web-archive-it.com » IT » T » TELEFONOVERDE.IT

Total: 66

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Pensieri famosi sulla Bibbia
    Storico e letterato inglese 1795 1881 La Bibbia è la più alta espressione della verità che sia fluita con le lettere dell alfabeto dall anima dell uomo ed attraverso la quale come attraverso una finestra divinamente aperta tutti gli uomini possono guardare nell Eternità ed intravedere la loro patria lontana da lungo dimenticata Lord Tennyson Poeta inglese 1809 1892 La lettura della Bibbia e di per se stessa una forma di educazione John Quincy Adams 6 Presidente U S A e tenace antischiavista 1767 1848 La mia venerazione per la Bibbia è tanto grande che quanto prima i miei figli cominceranno a leggerla tanto più sicura sarà la mia speranza che essi divengano dei cittadini utili al loro paese e membri rispettabili della società E mia abitudine oramai da anni leggere la Bibbia per intero ogni anno Immanuel Kant Filosofo tedesco 1724 1804 L esistenza della Bibbia quale libro per il popolo è il più grande beneficio di cui la razza umana abbia mai goduto e qualsiasi tentativo di sminuirla è un delitto contro l umanità Camillo Benso Conte di Cavour Statista Italiano 1810 1861 L ho letta e profondamente meditata da tre anni Non potrei dirle abbastanza quanto io sono stato colpito dalla divinità della morale dell Evangelo che lascia ad una distanza infinita tutto quel che gli uomini hanno potuto immaginare Charles Dickens Scrittore inglese 1812 1870 autore tra gli altri di David Copperfield Il Nuovo testamento è il miglior libro che sia o sarà mai conosciuto al mondo Isacco Newton Matematico e Fisico inglese 1642 1727 Nella Bibbia vi sono segni più di autenticità che in qualunque storia profana J Wolfgang Goethe Poeta Tedesco 1749 1832 Lasciate che la cultura della mente continui nel suo cammino che le scienze naturali facciano progressi in ampiezza e profondità e

    Original URL path: http://www.telefonoverde.it/pensieri_famosi_sulla_bibbia.htm (2016-01-26)
    Open archived version from archive


  • elogio alla Bibbia
    malvagi e gli orgogliosi tremano davanti ai suoi moniti ma per coloro che sono penitenti e feriti essa assume toni di madre Essa è entrata nei nostri sogni più cari e così l amore e l amicizia la simpatia la devozione il ricordo la speranza si ricoprono dei begli abiti del suo parlare pieno di tesori e nessun uomo che possegga un tale bene e povero e sconsolato Quando l

    Original URL path: http://www.telefonoverde.it/elogio%20alla%20bibbia.htm (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • home
    poi desidera contrapporre alle macchinazioni ed all orgoglio degli empi ormai ha capito che il nemico ei lo può vincere solo se rimane aggrappato alla sapienza di Dio che scaturisce dalla sua Parola Vrs 71 ecco una chiara applicazione di tutte le cose cooperano al bene di quelli che lo amano il salmista ha intelligentemente osservato che l afflizione prodotta dalla lontananza da Dio e dalla sua Parola è stata l occasione della quale Dio si è servito per produrre una grande bene a suo favore imparare che non vuol dire a memoria i suoi statuti ora quel bene lo ha saggiamente valutato e lo ha stimato come qualcosa che vale meglio di una grande ricchezza materiale la sapienza val più delle perle e tutti gli oggetti preziosi non l equivalgono dirà Salomone in Proverbi 8 11 Vrss 73 80 Iod Il salmista apre con una dichiarazione importante che è il punto fondamentale di tutto quello che dirà le tue mani mi hanno fatto e formato riconosce a Dio quello che Lui è realmente il creatore il rivolgersi a Lui dimostra di sapere che a Dio deve rendere conto e che da Lui dipende ogni cosa compresa la sua vita infatti è a Lui che chiede la cosa più importante che scarseggia sempre più dammi intelletto ma non lo vuole per montarsi la testa e per far vedere agli altri quanto lui è intelligente dicendo e facendo magari le cose più stupide che ci sono in circolazione no la sua richiesta e finalizzata ad ottenere la cosa più importante che l intelligenza può realizzare imparare i comandamenti di Dio che non vuol dire impararli a memoria e ripeterli a mo di filastrocca ogni volta che se ne presenta l occasione ma vuol dire assimilarli nel proprio cuore e nella propria coscienza e praticarli senza nessuna costrizione ma come fosse parte del proprio modo naturale di agire questo vuol dire imparare i comandamenti di Dio Questo desiderio però non viene dal salmista vissuto in maniera egoistica come qualcosa che deve appartenere solo a lui magari sfoggiando questa sapienza dei comandamenti di Dio come se si appartenesse ad una categoria superiore gli eletti degli eletti no lui vuole condividere ciò che il Signore ha dato lui con gli altri e non per gareggiare su chi la sa più lunga ma semplicemente per rallegrarsi con quelli che temono davvero il Signore allegrezza che non deriva dal ma hai visto che sapienza quello là ma che uomo divino ma più semplicemente perché quella persona quel fratello o sorella ha messo la sua speranza nelle promesse del Signore ed è vero sapere che qualcuno per davvero spera ed ha fiducia nella Parola di Dio produce allegrezza sia esso uno a noi vicino a uno a noi lontano io sono felice di sapere che qualcuno ha messo la sua fiducia in Dio mi tranquillizza mi fa essere sereno perché so che e nelle migliori mani possibile Vedere un fratello o una sorella serenamente nelle mani del Signore fiduciosi e speranzosi attaccati alla Parola ed alle sue promesse è la testimonianza più incoraggiante ed edificante che possa esistere ed è lo stimolo più forte che si possa ricevere quando magari a causa di circostanze avverse stiamo sul filo della perdita della nostra speranza in Dio Che grande beneficio può produrre la nostra fiducia in Dio a quelli che ci sono intorno ma anche che disastro può produrre un fratello o una sorella senza speranza nei cuori di quelli che ci osservano Ovviamente la fiducia del salmista non è finta quindi lui è assolutamente consapevole che ciò che Dio decide è giusto e che anche se ha dovuto subire afflizioni accetta questo come un frutto della fedeltà di Dio in altre parole ciò che ha procurato al salmista afflizione ei lo riconosce come un evento che nella sua sofferenza ha prodotto un bene bene che è l obiettivo finale dell amore di Dio Il salmista però conosce anche la misericordia di Dio e sa che Dio sa unire riprensione o prova anche a compassione e invoca con fiducia che la mano di Dio lo consoli dell afflizione che sta attraversando che alla fine produrrà un beneficio ma che nel presente fa male Ha un pensiero anche per coloro che contribuiscono alla sua sofferenza invocando su loro confusione in altre parole che non giungano alla realizzazione dei loro propositi è un bel soggetto di preghiera da elevare al Signore contro quelli che camminano malvagiamente Il salmista auspica che accada anche un altra cosa e cioè che quelli che temono Dio si uniscano a lui alla sua afflizione che stiano dalla sua parte che forniscano lui il calore e la consolazione di cui ha necessità insomma auspica che non venga lasciato solo l ultimo pensiero però ce l ha verso ciò che in fondo non lo farà mai sentire davvero solo la parola di Dio nella quale lui desidera rimanere fermo perché solo cosi la sua mente ed il suo cuore non conosceranno mai confusione ma tutto sarà sempre chiaro e forte Vrss 81 88 Caf La fiducia del salmista non ha una fine anzi pur nella prova più difficile e per giunta causata dalla malvagità di uomini che non hanno timore di Dio lui non perde la sua fiducia in Dio e spera sinceramente nella liberazione Fiducia è sempre legata ad ubbidienza ed infatti il salmista non smette di osservare i comandamenti di Dio e non smette di considerarli buoni La sua natura umana è vero lo porta ad qualche atteggiamento di impazienza quando quando ma in fondo il salmista sa che Dio non deve chiedere a lui come meglio deve agire e sa che Dio non si dimentica di coloro che lo temono e continua a confidare nella Sua benignità cioè nella Sua volontà di fare il bene VRSS 89 96 Lamed nel Salmo che dichiara l eccellenza della Parola di Dio questa ottavina è quella che fin qui dichiara con maggiore forza la natura eterna ed immutabile della Parola di Dio I primi versetti infatti ci presentano la Parola nella veste che anche troveremo più avanti ne l N T e precisamente in Giovanni 1 1 cioè quella di Creatore e di Rettore di tutte le cose Il vrs 91 ci informa che tutto ciò che è sottomesso alla V d D non conosce fine la terra come l uomo che ritornando sotto l autorità di Dio ha vita eterna le opere dell uomo che eseguite sotto la V d D non cesseranno mai di produrre un frutto benefico Davide I Discepoli Giobbe tanti credenti Abele Ebrei 11 4 Ma la Parola di Dio si impone come eterna ed immutabile Parola di Dio non solo nell ambito materiale ma ancor di più in quello immateriale cioè nell ambito spirituale e morale infatti dice il salmista che se la tua legge non fosse stata il mio diletto sarei già perito nella mia afflizione vrs 93 la Parola di Dio dimostra in questo caso quanto sia vero ciò che è scritto in Ebrei 4 12 dimostra cioè di conoscere a fondo l uomo e di essere per questo in grado di intervenire nell animo umano con dei rimedi che nessun altro sarebbe in grado di operare Salmo 139 Dalle parole del salmista capiamo che l afflizione dell uomo lo condurrà inesorabilmente alla morte cioè alla tristezza interiore alla sterilità alla aridità se la Parola di Dio non rientrerà tra le cose nelle quali ei si diletta e che quindi per questo motivo anche ricerca con tutto il cuore Ancora il salmista mette la sua fiducia in Dio affiancando la fiducia all ubbidienza com è giusto è naturale che sia L ultimo versetto è un capolavoro Il salmista ha ancora in mente quello che ha affermato all inizio circa l eternità e l immutabilità della Parola di Dio e fa un affermazione attraverso la quale cerca di trasmettere la reale dimensione della P d D il valore irraggiungibile della Parola di Dio ogni cosa perfetta ha un limite Limite non inteso come difetto come debolezza ma più precisamente nel senso di finito Perfetto vuol dire che una determinata cosa non può essere meglio di così ma nello stesso tempo dice che è finita ha raggiunto la sua massima espressione Una cosa per essere giudicata perfetta deve inoltre essere necessariamente riportata ad un parametro ad un modello che ne stabilisce la perfezione l essere assolutamente corrispondente al modello sancisce la perfezione di un oggetto o di una qualsiasi altra cosa ma il tuo comandamento ha una estensione infinita La Parola di Dio è il meglio ma non possiamo definire quanto sia meglio non possiamo dire che è l espressione massima del bene perché diremmo che meglio di così non potrebbe essere ma in questo caso abbiamo posto un limite limite che invece non c è qual è il parametro di riferimento della Parola di Dio Dio stesso Ma Dio è infinito cioè non ha un limite non ha un modello di riferimento che non sia se stesso per cui possiamo dire che è esattamente così o colì non lo possiamo descrivere pienamente non lo possiamo contenere in dei parametri in altre Parole Dio e la sua Parola sono ingiudicabili e questo porta la Parola di Dio oltre la perfezione Noi non abbiamo una Parola perfetta ne abbiamo una infinita non abbiamo un Creatore perfetto ma uno infinito infinitamente più che perfetto ci rendiamo davvero conto di ciò che abbiamo per le mani Ci rendiamo davvero conto di ciò che lasciamo prendere polvere ci rendiamo conto di ciò che non ascoltiamo Ci rendiamo davvero conto di ciò che sottovalutiamo La parola di Dio ci da accesso all infinito ci introduce come microscopiche creature nel regno dove non c è ne tempo ne spazio ne passato ne futuro ma tutto è presente ci guida pian piano come creature primitive alla conoscenza dell immensità di Dio che viaggio affascinante che esperienza impareggiabile ogni secondo trascorso senza il pensiero alla Parola di Dio è un secondo perso Per questo viaggio indescrivibile però occorre il biglietto LA FEDE questo è il biglietto senza fede non possiamo accedere alle piacevoli benedizioni dell infinita Parola di Dio ma resteremo con i piedi ben saldi nelle limitate attrazioni terrene con nelle orecchie l assordante grido di un cuore che invece vorrebbe tuffarsi nella gloria di Dio ma non riesce ad avere abbastanza fede per farlo Che il Signore sciolga le catene che ancora ci impediscono di staccare i piedi da terra e farci vivere in cielo in un cielo infinito Vrss 97 104 Mem Il salmista esordisce col dichiarare ciò che ha il primo posto nel suo cuore il suo amore per la Parola di Dio Amare è qualcosa che coinvolge tutto l essere infatti per il salmista la Parola di Dio è oggetto della sua meditazione tutto il giorno così come in un grande amore le dolci parole pronunciate dalla persona amata risuonano incessantemente nella mente e nel cuore di colui ei a cui sono rivolte così il pensiero del salmista è costantemente rivolto alle meravigliose parole che Dio gli rivolge Il salmista vuole raccontare questo amore nei vrss successivi al primo risponde alla domanda perché ami la parola di Dio Posta da un ipotetico interlocutore 98 La totale dipendenza dalla Parola gli ha portato come frutto una grande saggezza 99 La ricerca della conoscenza di Dio e lo studio della sua Parola gli ha prodotto un intelligenza ed un discernimento che non si è fermato al livello dei suoi maestri ma la sua brama di conoscenza lo ha spinto oltre 100 Ma non è sufficiente conoscere bisogna anche mettere in pratica l amore del salmista per la Parola di Dio non aveva nessuna intenzione di fermarsi alla conoscenza lui sapeva che il suo amore per la Parola si sarebbe compiuto solo nell ubbidienza a ciò che di Dio aveva conosciuto e cosi con gioia ha osservato la Parola questo gli ha fatto bruciare il tempo realizzando un esperienza superiore a quella di coloro che sono maestri di esperienza i vecchi vedi Ehliu 101 ma l amore per la Parola lo ha anche risparmiato da brutte avventure l amore per la Parola ha prodotto in lui timore per la Parola ed il timore di Dio lo ha trattenuto dal percorrere i sentieri malvagi 102 il salmista ha anche imparato ad accettare le risoluzioni di Dio i suoi giudizi le sue decisioni perché si è lasciato educare dallo S S alla giustizia di Dio Ecco il racconto di una grande amore un amore che ha arricchito a dismisura il salmista un amore quello del salmista raccontato dal profondo bisogno di rispondere all amore infinito di Dio che lo ha investito ed avvolto La Parola di Dio produce nel salmista un assoluta soddisfazione un piacere profondo e nello stesso tempo un odio verso ciò che rappresenta un attentato a questa felicità la menzogna che trova nel distrarre gli uomini dalla verità della Parola di Dio la sua ragion d essere Vrss 105 112 Nun la tua parola è una lampada al mio piede se queste parole fossero tanto praticate quanto sono tanto conosciute allora credo che la Chiesa avrebbe tantissimi problemi in meno di quelli che ha ed ovviamente altrettanto accadrebbe ad ogni singolo membro della chiesa La Parola di Dio ecco cosa illumina il cammino dell uomo ecco cosa gli dona la luce del discernimento la capacità di distinguere fra bene e male Il salmista ha compreso questo fatto profondamente ed ha deciso nel suo cuore cosa fare delle Parola di Dio osservarla Ha giurato che mai si sarebbe distolto da essa mai avrebbe abbandonato la sua luce Il salmista si è proposto con grande serietà di mantenere questo impegno questo legame con la Parola di Dio Perché il salmista sente il bisogno di dichiarare attraverso queste parole la sua intenzione di rimanere fermamente attaccato ai comandamenti di Dio Perché il salmista sta attraversando un periodo di dolore ed afflizione un periodo di combattimento dove anima e corpo sono messi a dura prova momenti nei quali può essere molto facile cadere nel disinteresse di tutto e di tutti anche verso Dio Nei momenti di buio di depressione può venire con una certa naturalezza il lasciarsi andare il non aver ne forza ne voglia di combattere di resistere di mantenere promesse ed impegni insomma il pericolo grave in quei momenti è proprio di perdere la gioia della vita e con essa tutto ciò che ha a che fare con essa Il salmista ci informa il vesetto 107 è sommamente afflitto ma anche se è in uno stato emotivamente pericoloso lui non vuole dimenticare che La parola di Dio è la luce sul cammino della sua vita e tanto più ora che si trova al buio delle circostanze ha bisogno di quella luce In certi momenti possiamo fare a meno di tante cose ma non buttiamo l unica cosa che per quanto fitte possano essere le tenebre del momento pure non potranno mai prevalere sulla luce della Parola di Dio Il salmista questo lo sa bene e non ha pensato neppure per un istante a lasciarsi andare fino al punto di abbandonare il comandamento di Dio anzi osserverò insegnami non dimentico non mi svio sono letizia per il mio cuore li praticherò fino alla fine questo è il sentimento del salmista e non sarà deluso come non sarà deluso chiunque farà della Parola di Dio una lampada al suo piede ed una luce che sempre in ogni circostanza favorevole od avversa illumini il sentiero della propria vita Vrss 113 120 Samec A quali persone fa riferimento il salmista come persone che hanno il cuore doppio Molto probabilmente il riferimento è a persone che si sono allontanate dalla fede e quindi dalla sincera ubbidienza a Dio persone che con le labbra onorano il Signore ma che hanno il cuore altrove persone che hanno tradito il Signore Il salmista però che non ha seguito l esempio di queste persone dichiara invece il suo amore per la Parola di Dio ritenendola rifugio e scudo Il salmista non vuole proprio saperne di allontanarsi dal suo Dio e continua con fiducia a cercare il suo aiuto il suo sostegno e la sua speranza è completamente riposta in Lui Vrs 118 ecco cosa tiene legato il salmista il timore di Dio Quando si perde il timore di Dio Dio diventa una legenda più o meno interessante alla quale non ci si sente più di tanto legati e questo porta a non tener conto di ciò che Dio dice e comanda scadendo in una vita dissoluta quando invece come il salmista il timore di Dio è alla base del nostro rapporto con Lui allora ecco che si tiene in grande considerazione il dover rendere conto a Lui di tutta la nostra vita Dio disprezza quelli che deviano dai suoi comandamenti Dio getta via come scorie gli empi ecco cosa spaventa ma anche fa gioire il salmista il salmista gioisce perché sa che Dio è un giusto giudice ma ha paura perché sa che Dio è un giusto giudice tanto giusto che non terrebbe per innocente neppure lui se dovesse allontanarsi dai suoi comandamenti ma non c è pericolo fintanto che temerà Dio onorerà Dio Vrss 121 128 Ain Il salmista rivendica le promesse del Signore affermando che la sua condotta è stata il frutto dell obbedienza alla Sua volontà Questo del salmista potrebbe sembrare un atto presuntuoso arrogante ma il salmista sa invece che il suo cammino è stato sinceramente orientato dalla voce di Dio A sostegno di queste affermazioni il salmista dichiara un fatto importante e cioè quale immenso peso ha avuto nella sua vita la Parola di Dio i miei occhi si spengono desiderando la tua salvezza e la Parola della tua giustizia la Parola di Dio è stata la sua luce il suo discernimento insomma i suoi occhi e senza di essa tutto diventa buio nella sua vita senza la luce della parola il salmista

    Original URL path: http://www.telefonoverde.it/salmo%20119.htm (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • LEGGERE ATTENTAMENTE LE ISTRUZIONI PRIMA DI METTERSI IN VIAGGIO
    è un viaggio attraverso la storia dell umanità secondo la Bibbia La Bibbia la Parola di Dio diventa dunque allo stesso tempo il nostro comandante il nostro libro di bordo la nostra bussola la nostra mappa La fede ossia la fiducia che porremo in ciò che la Parola di Dio ci dirà sarà il segreto per il buon successo del nostro viaggio Così la fede viene da ciò che si ascolta e ciò che si ascolta viene dalla Parola di Cristo Romani 10 17 poiché siete stati rigenerati non da seme corruttibile ma incorruttibile mediante la Parola di Dio vivente e permanente 1 Pietro 1 23 Poiché la fede in Dio e creata ed è sostenuta esclusivamente dalla Parola di Dio è indispensabile che ogni riflessione relativa a Dio ed al suo piano per l uomo venga rigorosamente confermata dalla sua Parola la Bibbia Per questo motivo è estremamente importante che questo viaggio avvenga unitamente alla lettura dei versetti ai quali si farà riferimento I versetti a cui si farà di volta in volta riferimento potrai scoprirli cliccando sui numerini posti lungo il testo appariranno così le referenze bibliche appropriate è ovvio che dovrai procurarti una Bibbia Non leggere senza

    Original URL path: http://www.telefonoverde.it/istruzioni%20.htm (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Macchina del tempo
    molti casi hanno messo a repentaglio quando non sacrificato la propria vita per seguire le orme perfette di colui che per primo lo ha annunciato Gesù Cristo il figlio di Dio La buona notizia dell Evangelo è un messaggio di liberazione e di salvezza per gli uomini i quali prigionieri di una natura insanabilmente maligna sono irrimediabilmente condannati ad un funesto destino futuro 2 Quella descritta in questo viaggio è

    Original URL path: http://www.telefonoverde.it/Macchina%20del%20tempo.htm (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Ieri
    unico essere vivente in grado di avere la consapevolezza di se oltre che del suo Creatore Dio pose l uomo sulla terra non a casaccio ma piantò apposta per lui un giardino meraviglioso l Eden all interno del quale fece spuntare quanto di meglio l uomo avrebbe potuto desiderare fin anche un albero della vita che gli avrebbe consentito di vivere eternamente nella gioia 5 Tutto questo affinché l uomo potesse condurre la sua esistenza nella prosperità e nella serenità in piena armonia con tutto il creato e quel ch è più importante con il suo Creatore Dio ancora onorò l uomo attribuendogli limitatamente alla terra lo stesso ruolo che Lui aveva nell universo 6 Come detto prima l uomo fu creato libero e per questo Dio gli fornì la possibilità di scegliere se ubbidire alle sue indicazioni benevole oppure no Ad ogni modo Dio non trascurò di informare l uomo delle conseguenze che la sua scelta avrebbe prodotto riassumibili in 1 Continuare a vivere nella beatitudine 2 Soffrire e morire 7 L uomo non dando ascolto ai consigli amorevoli di Dio e dubitando della reale pericolosità di una scelta contro Dio scelse sventuratamente di disubbidire Rinunciò in questo modo volontariamente a tutti i benefici dei quali godeva 8 È difficile capire la scelta dell uomo vero Oggi è forse più facile capire perché l uomo continua a fare esattamente la stessa scelta contro Dio con l aggravante di sapere cosa tale decisione ha prodotto e produce L uomo si ritrovò scacciato dall Eden senza comunione con Dio e con la poco invidiabile prospettiva di sofferenza e di morte Tale triste eredità divenne anche l eredità di tutta la progenie dell uomo che da quel momento in poi sarebbe inevitabilmente nata sotto il peccato 9 Peccato Il peccato è la

    Original URL path: http://www.telefonoverde.it/Ieri%202.htm (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Oggi
    giustizia riscatta da qualunque colpa 15 Ma chi è puro La Bibbia che fin qui ci ha dato solo brutte notizie ci da ora una risposta liberatoria ed eccezionale una risposta che solleva l uomo dall angoscia dell estrema conseguenza del peccato la morte Questa risposta è Gesù Cristo Nato nel corpo da una donna ma nello Spirito figlio dell Iddio Altissimo e senza peccato 16 Questo è il dono che la grazia di Dio ha fatto all uomo per la sua salvezza Un uomo giusto per liberare degli uomini peccatori 16bis Ma cosa ha fatto esattamente Gesù per salvare l uomo Perché l uomo potesse essere liberato si sarebbe dovuta soddisfare la giustizia di Dio che richiedeva come pena per la ribellione un atto di giustizia utile ma per l uomo l unico atto di giustizia utile ad espiare il peccato era la morte eterna cioè la separazione eterna da Dio 17 in altre parole l ergastolo spirituale quindi nessuna prospettiva di libertà Gesù nella sua condizione umana nonché di purezza spinto dall amore profondo che lo legava all uomo decise di farsi carico di tutto il peccato dell uomo nella sua espressione più totale con l intento di espiarlo attraverso l atto di giustizia della morte 18 Così per liberare me te e tutti gli uomini dalla eterna separazione da Dio Gesù morì al posto nostro sulla croce le sue sofferenze atroci sia fisiche che spirituali erano per produrre la mia e la tua vita Il suo sacrificio fu perfetto 19 e Dio reputò abbondante il sacrificio d amore di un giusto per espiare il peccato di tutti gli ingiusti 20 Gesù caricato dei nostri peccati accetto di morire e morì ma a motivo della sua innocenza la morte non poté trattenerlo ne Dio avrebbe permesso nella sua giustizia che un innocente morisse 21 così Gesù mori per i nostri peccati ma risuscitò per la sua innocenza La morte fu sconfitta e privata della sua forza Ora essa non getta più spavento tra gli uomini perché il peccato che dava all uomo un eredità di morte è stato una volta e per sempre CANCELLATO dalla resurrezione di Gesù 22 Adesso Gesù risorto offre la stessa vittoria la stessa liberazione a quanti desiderano tornare a Dio i quali credendo nell opera di salvezza di Gesù pentendosi dei propri peccati e accettando di far morire se stessi sulla croce con Cristo cioè di far morire il proprio peccato abbandonandolo oggi stesso risorgeranno anche con lui per vivere il resto della propria vita e l eternità nella vera pace che solo la presenza gloriosa di Dio produce 23 Oggi Gesù ti chiede che ne vuoi fare del suo amore per te ti chiede di credere in lui ti chiede di seguirlo qual è la tua risposta Gesù ha promesso la sua presenza stabile in quanti avrebbero risposto positivamente alla sua chiamata per mezzo dello Spirito Santo 23bis lui ha promesso di abitare in ogni credente per guidarlo ed aiutarlo Dio non

    Original URL path: http://www.telefonoverde.it/OGGI_1.HTM (2016-01-26)
    Open archived version from archive

  • Domani
    cosa 26 La vita si svolgerà in una dimensione meravigliosa di gioia e di amore dove le parole sofferenza morte paura malvagità violenza ecc non avranno più significato mentre la beatitudine sarà una realtà perpetua 27 Dice ancora che tutti coloro che non avranno creduto in Gesù e nella sua opera di salvezza e che quindi giacciono ancora carichi dei loro peccati saranno giudicati da Dio e dovranno rispondere di

    Original URL path: http://www.telefonoverde.it/Domani_1.htm (2016-01-26)
    Open archived version from archive



  •