web-archive-it.com » IT » R » REDATTORESOCIALE.IT

Total: 1870

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Ambiente, italiani preoccupati soprattutto dall’inquinamento atmosferico - Redattore Sociale
    italiani preoccupati soprattutto dall inquinamento atmosferico I dati Istat E indicato tra le cinque principali preoccupazioni legate all ambiente dalla metà dei rispondenti Seguono lo smaltimento dei rifiuti i cambiamenti climatici l inquinamento delle acque l effetto serra e buco nell ozono e le catastrofi provocate dall uomo 22 dicembre 2015 ROMA Secondo le stime campionarie il problema ambientale avvertito come più urgente dalla popolazione italiana nel 2014 è l inquinamento dell aria indicato tra le cinque principali preoccupazioni legate all ambiente dalla metà dei rispondenti immediatamente seguito dallo smaltimento dei rifiuti segnalato dal 47 Così l Istat presentando il report Popolazione e ambiente preoccupazioni e comportamenti dei cittadini in campo ambientale Anno 2014 Ulteriori fattori di rischio ambientale a livello globale vengono individuati nei cambiamenti climatici indicati dal 42 della popolazione nell inquinamento delle acque 38 nell effetto serra e buco nell ozono 33 3 e nelle catastrofi provocate dall uomo incidenti industriali perdite sversamenti di petrolio olio e altre sostanze eccetera 33 1 Minore invece il livello di consapevolezza dei pericoli connessi all inquinamento acustico 12 ed elettromagnetico 13 alla deforestazione 16 alla rovina del paesaggio causata dall eccessiva edificazione 17 all estinzione di specie vegetali ed animali 17 e all esaurimento delle risorse naturali 19 Nel corso del tempo si registra una variabilità complessivamente modesta del livello di sensibilità della popolazione ai problemi ambientali Così se si guarda ai cambiamenti più recenti il forte calo di attenzione per i fenomeni dell effetto serra e del buco dell ozono registrato tra il 1998 e il 2012 da 57 9 a 35 0 si affievolisce notevolmente Parallelamente il cambiamento climatico che tanto spazio aveva guadagnato nelle preoccupazioni della popolazione tra il 1998 e il 2012 segna nell ultimo biennio una contrazione di interesse così come i temi dell esaurimento

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497251/Ambiente-italiani-preoccupati-soprattutto-dall-inquinamento-atmosferico (2016-01-26)
    Open archived version from archive


  • Migranti. Da Roma a Bolzano, il 2015 è l’anno dell’accoglienza dal basso - Redattore Sociale
    Polonia Grecia e Spagna il totale è di altri 240 abbinamenti è l ultimo di una serie di iniziative dal basso che hanno visto sempre più persone comuni da Nord a Sud mobilitarsi in favore dei migranti e dei richiedenti asilo Il 2015 infatti è stato per l Italia l anno dell accoglienza dal basso Mai prima d ora si era vista una straordinaria mobilitazione civica in favore dei migranti In molti casi come anche nel resto d Europa le iniziative lanciate quasi per caso dai cittadini hanno permesso di fronteggiare situazioni emergenziali nei territori E di ovviare alle lacune delle istituzioni che ancora quest anno nonostante un calo degli arrivi hanno messo in piedi un sistema di accoglienza per larga parte emergenziale Una delle esperienze più importanti di accoglienza dal basso è nata Roma a pochi passi dalla stazione Tiburtina Qui un gruppo di cittadini volontari per tutta l estate ha fornito assistenza a circa 35mila migranti transitanti con il solo supporto per la parte sanitaria e legale delle associazioni Al centro Baobab una struttura che prima di allora era salita agli onori della cronaca per la foto simbolo di Mafia capitale si è sviluppato così un modello del tutto nuovo che ha dimostrato in pochi mesi l efficienza e il senso pratico delle persone comuni nell affrontare i fenomeni complessi come quello dei migranti transitanti quei profughi cioè che vedono nell Italia solo un paese di transito perché vogliono raggiungere il Nord Europa All opposto è emersa invece l inadeguatezza delle istituzioni che negli stessi mesi hanno promesso senza trovarne soluzioni alternative Oggi il centro Baobab è chiuso ma i volontari sono riusciti ad aprire un tavolo con il Commissario straordinario di Roma Francesco Paolo Tronca per portare avanti l esperienza dei cittadini anche in un altra struttura magari più grande e adeguata per venire incontro alle esigenze di assistenza ai profughi che continuano ad arrivare a Roma L esempio potrebbe essere quello di Milano dove già dallo scorso anno i cittadini si sono messi al lavoro spontaneamente per accogliere i tanti profughi che passano dalla stazione centrale L esperienza è continuata rafforzandosi anche nel 2015 Questa volta però con l aiuto del Comune che ha coordinato il lavoro dei volontari insieme ad associazioni e cooperative sociali Anche a Bolzano al binario 1 la solidarietà è sorta spontaneamente Qui uomini e donne provenienti anche da Innsbruck o dalla Val Venosta si sono uniti ai cittadini per rendere umani i binari della stazione alto atesina I treni da Roma carichi di migranti arrivavano sul binario 3 racconta Eliana una delle volontarie Abbiamo fatto domanda per avere uno spazio a nostra disposizione ce ne è stato dato uno sul primo binario a fianco dell associazione Volontarius che si occupa di questi temi Sempre su uno dei luoghi di frontiera si inserisce anche l esperienza del collettivo No borders Ventimiglia Un presidio permanente che ha preso il via l 11 giugno quando un gruppo di migranti per resistere allo sgombero da

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497239/Migranti-Da-Roma-a-Bolzano-il-2015-e-l-anno-dell-accoglienza-dal-basso (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Con Mafia Capitale meno posti per gli homeless. "Isolamento crea povertà" - Redattore Sociale
    la necessità di una maggiore inclusione per proteggere le persone più vulnerabili e a rischio di povertà All inizio del Giubileo occorre sottolineare che la misericordia significa oggi anche ricostruire tante reti sociali che si sono rotte o frammentate Colpisce ha precisato che il 78 per cento delle persone che si trovano in strada oggi sia solo e provenga in gran parte da storie di isolamento legate principalmente alle separazioni se viene meno la famiglia grande motore del welfare italiano ci si ritrova in difficoltà e più facilmente in povertà Basta pensare agli immigrati che sono tra i soggetti più a rischio di finire in strada proprio per la lontananza del sostegno delle famiglie di origine Sarebbe bene allargare la possibilità dei ricongiungimenti familiari ora riservata solo ai parenti più stretti Un altro fattore importante di tenuta sociale ha sottolineato Impagliazzo è rappresentato dal lavoro che la nostra Costituzione non a caso inserisce nel suo primo articolo come valore sociale e non solo economico A questo proposito ha citato l esperienza fatta a Roma dalla Città Ecosolidale della Comunità di Sant Egidio Questo centro di raccolta di beni materiali destinati alle persone in difficoltà che solo per fare un esempio distribuisce ogni settimana 5 tonnellate di vestiti ha ridato lavoro a decine di persone con una cooperativa restituendo a tutti loro dignità e offrendo un percorso di reinserimento sociale Non è sufficiente il reddito minimo ma occorre che sia temperato dall offerta di lavoro L isolamento è inoltre una delle cause più importanti di morte degli anziani Di alcuni di loro purtroppo si viene a scoprire dopo giorni e giorni a volte mesi come nel caso di Maria Carmela la donna di Ponte di Nona che è stata ritrovata senza vita addirittura dopo due anni Il programma Viva gli Anziani promosso da Sant Egidio in 4 storici rioni romani ha proprio l obiettivo di proteggere gli ultrasettantacinquenni con una rete sociale che va dal vicino di casa al negoziante al farmacista a tutti coloro che hanno contatti con gli abitanti più fragili di questi quartieri Per quanto riguarda Roma Impagliazzo ha segnalato che tra le 7 700 persone che vivono per strada solo 2 500 circa hanno la possibilità di dormire al riparo 3 mila lo trovano in alloggi di fortuna e 2 500 non hanno nulla C è stata anche una diminuzione dell offerta dovuta anche all onda lunga di Mafia Capitale che ha rallentato o bloccato alcuni appalti per la gestione dell accoglienza notturna Ciò ha fatto registrare cento posti letto in meno Aumenta allo stesso tempo però la generosità a Roma le associazioni che svolgono un servizio di strada sono oggi 40 tre in più rispetto all anno scorso e sono oltre 2500 i romani che gratuitamente tutte le settimane dell anno si impegnano in questo modo portando non più solo panini ma vere e proprie cene a chi vive per strada E anche effetto della predicazione e dell insistenza di Papa Francesco sull accoglienza nei confronti

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497236/Con-Mafia-Capitale-meno-posti-per-gli-homeless-Isolamento-crea-poverta (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Toscana, esenzione dai ticket ospedalieri per i disoccupati - Redattore Sociale
    milioni di pasti dalle mense Caritas è disagio alimentare Protezione internazionale serve formazione ad hoc per i giudici Minori Save the Children appello all Onu per l emergenza siccità in Etiopia Cinema al Policlinico Gemelli raccolti 85 mila euro Foto Audio Foto Parco giochi accessibile come lo vorrebbero i bambini tutte le photogallery Milano la casa rifugio dove mamme e bambini ricominciano a vivere tutti gli audio Ritratti di disabili nel mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento Meglio il carcere che la strada I detenuti portoghesi rinunciano alla libertà La Rai Di Trapani Usigrai Di tutto ha bisogno tranne che di conservazione Azzardo i comuni arruolano cittadini contro le slot machine Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Toscana esenzione dai ticket ospedalieri per i disoccupati La Regione conferma fino al 31 dicembre 2016 il riconoscimento dall esenzione anche per i lavoratori in mobilità per fronteggiare la crisi economica 22 dicembre 2015 FIRENZE Tra le misure straordinarie di sostegno ai lavoratori colpiti dalla crisi economica in Toscana viene confermato fino al 31 dicembre 2016 il riconoscimento

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497231/Toscana-esenzione-dai-ticket-ospedalieri-per-i-disoccupati (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Toscana, 43 milioni per 128 progetti di ricerca e innovazione - Redattore Sociale
    hoc per i giudici Minori Save the Children appello all Onu per l emergenza siccità in Etiopia Cinema al Policlinico Gemelli raccolti 85 mila euro Foto Audio Foto Parco giochi accessibile come lo vorrebbero i bambini tutte le photogallery Milano la casa rifugio dove mamme e bambini ricominciano a vivere tutti gli audio Ritratti di disabili nel mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento Meglio il carcere che la strada I detenuti portoghesi rinunciano alla libertà La Rai Di Trapani Usigrai Di tutto ha bisogno tranne che di conservazione Azzardo i comuni arruolano cittadini contro le slot machine Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Toscana 43 milioni per 128 progetti di ricerca e innovazione Il presidente Rossi Siamo partiti con 8 milioni di euro e adesso che i fondi europei dei Por sono arrivati abbiamo potuto quintuplicare le risorse che mettiamo a disposizione del sistema produttivo 21 dicembre 2015 FIRENZE Sono 138 i progetti di ricerca sviluppo e innovazione presentati da grandi medie e piccole imprese che la Regione Toscana ha finanziato per complessivi 43 6 milioni di euro Le graduatorie che riguardano tre distinti bandi sono state approvate nel corso dell ultima Giunta regionale Avevamo annunciato spiega il presidente Enrico Rossi che avremmo pubblicato i bandi prima delle altre Regioni così da anticipare i tempi Ed ecco che oggi cogliamo i primi risultati siamo partiti con 8 milioni di euro e adesso che i fondi europei dei Por i programmi operativi regionali sono arrivati abbiamo potuto quintuplicare le risorse che mettiamo a disposizione del sistema produttivo Immettiamo fondi freschi senza perdere neppure un anno come accadeva tra un settennato europeo e l altro Il primo

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497201/Toscana-43-milioni-per-128-progetti-di-ricerca-e-innovazione (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Firenze, pranzo di Natale per gli ospiti dei centri d’accoglienza - Redattore Sociale
    Bagnasco 6 3 milioni di pasti dalle mense Caritas è disagio alimentare Protezione internazionale serve formazione ad hoc per i giudici Minori Save the Children appello all Onu per l emergenza siccità in Etiopia Cinema al Policlinico Gemelli raccolti 85 mila euro Foto Audio Foto Parco giochi accessibile come lo vorrebbero i bambini tutte le photogallery Milano la casa rifugio dove mamme e bambini ricominciano a vivere tutti gli audio Ritratti di disabili nel mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento Meglio il carcere che la strada I detenuti portoghesi rinunciano alla libertà La Rai Di Trapani Usigrai Di tutto ha bisogno tranne che di conservazione Azzardo i comuni arruolano cittadini contro le slot machine Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Firenze pranzo di Natale per gli ospiti dei centri d accoglienza Domani si ritroveranno senzatetto profughi ed emarginati per il tradizionale appuntamento offerto dalla Rondinella del Torrino 21 dicembre 2015 FIRENZE Come avviene ormai da cinque anni torna domani a Firenze il tradizionale pranzo natalizio per gli ospiti delle strutture di accoglienza offerto dalla Rondinella del Torrino dal Comitato festeggiamenti San Frediano che annualmente assegna i premi del Torrino d oro e dai Bianchi di Santo Spirito in collaborazione con l assessorato al Welfare guidato da Sara Funaro L iniziativa di solidarietà è in programma domani alle 13 30 alla sede della Rondinella e vedrà la partecipazione di circa 130 persone ospitate in alcune strutture di accoglienza cittadine Albergo popolare Arcobaleno progetto Ponte rosso Fenice Ostello del Carmine San Paolino e via Slataper Al pranzo parteciperanno l assessore Funaro e l assessore regionale al Diritto alla salute e al Welfare Stefania Saccardi che per l

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497202/Firenze-pranzo-di-Natale-per-gli-ospiti-dei-centri-d-accoglienza (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Ospitare rifugiati in casa, ecco il sito che fa incontrare domanda e offerta - Redattore Sociale
    bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Ospitare rifugiati in casa ecco il sito che fa incontrare domanda e offerta Prende il via oggi in Italia l esperienza di Refugees Welcome Italia In Germania dove è nata nel 2014 l idea sta funzionando con 231 abbinamenti in corso Si è poi estesa in Austria Polonia Grecia e Spagna in totale altri 240 abbinamenti Chi decide di ospitare deve dare una disponibilità da tre a sei mesi 21 dicembre 2015 MILANO Prende il via oggi l esperienza di Refugees Welcome Italia la piattaforma on line che fa incontrare rifugiati o richiedenti asilo e persone disposte a ospitarle in casa propria In Germania dove è nata nel 2014 l idea sta funzionando con 231 abbinamenti in corso Si è poi estesa in Austria Polonia Grecia e Spagna in totale altri 240 abbinamenti Vogliamo creare un nuovo modello di accoglienza che si affianca a quelli già esistenti nel nostro Paese spiega Fabiana Musicco esperta di progetti sociali e una delle fondatrice di Refugees Welcome Italia insieme a Germana Lavagna fotografa e giornalista e Matteo Bassoli sociologo Chi ha una stanza in più e vuole vivere un esperienza di solidarietà e aprirsi agli altri non deve fare altro che registrarsi sulla piattaforma Refugees Welcome Italia farà un attenta analisi delle condizioni e delle motivazioni che spingono a voler ospitare e poi troverà nella zona in cui vive l ospitante associazioni o enti che già accolgono richiedenti asilo L ospitalità in famiglia non si improvvisa spiega Fabiana Musicco È necessario creare il giusto abbinamento con le associazioni del territorio già impegnate in questo campo troviamo il rifugiato che meglio può integrarsi nella famiglia che l accoglierà La scommessa dei fondatori di Refugees Welcome Italia è ambiziosa e allo stesso tempo semplice l accoglienza in casa favorisce l integrazione perché grazie e tramite la famiglia ospitante può essere più facile per il rifugiato conoscere altre persone sul territorio fare volontariato nelle associazioni locali trovare lavoro frequentare corsi di formazione Quando invece si concentrato decine di migranti in una stessa struttura si rischia di creare solo problemi sottolinea Matteo Bassoli sociologo Con un accoglienza diffusa le chance di successo sono maggiori Attualmente i richiedenti asilo o quelli che hanno già ottenuto la protezione umanitaria vengono accolti in strutture gestite dal terzo settore oppure in alberghi in entrambi i casi tramite convenzione con le Prefetture C è inoltre lo Sprar che è il sistema di accoglienza della rete degli enti locali in questo caso sono i comuni a gestire le strutture in collaborazione sempre con il terzo settore I fondi finora sono stati destinati solo a questi genere di accoglienza mentre non è mai stata progettata a livello nazionale quella in famiglia Refugees Welcome Italia è da questo punto di vista la novità anche se non può accedere ancora alle risorse dello Stato e infatti ha già lanciato una campagna di raccolta fondi Chi decide di ospitare deve dare una disponibilità da tre a sei mesi Welcome Refugees Italia

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497180/Ospitare-rifugiati-in-casa-ecco-il-sito-che-fa-incontrare-domanda-e-offerta (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Notiziario - pagina 13 - Redattore Sociale
    Condividi su Misna i redattori scrivono al papa Caro Francesco ascoltaci tu 21 dicembre 2015 A pochi giorni dall annuncio degli editori i giornalisti scrivono al Pontefice per scongiurare la chiusura dell agenzia De Luca rappresentante sindacale Chiediamo un passo in avanti reciproco ma l impressione è che manchi una volontà comune di salvare la Misna e la sua missione Condividi su Napoli seconda casa per i rifugiati lezioni di italiano musica e palestra 21 dicembre 2015 Dal 17 al 20 dicembre l associazione Less onlus che gestisce per il comune tre centri di accoglienza per richiedenti asilo nel cuore della città ha invitato i cittadini a entrare nelle strutture conoscere i ragazzi e le ragazze accolte capire da dove vengono e perché si trovano qui Condividi su Internet Istat un terzo delle famiglie non ha ancora accesso 21 dicembre 2015 Un terzo delle famiglie non ha accesso a Internet ma il trend e discendente Lo comunica l Istat Tra il 2010 e il 2015 e aumentata notevolmente la quota di famiglie che dispone di un accesso a Internet da casa da 52 4 a 66 2 Tale tre Condividi su Non autosufficienza cresce il peso sulle famiglie E l assistenza in nero 21 dicembre 2015 L analisi di Franco Pesaresi e Carlos Chiatti autori del V Rapporto sull assistenza agli anziani non autosufficienti in Italia sulla contrazione dei servizi Pesa la riduzione dei finanziamenti per regioni e comuni E le famiglie hanno mantenuto l indennità di accompagno in casa impegnandosi di più nell assistenza Condividi su Regali last minute Per quelli solidali basta un click 20 dicembre 2015 Regalare un pranzo di Natale ai più poveri adottare un bambino a distanza donare sedie di cartone Sono tante anche quest anno le idee sostenibili e solidali proposte da associazioni e ong Eccone una selezione per i regali dell ultimo minuto Condividi su Un nuovo mondo per i ciechi ecco come ritrovare la vista con il suono 20 dicembre 2015 Dare la vista ai ciechi con il suono Come Sviluppando e allenando l udito a percepire e a identificare gli oggetti circostanti E la sfida che parte da Reggio Emilia dove Irene Lanza giovane ceo della start up Soundsight Training Parte il crowfunding Condividi su Stabilità in servizio civile 38 mila ragazzi nel 2016 Il nodo delle risorse 20 dicembre 2015 Ecco le novità approvate nella notte subemendamento che consente di attingere ai 500 milioni di fondi stanziati per il Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza Marcon primo firmatario non buttare soldi negli F35 Condividi su Stabilità via libera della Camera family card e addio alla Tasi 20 dicembre 2015 Card da 500 euro ai diciottenni family card niente Tasi la Camera nella notte ha approvato il ddl di Stabilità che va ora al Senato per l approvazione definitiva Tra le ultime modifiche la norma che riguarda le famiglie numerose Condividi su Stabilità scoppia il caso Isee bocciata la norma sull esenzione per i disabili 19

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario?pagina=13 (2016-01-26)
    Open archived version from archive



  •