web-archive-it.com » IT » R » REDATTORESOCIALE.IT

Total: 1870

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Toscana, 100 mila euro per la formazione e l’aggiornamento dei giornalisti - Redattore Sociale
    Cinema al Policlinico Gemelli raccolti 85 mila euro Foto Audio Foto Parco giochi accessibile come lo vorrebbero i bambini tutte le photogallery Milano la casa rifugio dove mamme e bambini ricominciano a vivere tutti gli audio Ritratti di disabili nel mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento Meglio il carcere che la strada I detenuti portoghesi rinunciano alla libertà La Rai Di Trapani Usigrai Di tutto ha bisogno tranne che di conservazione Azzardo i comuni arruolano cittadini contro le slot machine Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Toscana 100 mila euro per la formazione e l aggiornamento dei giornalisti E quanto prevede il bando pubblicato dalla Regione Toscana per sostenere le imprese di informazione che operano in ambito locale e accompagnarle nella transizione verso l uso di nuove tecnologie 11 gennaio 2016 FIRENZE Centomila euro per la formazione e l aggiornamento dei giornalisti E quanto prevede il bando pubblicato dalla Regione Toscana per sostenere le imprese di informazione che operano in ambito locale e accompagnarle nella transizione verso l uso di nuove tecnologie e l attivazione di prodotti giornalistici innovativi L avviso pubblico regionale finanzia progetti formativi da destinarsi al personale direttivo e giornalistico stabilmente impiegato nelle imprese di informazione private operanti in ambito locale volti all acquisizione e al perfezionamento delle competenze professionali legate all innovazione organizzativa e tecnologica Il bando è rivolto alle imprese che operano nell emittenza televisiva in quella radiofonica alle web tv e web radio alla stampa quotidiana e periodica ai quotidiani e periodici online alle agenzie di stampa via web La Città Metropolitana di Firenze si occuperà del finanziamento delle domande presentate per la formazione di imprese che abbiano unità

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497775/Toscana-100-mila-euro-per-la-formazione-e-l-aggiornamento-dei-giornalisti (2016-01-26)
    Open archived version from archive


  • Guantanamo, Amnesty agli Usa: "Chiudere il simbolo mondiale dell’ingiustizia" - Redattore Sociale
    fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Guantanamo Amnesty agli Usa Chiudere il simbolo mondiale dell ingiustizia In occasione del 14esimo anniversario dell apertura Amnesty International afferma E diventato il simbolo della tortura Chiuderlo non significa solo spostare i prigionieri altrove bensì porre fine a tutte quelle pratiche e assumere le responsabilità per le violazioni dei diritti umani che vi hanno avuto luogo 11 gennaio 2016 ROMA In occasione del 14esimo anniversario dell apertura di Guantánamo Amnesty International ha dichiarato che gli ostacoli posti dal Congresso americano alla chiusura del centro di detenzione rischiano di porre gli Usa tra i paesi che continuano stabilmente a violare gli standard internazionali condivisi in materia di giustizia e diritti umani Guantánamo rimane aperto perché la politica intende sfruttare la paura genuina di attacchi terroristici da parte dell opinione pubblica Invece di individuare misure efficaci e legali per prevenire quegli attacchi i membri del Congresso passano il tempo a giocare con le vite di decine di uomini che potrebbero morire dietro le sbarre senza neanche essere stati processati ha dichiarato Naureen Shah direttrice del programma Sicurezza e diritti umani di Amnesty International Usa Che ha aggiunto Guantánamo è diventato il simbolo internazionale della tortura delle rendition e della detenzione a tempo indeterminato senza accusa né processo Chiudere il centro non significa semplicemente spostare i prigionieri altrove bensì porre fine a tutte quelle pratiche e assumere le responsabilità per le violazioni dei diritti umani che vi hanno avuto luogo A Guantánamo si trovano attualmente 104 detenuti 45 dei quali rimangono reclusi anche se ne è stato già autorizzato il rilascio Quando s insediò alla presidenza nel gennaio 2009 il presidente Barack Obama firmò un ordine esecutivo che prevedeva la chiusura del famigerato centro di detenzione entro

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497766/Guantanamo-Amnesty-agli-Usa-Chiudere-il-simbolo-mondiale-dell-ingiustizia (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Colonia, Nosotras: "Collegamenti azzardati dei media tra violenze e profughi" - Redattore Sociale
    mense Caritas è disagio alimentare Protezione internazionale serve formazione ad hoc per i giudici Minori Save the Children appello all Onu per l emergenza siccità in Etiopia Cinema al Policlinico Gemelli raccolti 85 mila euro Foto Audio Foto Parco giochi accessibile come lo vorrebbero i bambini tutte le photogallery Milano la casa rifugio dove mamme e bambini ricominciano a vivere tutti gli audio Ritratti di disabili nel mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento Meglio il carcere che la strada I detenuti portoghesi rinunciano alla libertà La Rai Di Trapani Usigrai Di tutto ha bisogno tranne che di conservazione Azzardo i comuni arruolano cittadini contro le slot machine Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Colonia Nosotras Collegamenti azzardati dei media tra violenze e profughi L associazione fiorentina di donne I fatti di Colonia ci lasciano preoccupate e piene di dubbi ci inorridiscono e per questo esprimiamo la nostra forte solidarietà a tutte le donne vittime di aggressione 11 gennaio 2016 FIRENZE I fatti di Colonia ci lasciano preoccupate e piene di dubbi ci inorridiscono e per questo esprimiamo la nostra forte solidarietà a tutte le donne vittime di aggressione Così le donne di Nosotras Onlus associazione di donne italiane e migranti attiva dal 1998 a Firenze L associazione spera che le indagini delle forze di polizia siano veloci e trasparenti e consentano quanto prima l individuazione dei responsabili Il fenomeno ha però di per se dei tratti inquietanti su cui è bene che sia fatta quanta più chiarezza possibile per evitare che una situazione simile si possa ripetere nuovamente La nota dell associazione di sofferma poi sul collegamento tra violenze e migranti Il collegamento che è

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497728/Colonia-Nosotras-Collegamenti-azzardati-dei-media-tra-violenze-e-profughi (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • La sfida della casa editrice per bambini gestita da redattori disabili - Redattore Sociale
    desideri di Roma con 11 Radio Oggi il progetto Usciamo dal bozzolo è in rete e cerca sostenitori attraverso il crowdfunding l idea è creare una start up 10 gennaio 2016 ROMA Danilo Valentino Luciano Alessia Marina Diana e Fabrizio sono loro i protagonisti di quella che viene definita dagli ideatori una rivoluzione culturale Ovvero cambiare il mondo dell editoria per bambini e farlo attraverso un modo nuovo di concepire l inserimento lavorativo delle persone con disabilità psicomotoria andando oltre il collocamento specializzante e valorizzando le effettive competenze individuali box E Usciamo dal bozzolo la proposta di start up di casa editrice per bambini ideata da La lampada dei desideri associazione di volontariato di Roma che opera nel quartiere della Magliana e si occupa di inclusione sociale delle persone con disabilità e 11 Radio network il cui scopo è quello di usare la comunicazione sociale come strumento di integrazione e aggregazione Ad unirle tre anni fa l idea che la disabilità potesse essere superata attraverso la comunicazione sociale In principio spiega Federico Valerio fondatore di 11 Radio abbiamo iniziato con un laboratorio di scrittura collettiva rivolto a persone con disabilità psicofisiche quali sindrome di Down e autismo dimostrando con la pubblicazione del nostro primo audio libro che le persone con disabilità mentale e motorie non sono impossibilitate a fare lavori intellettuali Oggi siamo arrivati al punto di voler mettere in piedi una casa editrice per bambini gestita da persone con disabilità affiancate da professionisti del settore Insieme a Federico Valerio infatti collaborano a questa idea anche Renato Umberto Ruffino giornalista e fondatore della casa editrice di fumetti Prankster Comics e Daniele Angelelli sociologo ed esperto nella gestione di progetti europei Per farlo non avendo finanziamenti pubblici ci si è affidati al crowdfunding una raccolta fondi online Obiettivo raggiungere quota 20

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497710/La-sfida-della-casa-editrice-per-bambini-gestita-da-redattori-disabili (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Disabilità, Pancalli: “Parole di Mattarella sono sigillo al nostro movimento” - Redattore Sociale
    Toscana Speciali Volontariato CSV Toscana Africa Oltreconfine Agenzia giornalistica Bagnasco Migranti l Ue non si chiuda Sulla famiglia Tesoro inesauribile Unioni Civili Fish Considerare anche le questioni connesse alla disabilità Bagnasco 6 3 milioni di pasti dalle mense Caritas è disagio alimentare Protezione internazionale serve formazione ad hoc per i giudici Minori Save the Children appello all Onu per l emergenza siccità in Etiopia Cinema al Policlinico Gemelli raccolti 85 mila euro Foto Audio Foto Parco giochi accessibile come lo vorrebbero i bambini tutte le photogallery Milano la casa rifugio dove mamme e bambini ricominciano a vivere tutti gli audio Ritratti di disabili nel mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento Meglio il carcere che la strada I detenuti portoghesi rinunciano alla libertà La Rai Di Trapani Usigrai Di tutto ha bisogno tranne che di conservazione Azzardo i comuni arruolano cittadini contro le slot machine Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Disabilità Pancalli Parole di Mattarella sono sigillo al nostro movimento Il presidente del Comitato nazionale paralimpico in merito al discorso di fine anno del presidente della Repubblica quando è stata citata l atleta disabile Nicole Orlanndo 08 gennaio 2016 FIRENZE Il comitato nazionale paraolimpico è un pezzo di welfare di questo Paese e la dimostrazione di come si possa utilizzare lo sport come strumento di politica positiva Lo ha detto il presidente del comitato Paraolimpico italiano Luca Pancalli a margine della presentazione alla stampa dei Trisome Games le Olimpiadi per atleti con sindrome di Down In merito alle parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel discorso di fine anno sulla sportiva disabile Nicole Orlando Pancalli ha detto che queste parole sono uno sprone ad

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497680/Disabilita-Pancalli-Parole-di-Mattarella-sono-sigillo-al-nostro-movimento (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Le proposte per l'autismo nel programma elettorale di Hillary Clinton - Redattore Sociale
    cittadini contro le slot machine Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Le proposte per l autismo nel programma elettorale di Hillary Clinton Sono circa 3 5 milioni gli americani con disturbo dello spettro autistico un bambino ogni 68 E i costi dei servizi sono al i là delle possibilità delle famiglie Così la candidata alla Casa Bianca avanza le sue proposte diagnosi precoce assicurazione sanitaria ricerca e lavoro Marina Viola Ha capito noi famiglie 08 gennaio 2016 ROMA Nella corsa alla Casa Bianca la Clinton punta anche sull autismo E propone un piano per migliorare la vita delle famiglie che ci convivono ogni giorno La notizia arriva direttamente dal sito della candidata che proprio in questi giorni ha pubblicato un articolo dal titolo Il piano di Hillary Clinton per supportare bambini giovani e adulti con autismo e le loro famiglie Un bel pezzo di programma elettorale che parte dal dato di 3 5 milioni di americani con spettro autistico dallala stima che i l disturbo colpisca un bambino su 68 e dalla consapevolezza che i costi dei trattamenti e dei servizi sono al di là delle possibilità delle famiglie Di qui le proposte della Clinton che vanno a comporre un pezzo importante della sua campagna elettorale e del suo programma politico in estrema sintesi screening nazionale e diagnosi precoce pressione sugli Stati federali per garantire un assicurazione sanitaria a minori e adulti con autismo l otta al bullismo per protegge gli studenti autistici promozione di una Autism works initiative per favorire l inserimento lavorativo infine realizzazione del primo studio federale sulla presenza di questo disturbo nella popolazione adulta Una proposta importante secondo Marina Viola che vive a Boston e ha una

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497653/Le-proposte-per-l-autismo-nel-programma-elettorale-di-Hillary-Clinton (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • La svolta di Prato: le aziende cinesi assumono i lavoratori italiani - Redattore Sociale
    nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento Meglio il carcere che la strada I detenuti portoghesi rinunciano alla libertà La Rai Di Trapani Usigrai Di tutto ha bisogno tranne che di conservazione Azzardo i comuni arruolano cittadini contro le slot machine Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet La svolta di Prato le aziende cinesi assumono i lavoratori italiani Ricerca dell istituto Iris Assunti 355 italiani tra il 2010 e il 2015 pari al 19 del totale degli avviamenti Lo studioso Valzania L universo cinese non è un monolite indistinto questo fenomeno accresce l integrazione 08 gennaio 2016 FIRENZE Sono 355 i lavoratori italiani assunti da imprenditori cinesi in provincia di Prato tra ottobre 2010 e giugno 2015 E quanto rivela uno studio dell istituto di ricerca Iris Strumenti e Risorse per lo Sviluppo Locale Un dato significativo che per certi versi segna un accresciuta integrazione tra la popolazione italiana di Prato e quella cinese una delle comunità più chiuse in Italia Spiega il fenomeno il ricercatore di Iris Andrea Valzania Il 19 degli avviamenti su un totale di circa 1 800 tra il gennaio 2010 e il giugno 2015 riguarda cittadini italiani non solo nel tessile ma anche nell alberghiero e nel settore immobiliare Quindi non è vero che non ci sono lavoratori italiani nelle imprese cinesi Secondo Valzania questo fenomeno si spiega col fatto che gli imprenditori cinesi hanno bisogno di manodopera specializzata che evidentemente non trovano tra i loro concittadini La ricerca è stata condotta prendendo in esame le cento imprese cinese con maggior capitale sociale il cui 55 si occupano di tessile e abbigliamento il 22 lavorano nel settore immobiliare e una restante parte lavorano

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497635/La-svolta-di-Prato-le-aziende-cinesi-assumono-i-lavoratori-italiani (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Il libro double-face che aiuta a costruire un centro diurno per disabili - Redattore Sociale
    sposarsi Eppure dopo 40 anni di matrimonio sono ancora insieme vivono a Torino e hanno raccontato la loro vita in un doppio libro Agli estremi dell arcobaleno e Storia di un filo d erba Le loro autobiografie ripercorrono gli ostacoli ma anche i successi di chi nonostante tutto è riuscito ad arrivare al traguardo In ritardo forse più affaticati degli altri ma ce l abbiamo fatta racconta Giancarlo Il ricavato sarà devoluto all associazione Volare alto per realizzare un centro diurno e due appartamenti che accoglieranno a Torino persone con disabilità rimaste sole dopo la morte dei loro genitori Marisa e Giancarlo Le vite di Marisa e Giancarlo si incrociano quasi per caso unite dall amore per la psicologia e dalla volontà di aiutare gli altri più che di ricevere aiuto Marisa al momento della nascita ha una forte carenza di ossigeno al cervello La conseguenza è una grave forma di tetraparesi spastica che le impedisce qualsiasi movimento del corpo Da bambina pensavano che fossi deficiente perché non riuscivo a parlare bene Poi mio padre che era un operaio si è accorto che capivo e mi ha insegnato a leggere e a contare Non sono potuta andare a scuola perché la legge non lo permetteva ma ho comunque imparato tante cose racconta Non sono mancati però i momenti di sconforto Non riuscivo a capire perché ero venuta al mondo e per quale motivo proprio in quelle condizioni Finché un giorno ho avuto una crisi e ho creduto che non valesse la pena vivere così Volevo morire perché non trovavo una motivazione alla mia esistenza Fu un pensiero molto lineare a salvarmi dalla disperazione se anche un filo d erba è utile perché costituisce il primo anello della catena alimentare anche io potevo esserlo dice Marisa Ho capito che potevo amare qualcuno alla pari degli altri che potevo essere d esempio nel mio modo di affrontare la vita Ed ecco che mi sono messa ad attendere ho aspettato di comprendere quale era il disegno che dovevo seguire perché in quel momento non riuscivo a vedere dove stavo andando È passato del tempo e sono riuscita a laurearmi in psicologia ho conosciuto l uomo della mia vita e ho conquistato tutto quello che desideravo Ora posso dire di avere avuto un esistenza quasi sempre stupenda L incontro con Giancarlo anche lui nato asfittico ma con una disabilità meno grave ha cambiato la vita di entrambi Come tutte le cose serie la nostra storia iniziò per scherzo Io gli dicevo Sono troppo handicappata come fai a volermi bene Mi rispondeva che ero stupida a parlare così che l amore vero può e deve andare oltre le apparenze ricorda I genitori di Giancarlo erano però contrari al matrimonio per loro era inconcepibile che due persone bisognose di aiuto decidessero di vivere insieme Ma nonostante tutto Marisa e Giancarlo sono andati dritti per la loro strada In tutti questi anni di vita in comune non ci è mai mancato qualcuno che ci desse una mano

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497626/Il-libro-double-face-che-aiuta-a-costruire-un-centro-diurno-per-disabili (2016-01-26)
    Open archived version from archive



  •