web-archive-it.com » IT » R » REDATTORESOCIALE.IT

Total: 1870

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • "Non chiamateci attori disabili": torna in scena la Compagnia delle frottole - Redattore Sociale
    più che attori disabili 09 dicembre 2015 TORINO Carletto è cameriere in un osteria di Acquanegra sul Chiese borgo di tremila anime nel Mantovano Con il candore stralunato di Andy Kauffman e la sfacciataggine di un giovane Lenny Bruce infila una risposta tagliente dietro l altra mostrando dei tempi comici invidiabili A ogni bordata il pubblico si scalda esplodendo in risate che si fanno via via più sguaiate finché in sala non iniziano a riecheggiare veri e propri ululati d approvazione come accade negli spettacoli degli stand up comedian americani Questo risata più risata meno è ciò che accade da circa tre anni ad ogni replica de La locanda del migrante una commedia teatrale scritta dal regista Luca Nicolino per la Compagnia delle frottole Assistere a un loro spettacolo è una di quelle rare esperienze capaci di mandare in frantumi un preconcetto che nel caso in questione riguarda il rapporto che esiste tra teatro e disabilità Fondata a Torino nel 1996 la Compagnia conta attualmente 29 giovani attori metà dei quali affetti dalla sindrome di Down È certo una questione di steccati mentali ma assistendo a questo genere d evento si ha spesso l impressione di trovarsi in un contesto di natura sociale più che artistica sul palco attori non troppo convinti e in platea parenti e amici che alla fine del primo tempo già buttano un occhio all orologio in attesa dell ultimo liberatorio applauso Da almeno tre anni una replica dopo l altra gli attori di Nicolino demoliscono quello stereotipo perché tra gag doppi sensi e fisicità debordante accade che le loro battute finiscano a volte per esser sovrastate dalle risate del pubblico che dopo la prima mezz ora si è beatamente dimenticato di esser venuto a veder recitare i ragazzi down Ragazzi come Gianluca Rovetto star indiscussa dello spettacolo che interpreta lo sfrontato cameriere O come Massi Napoli con una fisicità da fare invidia a Jackie Gleason e Ilenia Zocco che da consumata attrice sfrutta gli applausi del pubblico per rientrare in battuta quando l emozione sembra avere la meglio Si spiega così probabilmente il ciclo di vita insolitamente lungo della loro ultima commedia che dal 2012 ad oggi è stata in grado di fare il tutto esaurito in alcuni dei teatri più a la page di Torino e dintorni come la Casa del teatro ragazzi o l Alfieri con i suoi duemila posti Quello che ho sempre voluto fare spiega Nicolino è portare in scena degli attori più che degli attori disabili Vogliamo che i nostri spettatori ci giudichino con l occhio critico con cui si assiste a un qualsiasi altro spettacolo Un traguardo che si direbbe pienamente raggiunto a giudicare dalla naturalezza con cui gli attori della Compagnia si sono misurati in questi anni con i cammei di star come Luca Argentero ospite all Alfieri nel gennaio 2013 o di un mostro sacro del palcoscenico come Bruno Gambarotta che nel maggio scorso fu guest star della Locanda in una delle numerose repliche alla Casa del

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/496468/Non-chiamateci-attori-disabili-torna-in-scena-la-Compagnia-delle-frottole (2016-01-26)
    Open archived version from archive


  • Un polo enogastronomico per coinvolgere e formare ragazzi con disagio - Redattore Sociale
    giovani con sindrome di Down oltre a immigrati e a un detenuto in affidamento Iniziativa di Gesco che ospiterà anche una Scuola di formazione su cucina e dell enogastronomia 26 gennaio 2016 NAPOLI Sarà realizzato in un ex opificio impiegando molti giovani provenienti da situazioni di disagio e in quartiere carente di risorse come Poggioreale il nuovo polo enogastronomico Il Poggio che aprirà le porte al pubblico l 11 febbraio prossimo a Napoli Non solo un ristorante ma un vero e proprio progetto sociale dove saranno impiegate 60 persone di cui 50 ragazzi in parte segnalati dai servizi sociali e due giovani con sindrome di Down oltre a immigrati e a un detenuto in affidamento L iniziativa è del gruppo Gesco che la realizza anche con con il sostegno di Fondazione Con il Sud e Fondazione Vodafone Negli ultimi anni spiega il direttore di Gesco Sergio D Angelo puntiamo a promuovere iniziative basate su un idea innovativa e sempre più allargata del welfare dove il lavoro si configura come la più potente politica sociale che possa essere dispiegata Per perfezionare la formazione di 47 dei giovani selezionati Gesco si è avvalso della misura del governo Garanzia Giovani Non a caso l inaugurazione del Polo vedrà la partecipazione del ministro del Lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti Il Poggio vuole rappresentare soprattutto un punto di riferimento per giovani e famiglie in un quartiere quasi completamente privo di luoghi di aggregazione e di ritrovo ci si potrà incontrare per mangiare a prezzi contenuti e stare insieme ma anche per partecipare a mostre presentazioni di libri convegni e concerti Il Polo funzionerà anche come market del cucinato e ospiterà una Scuola di formazione dedicata alle professioni della cucina e dell enogastronomia come quelle di pasticcere sommelier operatore del servizio bar mâitre Nella

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/498822/Un-polo-enogastronomico-per-coinvolgere-e-formare-ragazzi-con-disagio (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Viaggiare senza barriere in tutto il mondo: Lonely Planet punta sui turisti disabili - Redattore Sociale
    bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Viaggiare senza barriere in tutto il mondo Lonely Planet punta sui turisti disabili Rappresentano il 15 della popolazione mondiale e molti di loro viaggerebbero di più se ci fossero più informazioni sull accessibilità di luoghi strutture Paesi La casa editrice ha pubblicato una guida online che raccoglie risorse consigli esperienze per viaggiatori con disabilità o esigenze particolari 26 gennaio 2016 BOLOGNA Sappiamo tutti che il primo ostacolo a viaggiare per chi ha una disabilità o esigenze specifiche è la mancanza di informazioni combinata con la paura di ciò che non si conosce Spero che questa raccolta di risorse online disponibile gratuitamente dallo shop di Lonely Planet possa permettere di superarla Martin Heng vive a Melbourne Australia lavora per la Lonely Planet e si occupa di turismo accessibile È l autore di Accessible Travel Online Resources Risorse online sul turismo accessibile una guida realizzata da Lonely Planet che raccoglie risorse dai governi locali e nazionali organizzazioni turistiche e associazioni di disabili suddivisi per Paese esperienze di viaggio da quasi 50 blog personali dozzine di agenzie specializzate nei viaggi accessibili e tour operator di 40 Stat i consigli di viaggio per chi ha difficoltà di accesso o esigenze particolari suggerimenti da viaggiatori disabili esperti Sfogliando l e book si può scoprire che nel Parco nazionale di Yosemite negli Stati Uniti ci sono navette gratuite che accompagnano i visitatori con difficoltà di movimento nei punti panoramici o a vedere le cascate che in Giappone i trasporti pubblici sono molto efficienti e consentono l accesso alle sedie a ruote così come le stazioni che sono dotate di ristoranti e servizi accessibili che a Barcellona in Spagna ci sono tour operator specializzati in visite guidate alla città per persone con disabilità che includono immersioni subacquee e un giro in

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/498823/Viaggiare-senza-barriere-in-tutto-il-mondo-Lonely-Planet-punta-sui-turisti-disabili (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Un corpo di guardie di frontiera europeo per i rifugiati: Ue al lavoro - Redattore Sociale
    clown e funamboli in viaggio verso l Etiopia Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Un corpo di guardie di frontiera europeo per i rifugiati Ue al lavoro I ministri europei dell Interno cominceranno domani ad Amsterdam a lavorare alla proposta della Commissione Ue I lavori del Consiglio dedicati alla lotta al terrorismo al cybercrime ai controlli delle frontiere interne e del sistema Schengen 24 gennaio 2016 Roma I ministri europei dell Interno cominceranno domani ad Amsterdam a lavorare alla proposta della Commissione Ue di creare un corpo europeo di guardie di frontiera che aiuti a far fronte alla crisi dei rifugiati Si tratta della prima della presidenza di turno olandese dei ministri dell Interno del Consiglio Giustizia e Affari Interni dell Unione Europea GAI e si discuterà soprattutto di come organizzare i lavori per arrivare a un accordo politico sul tema I lavori del Consiglio dei Ministri dell Interno saranno dedicati alla lotta al terrorismo al cybercrime alla questione migratoria dei controlli delle frontiere interne e del sistema Schengen Ci sarà dunque anche il ministro dell Interno Angelino Alfano che interverrà anche all incontro degli 11 stati maggiormente interessati al fenomeno dei Foreign Fighters che precederà l inizio del Consiglio fissato per le ore 9 Per il segretario del Silp Cgil Daniele Tissone un ottima notizia Per Tissone riunire i Paesi piu coinvolti dalla minaccia del terrorismo jihadista al fine di condividere informazioni e strategie appare oggi piu che mai una vera e propria necessita primaria a iniziare dal mettere a disposizione quelle informazioni presenti nelle banche dati degli Stati membri aspetto che ha acquisito rilevanza strategica all indomani degli attentati di Parigi IIl fatto che Paesi come la Germania l

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/498703/Un-corpo-di-guardie-di-frontiera-europeo-per-i-rifugiati-Ue-al-lavoro (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Caso De Rossi, associazioni a tutela dei rom: "Stessa punizione che ha avuto Sarri" - Redattore Sociale
    La meraviglia del circo sociale clown e funamboli in viaggio verso l Etiopia Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Caso De Rossi associazioni a tutela dei rom Stessa punizione che ha avuto Sarri Il calciatore della Roma ha rivolto insulti a Mario Mandzukic durante Juve Roma L associazione 21 luglio e Popica Onlus chiedono un intervento della giustizia sportiva Offesa la comunità rom e sinta Intervenire per scoraggiare comportamenti simili in futuro 25 gennaio 2016 ROMA Muto zingaro di m Con queste parole il calciatore della Roma Daniele De Rossi si è rivolto all attaccante croato Mario Mandzukic nel corso della partita di ieri sera Juventus Roma Un insulto immortalato dalle telecamere che sta facendo molto discutere E per il quale l associazione 21 luglio e Popica Onlus organizzazioni impegnate nella promozione dei diritti umani di rom e sinti in Italia chiedono un pronto intervento da parte della giustizia sportiva così come avvenuto solo pochi giorni fa in occasione della lite tra gli allenatori di Napoli e Inter Maurizio Sarri e Roberto Mancini L ingiuria rivolta da De Rossi a Mandzukic ripresa dalle telecamere e diffusa dai media e sul web si connota per l utilizzo di un linguaggio improprio e altamente offensivo che ha come conseguenza ultima quella di arrecare un danno alle persone appartenenti alla comunità rom e sinta e di contribuire a diffondere pregiudizi e stereotipi negativi nei loro confronti sottolineano le associazioni in una nota La parola zingaro infatti è un eteronimo imposto dalla società maggioritaria nei confronti di un gruppo che non si definisce così Il termine è percepito come offensivo dai rom e dai sinti che vivono nel nostro Paese e nel tempo ha acquistato

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/498768/Caso-De-Rossi-associazioni-a-tutela-dei-rom-Stessa-punizione-che-ha-avuto-Sarri (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • "Space shepherd", il nuovo metodo per salvare i profughi utilizzando i satelliti - Redattore Sociale
    mondo avanti nonostante le barriere tutte le photogallery Lette in questo momento Un nuovo mondo per i ciechi ecco come ritrovare la vista con il suono Pane a metà prezzo per i pensionati l iniziativa di un fornaio albanese La meraviglia del circo sociale clown e funamboli in viaggio verso l Etiopia Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Space shepherd il nuovo metodo per salvare i profughi utilizzando i satelliti Il Politecnico di Milano ha ideato una piattaforma software che incrocia i dati dei satelliti in orbita permettendo di vedere anche piccole imbarcazioni Si potrebbero così pattugliare meglio le coste e soccorrere più velocemente i naufraghi Con costi minori rispetto a quelli sostenuti finora 25 gennaio 2016 MILANO Con l algoritmo ideato dal Politecnico di Milano si potrebbero salvare più vite e risparmiare soldi Space shepherd è la piattaforma software ideata da alcuni ricercatori dell ateneo che permette di individuare le carrette del mare cariche di rifugiati intrecciando i dati dei satelliti già in orbita per scopi scientifici Il sistema ha un costo stimato di 1 milione di euro una tantum spiega Francesco Topputo capofila del progetto a fronte dei 10 milioni di euro al mese spesi per le operazioni di Mare Nostrum Al di là dei costi va sottolineata l impennata di efficienza che Space Shepherd garantirebbe alle operazioni di monitoraggio tracciamento delle rotte dei migranti e soccorso Ciò consentirebbe un pattugliamento intelligente delle coste limitando drasticamente falsi allarmi e ricognizioni inutili che richiedono un dispiegamento ingente di uomini e mezzi La piattaforma software integra i sistemi di monitoraggio da terra con i segnali radar e ottici di satelliti civili Se i Governi europei attraverso le Agenzie che controllano tali

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/498759/Space-shepherd-il-nuovo-metodo-per-salvare-i-profughi-utilizzando-i-satelliti (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Droghe, Serpelloni torna a capo del Sert di Verona: "Castigo finito" - Redattore Sociale
    Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Droghe Serpelloni torna a capo del Sert di Verona Castigo finito Il giudice del lavoro ha disposto il reintegro nelle mansioni ricoperte prima del licenziamento avvenuto un anno fa Tornato nell organico Ulss20 già la scorsa estate l ex capo del Dpa era stato retrocesso a dirigente semplice Tre querele sono già in procura 25 gennaio 2016 Giovanni Serpelloni torna ad essere il direttore del Servizio per le tossicodipendenze Sert di Verona Dopo un braccio di ferro durato un anno con la Ulss20 della città veneta il 2016 inizia con una vittoria dell ex capo Dipartimento delle politiche antidroga l ultimo in carica con questo titolo il giudice del lavoro di Verona Antonio Gesumunno il 9 gennaio scorso ha ordinato di rimettere Giovanni Serpelloni a capo del Sert ruolo ricoperto fino al 30 gennaio 2015 data del licenziamento voluto dall allora direttore generale Maria Giuseppina Bonavina per via di una querelle nata attorno all uso di un software clinico sulla gestione dei pazienti L annuncio è arrivato direttamente dal nuovo direttore generale dell Ulss 20 di Verona Pietro Girardi che ha parlato di atto dovuto alla luce dell ordinanza scattata dalla magistratura Di castigo finito invece parla Serpelloni che sulle pagine del quotidiano locale L Arena annuncia reazioni forti nei confronti della dirigenza che lo ha voluto fuori anche se chiarisce non ho sete di vendetta Intanto però tre querele sono già in procura afferma Serpelloni per l abuso d ufficio diffamazione e appropriazione indebita Rivoglio il disco fisso del mio computer pieno di dati In realtà il reintegro di Serpelloni e di altri due collaboratori Oliviero Bosco e Maurizio Gomma anche loro licenziati non è

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/498616/Droghe-Serpelloni-torna-a-capo-del-Sert-di-Verona-Castigo-finito (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Azzardo, i comuni arruolano cittadini contro le slot machine - Redattore Sociale
    La meraviglia del circo sociale clown e funamboli in viaggio verso l Etiopia Notiziario Calendario In primo piano I diritti dei bambini fuori famiglia dalla teoria alla pratica Realizzare i diritti dei bambini 28 01 2016 Facebook Tweet Azzardo i comuni arruolano cittadini contro le slot machine Con il progetto shot slot spara alle slot nella zona di Gallarate Varese verranno creati gruppi di attivisti che lanceranno campagne di sensibilizzazione sui rischi di dipendenza dal gioco d azzardo In provincia il 5 4 del Pil finisce nelle macchinette circa 240 milioni di euro all anno 25 gennaio 2016 MILANO Cercasi volontari per la guerra contro il gioco d azzardo Con il progetto shot slot spara alle slot i comuni della zona di Gallarate in provincia di Varese vogliono formare gruppi di cittadini che diventeranno dopo un breve corso di formazione promotori di campagne contro le slot machine Il corso sarà tenuto dall Associazione And Azzardo e Nuove Dipendenze con i fondi della Regione Lombardia Il primo incontro è previsto per il 27 gennaio a Gallarate Nonostante i toni bellicosi del titolo del progetto l intento è assolutamente pacifico Il verbo sparare è infatti la traduzione letterale dall inglese to shoot che significa anche fotografare e filmare spiega l associazione And L obiettivo primario del percorso che si articolerà in tre mezze giornate fino a maggio e si svolgerà in forma itinerante è quello di trasformare i cittadini in protagonisti attivi contro l azzardo attraverso la creazione e la realizzazione di forme comunicative mirate ed efficaci Il percorso fornirà informazioni sul gioco d azzardo sui meccanismi che creano dipendenza e insegnerà a ideare progettare realizzare e diffondere una campagna di sensibilizzazione e informazione innovativa utilizzando smartphone tablet e i social network Solo nella provincia di Varese afferma Daniela Capitanucci fondatrice dell

    Original URL path: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/498754/Azzardo-i-comuni-arruolano-cittadini-contro-le-slot-machine (2016-01-26)
    Open archived version from archive



  •