web-archive-it.com » IT » S » STUDICASSINATI.IT

Total: 846

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • W. Uminska, Viaggio dello scrittore polacco J.I. Kraszewski a metà Ottocento da Roma a Napoli passan
    avevamo grande voglia di proseguire ancora un po ma il vetturino burbero che di nascosto si era messo d accordo con il proprietario di un posto per bene Locanda Trani che si trova in mezzo alla piazza ci ha spiegato in una maniera poco delicata che non sarebbe andato oltre Dopo la lotta invana con lui nella quale eravamo perfino costretti ad esporre le lettere di raccomandazione che portavamo da Roma la sera era già tanto inoltrata che il vetturino umiliato anche se avesse voluto essere obbediente non avrebbe potuto proseguire a causa della sua lentezza Il proprietario della locanda stabilì i prezzi come voleva lui perché come dicevamo non c era un altra locanda buona in tutto il paese e noi avemmo il tempo di guardare la piazza di un antica città dei Volsci e dei Sanniti Alcuni studiosi localizzano qui l antica Fregellae distrutta dai Romani e tanti reperti scoperti qui attestano l importanza di questa località Il paese è abbastanza pittoresco a sinistra della locanda si trovano i muri di qualche torre coperti di edera a destra le case di diverse dimensioni le chiesette le vecchie porte e qualche edificio annesso Attraverso una breccia che sembrava essere stata fatta nella piazza appositamente per la veduta si vedeva una catena di montagne dorate con il bagliore del tramonto e le nuvole accumulate sopra di esse sulle quali tuonava e lampeggiava Il paese quel giorno era particolarmente pieno di vita si trattava di una sagra la festa del patrono Sant Arduino il protettore del paese È arrivata tanta gente dei dintorni è arrivato perfino da Frosinone il monsignore delegato che siamo riusciti a vedere mentre camminava sulla piazza circondato da numerosi ecclesiastici con le calze viola e con il cappello ad ampie falde Visto che in Italia ogni festività religiosa è nello stesso tempo un allegra festa popolare non si è fatto a meno dei mastri di festa dei festoni delle lotterie delle sparate dell illuminazione dei fuochi d artificio stupendi soprattutto come per una città piccola come Ceprano al buio hanno liberato un pallone con una lanterna sotto che per lungo tempo ha volato sopra la città che diventando più piccolo splendeva come una stellina allegra e alla fine è caduto da qualche parte lontana Abbiamo avuto l opportunità di vedere da una terrazza tutta questa allegria del popolo i suoi costumi che qui ci sono già sembrati molto suggestivi i bustini delle donne allacciati sulla schiena i fazzoletti sulle loro teste e diverse forme di vasi d argilla nei quali invano abbiamo provato a riconoscere i caratteri antichi Anche se il litigio con il vetturino ci ha rovinato la serata e ha avvelenato un po il riposo dobbiamo ammettere che dovevamo a lui l opportunità di vedere tutta questa festa i fuochi d artificio il pallone e l allegria di questo gruppo di animati paesani devoti che festeggiava sotto le nostre finestre La giustizia ci obbliga ad ammettere che il vetturino si è pentito che il pernottamento non era tanto male e il prezzo alto nella locanda così frequente in Italia alla fine ci ha fatto solamente sorridere Nonostante la mancanza di sonno nella notte passata questa era talmente bella con il suo temporale lontano sulla montagna che abbiamo deciso di andare a dormire molto tardi Da Ceprano non abbiamo potuto partire tanto presto quanto volevamo i cavalli erano pronti solamente alle sette di mattino Ci minacciava un afa insopportabile e il temporale notturno sembrava solamente prevederne uno nuovo di giorno Quando partimmo da Ceprano attraverso una porta scura abbiamo visto le montagne circondanti tutte coperte di nuvole bianche che sembravano espirare e fumare come i vulcani In quel vestito che con invariabile velocità si calava si alzava girava scompariva e cresceva dalle falde le montagne si presentavano in una maniera stupenda il contrasto delle pareti appuntite con queste coperte vellutate il colore delle rocce da qualche parte la luce ardente che si faceva intravedere le ombre e i bagliori la massa viva delle nuvole delle evaporazioni le nebbie che si scioglievano nell aria o apparivano dal nulla tutto ciò formava un fascino molto suggestivo Non ci potevamo accontentare di guardare quel dramma del mattino italiano Lungo la strada incontrammo gente vestita in una maniera pittoresca più allegra coperta con un certo gusto artistico A Ceprano hanno controllato i nostri passaporti poi ci siamo trovati alla prima dogana e al confine successivamente un secondo confine il visto e di nuova la dogana Per fortuna in tutte queste dogane il cui scopo era quello di controllare l interno dei nostri bagagli siamo riusciti a spiegare che questi non contengono niente di pericoloso Ma tutte queste formalità al confine non ci hanno occupato troppo tempo I paesaggi abbastanza deserti della giornata precedente sono compensati da quelli di oggi stupendi e allegri A destra le montagne enormi e sotto di queste una valle fertile bellissimi boschi di querce le vigne Qua e là la terra scoperta colpiva con il colore rosso tipicamente italiano simile a pozzolana che in un paesaggio dipinto avrebbe sicuramente folgorato con il suo tono crudo gli occhi non abituati a questo A sinistra la seconda catena delle montagne un po più distante livida con le stesse forme e linee nobili Sullo sfondo dell aria azzurra il paesaggio che si bagnava nelle sue onde ha incantato tutti noi ad eccezione di quel fantastico nemico degli Italiani Sopra la strada sembravano sfidare la matita le catapecchie dei paesani i pozzetti in muratura coperti di edera conosciuti dalla pittura queste casette senza architettura ma costruite con la fantasia le sorprese degli alberi vecchi e i solchi delle antiche vie Più proseguivamo più nuove vedute ci si presentavano in quei soliti elementi del paesaggio italiano Sopra la cima di un monte coperto di vegetazione le rovine di un castello lungo la strada l alveo di una sorgente tra le querce millenarie una locanda come se fosse stata fatta appositamente per un artista Tutto ciò accanto a quelle linee belle ben colorite Ciò che non una sola volta visto su qualche pittura ci sembrava banale qui assumeva il fascino particolare proveniente da tutti questi dettagli accumulati dalla mano generosa della natura I motivi infatti sono conosciuti anche a quelli che non sono mai stati in Italia ma ad eccezione di un piccolo numero di artisti illustri i quali sapevano catturare il carattere spirituale di questa fisionomia hanno più distrutto l Italia che mostrarcela In questo paesaggio come nella bellezza di una scultura classica a parte le linee a prima vista semplici c è qualcosa difficile da spiegare che solamente un ispirazione una commozione un incarnazione un amore per questa bellezza puó aprire Perfino sui soffitti di tutte le locande in Italia i decoratori dipingono i paesaggi italiani ma questi sono solao delle caricature Per sfortuna le vedute dipinte con le frasi sono sicuramente ancora meno preziose di queste pessime decorazioni dipende dal lettore se sa riempirle con i suoi propri ricordi il colore la fantasia Ecco perché le nostre pitture dipendono dai lettori per alcuni saranno troppo vive per altri troppo pallide per noi stessi insufficienti San Germano Dalla dogana della Murata la strada conduce attraverso uno dei paesaggi più belli fino alla cittadina di San Germano o meglio Monte Cassino All improvviso in mezzo al bosco in alto sopra le teste appare come un decorazione artistica un castello con le torri rotonde e con i maschi il castello di Manfredi che si erge su un monte roccioso tutto coperto di massi frantumati Ai suoi piedi si trova la piccola ma ben ordinata cittadina Ancora prima di questa tra la folta macchia si trova ben conservato l anfiteatro romano dalla pianta circolare4 l unico di questa forma giunto fino ai nostri tempi Le mura esterne le porte e le entrate con la volte a botte si sono salvate finora molto bene Fuori sono coperte con l opera reticolare È una stupenda rovina di un edificio costruito a proprie spese dalla matrona romana Ummidia Quadratilla Inoltre ci sono anche le rovine della cosiddetta villa di Varrone Questi resti antichi diroccati coperti di verde imboscati addobbati di edera qua e là scoperti tra gli alberi sono bellissimi Presto si svela la veduta del castello e il monte visti di profilo il monte tutto ricoperto di massi frantumati come se lanciati da qualche guerriero Ancora più in su si vede in alto quell antica abbazia una delle culle della rinata cultura Monte Cassino dall aspetto fresco e pulito adesso La parte di quel monte sembra essere brulla e solamente in basso è coperta da alberi Tutto il paesaggio il castello il monte l abbazia l allegra cittadina in basso sono graziosi e non mancano i ricordi né quelli antichi né quelli medievali Monte Cassino sotto i cui piedi giaceva l antica città dei Volsci Casinum occupa un posto importante nella storia della cultura medievale Qui nel 529 San Benedetto sulle rovine del tempio di Apollo ha fondato la famosa abbazia distrutta nel 589 dall attacco e dal saccheggio dei Longobardi e nell 884 bruciata dai Saraceni Nonostante queste distruzioni gli incendi i terremoti ai quali era sottoposto si sono salvati qui preziosi manoscritti antichi e grazie a loro nel XIII secolo fu possibile il risorgere della cultura sulla base della tradizione I meriti dei benedettini sono innegabili anche se si rimprovera loro che ci sono stati dei momenti in cui raschiavano le pergamene con i manoscritti dei testi di Tacito per ricoprirle con qualche canzoncina Il motivo per menzionarlo è il ricordo del commentatore di Dante Benvenuto da Imola durante la visita a Monte Cassino di Boccaccio che curioso di vedere degli antichi manosritti ha trovato la biblioteca non protetta senza porta coperta di polvere i libri strappati e mal custoditi5 Poteva essere così per un breve periodo ma nonostante tutto questo i benedettini hanno salvato più antichità degli altri monasteri e sono diventati celebri per i lavori straordinari Da qui degli studiosi partivano per tutto il mondo come gli apostoli della fede e della luce e nello stesso tempo qui arrivavano da paesi lontani per studiare e per fare le ricerche come studenti affamati di sapere Oggi è difficile stimare ben custoditi libri e manoscritti dell abbazia ci vorrebbe più tempo di quello che il comune viaggiatore si puó permettere Si va solamente su per vedere l abbazia costruita su un piano rettangolare enorme simile a un bastione e la chiesa stupenda anche troppo Questo viaggio è abbastanza stancante e richiede tanto tempo ma il posto merita un inchino e un certo atto di riverenza Una mulattiera che gira sulla montagna porta lentamente alle porte cupe del monastero ma nel suo genere non senza un certo fascino I chiostri sono addobbati con le gallerie coperte e colonne di granito che secondo una tradizione provengono dal tempio di Apollo le statue di San Benedetto e di Santa Scolastica le fontane La chiesa stupenda ma forse decorata in una maniera troppo sfarzosa Si vedono i danni causati dai fulmini che a questa quota colpiscono spesso Adesso è protetta dai parafulmini Gli affreschi ai quali si fa troppa pubblicità6 e le altre pitture danneggiate non sono un granché Non si vedono neanche i caratteri esterni dell antichità molto remota La biblioteca che oggi raccoglie antichi testi non è molto copiosa ma è celebre soprattutto per i manoscritti Il più antico di questi è del VI secolo I paleografi per la storia dell arte ci troveranno qui opere molto interessanti Per informazioni più precise che riguardano loro dobbiamo cercare i libri specialistici e quelli della storia dell abbazia e del monastero che non mancano Soprattutto in questo viaggio nel quale si devono contare i giorni non si deve programmare troppo Non abbiamo neanche avuto la possibilità di rimanere a San Germano per conoscere meglio le ricchezze dell abbazia Avremmo dovuto restare qui per lunghi giorni L aria fresca delle montagne il clima salubre le sorgenti abbastanza famose rendono questo posto la villeggiatura preferita dei malati e di quelli che sentono la mancanza del silenzio e del tranquillità Noi ci siamo fermati per il riposo nella Locanda Nuova che si trova fuori la città e il fiume Rapido e che è abbastanza ben tenuta Si è potuto capire che abbastanza spesso ospita qualcuno perché abbiamo trovato qui tutto ciò che ci serviva Il temporale che dopo una giornata torrida è scoppiato all improvviso sopra Monte Cassino assieme con il vento forte ha coperto tutto l orizzonte e le belle montagne circostanti ma è passato abbastanza presto Ma prima della nostra partenza siamo stati costretti ancora una volta a presentarci con i nostri passaporti alla polizia napoletana Si è rasserenato un po e il vetturino ci incitava a intraprendere il nostro viaggio le nuvole spezzate sono sospese sulle cime e sui pendii delle montagne e noi siamo partiti lungo la strada molto bella verso Capua San Vittore I lati rocciosi delle vette nella parte bassa coperta da boschi il contrasto tra il verde e i toni grigi dei massi la fertilità e la bellezza della valle che come un solo giardino costeggia la strada ci incantavano Le immense montagne si innalzavano tutto il tempo sopra la strada particolarmente belle a sinistra sopra di queste qua e là le grigie rovine dei castelli La strada ben mantenuta portava attraverso un paesaggio particolarmente bello la cui fisionomia cambiava in continuazione con il diverso panorama delle montagne Tutto questo è durato se non sbaglio fino a San Vittore Alla sinistra sopra una montagna si è fatta vedere in lontananza una cittadina e sopra la strada una casa modesta con una lastra commemorativa che diceva della visita di Francesco I7 Ai piedi delle montagne in una maniera pittoresca giace San Vittore una città e il castello con una torre rotonda e con le rovine coperte di edera A destra in distanza si vede la seconda solitaria torre rotonda Le colline diventano più piccole tutte coperte di boschi Alla destra il bellissimo paesaggio lontano con i poggi verdi Il sole al tramonto lo illumina con toni limpidi e particolarmente caldi Oltrepassiamo i terrapieni sotto la ferrovia che si sarebbe dovuta costruire qui Faceva già abbastanza buio quando proseguendo lungo la strada sempre più deserta siamo arrivati ad una locanda solitaria tra le montagne e i campi di Ponte Storto Al nostro compagno che ricordava bene quest Italia antica in cui non si sentiva sicuro a viaggiare senza scorta non piaceva affatto la posizione solitaria di quell albergo L idea di soggiornare in quel vuoto assoluto assieme con un mucchio di vetturini sospetti di vagabondi di paesani di montanari e di altri individui non più belli ha suscitato in lui di nuovo qualche sospetto verso il nostro vetturino Infatti questa locanda Porte Storto era una cosa talmente orribile come quelle taverne nei romanzi dei briganti nelle quali si svolgono episodi sanguinosi I suoi muri rovinati con le finestre incomplete con le porte che non si chiudono con le terrazze sporche il cortile pieno di detriti di carri di cavalli la locandiera vecchia di malumore che girava attorno ai viaggiatori in una maniera molto sospetta la mancanza assoluta di cibo alla fine una camera sgradevole destinata al nostro pernottamento che non aveva neanche una maniglia intatta tutto ciò ci faceva andare giù di umore Nella fisionomia della locanda c era qualcosa di terribilmente triste in lontananza il paesaggio montuoso deserto attorno il silenzio del cimitero di fronte alle finestre qualche cappella che sembrava la tomba di qualche viaggiatore con un cipresso e un salice piangente sugli attrezzi i segni di qualche passato sconosciuto nei quali l occhio di uno studioso sarebbe pronto a riconoscere tracce di sangue tutto ciò non inculcava né coraggio né buon umore Dopo aver provato invano a richiedere qualcosa da mangiare di sera costretti a limitarci a qualche secco panino romano e il resto del nostro vino nella luce esigua di una piccola lanterna che avevamo deciso di non spegnere dopo aver bloccato la porta ci siamo sdraiati senza svestirci sui letti che non incoraggiavano al riposo Attraverso la porta non solida che dava sul corridoio gli occhi curiosi della locandiera dei vetturini e di qualche altre persone seguivano le nostre attività A noi quel pernottamento drammatico con tutta quella sua originalità è abbastanza piaciuto ma l esuberante fantasia del nostro compagno su questa base costruiva dei quadri terrificanti Quasi inermi tra più di venti persone nelle circostanze favorevoli potevamo facilmente diventare una facile preda Così sosteneva il pessimista Ridemmo un po cosa che lo irritava abbastanza fortemente e visto che laggiù la banda di vetturini cenava in maniera molto chiassosa e con canti tutta questa eccitazione delle anime quel rumore e il correre nei corridoi suscitava sempre qualche nuovo sospetto Quante volte si è fatto vedere in qualche fessura della porta l occhio spia di qualche abitante di questa locanda tante volte il nostro sveglio compagno afferrava le pistole Si puó capire facilmente che in queste condizioni il pernottamento non fu una delle cose più piacevoli e ciò ha lasciato il ricordo di un riposo agitato accompagnato dal selvatico canto dei vetturini Ma perfino tali notti senza sonno piene di ansia alla fine finiscono con l alba del giorno Piano piano i canti dei vetturini si sono placati un silenzio tombale ha invaso la locanda Adesso anche questo terrorizzava il nostro compagno diffidente verso gli Italiani Considerava quel silenzio ancora più sospettoso del rumore e quando in questo silenzio ogni tanto o i cavalli che rimanevano nel cortile o la gente si muoveva il più sottile fruscio attirava subito la sua attenzione e stando all erta ci obbligava immediatamente ad essere prudenti Addormentati ci alzavamo appena sui gomiti per ascoltare in silenzio Alla fine quando il sonno ha cominciato a chiudere le palpebre in una maniera sempre più insistente alle finestrine è apparsa la pallida luce di una nuova giornata s infiltrava tra i vetri sporchi nel cortile si è mossa la gente si sono fatte sentire le voci la notte

    Original URL path: http://www.studicassinati.it/db1/jupgrade/index.php/archivio/48-anno-ix-n-1-gennaio-marzo-2009/549-w-uminska-viaggio-dello-scrittore-polacco-ji-kraszewski-a-meta-ottocento-da-roma-a-napoli-passan (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • C. Chiarlitti, Lotta politica nei circondari di Frosinone e Sora all’indomani della prima guerra mo
    problema della eventuale partecipazione alla campagna elettorale quanto la funzione che i Comuni conquistati avrebbero in caso di successo dovuto svolgere nel quadro della società borghese Del resto anche le forze governative alla vigilia del voto erano percosse da problemi ed incertezze che in diversi centri di Terra di Lavoro si riflettevano nelle difficoltà ad organizzare le liste elettorali Lo stato di crisi era così profondo che ad Isola del Liri per esempio non fu presentata nessuna lista Avvenne la stessa cosa anche a Sora Alvito Villa Latina Vicalvi e Colle San Magno Liste liberali erano assenti anche nei collegi elettorali di Cassino Sora Alvito Roccasecca e Pontecorvo13 Una panoramica sulla critica situazione politica del periodo in alcuni centri del circondario è oggetto di una lettera del 4 settembre 1920 del sottoprefetto di Sora al prefetto di Caserta Nel documento si legge Facendo seguito alla mia nota del 3 scorso mese n 217 pregiami completare le notizie circa la nuova costituzione dei Consigli Comunali di questo Circondario in rapporto ai partiti locali Acquafondata Il Comune non ha veri e propri partiti È diviso in due gruppi di Popolazioni capoluogo e frazioni Il movimento elettorale avrà carattere di prevalenza di interessi dell uno sull altro partito Aquino Il Commissario prefettizio dichiara che non si è avuta una vera delineazione dei partiti e si riserva migliori e più concrete informazioni Questo ufficio ritiene che la Lega dei contadini sosterrà la lotta con probabilità di ottenere maggioranza nella locale rappresentanza Atina La sezione socialista prenderà parte alle prossime elezioni amministrative È da ritenersi però che il partito dell ordine avrà la maggioranza perché tutte le forze intendono coalizzarsi e quindi i socialisti potranno avere nella peggiore ipotesi una esigua minoranza Belmonte Castello Conseguirà la maggioranza il fascio dei contadini rimanendo in minoranza l attuale amministrazione Brocco Conseguirà la maggioranza l attuale rappresentanza comunale costituita da elementi dell ordine Casalattico La maggioranza sarà mantenuta dall attuale rappresentanza comunale costituita da elementi dell ordine Casalvieri I due partiti locali scenderanno in lotta basandosi su questioni di persone e non di idee La nuova rappresentanza anche se non si raggiungerà un accordo tra i detti due partiti sarà costituita di elementi dell ordine con qualche Consigliere ex combattente Cassino Non esiste ancora una chiara delineazione di raggruppamenti e di partiti I nuclei più attivi sono gli aderenti al partito socialista e gli iscritti al partito popolare I primi sono forti dell appoggio del gruppo ferrovieri e della massa dei contadini I secondi hanno un notevole seguito in alcuni elementi ed aderenti della disciolta amministrazione nel clero in una minoranza di contadini ed in un buon gruppo di persone del medio ceto Di fronte a questi due partiti se ne va costituendo un terzo denominato democratico che tende a raggruppare tutti gli elementi d ordine ed eliminare tanto i socialisti che i popolari Esso è capeggiato da autorevoli professionisti e da elementi in vista della maggioranza e minoranza della disciolta Amministrazione e dei Presidenti dei tre sodalizi operai di mutuo soccorso A tutto oggi questo nuovo partito non ancora è riuscito a costituire una compagine salda ma qualora trionfasse sulle competizioni personali potrebbe crearsi una forte maggioranza elettorale alla quale sarebbe riservata l amministrazione In rapporto a questo movimento elettorale va segnalato il dísinteressamento finora dell ex Sindaco Comm Pinchera il quale non ha ancora manifestati i suoi propositi circa la prossima lotta elettorale Dal suo atteggiamento e da quello di elementi della disciolta amministrazione a lui devoti a favore del partito popolare od a favore del nascente Partito democratico potrebbe derivare un mutamento radicale della situazione attuale la quale non presenta elementi per una previsione seria sui risultati delle prossime elezioni amministrative Cervaro Vi sono due partiti il liberale ed il popolare Le previsioni attuali sono a favore del partito liberale il quale avrà la maggioranza di fronte al popolare che resterà in minoranza Fontechiari Pochi consiglieri soltanto dell attuale amministrazione saranno rieletti gli altri saranno sostituiti con elementi nuovi della classe dei contadini Fino a questo momento manca ogni costituzione del partito P iedimonte San Germano Avrà la prevalenza la Lega dei contadini che si è unita al fascio ex combattenti Essa è segretamente diretta da persone appartenenti al partito dell ordine La maggioranza quindi del Consiglio Comunale risulterà composta di contadini ed operai La minoranza da nomi isolati Roccasecca Prevedesi una maggioranza per l elemento dell ordine e la minoranza pei socialisti S Ambrogio sul Garigliano Pare che le nuove elezioni non debbano apportare variazioni nell attuale rappresentanza municipale che rimarrebbe affidata ad elementi dell ordine S Elia Fiumerapido Non pare che le nuove elezioni possano apportare grandi variazioni nella rappresentanza municipale che rimarrebbe affidata ad elementi dell ordine S Donato Valcomino Maggioranza attuale amministrazione costituita di elementi dell ordine minoranza socialista Terelle Non vi sarà grande variazione all attuale rappresentanza comunale costituita da elementi dell ordine Viticuso L attuale rappresentanza comunale è in minoranza La maggioranza sarà per gli aderenti agli ex combattenti 14 Sulla base dei risultati delle elezioni i liberali conquistarono ventitré amministrazioni comunali undici comuni videro il trionfo dei socialisti due comuni dei popolari mentre tre centri Pontecorvo Villa Santa Lucia e Fontechiari andarono a liste di Democrazia sociale I socialisti conquistarono tra 1 altro il comune di Sora forti di una maggioranza di ventiquattro consiglieri contro un opposizione composta di quattro popolari e due indipendenti I socialisti conquistarono inoltre Aquino ed Isola del Liri dove potevano contare su venti consiglieri comunali Tra i comuni che andarono alle liste dei partiti d ordine troviamo Arce Fontana Liri con una maggioranza di sedici consiglieri e una minoranza composta di quattro socialisti Cassino dove la minoranza era costituita da popolari e quattro socialisti e S Elia Fiumerapido15 Per le provinciali nei mandamenti del circondario di Sora i socialisti prendono Alvito con Vincenzo Francati ed i due seggi del mandamento di Sora Isola del Liri con Ettore Valente e Bernardo Tardone I due seggi del collegio di Cassino vanno al riformista Gaetano Di

    Original URL path: http://www.studicassinati.it/db1/jupgrade/index.php/archivio/48-anno-ix-n-1-gennaio-marzo-2009/550-c-chiarlitti-lotta-politica-nei-circondari-di-frosinone-e-sora-allindomani-della-prima-guerra-mo (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • C. Iadecola, Aurelio Vitto gerarca di Cassino ma non solo
    intende ricordare il Vitto uomo di cultura non senza però aver prima ricordato della grande stima e popolarità che egli godeva tra i giovani della sua città tale ricorda l avv Guido Varlese che in occasione delle adunate del sabato talvolta veniva portato a spalla da questi giovani per viale Principe Umberto cioè l attuale corso della Repubblica Di Vitto come uomo di cultura è prioritario ricordare la sua vasta attività pubblicistica iniziata nel 1926 quando esordì su Battaglie Fasciste di Firenze cui fece seguito la collaborazione con i quotidiani Popolo di Roma 1927 1928 e Lavoro Fascista dal 1929 ed i periodici La Lucerna di Ancona 1928 Vita Nova di Bologna dal 1926 al 1931 Critica Fascista dal 1926 e Rassegna del Lazio dal 1929 Redattore capo di Stampa Fascista a Napoli 1927 1930 nel 1932 a Frosinone fonda e dirige Il Manipolo quindicinale politico di combattimento Quanto al resto deve precisarsi che non è stato per niente facile poter rintracciare i suoi lavori monografici e se qualche risultato lo si è potuto raggiungere ciò è stato possibile solo grazie all ausilio di Internet http opac sbn it E fu quasi una sorpresa sapere che alcune delle opere di Vitto erano custodite anche in biblioteche del territorio da dove ovviamente la ricerca prese inizio La prima ricordo ma si trattava solo di un opuscolo la trovai presso la biblioteca di Atina Salvatore Di Duca Presente Gruppo Fascisti Universitari di Frosinone Cooperativa Tip Frusinate Frosinone 1933 che altro non era che la commemorazione di questo giovane universitario ad un anno dalla scomparsa avvenuta sui monti di val Canneto durante un campeggio Popolo e non massa Edizioni de Il Manipolo 1932 stampato dalla S A Cooperativa Tipografica Frusinate di Frosinone via Garibaldi 3 ebbi occasione di rintracciarlo presso la biblioteca De Bellis Pilla di Venafro Dedicato ai goliardi ed ai giovani fascisti di terra ciociara nasce scrive l autore dall incontro con le folle sulle piazze delle città e dei borghi di Ciociaria Alla Luigi Ceci di Alatri reperii Stirpe Nostra cioè il commento politico alla Regola di S Benedetto edita da Rassegna del Lazio e stampata a Sora nel 1931 dalla tipografia di Pasquale C Camastro La prefazione è di Giuseppe Bottai il quale riconosce all autore giovane studioso che io seguo con simpatia e che anima di fede e di forte entusiasmo ogni pagina dei suoi scritti il merito di un esame politico della legislazione benedettina per gli innegabili influssi che quella esercitò nella vita sociale e nella cultura dell alto medioevo Un altra biblioteca del territorio in cui si custodisce un opera di Vitto Motivi di marcia Castaldi Roma 1933 è quella di Monte San Giovanni Campano e salvo errori è anche l ultima Per rintracciare alcune delle altre opere di Vitto invece ci si deve spostare almeno a Roma dove presso la biblioteca dell Istituto della Enciclopedia Italiana di Giovanni Treccani si conserva Alle fonti del corporativismo italiano San Benedetto e il suo Ordine Casa Editrice Avanguardia

    Original URL path: http://www.studicassinati.it/db1/jupgrade/index.php/archivio/48-anno-ix-n-1-gennaio-marzo-2009/551-c-iadecola-aurelio-vitto-gerarca-di-cassino-ma-non-solo (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • A. M. Arciero, Ritorno a monte Trocchio
    di più Mi sono rivolta ad un anziano che purtroppo masticava l italiano come io mastico l inglese ma la voglia di comunicare ci ha fatti intendere Erano quasi tutti ex combattenti della seconda guerra mondiale che avevano sostato dal 15 gennaio al maggio 44 nella contrada di S Lucia posta sul versante est del monte distribuendo con generosità agli abitanti stremati dalla fame e dalle angherie dei tedeschi cioccolata biscotti e scatolette di carne che avevano conosciuto la gente del luogo forse anche mia mamma la quale agli inglesi andava chiedendo notizie del marito prigioniero a Bombay che nelle notti nebbiose di gennaio avevano tentato l attraversamento del Gari nella zona di S Angelo in Theodice altra tappa immancabile del tour è fissare le acque tumultuose del fiume che vicino al camino si lasciavano asciugare dalle donne i cappottoni bagnati fradici dopo le incursioni notturne al fiume e prima di uscire la sera raccomandavano loro di tenersi le coperte se non fossero tornati che su monte Trocchio avevano vissuto i giorni pericolosi dello sminamento quanti feriti soccorsi e prontamente trasportati negli ospedali delle retrovie Di tutto questo abbiamo parlato e in che lingua ancora non lo so Fatto sta

    Original URL path: http://www.studicassinati.it/db1/jupgrade/index.php/archivio/48-anno-ix-n-1-gennaio-marzo-2009/552-a-m-arciero-ritorno-a-monte-trocchio (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • A. M. Falese Ciamarra, Storia misconosciuta della libera Facoltà di Economia e Commercio ad indiriz
    fu inutile e in qualche occasione respinta con palese fastidio In considerazione della evidente impossibilità di un qualsiasi sostegno politico un giovane legale mio marito suggerì di tentare il ricorso ad un azionariato popolare a sostegno economico di una cooperativa in grado di costituire e gestire una libera attività universitaria Mio fratello Peppino e io stessa allora assistente del prof De Simone presso il Magistero ci prodigammo per sollecitare porta a porta la preventiva sottoscrizione delle azioni Fu un autentico ed insperato successo imprenditori professionisti commercianti artigiani ed operai cassinati sottoscrissero 416 000 azioni di 10 000 lire ciascuna Il 30 ottobre 1969 per atto pubblico Rep 1621 415 del Notaio Luigi Gamberale fu costituita fra gli azionisti una cooperativa a responsabilità limitata denominata Ente Universitario S Benedetto con il relativo Consiglio di Amministrazione Furono eletti consiglieri di Amministrazione il prof Saverio De Simone l avv Guido Varlese il sig Peppino Falese l avv Vincenzo Petrarcone il rag Marcello Di Zenzo l avv Adolfo Di Mambro il comm Nicola Abbondante il comm Antonio Angrisani il dott Antonio Ferraro il rag Giovanni Russo l avv Renato Casale il comm Virgilio Volante Alla presidenza del Consiglio fu eletto il prof De Simone A costituire il Collegio Sindacale furono eletti il prof Vincenzo Taccone il rag Achille Gallaccio membri effettivi il dott Antonio De Rosa e il rag Antonio Langiano membri supplenti Il dott Aldo Recchia l ing Carlo Di Mambro ed il sig Ennio Parente furono eletti probiviri Con lo stesso atto fu approvato lo Statuto dell Ente che in particolare nel quadro della tradizione culturale di cui è simbolo Monte Cassino e nell intento di promuovere lo sviluppo del Cassinate stabiliva di costituire e gestire in Cassino una Facoltà di Economia e Commercio a prevalente indirizzo industriale L impegno e la

    Original URL path: http://www.studicassinati.it/db1/jupgrade/index.php/archivio/48-anno-ix-n-1-gennaio-marzo-2009/553-a-m-falese-ciamarra-storia-misconosciuta-della-libera-facolta-di-economia-e-commercio-ad-indiriz (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • F. Corradini, Erchemperto: Giornata di Studi sul cronista benedettino a Conca della Campania e a Te
    avuto modo di apprendere quanto sia ricco il patrimonio pergamenaceo relativo al centro sidicino conservato nell Archicenobio fondato da San Benedetto L illustre relatore ha dato un annunzio che ha suscitato l entusiasmo dei presenti tale patrimonio sarà fruibile anche per coloro che hanno scarsa dimestichezza con le antiche grafie in quanto sarà presto pubblicato Alle ore 12 30 i partecipanti al convegno si sono spostati di poco per portarsi nella piazza principale del paese in precedenza denominata del Castello che è stata intitolata a Erchemperto previo scoprimento della relativa targa marmorea affissa a quel che resta dei bastioni dell antico maniero Il Sindaco ha tenuto un discorso in cui ha dato prova di una conoscenza non comune delle vicende del passato del territorio Subito dopo i partecipanti al convegno hanno avuto modo di apprezzare la generosa ospitalità dell Amministrazione comunale di Conca presso il ristorante La Rambla La ripresa dei lavori era fissata per le ore 15 presso l antica chiesa di San Benedetto di Teano Tale appuntamento però ha subito un piccolo slittamento in quanto Dom Faustino Avagliano trovandosi in questi luoghi così ricchi di Storia ha voluto concedersi un fuoriprogramma al quale abbiamo avuto il privilegio di partecipare Trovandoci alla guida dell autovettura sulla quale ha viaggiato Dom Faustino nel trasferimento da Conca a Teano ci siamo sentiti chiedere di raggiungere il convento dei Francescani intitolato a S Antonio posto su una collina dalla quale si gode una vista magnifica sul centro sidicino Qui giunti abbiamo avuto modo di capire e di apprezzare il motivo della improvvisa digressione durante l ultima guerra in tale convento alloggiavano numerosi militari tedeschi della divisione Goering Uno di questi il capitano medico Massimiliano Becker si recò a Montecassino insieme con il Guardiano del convento Padre Carcaterra e con il Padre Califano per proporre all abate Diamare il piano di salvataggio delle opere d arte di Montecassino che fu poi provvidenzialmente attuato Dom Faustino inatteso quanto gradito ospite è stato accolto da un Padre francescano il quale ci ha guidati nel convento L incontro fra i rappresentanti dei due Ordini monastici che tanto hanno dato alla nostra Religione e alla nostra Cultura in definitiva alla nostra Identità è stato ispirato alla massima semplicità Né poteva essere diversamente ove si consideri che i Padri fondatori degli Ordini stessi nella loro vita terrena non hanno fatto altro che predicare e praticare l umiltà Frettolosamente abbiamo quindi raggiunto la chiesa di San Benedetto posta nel centro storico di Teano Qui i rappresentanti dell associazione Erchemperto sono stati ben lieti di accettare le scuse per il ritardo presentate loro da Dom Faustino lusingati dall apprendere o ricordare di un ulteriore profondo quanto significativo legame fra la loro antica città e Montecassino Ha avuto quindi inizio la visita guidata dalla professoressa Carmen Autieri la quale con estrema chiarezza ha riepilogato le vicende della chiesa e dei Benedettini di Teano uno dei quali fu quell Erchemperto protagonista della giornata di studi Alla fine dell esposizione siamo rimasti ad

    Original URL path: http://www.studicassinati.it/db1/jupgrade/index.php/archivio/48-anno-ix-n-1-gennaio-marzo-2009/554-f-corradini-erchemperto-giornata-di-studi-sul-cronista-benedettino-a-conca-della-campania-e-a-te (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • F. Corradini, XVII Convengo tradizionalista a Gaeta
    Diocesano Poi con inizio alle ore 21 una cena con menu borbonico nei ristoranti di Gaeta Nella mattinata di sabato 14 febbraio presso il cinema teatro Ariston ha avuto luogo una rappresentazione teatrale e musicale a cura degli alunni dell Istituto comprensivo Principe Amedeo Ma il pezzo forte di tutta l iniziativa è stato costituito dal convegno tenutosi presso l hotel Serapo nel pomeriggio di sabato in cui sono stati trattati vari argomenti relativi alla vita e al periodo del Sovrano cui era dedicato il convegno Ha portato dapprima i propri saluti Giuseppe Catenacci esperto di storia militare il quale ha brevemente relazionato su Il Real Collegio Militare della Nunziatella durante il Regno di Ferdinando II Ha quindi preso la parola l avvocato Sevi Scafetta il quale ha presentato Il XVII Convegno Tradizionalista della Fedelissima Città di Gaeta È stata poi la volta del magistrato Edoardo Vitale attuale direttore della rivista L Alfiere e figlio di quel Silvio che come detto fu ideatore degli incontri di Gaeta il quale ha trattato l argomento Progetti di bonifica e lotta all usura Salvatore Sassano presidente C A T Confcommercio di Latina ha trattato di Identità e memoria nuove risorse dell economia Il magistrato e scrittore Francesco Maria Agnoli ha svolto la relazione dal titolo Il Re e il suo popolo Lo scrittore e giornalista Ulderico Nisticò ha trattato de I dilemmi di un uomo L esperto di storia militare Gaetano Fiorentino ha trattato della figura di Ferdinando II di Borbone quale Paladino dell indipendenza del Sud Enzo Amato presidente dell Istituto Internazionale Settecento musicale napoletano La musica al tempo di Ferdinando II Il romagnolo Adolfo Morganti direttore de Il Cerchio La grande congiura contro le Due Sicilie Cosimo Vaudo presidente della Pro Loco della Città di Gaeta La cucina al tempo di

    Original URL path: http://www.studicassinati.it/db1/jupgrade/index.php/archivio/48-anno-ix-n-1-gennaio-marzo-2009/555-f-corradini-xvii-convengo-tradizionalista-a-gaeta (2015-03-19)
    Open archived version from archive

  • Una nuova intitolazione per Ummidia Quadratilla
    Cassino All Assessore alla Cultura del Comune di Cassino Alla Soprintendenza Archeologica per il Lazio Al Direttore del Museo Archeologico G Carettoni di Cassino OGGETTO Intitolazione del piazzale antistante il teatro romano di Cassino ad Ummidia Quadratilla Nell ultima Assemblea dei Soci CDSC onlus Centro Documentazione e Studi Cassinati si è deliberato quanto segue PREMESSO che alla benefattrice casinate Ummidia Quadratilla con delibera del Consiglio comunale di Cassino n 7 8 del 7 gennaio 1961 era stata intitolata la strada che va da via Roma a via Crocifisso Campo di Porro CONSIDERATO che con Delibera di Giunta municipale n 462 del 29 10 2007 era stata revocata quella intitolazione per sostituirla con una nuova in memoria dell insigne studioso benedettino Angelo Pantoni CONSIDERATO ALTRESì che per via del suddetto atto la città di Cassino non serba più alcuna concreta memoria della benemerita matrona romana PRESO ATTO delle osservazioni in merito pubblicate su Studi Cassinati nel n 2 2008 dal Direttore Emilio Pistilli e dal membro del Direttivo CDSC Fernando Sidonio che la nostra Assemblea ha condiviso pienamente e che qui si allegano RITENUTO che sia dovere morale e civile da parte della città tramandare in maniera adeguata la memoria di

    Original URL path: http://www.studicassinati.it/db1/jupgrade/index.php/archivio/48-anno-ix-n-1-gennaio-marzo-2009/556-una-nuova-intitolazione-per-ummidia-quadratilla (2015-03-19)
    Open archived version from archive