web-archive-it.com » IT » P » PROMOS-MILANO.IT

Total: 295

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Il Risk Management in una Supply Chain globale
    categorie aree di rischio di interruzione del Business potrebbe essere il seguente People RM Suppliers IT System Phones Plant Equipments Energy Utilities External Conditions Transportation Occorre decidere da quali aree prioritarie iniziare sapendo che il percorso per completare il risk assessment su tutte le aree potrebbe anche durare diversi mesi Per esempio l azienda potrebbe iniziare focalizzandosi su sole suppliers di componenti di difficile reperibilità sul mercato la cui mancata consegna potrebbe determinare il blocco della produzione Un altro driver dell area su cui focalizzarsi in maniera prioritaria può essere un pericolo contingente Per esempio nel 2009 si erano avuti molti casi di H1N1 in diversi paesi e quindi il rischio di pandemia era cresciuto con grande attenzione da parte dell Organizzazione Mondiale della Sanità OMS che monitorava l andamento del contagio In quel caso era fondamentale essere preparati alla possibilità che diversi dipendenti si ammalassero in un breve arco di tempo anche dipendenti di fornitori ed avere un piano di azione per gestire la eventuale crisi l area People pertanto era da considerarsi prioritaria Una volta identificati i rischi si valuta il peso degli stessi assegnando loro una probabilità di accadimento parametro 1 e un impatto parametro 2 E molto seguito l approccio di assegnare una scala di valori a questi 2 parametri per esempio da 1 a 5 con 1 low e 5 max queste 2 dimensioni individueranno su una T abella convenzionale fig A il livello risultante di rischio se verde il rischio è accettabile se giallo o rosso va mitigato con maggiore urgenza sull area rossa Figura A Non tutti i rischi però possono essere previsti e talvolta degli eventi possono causare delle conseguenze molto importanti in termini di People safety danni materiali e danni alla reputazione della società è importante allora che si predisponga un manuale di crisi che descriva le linee guida su come comportarsi in questi casi Il manuale descriverà per esempio Quando l evento è un emergenza e quando è una crisi I nominativi del comitato di emergenza e o crisi e i loro recapiti telefonici per immediata reperibilità Modalità di convocazione del comitato e svolgimento della riunione di crisi il comitato è di solito coordinato dal General Manager o Amministratore Delegato Linee guida per affrontare i media e nome della persona referente per la comunicazione Spokesman Schema decisionale da seguire Templates da usare nella comunicazione Comunicazione e media È da sottolineare che per un azienda in una situazione di crisi è fondamentale gestire in maniera trasparente e tempestiva la comunicazione interna con i dipendenti ed esterna con i media i clienti la comunità e altri stakeholders Una delle prime cose che succede quando c è una crisi con impatto sugli stakeholders come sulla comunità è la pubblicazione su internet da parte della stampa quotidiani riviste di un trafiletto con un breve resoconto dell accaduto con varie ipotesi Successivamente possono arrivare telefonate di clienti che chiedono cosa sta accadendo e i dipendenti vengono contattati dai familiari e reporter per avere dettagli sull

    Original URL path: http://m.promos-milano.it/Informazione/Approfondimenti-NIBI/Il-Risk-Management-In-Una-Supply-Chain-Globale.kl (2016-04-28)
    Open archived version from archive


  • Finanza Islamica: un’opportunità di crescita globale
    considerato Sharīah compliant occorre adeguare le decisioni finanziarie ai principi dell Islam e di responsabilità sociale delle imprese islamiche le quali sono incentivate a favorire lo sviluppo economico e sociale della comunità di appartenenza I principi etici alla base della finanza islamica fanno sì che l attenzione sia rivolta anche ai soggetti che non godono dei requisiti di bancabilità come intesi dalla finanza tradizionale a dimostrazione del fatto che il benessere collettivo rappresenta il principale obiettivo da perseguire per la comunità musulmana In campo economico finanziario invece le principali prescrizioni dettate dalla Sharī ah si traducono in quattro principi fondamentali che riguardano alcuni divieti Riba Maysir Gharar Haram Riba Il termine Riba fa riferimento ad ogni incremento sull ammontare di un prestito che il soggetto debitore è tenuto a restituire al proprio creditore Nella prassi islamica il Riba viene identificato nel tasso d interesse e talora equiparato alla pratica dell usura Tale pratica è vietata dalla legge islamica in quanto esporrebbe l intero sistema finanziario al rischio di alterazione strumentale rendendo il denaro un mezzo per generare altro denaro l Islam considera infatti il denaro un mero mezzo di scambio incapace quindi di creare valore Tale pratica rappresenterebbe un ingiustificato incremento di capitale senza assunzione di rischio alcuno da parte del finanziatore Nonostante alcuni studiosi della legge islamica sostengano la tesi secondo la quale possa esistere un tasso d interesse equo la maggioranza degli Ulema vieta espressamente il Riba Ciò non implica che il prestatore di capitali secondo la legge islamica non possa vedere remunerato il proprio investimento poiché la pratica del profit and loss sharing è comunque ammessa dalla legge Coranica Gharar Il termine Gharar significa invece incertezza o rischio E ravvisabile Gharar quando le conseguenze di un attività sono ignote ovvero permeate da dubbio e da non conoscenza In presenza di una forte quantità di tali elementi la validità di un contratto potrebbe risultare compromessa un lieve livello di Gharar non dovrebbe invece precludere la possibilità che il contratto possa perfezionarsi A differenza del Riba in pratica sempre proibito dalla legge islamica il divieto di Gharar è quindi relativo proibito solo se in grado di influire sulla chiarezza del linguaggio contrattuale provocandone incertezza interpretativa e difficoltà di esecuzione Maysir La speculazione Maysir è espressamente vietata dalla religione musulmana per cui i contratti derivati o le vendite allo scoperto non sono contemplati tra gli strumenti della finanza islamica L origine di tale divieto affonda le sue radici in un passo della Sunna secondo cui lo stesso Maometto avrebbe testualmente affermato che colui che accumula riserve di grano in vista di un periodo di carestia con l obiettivo di trarne un profitto in futuro commette un grave peccato Colui che importa beni e li vende al tasso di mercato è benedetto mentre chi demanda l operazione di vendita ad una data futura in vista di un rialzo del prezzo si preclude la benevolenza di Dio Nella società islamica le vendite a termine sono proibite in quanto da sempre considerate nocive

    Original URL path: http://m.promos-milano.it/Informazione/Approfondimenti-NIBI/Finanza-Islamica-UnOpportunita-Di-Crescita-Globale.kl (2016-04-28)
    Open archived version from archive

  • Focus Qatar: prospettive e opportunità
    più commerciali e votate al turismo Oggi il Paese del Golfo è associato non solo quindi alle grandi quantità di risorse naturali possedute ma anche al lusso alla cultura e allo sport Esistono inoltre compagnie qatarine che si sono imposte a livello internazionale diventando in pochissimo tempo leader del proprio settore di mercato come Qatar Airways nell aviazione civile e Al Jazeera nell informazione e nell editoria L Emirato è diventato altresì uno dei più grandi investitori del mondo con un patrimonio detenuto dal fondo sovrano la Qatar Investment Authority stimato tra i 100 e i 200 miliardi di dollari I fondi sono stati diretti su scelte di alto profilo da Barclays a Shell passando per la nuova city finanziaria di Londra e per marchi come Porshe Chanel e per l Italia tra gli altri la Maison Valentino e la Pal Zileri la Costa Smeralda il Four Seasons di Firenze e l Hotel Gallia di Milano Il Qatar accoglie con favore la partecipazione delle aziende straniere pronte a sottoscrivere joint ventures con società locali Gli investitori stranieri possono infatti investire in ogni settore dell economia qatarina purché nella società i soci locali detengano una quota non inferiore al 51 soventi sono i patti parasociali che stabiliscono diverse ripartizioni percentuali degli utili nonché accordi speciali per l amministrazione e la gestione operativa della società Il Governo di Doha ha poi negli anni previsto una serie di incentivi per favorire la costituzione di joint ventures a partecipazione mista tra le quali agevolazioni sul prezzo del gas dell elettricità e dell affitto annuo dei terreni industriali Non è prevista alcuna tariffa doganale sull importazione di macchinari impiantistica e parti di ricambio e nessuna tassa sulle esportazioni mentre esistono esenzioni fiscali sui profitti societari per periodi pre determinati e nessuna restrizione quantitativa sulle importazioni Anche i redditi da lavoro dei cittadini stranieri non sono tassati e vi è un immigrazione libera purché si disponga di un contratto di lavoro e facilitazioni per l impiego di manodopera straniera specializzata e non Quanto alla tassazione delle società il regime impositivo e piuttosto leggero dopo le ultime modifiche apportate al fine di incentivare gli investimento esteri il livello di imposte sulle societa è pari a un semplice 10 indipendentemente dai profitti generati dalle aziende Una tassazione aggiuntiva del 2 5 e prevista poi per le imprese le cui azioni sono quotate in Qatar Interscambio commerciale I rapporti commerciali del Qatar si concentrano essenzialmente nell area asiatica soprattutto per ciò che riguarda le esportazioni in gran parte petrolio e gas naturale prevalentemente dirette verso Giappone e Corea del Sud seguiti da India e Cina Le importazioni risultano più differenziate dal punto di vista geografico con gli Emirati Arabi Uniti e gli Stati Uniti in testa seguiti da Arabia Saudita e Regno Unito La bilancia commerciale di Doha per effetto delle esportazioni di idrocarburi risulta essere costantemente in positivo e ciò permette al piccolo emirato di accumulare notevoli riserve da utilizzare nell acquisto di asset internazionali Per quanto riguarda

    Original URL path: http://m.promos-milano.it/Informazione/Approfondimenti-NIBI/Focus-Qatar-Prospettive-E-Opportunita.kl (2016-04-28)
    Open archived version from archive

  • Egitto: dalla partnership politica nuove opportunità per gli investimenti italiani
    procuratore generale Hisham Barakat e per la deflagrazione avanti al Consolato della Repubblica d Italia al Cairo che per il rilevante fermento economico e politico L Egitto è un paese dalla forte vocazione industriale posizione strategica enfatizzata dall ampliamento del Canale di Suez accordi di libero scambio con molti paesi limitrofi tra cui la partnership con l Unione Europea il Greater Arab Free Trade Area ed il Common Market for Eastern and Southern Africa valuta locale debole basso costo della manodopera leggi sul lavoro favorevoli all impresa disoccupazione endemica in una popolazione giovane e ben disposta alla formazione tassazione contenuta rendono la Valle del Nilo un terreno fertile per l industrializzazione Energie rinnovabili un mercato in sviluppo Donde le recenti norme introdotte dal Governo per incentivare gli investimenti esteri diretti in generale e le sovvenzioni alle energie rinnovabili in particolare capitale straniero e freen energy per fertilizzare la crescita dell economia domestica E in effetti l appetito del mercato locale per nuove fonti di energia è di palpabile evidenza Con una proiezione di domanda di elettricità costantemente crescente e una riduzione lenta ma inesorabile delle fonti di energia convenzionali le energie rinnovabili paiono essere l unica scelta valida all utilizzo del carbon fossile E il piano strategico dell Egitto per il periodo 2015 2017 prevede l installazione di circa 4 300 MW di cui circa la metà a fonte eolica e la metà a fonte solare E circa il 15 delle società coinvolte nel progetto paiono essere secondo una analisi di Chadbourne PMI capaci di installare fino a 20MW Ma se i mega progetti nell energia rimangono appannaggio di grandi imprese e consorzi capaci di costruire e gestire appalti che superino i 50MW a fronte di una feed in tariff interessante ma che sconta il rischio valuta e le attese sulla capacità del paese di far fronte all esposizione debitoria che le casse dello Stato andranno maturando in ragione dei molti incentivi e sussidi all economia promessi le PMI italiane possono di contro muoversi più agilmente quali fornitori di beni e servizi e ai grandi appaltatori e al Governo locale e soprattutto agli utenti finali Ed invero il target oggi più interessante per le imprese Italiane è proprio quel comparto industriale che il governo locale tende a incentivare indirettamente sussidiando la produzione di energie rinnovabili l ammodernamento e l efficientamento energetico degli impianti di produzione la sostenibilità energetica di edifici e fabbriche il risparmio e la messa in sicurezza in termini di elettricità sono oggi tra i servizi più richiesti dai produttori locali che vedono negli standard di efficientamento europei la strategia giusta per abbattere i costi di produzione e migliorare la gestione degli overheads Per le imprese italiane che hanno maturato esperienza nel campo energetico e che oggi vedono sempre più ridursi la torta del mercato del Bel Paese nel settore delle green energies l Egitto sta certamente diventando una valida alternativa Come operare in Egitto presenza in loco Ma fare affari in Egitto senza esser presenti sul territorio

    Original URL path: http://m.promos-milano.it/Informazione/Approfondimenti-NIBI/Egitto-Dalla-Partnership-Politica-Nuove-Opportunita-Per-Gli-Investimenti-Italiani.kl (2016-04-28)
    Open archived version from archive

  • Approfondimenti NIBI
    Back Approfondimenti NIBI Home News e approfondimenti Approfondimenti NIBI Back Approfondimenti NIBI Home Chi siamo Sedi Contatti Lavora con noi Gare Ricerca Copyright 2011 Promos P IVA 05121090962

    Original URL path: http://m.promos-milano.it/Informazione/Approfondimenti-NIBI/list.aspx (2016-04-28)
    Open archived version from archive

  • Materiali e presentazioni EXPORTour Lombardia 2015
    d intenti Memorandum of understanding EXPORTour Il recupero dei crediti all estero Monza 5 maggio Il recupero dei crediti all estero D lgs 231 2002 Regolamento 805 2004 Titolo esecutivo EU Regolamento 655 2014 Sequestro UE su conti Regolamento 1215 2012 Competenza giurisdizionale il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale Regolamento Roma I 593 2008 Legge applicabile EXPORTour Fare affari in Israele Milano 8 aprile Fare Affari in Israele Convenzione di Vienna Riferimenti normativi Scheda Paese Israele Infomercatiesteri EXPORTour Country presentation Marocco Cantù 31 marzo Focus su investimenti esteri in Marocco e success cases Cenni di contrattualistica internazionale regole di import export contratti commerciali tutela della proprietà intellettuale nel Paese EXPORTour Fare affari in Arabia Saudita Monza 19 marzo Fare affari in Arabia Saudita EXPORTour Intrastat 2015 novità normative e modalità di compilazione dei modelli Monza 3 marzo Novità IVA e riflessi Intrastat Novità decreto semplificazioni Intrastat 2015 EXPORTour Novità in tema di fiscalità e IVA 2015 anche in vista di Expo 2015 Milano 24 febbraio Novità del decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali Lo sportello Unico per i servizi telematici Moss EXPO 2015 Circolare Agenzia delle Entrate n 26 del 7 agosto 2014 Recenti sentenze in materia di IVA Ue Modifica Direttiva Madre Figlia Operazioni con soggetti residenti in paesi a regime fiscale privilegiato Novità del decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali Lo sportello Unico per i servizi telematici Moss EXPO 2015 Circolare Agenzia delle Entrate n 26 del 7 agosto 2014 Recenti sentenze in materia di IVA Ue Modifica Direttiva Madre Figlia Operazioni con soggetti residenti in paesi a regime fiscale privilegiato Novità IVA e riflessioni Intrastat Novità decreto semplificazioni Intrastat 2015 Fare affari in Arabia Saudita Fare affari in Arabia Saudita Investimenti esteri in Marocco Country presentation Marocco Riferimenti normativi Convenzione di Vienna Fare

    Original URL path: http://m.promos-milano.it/Informazione/Approfondimenti-Exportour/Materiali-E-Presentazioni-EXPORTour-Lombardia-2015.kl (2016-04-28)
    Open archived version from archive

  • Materiali e presentazioni EXPORTour Lombardia 2014
    per il tuo e commerce Donna e impresa nella sfida dei mercati internazionali Monza 17 settembre Donna e impresa nei mercati internazionali Reti d impresa internazionalizzazione e nuove forme d aggregazione Monza 9 luglio Perché con chi e come internazionalizzare Focus Brasile Monza 25 giugno Caratteristiche del mercato interscambio con l Italia opportunità di business Spagna scenari post crisi e prospettive future Monza 10 giugno Dopo la crisi l economia spagnola e le relazioni con l Italia Le caratteristiche del mercato Gli strumenti legislativi e fiscali per l impresa La distribuzione in Spagna Focus Singapore e Malaysia Monza 4 giugno Caratteristiche dei mercati settori e opportunità di business relazioni con l Italia Finanziarsi con l Europa strumenti comunitari per le PMI Milano 8 maggio Come sfruttare le nuove politiche europee per l innovazione Horizon 2020 SME Instrument lo Strumento per le PMI in pillole Le opportunità per le PMI in Horizon 2020 e le iniziative di supporto alla loro partecipazione Web marketing per i mercati internazionali Monza 7 maggio Come utilizzare con il massimo profitto gli strumenti di web marketing attualmente esistenti Esportare food wine negli Stati Uniti Milano 17 aprile Adempimenti per l export di prodotti agroalimentari e bevande Business Guide Focus Messico Monza 2 aprile Opportunità di business e approccio al mercato Iran approccio al mercato Monza 26 marzo Normativa comunitaria riguardante il commercio con l Iran Diritto societario regime fiscale zone franche contratto di agenzia Esportare cosmetici negli Emirati Arabi e in Qatar Milano 25 marzo Normativa doganale documenti e certificazioni etichettatura Nord Africa e Medio Oriente opportunità commerciali e di investimento Milano 18 marzo Prospettive politiche e quadro economico Investire in Qatar Emirati Arabi Uniti e Oman Investire in Marocco NIBI donna e impresa nei mercati internazionali Guida E commerce Tax Legal Scenari internazionali 4 11

    Original URL path: http://m.promos-milano.it/Informazione/Approfondimenti-Exportour/EXPORTour-Lombardia-Scarica-Materiali-E-Presentazioni.kl (2016-04-28)
    Open archived version from archive

  • Contattaci!
    Dal 1991 aiutiamo le PMI a operare nei mercati esteri Scegli la nostra esperienza per il tuo percorso verso l internazionalizzazione Fissa un appuntamento per conoscere i servizi più efficaci per le tue esigenze chiama Tel 02 8515 5938 Scrivi

    Original URL path: http://m.promos-milano.it/Profilo_Promos/Dettagli/Contattaci.kl (2016-04-28)
    Open archived version from archive



  •