web-archive-it.com » IT » R » REDATTORESOCIALE.IT

Total: 1870

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • "Vorrei la carrozzina da ballo". La sfida del disabile ballerino - Redattore Sociale
    mila euro Foto Audio Foto Parco giochi accessibile come lo vorrebbero i bambini tutte le photogallery Milano la casa rifugio dove mamme e bambini ricominciano a vivere tutti gli audio Ritratti di disabili nel mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento La meraviglia del circo sociale clown e funamboli in viaggio verso l Etiopia I volontari dell ambulatorio light per i poveri la banalità del bene Questo Giubileo polverizzato è la mossa più audace di papa Francesco Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Vorrei la carrozzina da ballo La sfida del disabile ballerino Marco Galli vincitore di vari riconoscimenti nazionali continua ad esercitare la sua passione su una semplice carrozzina da passeggio Ora serve una carrozzina sportiva 08 ottobre 2015 FIRENZE Vorrei la carrozzina da ballo E la nuova sfida sul fronte della disabilità che porta la firma di Marco Galli giovane ballerino che ha lanciato un crowdfunding per l acquisto di un mezzo con cui continuare a esercitare la sua passione Il giovane trentenne ha cominciato nel 2004 a ballare latino americano in carrozzina sfruttando un opportunità che gli era stata data dall associazione per cui fino a quel momento praticava basket Weelchair sport Firenze Uno sport che è diventato qualcosa di sempre più importante numerose ballerine che hanno accompagnato Marco numerosi palcoscenici in cui si è esibito e poi l approdo alla scuola di ballo Spaziodanza di Sesto Fiorentino Firenze Marco utilizza per il ballo soltanto la carrozzina da passeggio che pur essendo super leggera non ha minimamente le caratteristiche di una carrozzina sportiva Questo ha limitato molto il dinamismo che altrimenti avrei potuto esprimere nelle coreografie ha detto Marco Dopo qualche mese Marco

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/491974/Vorrei-la-carrozzina-da-ballo-La-sfida-del-disabile-ballerino (2016-01-26)
    Open archived version from archive


  • Docenti disabili, Miur rassicura: legge 68 rispettata. I riservisti: finora no - Redattore Sociale
    dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Docenti disabili Miur rassicura legge 68 rispettata I riservisti finora no Dopo l incontro tra Fish Faraone e dirigenti ministero la rassicurazione Il Comitato di docenti speriamo che il ministero abbia preso atto del problema Falabella Fish la quota di riserva sarà rispettata Oggi incontro al Miur su inclusione scolastica 07 ottobre 2015 ROMA Stiamo rispettando la legge 68 99 e garantisco che continueremo a farlo anche nella fase C del piano straordinario di immissione in ruolo di docenti previsto dalla Buona Scuola così in una nota il sottosegretario all Istruzione Davide Faraone riferisce a seguito dell incontro con una delegazione della Fish All ordine del giorno il problema sollevato dal Comitato di docenti disabili Riservistinruolo e rilanciato da Anief sotto forma di denuncia e di ricorsi il piano straordinario di assunzioni della Buona Scuola questo il nocciolo della questione non ha tenuto finora conto delle quote riservate previste dalla legge 68 99 Pertanto ci si augura e ci si attende questo l appello del comitato che almeno nella fase C ormai prossima la legge sia rispettata Questa nota è la prima comunicazione ufficiale del Miur su questa tema commenta oggi un portavoce del comitato e già questo ci rincuora dandoci la speranza che il ministero faccia un passo indietro Però si tratta di una comunicazione molto vaga che non dettaglia e per giunta contiene un inesattezza stiamo osservando è un espressione scorretta osserva Ribadiamo dati alla mano che in fase B le quote riservate non sono state rispettate è un affermazione non opinabile ora che l algoritmo è stato pubblicato Tecnicamente per essere più precisi dobbiamo dire che le riserve sono state considerate come preferenze e non come riserve del posto Perciò quando Faraone afferma stiamo rispettando la legge 68 99 dice una cosa non vera Ora speriamo che il ministero abbia preso atto del problema e ponga rimedio in fase C adottando un algoritmo diverso Ne è certo Vincenzo Falabella presidente di Fish presente all incontro di ieri Il ministero ci ha tranquillizzato rispetto a una questione su cui abbiamo ricevuto molte segnalazioni negli ultimi tempi riferisce La quota di riserva sarà rispettata nei termini previsti dalla normativa nazionale la preoccupazione resterà fino alla pubblicazione della graduatoria della fase C ma siamo fiduciosi che l incontro di ieri abbia portato a un impegno concreto Riguardo la fase precedente è vero che ci sono state delle difficoltà di ordine tecnico nell applicare le quote di riserva riferisce Falabella D altra parte aggiunge per la fase B le domande erano state già presentate dai vincitori di concorso e difficilmente si poteva dare il calcolo sull effettivo numero di riserve Ritengo però probabile che ora in fase C si sani la situazione risolvendo e compensando forse anche con una lievitazione delle quote di riserva Un ipotesi che ci conferma lo stesso ministero a cui abbiamo chiesto precisazioni nel merito La fase B era una fase residuale cioè

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/491928/Docenti-disabili-Miur-rassicura-legge-68-rispettata-I-riservisti-finora-no (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Undici viaggi per una prescrizione: se la burocrazia fa la guerra ai caregiver - Redattore Sociale
    in vita suo fratello E ora è esasperata esausta e avvilita Laura Vaccaro ha 59 anni e da 11 assiste suo fratello di 7 anni più piccolo in coma vigile dopo un gravissimo incidente Vive a Cefalù e si occupa di lui ogni giorno curandosi anche della mamma ormai anziana con l aiuto del marito e dell altro fratello Tra le varie incombenze ci sono quelle burocratiche come quella di richiedere ogni sei mesi la visita dal neurologo per la prescrizione dell alimentazione artificiale per il fratello Una formalità apparentemente semplice che però in questo caso si è trasformata in un vero e proprio incubo Cefalù Palermo il neurologo Come sempre si è mossa con un certo anticipo ma alla Asl mi hanno detto che il neurologo in sede non ci sarebbe stato fino a metà ottobre Così abbiamo accettato la prima visita disponibile a Palermo nonostante le difficoltà di trasporto di mio fratello A fine agosto quindi primo viaggio ma arrivati dal neurologo ci siamo accorti che la richiesta riportava un nome sbagliato E il medico non ha potuto farci la prescrizione perché rischio il carcere ci disse Ma ci venne incontro concedendomi di tornare da sola il lunedì successivo Così due giorni dopo eccola di nuovo a Palermo consegno al neurologo il vecchio elenco delle prescrizioni e spunta un altro problema lui può prescrivermi solo alimentazione peg e deflussori tutto il resto compete al chirurgo Cefalù Termini Imerese il chirurgo Così Laura va dal medico curante lo convince della necessità di una visita dal chirurgo e poi di nuovo alla Asl per prenotare questa volta la prima visita disponibile è a Termini Imerese E dovrà andare anche il fratello altro viaggio altra fatica Perdiamo l intera giornata con mio fratello distrutto tra uffici chiusi e indicazioni sbagliate Finalmente veniamo ricevuti dal chirurgo ed ecco un altra sorpresa lui non può prescriverci le siringhe da 60 ml che a noi sono indispensabili Né sa dirci di chi sia la competenza Insomma manca ancora qualcosa Torno a casa distrutta e avvilita e inizio già dal giorno successivo una serie di telefonate per capire a chi debba rivolgermi per queste siringhe Nel frattempo però le riserve di alimentazione iniziano a scarseggiare e con tutti questi giri il tempo passa Il 1 settembre mio figlio va a chiedere l alimentazione in farmacia assicurando che avremmo portato al più presto la documentazione La farmacista gliela dà ma precisa in via del tutto eccezionale Non ci accorgiamo però che anziché darci la fornitura per l intero mese ci do solo quella necessaria per 10 giorni L alimentazione sta per finire Intanto la situazione continua a complicarsi la prescrizione del neurologo per l alimentazione non va bene perché manca la data di scadenza altri giri per ottenere comunque l autorizzazione Finalmente il 18 settembre l autorizzazione c è e Laura la porta in farmacia ma la ricetta riguarda solo l alimentazione per il resto del materiale riferisce Laura eravamo ancora in alto mare A fine

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/491783/Undici-viaggi-per-una-prescrizione-se-la-burocrazia-fa-la-guerra-ai-caregiver (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Disabili, i bravi insegnanti che frenano l’attrazione delle scuole speciali - Redattore Sociale
    bambini disabili che frequentano le scuole con tutti gli altri e tanti di loro che a chiunque sembrerebbero incompatibili con la scuola entrano in classe e raggiungono bei risultati grazie soprattutto a quei tanti bravi insegnanti che oggi bisogna ringraziare Finiti i ringraziamenti però iniziano i problemi risorse inadeguate ma soprattutto precarie riferisce Merlo In Lombardia per esempio quest anno non mancano le cattedre di sostegno ma gli insegnanti In altre parole il rapporto tra studenti certificati e numero di cattedre è quasi in regola ma le cattedre restano vacanti e virtuali perché gli insegnanti di sostegno non ci sono e il numero di docenti specializzati è notevolmente inferiore alla domanda Così la macchina parte tardi e per settimane anche per mesi non riescono a salirci proprio coloro che a piedi non dovrebbero restare Per questo è molto arrabbiato Toni Noccheti che con l associazione Tuttiascuola ha recentemente scritto una lettera al presidente dalla Repubblica Mattarella per dire che la cosiddetta buona scuola per gli oltre 235 000 alunni disabili italiani oggi non è ancora cominciata e ricordare che i promessi 116 mila insegnanti specializzati saranno assolutamente insufficienti con circa 170 mila alunni disabili intellettivi gravi Presidente Mattarella sintetizza Nocchetti la verità è che a questa politica la disabilità non piace non piace perché è scomoda è improduttiva è costosa Il problema per Nocchetti è quantitativo e qualitativo organici ampiamente insufficienti e composizione delle classi assolutamente inadeguata Qualche esempio Nelle superiori la maggior parte delle classi ha almeno 26 studenti di cui 2 o 3 con disabilità La scuola di oggi è frutto di un approccio puramente economico che la rende fallimentare soprattutto in materia d inclusione Sfido il ministro dell Istruzione e il sottosegretario Faraone e un dibattito pubblico sul tema dell istruzione dei disabili dove e quando preferiscono purché siano presenti giornalisti che possano raccontare le cose come stanno Poi c è la questione della qualità e qui Nocchetti è ben più pessimista di Merlo la qualità degli insegnanti di sostegno non c è Perché Perché l Italia non ha investito nella formazione in nessun settore Ora la grande novità è il bonus di 500 agli insegnanti ma non è così che si fa formazione E chiediamoci come si fanno i corsi di formazione Sono frontali oppure on line La scuola dell inclusione richiede una scuola di qualità mentre il nostro sistema di formazione è di mediocrità a parte eccellenze e buone pratiche isolate Il risultato di queste carenze Studenti disabili che nella maggior parte dei casi vanno a scuola per 3 ore al giorno O genitori a cui viene chiesto di riprenderseli urgentemente perché nessuno li sa gestire O ancora bambini disabili gravi che nessuno pulisce perché i bidelli sono ultra cinquantenni con 104 e quindi esonerati dall assistenza materiale Un quadro decisamente nero insomma quello dipinto in pochi tratti da Nocchetti Ma che si veda il bicchiere mezzo pieno come Merlo o mezzo vuoto come Nocchetti quel che è certo è che la scuola italiana dell

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/491771/Disabili-i-bravi-insegnanti-che-frenano-l-attrazione-delle-scuole-speciali (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Ausili usati, Piazzabile cresce e chiede la collaborazione delle associazioni - Redattore Sociale
    Tweet Ausili usati Piazzabile cresce e chiede la collaborazione delle associazioni Per una carrozzina si può risparmiare il 50 per un montascale anche il 70 Con oltre 2 mila annunci on line e una media di 30 contrattazioni ogni 100 proposte il sito cresce ma vorrebbe fare di più Chiediamo alle associazioni di collaborare perché pochi ancora ci conoscono 03 ottobre 2015 ROMA Una carrozzina può costare la metà per un montascale si può risparmiare fino al 70 niente trucco niente inganno semplicemente usato L idea è di poco meno di un anno fa ne abbiamo già parlato pochi mesi dopo la sua nascita nel frattempo Piazzabile è cresciuto e resta il primo e unico sito di commercio dell usato dedicato solo ed esclusivamente a tutto ciò che possa essere utile per le persone disabili spiega Monica Gavazzeni che ha dato gambe a questa idea insieme al suo compagno e alla cugina con disabilità musa ispiratrice del progetto Non un progetto commerciale né tanto meno a scopo di lucro visto che facciamo tutti un altro lavoro io dedico a Piazzabile quasi tutto il mio tempo libero e nessuno mette in tasca neanche un euro Anzi precisa Monica semmai ci saranno degli introiti abbiamo già pensato di investirli per acquistare ausili e materiale da offrire alle associazioni e immettere in un flusso di scambi Gli annunci in questo momento superano quota 2 mila tanti ma anche pochi se pensiamo a quanto potrebbe essere utile questa possibilità se soltanto fosse più conosciuta spiega Monica Utile sì perché se è vero che gli ausili fondamentali li passa la Asl è anche vero che due sono i limiti che questa fornitura pubblica di ausili comporta primo non a tutti vengono passati serve una percentuale alta di invalidità per esempio per ricevere anche una semplice carrozzina Mentre tanti sono gli anziani che pur non avendone diritto tuttavia ne avrebbero bisogno anche soltanto in certe occasioni E pochi di loro possono permettersi di comprarne una E poi continua ci sono tutte le disabilità temporanee quelle da infortunio per esempio Ma c è un altro limite negli ausili passati dalla Asl sono per così dire di base per non dire obsoleti Utili per far fronte alle necessità fondamentali ma non per assicurare quel poco in più che può migliorare anche di tanto la qualità della vita basti pensare alle sedie a ruote da mare o ai sollevatori o agli scooter Sul nostro sito ciò che pochi possono permettersi diventa alla portata di tanti Piazzabile in questo senso si colloca perfettamente all interno di una tendenza che si sta affermando sul mercato e nei costumi quella appunto dell usato Un tempo ti guardavano male se compravi un vestito o un mobile usato osserva Monica Oggi invece è quasi un valore aggiunto Per gli ausili questo è ancora più vero l usato funziona benissimo spesso è quasi nuovo e in troppi casi finisce in cantina quando potrebbe essere tanto utile a qualcun altro Per questo motivo alcuni offrono anche

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/491480/Ausili-usati-Piazzabile-cresce-e-chiede-la-collaborazione-delle-associazioni (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Fascetta per autistici, "nessuna cialtroneria". Si aspetta il parere del ministero - Redattore Sociale
    crea per adesso una certa confusione accompagnata da una discreta agitazione Lo dimostrano le reazioni suscitate dalla pubblicazione dell articolo in cui si apriva un punto interrogativo su questo trattamento domandandosi se si trattasse di una delle tante ciarle sull autismo o se fosse invece qualcosa a cui dare almeno una possibilità Lo scienziato Non si parli di cialtroneria La prima reazione è quella del neuro scienziato che ha studiato il meccanismo che sta dietro questo dispositivo si chiama Paolo Cavallari ed è professore di Fisiologia umana presso l Università di Milano La fondatezza scientifica del dispositivo è accertata afferma e non si può quindi far rientrare Mente tra le tante cialtronerie sull autismo qui siamo di fronte a una macchina studiata e sperimentata che si basa su un assunto che qui confermo con assoluta certezza il nesso tra tracciato elettroencefalografico e autismo Totale disaccordo quindi con Maria Luisa Scattoni ricercatrice dell Iss che invece nega questo nesso diretto Non cura calma C è però una seconda questione anzi una precisazione Non abbiamo mai detto che Mente curi l autismo afferma Cavallari Ha invece dei provati effetti sulla qualità della partecipazione alla vita sociale Un po come la musica che di fatto con Mente e con la sua storia è in un certo senso imparentata visto che Trevisan il ricercatore maltese che ho incontrato 5 anni fa e con cui ho collaborato per mettere a punto questo sistema ha svolto attività molto interessanti proprio a partire dalla relazione tra musica e cervello Mente insomma un po come la musica rilassa e allenta le tensioni grazie a una scatolina che registra l attività elettrica del cervello del bambino spiega Cavallari capta i momenti di assenza e distacco dalla realtà e invia stimoli sonori il bambino sente come una musica composta dalle sue onde elettroencefaliche E già sperimentata Per quanto riguarda la sperimentazione Cavallari la dà per fatta Il dispositivo è in uso da anni in paesi come il Giappone e gli Emirati Arabi dove l incidenza dell autismo è il doppio della media europea E viene ampiamente utilizzato anche negli ospedali solo l arrivo in Italia sta suscitando tanti problemi Forse perché la sperimentazione in Italia è stata annunciata ma non ancora avviata E perché nel frattempo il dispositivo è in vendita on line a quasi 3 mila euro Ripetere la sperimentazione in Italia non serve ribadisce Cavallari ma ribadisco tutta la mia disponibilità e apertura nel caso in cui si volesse fare E che dire delle modalità di distribuzione o di reclutamento di famiglie disposte alla sperimentazione tramite contatti telefonici o sui social network Non posso entrare nel merito risponde Cavallari né mi interessa perché non è affar mio Certo se fosse come riferito da alcune mamme non mi piacerebbe Ma è tutto da dimostrare In attesa di chiarezza Nel merito una lettera aperta ci è stata annunciata proprio ieri sera dall azienda distributrice del prodotto finora non è arrivata ma naturalmente la pubblicheremo non appena ci sarà recapitata Abbiamo

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/491667/Fascetta-per-autistici-nessuna-cialtroneria-Si-aspetta-il-parere-del-ministero (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Disabilità, senza assistenti per Nicola la campanella non suona. Il padre si incatena - Redattore Sociale
    scolastico mio figlio non ha potuto iniziare l anno scolastico Allo stato attuale la scuola garantisce sulla carta solo l insegnante di sostegno ancheiosononicola I tanti appelli lanciati da Cosimo perché fosse garantita tutta l assistenza necessaria a suo figlio per poter frequentare la scuola come tutti gli altri non sono serviti a nulla Così Cosimo ha deciso di manifestare in maniera eclatante incatenandosi davanti alla scuola fino a quando la vicenda di Nicola avrà soluzione e il ragazzo avrà le figure e i servizi adeguati Perché questa non è una protesta personale ma sociale scrive il padre Cosimo sulla pagina Facebook della manifestazione rivolgendosi a studenti genitori amici tutti Spiega Cosimo Romeo Questa delle figure specializzate che non assegnano a mio figlio e ai tantissimi Nicola è una cosa che riguarda tutti non solo chi ha figli disabili La scuola pregiudica l anno di tutta la classe dello studente in situazione di bisogno E per questo che chiedo a tutti di mobilitarsi non tolgono i diritti solo a mio figlio ma mettono a rischio l anno scolastico delle classi con ragazzi in situazione di bisogno Gli insegnanti titolari di cattedra o e in ruolo da soli non riusciranno mai a svolgere il loro compito senza un sostegno L insegnante di sostegno è di tutta la classe non solo dei disabili ribadisce il papà di Nicola l assistente aiuta il sostegno Senza queste figure tutti gli studenti subiranno penalizzazioni dal punto di vista didattico e non solo e si trascineranno lacune per sempre La protesta dei familiari di Nicola davanti al liceo artistico Panetta di Locri La dirigente scolastica del liceo artistico di Nicola Giovanna Maria Autelitano parla di gioco mediatico inopportuno e di vera e propria campagna denigratoria non giustificabile nei confronti della scuola Così anche attraverso i media locali ha voluto rispondere a Cosimo Romeo e puntualizzare alcuni aspetti Al signor Romeo è stato verbalmente comunicato in data 12 09 2015 che non c erano particolari impedimenti all accoglienza e dunque alla frequenza in classe I sez B del figlio Romeo Nicola Il genitore prima ancora di accertarsi se la scuola fosse o no in condizioni di accogliere l alunno che peraltro non ha mai frequentato aveva riempito durante l estate le pagine Facebook di inesattezze Scrive ancora la dirigente Romeo continua a sostenere che al figlio non è stato assegnato il docente di sostegno o meglio che non è stato sostituito il docente di sostegno in congedo Falso Il dirigente scolastico con decreto prot n 3271 del 12 09 2015 ha provveduto considerata la gravità della situazione dell alunno Romeo Nicola a destinare altro professore all alunno che dunque aveva già il proprio docente di sostegno fin dall inizio dell anno scolastico E chiaro prosegue Autelitano che non compete al signor Romeo stabilire i criteri con cui la scuola attribuisce un docente Al signor Romeo dovrebbe unicamente interessare che il proprio figlio abbia con rapporto 1 1 il docente di sostegno e così è Per quanto riguarda

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/491573/Disabilita-senza-assistenti-per-Nicola-la-campanella-non-suona-Il-padre-si-incatena (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Un liceale americano inventa il passeggino per le mamme disabili - Redattore Sociale
    disabili nel mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento La meraviglia del circo sociale clown e funamboli in viaggio verso l Etiopia I volontari dell ambulatorio light per i poveri la banalità del bene Questo Giubileo polverizzato è la mossa più audace di papa Francesco Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Un liceale americano inventa il passeggino per le mamme disabili Portare a passeggio il proprio bebè sarà più facile Grazie alla semplice quanto geniale invenzione di Alden Kane 16enne del Michigan chi sta su sedia a ruote può contare su un supporto in grado di assicurare il passeggino del bambino Sei mesi di duro lavoro e il brevetto all orizzonte 01 ottobre 2015 Sharina Jones mentre passeggia col suo bambino ROMA Sharina Jones è una mamma costretta sulla sedia a ruote ma che come tutte le mamme aveva il semplice desiderio di fare una passeggiata con il proprio bambino trasportandolo nel passeggino Questo però a causa della sua condizione sembrava davvero impossibile Fino ad oggi Infatti grazie all invenzione semplice e allo stesso tempo geniale di un ragazzo di 16 anni studente di un liceo del Michigan questa e altre mamme possono realizzare il sono di poter finalmente spingere il passeggino e coccolare o tirare su e giù il proprio piccolo con facilità Alden Kane questo il nome dello studente studia con profitto scienza tecnologia ingegneria e matematica e la sua idea è nata proprio dopo aver conosciuto Sharina mamma moglie e avvocato costretta su una sedia a ruote e madre di un bambino di pochi mesi Kane si è applicato a trovare una possibile soluzione ed è riuscito nell intento anche grazie alla collaborazione

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/491546/Un-liceale-americano-inventa-il-passeggino-per-le-mamme-disabili (2016-01-26)
    Open archived version from archive



  •