web-archive-it.com » IT » R » REDATTORESOCIALE.IT

Total: 1870

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Crisi, crescono gli Empori solidali dove la spesa è gratis: ecco la mappa - Redattore Sociale
    presente e progettare il futuro Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Crisi crescono gli Empori solidali dove la spesa è gratis ecco la mappa SCHEDA Hanno l apparenza di un supermercato con tanto di carrelli ma per fare la spesa non si paga sono più di 60 e operano anche grazie a circa 2 mila volontari I primi sononati nel 2008 Roma e Prato ma la crescita è avvenuta negli ultimi 2 anni Tanti i servizi di assistenza 08 gennaio 2016 box ROMA Hanno l apparenza di un supermercato con tanto di carrelli ma per fare la spesa non si paga sono gli empori solidali motori di una economia che recupera gli sprechi a vantaggio di chi si trova in stato di bisogno Ad oggi gli empori censiti sono più di 60 in tutta Italia e operano grazie alle associazioni e al contributo dei volontari circa 2 mila sul territorio nazionale che danno vita e cuore a queste esperienze uniche di contrasto alla povertà Che cosa sono Sono un insieme ampio e variegato di esperienze accomunate dalla finalità del recupero degli sprechi alimentari e dal contrasto alle povertà piccoli supermercati ad accesso controllato con la possibilità di fare la spesa gratuitamente secondo il proprio fabbisogno In Italia sono attivi dal 2008 Roma e Prato sono i primi nati da una volontà delle Caritas diocesane e dopo i primi anni di esistenza solitaria hanno assistito ad una crescita ampia negli ultimi due anni Otto infatti quelli nati nel 2013 10 nel 2014 e 7 nel 2015 La distribuzione geografica degli empori solidali La mappa e i numeri Sono distribuiti sul territorio regionale italiano in modo quasi omogeneo 16 le regioni che ne hanno almeno uno 9 al Sud 23 al Centro e 27 al Nord Sono esperienze di contrasto alla povertà che si fondano soprattutto sull apporto dei volontari circa 2000 quelli coinvolti sul territorio nazionale che si alternano per dare vita e cuore a questi insoliti supermercati I beneficiari di queste iniziative sono attualmente circa 60 mila ma in questi 7 anni sono state aiutate altre migliaia di persone che ora sono uscite dal programma di aiuto o sono sostenute da altre realtà dei territori Il valore dei progetti Confrontando i costi di gestione di questi progetti con la loro capacità di generare e redistribuire ricchezza si rileva un rendimento almeno 7 volte superiore all investimento fatto Ovvero sono veri e propri motori di una economia che recuperano gli sprechi a vantaggio di chi si trova in stato di bisogno Nono solo cibo Intorno agli Empori si sono sviluppate numerose iniziative a sostegno delle persone e delle famiglie in difficoltà fondamentali i centri di ascolto e i numerosi sportelli o opportunità che sono rivolte a coloro i quali si rivolgono a questi sussidiari servizi sociali I mercatini dell usato vestiti oggettistica mobili ecc il servizio di trasloco e sgombero l avvocato

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497639/Crisi-crescono-gli-Empori-solidali-dove-la-spesa-e-gratis-ecco-la-mappa (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • In viaggio tra cielo e terra alla scoperta della agri-cultura - Redattore Sociale
    e di comunicazione nonché l idea di ripercorrere i luoghi e le esperienze delle tournée teatrali per dare voce alle storie incontrate per strada Ho agito per unificare ciò che già c era le centinaia di date degli spettacoli si sono trasformate in una rete capillare di piccole e grandi realtà italiane che credono in un alternativa etica all agricoltura industrializzata Mi sono detto conosco così tante persone che coltivano la terra in maniera leale con belle storie sul rapporto con la terra perché non provare a raccontare un altra fisionomia del contadino di oggi Talvolta si tratta di storie che rappresentano un vero e proprio ritorno come nel caso di Giuseppe Begatti contadino di Crevalcore nella campagna bolognese che fino al 2000 adoperava i metodi convenzionali utilizzando pesticidi e altri prodotti chimici Poi la svolta che l ha portato nel 2007 a ottenere un riconoscimento dall Istituto certificazione etica e ambientale per la sua attività bio logica Forte della competenza e della saggezza della tradizione l azienda agricola Begatti oggi riesce anche a commercializzare i suoi prodotti nei mercati della zona Giuseppe è raccontato dal gruppo come un contadino assoluto un uomo capace di coltivare 17 ettari da solo e di fare i mercati contadini forte di un attitudine a risolvere gli imprevisti con l ingegno E l agricoltura non è una cosa per vecchi assolutamente no Testimone ne è Ilenia 21enne di Montecatini Val di Cecina Pisa che circa un anno fa ha confessato al padre Voglio fare la contadina Una confessione inusuale inaspettata Eppure oggi Ilenia coltiva 7 mila metri quadrati di campi e distribuisce i suoi ortaggi nei borghi vicini sulla strada nei mercati rispettando le qualità originali dei cibi e conquistandosi a poco a poco la fiducia dei cittadini Viaggio tra terra e cielo dimostra già dalle prime clip di non essere soltanto una raccolta di storie è un viaggio e in quanto tale una riflessione profonda su ciò che ci circonda Gli incontri e i confronti con i contadini diventano presto occasione per ripensare il quotidiano per valorizzare l agri cultura come amano chiamare la categoria ibrida che fonde il sapere agronomico e quello rurale in senso ampio Già prima del viaggio racconta Pierdicca avevo la netta percezione che si trattasse di una famiglia da mettere in relazione Parzialmente il nostro progetto serve anche a questo da un lato abbiamo attraversato reti già strutturate come quella di Genuino Clandestino o CampiAperti dall altro siamo entrati in contatto con altre realtà più isolate che praticano la stessa attenzione e sensibilità alla terra La nostra ambizione Creare un ulteriore rete di relazione che attraversi su più piani tutte le realtà Dall inclusione sociale alla filosofia e alla spiritualità il passo è breve mentre si macinano chilometri Ecco allora l incontro con Lorenzo e Caterina dell azienda agricola Madonna delle api che incontrati a Osimo per il mercato di Genuino Clandestino e della rete SemInterrati tirano in ballo Dio attore immancabile in questa ricerca quasi esistenziale sospesa

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/496814/In-viaggio-tra-cielo-e-terra-alla-scoperta-della-agri-cultura (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Consumi, Coldiretti: per 1 italiano su 5 al via il riciclo dei regali - Redattore Sociale
    3 milioni di pasti dalle mense Caritas è disagio alimentare Protezione internazionale serve formazione ad hoc per i giudici Minori Save the Children appello all Onu per l emergenza siccità in Etiopia Cinema al Policlinico Gemelli raccolti 85 mila euro Foto Audio Foto Parco giochi accessibile come lo vorrebbero i bambini tutte le photogallery Milano la casa rifugio dove mamme e bambini ricominciano a vivere tutti gli audio Ritratti di disabili nel mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento Ghetto classic Bach e Beethoven per scappare dall inferno di Korogocho Una missionaria italiana e un imam insieme aiutano i profughi del Centrafica L Italia ricorda la Shoah per leggere il presente e progettare il futuro Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Consumi Coldiretti per 1 italiano su 5 al via il riciclo dei regali Con la fine delle feste il 19 per cento degli italiani ricicla i regali indesiderati appena scartati sotto l albero di Natale E quanto emerge da una analisi Coldiretti Ixe sul destino dei 5 6 miliardi di regali che solo pochi giorni fa sono stati scartati sotto l albero La maggior parte lo fa a favore di amici 03 gennaio 2016 Roma Con la fine delle feste quasi un italiano su cinque 19 per cento ricicla i regali indesiderati appena scartati sotto l albero di Natale E quanto emerge da una analisi Coldiretti Ixe sul destino dei 5 6 miliardi di regali che gli italiani hanno scartato sotto l albero La grande maggioranza degli italiani che ricicla lo fa a favore di parenti e amici 77 per cento che possono apprezzare l oggetto ricevuto in dono ma sottolinea la Coldiretti una buona

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497478/Consumi-Coldiretti-per-1-italiano-su-5-al-via-il-riciclo-dei-regali (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Capodanno, a Firenze ristorante gratuito per 50 bisognosi - Redattore Sociale
    un imam insieme aiutano i profughi del Centrafica L Italia ricorda la Shoah per leggere il presente e progettare il futuro Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Capodanno a Firenze ristorante gratuito per 50 bisognosi Il pranzo del primo giorno dell anno sarà offerto dal ristorante Fratelli Cuore grazie al supporto del Comune Idea lanciata dal presidente della Commissione Politiche sociali e della salute Sanità e Servizi sociali Nicola Armentano 30 dicembre 2015 FIRENZE Sarà un Capodanno davvero speciale per 50 persone in difficoltà ospitate in alcune strutture di accoglienza fiorentine saranno ospiti del ristorante Fratelli Cuore alla stazione di santa Maria Novella per il pranzo del primo giorno del 2016 alle ore 13 Il pranzo è nato da un idea del presidente della Commissione Politiche sociali e della salute Sanità e Servizi sociali Nicola Armentano e subito accolto con piacere dall assessorato al Welfare e dai Fratelli Caprarella titolari del ristorante i Fratelli Cuore che invece di regalare gadgets alle persone in difficoltà hanno deciso di offrire un pranzo regalando a coloro che hanno meno momenti di felicità e leggerezza Ricco e gustoso il menù preparato dall executive chef Daniele Pescatore Chef Casa di Cucina Da Pescatore Piazza del Carmine che ha studiato le tecniche adeguate per portare l alta gastronomia a soluzioni logisticamente efficienti ispirandosi a Napoli per la pizza e a Roma e all Italia in generale per i primi Per l occasione i camerieri saranno proprio i Fratelli Caprarella Rocco Pino Pasquale Roberto insieme allo chef daniele Il pranzo di Capodanno si aprirà con un salmone marinato con burro all arancio a cui seguiranno il giro di pizze margherita prosciutto e funghi calzone napoletano le costine e

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497446/Capodanno-a-Firenze-ristorante-gratuito-per-50-bisognosi (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Prestito della speranza, crescono le richieste: oltre 3.400 in dieci mesi - Redattore Sociale
    a fine anno con Redattore sociale è Livio Gualerzi dirigente per la Gestione delle Risorse Finanziarie e Progetti Speciali della Cei Le 3 407 domande presentate nelle varie Caritas italiane sono il dato cardine della nuova stagione del prestito che non a caso in Cei chiamano 3 0 Di queste sono quasi 3 mila 2 994 le domande di prestito sociale a singoli e famiglie per un valore di quasi 23 milioni di euro di cui il 58 5 per cento sono quelle accolte per 9 8 milioni circa Sono 413 invece le domande presentate dalle piccole imprese per un valore di 8 4 milioni Di queste sono state accolte 131 il 45 per cento per un valore di 2 5 milioni Numeri assoluti che se confrontati con le due edizioni passate del Prestito della Speranza mostrano un netto aumento delle domande e un miglioramento tangibile di tutto l iter I dati sono ancora sottostimati rispetto agli obiettivi del progetto spiega Gualerzi però se si fa un confronto con i dati delle prime due versioni del prestito della Speranza siamo praticamente a tre volte i ritmi con cui lavoravamo prima Il confronto è presto fatto nei tre anni e mezzo del Prestito della speranza 1 0 e 2 0 sono state processate circa 8 500 domande spiega Gualerzi In dieci mesi abbiamo fatto quasi il 40 per cento di ciò che è stato fatto il 3 anni e mezzo aggiunge Il progetto sta pian pianino alzando l asticella Anche il dato sulle imprese fa ben sperare sebbene abbia numeri più contenuti rispetto al prestito ai singoli e alle famiglie Basti pensare che nelle precedenti versioni del prestito e in tre anni e mezzo sono state raccolte 658 domande da piccole imprese mentre negli ultimi dieci mesi ne sono arrivate più di 400 Qui scontiamo un gap esperienziale di cui dobbiamo tener conto spiega Gualerzi Per le Caritas giudicare un business plan non è semplice anzi È più difficile Da qui il tasso di respingimento che vorremmo ridurre e insieme con la banca e i volontari di Vobis mettere a punto un modello di screening e selezione che faciliti la Caritas nella prima fase e che poi entri più nello specifico del finanziamento con l obiettivo di sostenere l impresa Sono le regioni del Sud Italia a spiccare per numero di domande La regione che ne ha viste presentare di più è la Puglia 538 su 3 mila domande altre 382 arrivano dalla Sardegna 370 dalla Campania Tuttavia occorre ricordare che la diffusione delle domande non deriva unicamente da una presenza del bisogno ma anche da una maggiore attività sul territorio delle Caritas Per conoscere maggiori aspetti sulle domande però occorrerà attendere il 2016 e il bilancio ufficiale dello strumento mentre qualche dettaglio sulle domande emerge già Le motivazioni che hanno spinto maggiormente singoli e famiglie a chiedere un prestito sociale sono legate soprattutto a difficoltà di lavoro circa il 75 per cento C è poi un 18 per cento dovuto

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497349/Prestito-della-speranza-crescono-le-richieste-oltre-3-400-in-dieci-mesi (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Digiuna per Capodanno. E i soldi che non spende vanno ai senzatetto - Redattore Sociale
    6 3 milioni di pasti dalle mense Caritas è disagio alimentare Protezione internazionale serve formazione ad hoc per i giudici Minori Save the Children appello all Onu per l emergenza siccità in Etiopia Cinema al Policlinico Gemelli raccolti 85 mila euro Foto Audio Foto Parco giochi accessibile come lo vorrebbero i bambini tutte le photogallery Milano la casa rifugio dove mamme e bambini ricominciano a vivere tutti gli audio Ritratti di disabili nel mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento Ghetto classic Bach e Beethoven per scappare dall inferno di Korogocho Una missionaria italiana e un imam insieme aiutano i profughi del Centrafica L Italia ricorda la Shoah per leggere il presente e progettare il futuro Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Digiuna per Capodanno E i soldi che non spende vanno ai senzatetto Paolo Coccheri 70 anni si astiene dal cibo nei giorni in cui molti italiani saranno impegnati nel cenone di fine anno La somma non spesa al supermercato la regalo ai bisognosi Da 22 anni ripete il digiuno e invita tutti a fare come lui 28 dicembre 2015 FIRENZE Proprio nel giorno del cenone lui sceglie di rinunciare al cibo per il cosiddetto digiuno della solidarietà al fianco di tutti quelli che hanno bisogno Lui si chiama Paolo Coccheri 70 anni circa membro della Ronda della Carità di Firenze Ha deciso che dalle 17 del 31 dicembre alle 20 del 1 gennaio si asterrà totalmente dal cibo proprio nel momento in cui tanti altri italiani saranno di fronte a tavole imbandite La somma non spesa per comprare il cibo di fine anno verrà devoluta alla Ronda Umanitaria di Vercelli che aiuta i senzatetto

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497354/Digiuna-per-Capodanno-E-i-soldi-che-non-spende-vanno-ai-senzatetto (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Ammortizzatori sociali, la Regione Toscana scrive alle parti sociali - Redattore Sociale
    dalle mense Caritas è disagio alimentare Protezione internazionale serve formazione ad hoc per i giudici Minori Save the Children appello all Onu per l emergenza siccità in Etiopia Cinema al Policlinico Gemelli raccolti 85 mila euro Foto Audio Foto Parco giochi accessibile come lo vorrebbero i bambini tutte le photogallery Milano la casa rifugio dove mamme e bambini ricominciano a vivere tutti gli audio Ritratti di disabili nel mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento Ghetto classic Bach e Beethoven per scappare dall inferno di Korogocho Una missionaria italiana e un imam insieme aiutano i profughi del Centrafica L Italia ricorda la Shoah per leggere il presente e progettare il futuro Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Ammortizzatori sociali la Regione Toscana scrive alle parti sociali Nella lettera si precisa che le funzioni svolte dalle Province in merito all esame congiunto e alle procedure per la mobilità in deroga verranno espletate dagli uffici della Regione territorialmente competenti in materia di lavoro 23 dicembre 2015 FIRENZE La legge di stabilità per l anno 2016 pur confermando per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali in deroga le disposizioni fino ad oggi in vigore ha introdotto cambiamenti per quanto riguarda i tempi La durata massima della concessione per la Cig in deroga è stabilita nella misura massima di 3 mesi per la mobilità in deroga di 4 mesi Restano confermati per il resto i termini dell accordo sottoscritto tra Regione Toscana e parti sociali il 5 novembre 2014 Su questo punto come si legge in una lettera inviata dal consigliere per il lavoro del Presidente Rossi Gianfranco Simoncini alle parti sociali nella prima metà di gennaio 2016 la Regione convocherà

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497304/Ammortizzatori-sociali-la-Regione-Toscana-scrive-alle-parti-sociali (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Lavoro, anche a chi va in bicicletta riconosciuto l’infortunio in itinere - Redattore Sociale
    tutte le photogallery Milano la casa rifugio dove mamme e bambini ricominciano a vivere tutti gli audio Ritratti di disabili nel mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento Ghetto classic Bach e Beethoven per scappare dall inferno di Korogocho Una missionaria italiana e un imam insieme aiutano i profughi del Centrafica L Italia ricorda la Shoah per leggere il presente e progettare il futuro Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Lavoro anche a chi va in bicicletta riconosciuto l infortunio in itinere Grazie al collegato ambientale alla legge di Stabilità possibile anche l impignorabilità degli animali di affezione Realacci Si tratta di misure già mature nella società ma fino ad ora incredibilmente assenti nelle leggi 23 dicembre 2015 ROMA Da oggi chi si reca al lavoro in bicicletta e cade per un incidente si vedrà riconosciuto l infortunio in itinere e non sarà più possibile pignorare gli animali di affezione Grazie al Collegato Ambientale alla legge di Stabilità Lo afferma Ermete Realacci presidente della commissione Ambiente della Camera soffermandosi su alcuni aspetti del Collegato ambientale approvato ieri in via definitiva da Montecitorio Un provvedimento complesso e articolato afferma realacci che contiene molte misure alcune delle quali erano già mature nella società ma fino ad ora incredibilmente assenti nelle leggi Due esempi su tutti due questioni risolte dal Collegato appunto l infortunio in itinere anche per chi si reca al lavoro in bicicletta e l impignorabilità degli animali di affezione Fino a ieri infatti la legge italiana prevedeva quella che era considerata un assurdità l infortunio in itinere per i lavoratori era riconosciuto sia per i mezzi pubblici che per i mezzi privati ad eccezione della bicicletta

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/497290/Lavoro-anche-a-chi-va-in-bicicletta-riconosciuto-l-infortunio-in-itinere (2016-01-26)
    Open archived version from archive



  •