profondamente provati insieme ai nostri tre piccoli bambini Giovanni di 9 anni Abele di 4 e Lea di soli quindici mesi ma

    Original URL path: http://www.naiot.it/LaMiaEsperienza/unafedesemplice.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive

  • ‘Volevano che la nostra bambina morisse’
    un archivio completamente pulito dall ufficio di New York gli anziani locali mi stavano usando piuttosto ampiamente nell insegnare dal palco La maggior parte dei Testimoni di Geova sono d accordo che chiunque abbia speso del tempo al quartiere generale è speciale ed è degno di responsabilità più grandi nella congregazione locale Dato che guadagnai una posizione nella congregazione venivo esposto ed istruito in qualche lavoro segreto degli anziani Era eccitante andare in giro di notte seguire i membri della congregazione che erano sospettati di agire malamente Mi fu anche dato accesso agli archivi della congregazione che rivelavano l informazione interna di tutti nella congregazione Venivo usato nelle stesse operazioni dissimulate che avevo visto usare con gli operai al quartiere generale Nonostante tutto ciò non potevo ricevere nessuna soddisfazione e nessuna pace La pressione nel cercare di servire un Dio che è vendicativo e pieno di ira è più di quello che io posso descrivere L organizzazione dipingeva Geova sempre come un Dio pronto a riversare la vendetta Tutto quello che sapevo di Dio era quello che leggevo nella Torre di Guardia Sì noi leggevamo la Bibbia ma ci era stato detto che se facevamo questo per interpretarla senza i libri della Torre di Guardia eravamo destinati a cadere nell errore e nell apostasia Un amico mi introdusse ad un libro scritto da un ex Testimone di Geova intitolato Trent anni schiavo della Torre di Guardia Sapevo che il mio dovere come buon Testimone era di volgere il mio amico agli anziani perché a noi era proibito leggere ogni sorta di materiale contro i Testimoni Ma per sfida lessi il libro Mi disturbò moltissimo perché l autore era un ex operaio al quartier generale e io potevo confermare molte delle cose che lui diceva Molte cose che avevo cercato di cancellare dalla mia memoria stavano di nuovo affiorando e delle domande sull autorità della Torre di Guardia mi lasciarono molto sconvolto L autore affermava che aveva trovato spiritualmente la verità studiando la Bibbia senza le pubblicazioni della Torre di Guardia In tutto questo tempo lo Spirito Santo mi stava chiamando a studiare la Parola di Dio Nonostante noi avessimo la nostra Traduzione della Bibbia del Nuovo Mondo tradotta dalla Società Torre di Guardia e confutata da studiosi della lingua Ebraica e Greca come una versione della Bibbia influenzata negativamente e contorta comprai una Nuova Bibbia Standard Americana New American Standard Bible Mia moglie ed io studiammo segretamente la nostra nuova Bibbia per lunghe ore durante la notte scoprendo che molte delle dottrine principali per le quali eravamo disposti a morire erano false Affrontai mio padre a proposito di alcune di queste questioni Essendo un anziano mio padre vide che stavo mettendo in dubbio alcuni dei principali insegnamenti e fece un rapporto di me e mia moglie agli anziani affinché fossimo processati per apostasia Dopo una lunga e triste udienza ci pentimmo di avere messo in dubbio la Società della Torre di Guardia e ci fu permesso di rimanere Testimoni di Geova ma fui spogliato di tutte le mie responsabilità nella congregazione Dovevo essere sorvegliato per un periodo di tempo prima di poter servire di nuovo in una qualunque funzione nella congregazione Un trasferimento per lavoro in un altra città fu un sollievo benvenuto Non vedevo l ora di entrare in una altra congregazione ed avere un nuovo inizio Ma quando mi ricordai che l udienza era ancora nel mio archivio e mi avrebbe seguito dovunque sarei andato per il resto della mia vita venne presto la delusione Naturalmente gli anziani nella nuova congregazione ebbero il mio archivio appena dopo che cominciai a frequentare le riunioni Mi dissero che mi avrebbero sorvegliato per un certo tempo per vedere se queste mie idee apostate sarebbero venute di nuovo in superficie Mi avvertirono che se avessi cercato di condividere tali idee con qualcuno nella congregazione mi avrebbero scomunicato Promisi fedeltà all organizzazione e dissi che non avrei letto o detto niente che era differente dalla posizione della Torre di Guardia sulla Scrittura Passarono due anni Essere sotto lo scrutinio degli anziani mi lasciò molto vuoto Niente neppure i miei figli che mi avevano portato così tanta gioia rese la mia vita realizzata Avevo bisogno di qualche cosa ma cosa fosse non lo sapevo Mia moglie ed io spesso bevevamo in eccesso cercando qualche gioia ma da ciò scaturì solo il vuoto Avendo due bambini desideravamo ardentemente che nascesse una bambina e speravamo che l avere una piccola bambina avrebbe portato la felicità che mancava nella nostra famiglia Il 10 Agosto 1980 nacque Jenny Leigh Blizard Eravamo così eccitati Ma fummo colpiti dalla tragedia Quando aveva cinque settimane Jenny fu trovata che aveva un raro problema di sangue non coagulava I medici locali ci mandarono a Sant Antonio nel Texas per il trattamento della condizione di Jenny La portammo dai medici per la speciale cura nella camera dei bambini del Centro Medico di Santa Rosa cercando un trattamento che avrebbe fatto star bene Jenny Perché Jenny stava sanguinando internamente Perché il suo sangue non coagulava I medici impiegarono giorni per cercare di arrivare ad una conclusione Alla fine un gruppo di medici ci informarono che Jenny aveva bisogno di una urgente trasfusione di sangue per salvare la sua vita Questo era un difficile problema per noi perché la legge della Torre di Guardia non permette a nessun Testimone di Geova di prendere sotto qualsiasi forma del sangue I Testimoni di Geova portano delle tessere che dichiarano che non prenderanno una trasfusione di sangue in nessuna circostanza neppure se ciò significherà la morte Portammo i medici fuori dalla stanza e gli dicemmo che avremmo presto dato la nostra risposta Mia moglie ed io pregammo e gridammo a Dio per delle risposte Ricordo che pensai Oh Geova come mi puoi chiedere di prendere una tale decisione un sì o un no se Jenny vive o muore Che specie di Dio sei Alla fine mia moglie ed io chiamammo i medici di nuovo nella stanza e li

    Original URL path: http://www.naiot.it/LaMiaEsperienza/Volevanochelanostrabambinamorisse.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive

  • Il cancro mi faceva paura, ma l’idea di stare al chiuso mi terrorizzava
    fare una scintigrafia E un altro incubo la stanza è un frigorifero Mi sdraiano su un lettino e una macchina passa su e giù sul corpo Mi sembra di non riuscire a respirare Finito l esame mi dicono che devo fare dell altro Mi danno una compressa di iodio radioattivo e mi fanno ogni tipo di raccomandazione Per tre giorni devo stare lontana da tutti usare solo piatti e posate di plastica lavare il bagno con molta acqua quando lo usavo Passati tre giorni devo tornare per verificare i progressi della cura sulle cellule cancerose Purtroppo le cellule c erano ancora e dovevano essere bombardate con una dose più forte di iodio radioattivo Il problema era che il trattamento doveva essere fatto in una stanza senza finestre e chiusa dall esterno I cibi me li passavano come a una carcerata Niente visite i vestiti che indossavo li avrei dovuti buttare dovevo usare poca acqua Era una situazione fatta apposta per una che soffre di claustrofobia Sono stati tre giorni terribili Non ho mai dormito e non potevo stato ferma Il quarto giorno mi hanno rimandata a casa Che gioia rivedere luce e sentire i rumori del mondo Ero molto giù di nervi e ho pianto per una settimana poi con l aiuto dei Signore mi sono ripresa Dopo un anno viene il momento di rifare i controlli ripetere la scintigrafia e forse passare altri tre o quattro giorni in quella camera Parlando con altre donne avevo saputo che si trattava di una cura che spesso si doveva ripetere Ho pregato molto e ho chiesto ai fratelli in fede di pregare per me Ho chiesto al Signore che facesse quello che era bene per me e mi desse la Sua pace Un versetto della Bibbia mi ha aiutata tanto L Eterno

    Original URL path: http://www.naiot.it/LaMiaEsperienza/soffrodiclaustrofobia.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive

  • QUALI SARANNO I PRIMI
    e uno di loro ebbe a cuore la costruzione di una chiesa per annunciarvi l Evangelo Quando abbiamo potuto visitarli nel gennaio del 1999 cinquecento Anuaks erano già stati battezzati nel torrente la settimana precedente e mi hanno invitato a spiegare loro la Parola di Dio cioè la Bibbia Erano tutti la pigiati su tronchi d albero che fungevano da panche attenti e ferventi all unico lume di una candela

    Original URL path: http://www.naiot.it/LaMiaEsperienza/qualisarannoiprimi.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive

  • Cerchiamo prima il Suo Regno e la Sua volontà
    che sentivo entrare nel mio cuore Dio mi stava incontrando e la mia anima era talmente toccata dalla Sua mano nonostante non meritassi nulla che quella sera trovai veramente quel contatto diretto con Dio quella presenza forte e tangibile di Cristo quella infinita dolcezza e gioia che Egli mi stava comunicando Egli mi avvolse con tutto il Suo amore quell abbraccio eterno dura ancora adesso perché Lui non mi lascerà mai Dopo pochi mesi fui anche battezzata con il Suo Santo Spirito che mi donò quello zelo quell amore e quelle capacità spirituali in Cristo che non avevo Da allora oltre ad avermi resa una nuova creatura il Signore ha fatto per me tante cose meravigliose ha tolto ogni tristezza dal mio cuore mi dà la Sua forza per affrontare qualsiasi difficoltà mi ha guarita da un tumore ipofisario mi ha preservata gloriosamente dovevo essere sotto il grattacielo Pirelli quando qualche tempo fa vi si è schiantato un aereo privato Dio ha permesso inoltre che ad agosto di quest anno fossi con altri giovani credenti al Centro Comunitario Evangelico Villaggio Resegone di Rota D Imagna luogo in cui a turno in base alle fasce d età si possono trascorrere dieci giorni in completa e continua comunione con Dio e con i credenti Mi sono recata lì proprio con il desiderio di incontrare Dio ancora più da vicino senza distrazioni ed Egli è stato fedele Sono stati giorni d indescrivibile e incontenibile benedizione Fin dall inizio Dio ha cominciato a parlarmi profondamente Durante il primo culto serale c è stato un appello a farsi avanti per chi aveva nel cuore di donare interamente la propria vita nelle mani di Gesù Mi sono fatta avanti è stata la prima risposta del Signore preludio di tante altre nei giorni successivi Egli mi ha

    Original URL path: http://www.naiot.it/LaMiaEsperienza/CerchiamoPrimaIlSuoRegno.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive

  • Dalla morte alla vita
    rubare Così un giorno venne da me e mi disse E vero che tu fai uso di eroina Io cercai in tutte le maniere di negare l evidenza perché avevo timore di mio padre e gli dicevo molte bugie fino a che un giorno venne verso di me mi alzò le maniche della camicia e vide le mie braccia segnate dagli aghi delle siringhe che usavo Mi mise delle condizioni se volevo continuare a vivere in casa dovevo smetterla di bucarmi se no avrei dovuto prendere la mia strada Presi su una borsa e lasciai la mia casa e andai a vivere con un mio amico che al tempo spacciava droga Era una casa con un via vai di gente che veniva sia per comprare che per bucarsi Mi inoltrai in quella strada che non abbandonai se non dopo 10 anni facendo cose assurde rubando e sperimentando anche il carcere Lì dentro avevo il tempo di riflettere e mi domandavo che cosa stavo facendo con la mia vita il dispiacere provocato ai miei genitori ecc Ma neanche questo riusciva a fermarmi continuavo ad usare eroina nonostante tutto arrivai fino al punto di raccogliere siringhe per la strada ero completamente stravolto e un giorno mi trovai mezzo vivo e mezzo morto buttato sopra un marciapiede Ricordo ancora quando venne l ambulanza a prendermi per portarmi all ospedale pensando che sarei morto Quando mi risvegliai mi arrabbiai con gli infermieri dicendo Ma cosa mi avete fatto io stavo così bene dove mi trovavo Mi avevano tolto lo sballo e mi avevano rimesso in sesto Cominciai a gridare e a battere i pugni sul tavolo Scappai dall ospedale e tornai per la strada la mattina seguente ero di nuovo in cerca di eroina Alle volte non mangiavo per due giorni ero così legato

    Original URL path: http://www.naiot.it/LaMiaEsperienza/dalla_morte_alla_vita.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive

  • Egli mi lavò completamente
    e della delinquenza non era così che doveva andare ma ero testardo e non mi tirai mai indietro Andava tutto male avevo tanti problemi e tante grane persino con la giustizia così pensai di lasciare la mia terra e venire in Europa a cercare fortuna Passavo da un Paese all altro cambiavo città ma non cambiavo la mia strada ero sempre nel tunnel della delinquenza e non riuscivo a smettere Quando arrivai in Italia mi trasformai in un trafficante di droga sembrava che i miei sogni iniziassero a realizzarsi Materialmente avevo tutto ma dentro di me c era un vuoto che cercavo di riempire con i piaceri della carne fumavo bevevo andavo in discoteca e siccome trafficavo cocaina ogni tanto ne facevo uso Purtroppo è convinzione comune che la cocaina non sia una sostanza per drogati ma per ricchi e per questo non faccia male Ma non è così È una droga come le altre e danneggia il fisico e la psiche in modo notevole Circa cinque anni e mezzo fa mi arrestarono e oggi posso dire grazie a Dio per quel giorno Umanamente parlando è una pazzia ringraziare Dio per una disgrazia ma il Signore ci dice Poiché Io so i pensieri che medito per voi dice l Eterno pensieri di pace e non di male per darvi un avvenire e una speranza Geremia 29 11 All interno del carcere una persona mi parlò di Gesù mi regalò una Bibbia e mi disse che pregava per me Dopo alcuni giorni mi disse se volevo andare in una comunità di recupero per tossicodipendenti alcolisti e soggetti con comportamenti a rischio mi diede l indirizzo del Centro Kades e mi spiegò che cosa dovevo fare Il Signore guidò ogni cosa e aprì le porte più difficili così arrivò la risposta positiva

    Original URL path: http://www.naiot.it/LaMiaEsperienza/Eglimilavo%27.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive

  • Un versetto, una storia
    questo Rambauh prese una scatolina e la diede all amico che l aperse con una certa curiosità e quale fu la sua meraviglia quando vide che c era una perla la perla più bella e perfetta che avesse mai visto L amico guardò la perla e si rese conto di avere tra le mani qualcosa di grande valore Poi guardò Rambauh e gli disse Certamente ti stai sbagliando penso proprio che sia impossibile che tu voglia farmi un regalo di così grande valore Ci deve essere un equivoco in ogni caso questa perla è così bella che sono pronto a darti tutti i miei risparmi purché diventi mia Rambauh si alzò in piedi e con gli occhi pieni di lacrime disse Nessuno può pagare il prezzo di questa perla Vedi ci conosciamo da tanti anni ma non ti ho mai raccontato il grande segreto della mia vita L amico guardò meravigliato il vecchio Rambauh Quale poteva essere questo grande segreto Perché non gliene aveva parlato prima E che c entrava quella perla Rambauh si mise la testa tra le mani Diversi anni fa avevo un figlio Ma non me ne hai mai parlato No spesso avrei voluto ma non riuscivo Non capisco Mio figlio era anche lui pescatore di perle Era molto bravo e sapeva tuffarsi come pochi in questa zona A volte andavamo al lavoro insieme e non era raro che fosse lui trovare delle perle piuttosto che tutti gli altri Ero molto orgoglioso A questo punto la voce del vecchio indiano s incrinò l amico gli andò vicino con un gesto affettuoso e lo incoraggiò a continuare il suo racconto Un giorno Un giorno che sembrava come tutti gli altri mio figlio si tuffò per la solita immersione e quando riemerse stringeva tra i denti un ostrica la

    Original URL path: http://www.naiot.it/LaMiaEsperienza/unaperlasenzaprezzo.htm (2016-04-30)
    Open archived version from archive