web-archive-it.com » IT » U » USIDELLACANAPA.IT

Total: 73

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • USI DELLA CANAPA - una risorsa di nome canapa
    abusarne credendo che un uso eccessivo causasse impotenza cecità e la visione di demoni Entro il tardo Settecento le prime edizioni dei bollettini medici americani consigliavano semi di canapa e radici per curare pelle irritata incontinenza e malattie veneree Il medico irlandese William O Shaughnessy per primo rende popolare l uso medicinale della marijuana in Inghilterra e in America Come dottore nella British East India Company scopre che la marijuana allevia il dolore reumatico ed aiuta contro i sintomi di malessere e nausea causati dalla rabbia dal colera e dal tetano Verso la fine dell Ottocento cambia l attitudine degli americani nei confronti dell erba quando tra il 2 e il 5 della popolazione statunitense si trova a propria insaputa assuefatta alla morfina un noto ingrediente segreto di medicine autorizzate con bizzarri nomi tipo L unguento guaritore delle persone per uomini e bestie The People s Healing Liniment for Man or Beast e Il sollievo d oro del Dottor Fenner Dr Fenner s Golden Relief Per evitare che gran parte del paese sia inondato dalla stimolazione della morfina del Golden Relief il governo nel 1906 introduce la legge degli alimenti e dei farmaci puri Pure Food and Drug Act dando vita alla Food and Drug Administration Amministrazione degli alimenti e dei farmaci Essa non riguardava la marijuana ma poneva la distribuzione di oppio e morfina sotto il controllo dei medici La regolazione delle sostanze chimiche fu un grande cambiamento nella politica dei farmaci americana L uso di droga fino al 1914 non era considerato un crimine lo diventa con la legge Harrison Per eludere le questioni dei diritti degli stati la legge adottava una tassa che regolava l uso di droghe derivate da oppio e coca essa imponeva una tassa sull uso delle droghe senza scopi terapeutici che era molto

    Original URL path: http://www.usidellacanapa.it/medicina/time2.php (2016-01-31)
    Open archived version from archive

  • USI DELLA CANAPA - una risorsa di nome canapa
    alto profitto l Università di Phoenix Egli ha speso 13 milioni di dollari in campagne per la riforma sulla droga e altre grandi quantità di soldi in progetti sugli animali domestici inclusa la clonazione del suo gatto Il signor Walters è un anima patetica nella guerra della droga che sta difendendo un catalogo intero di orrori a cui è indifferente afferma Sperling dal suo ufficio in Phoenix Arizona La politica del governo sulla droga è condotta da un fondamentalista e cristiano senso di moralità che vede ognuna di queste sostanze illegali come se fossero il diavolo Sperling afferma di aver fumato erba per combattere il dolore dovuto al cancro che ha avuto negli anni 60 Lewis 68 anni ex capo c e o chief executive officer di Progressive una compagnia d assicurazioni non disprezza lo zar così tanto ma lo sta combattendo ancora più duramente Le ragioni di Lewis sono molto più dirette Egli è stato descritto dai suoi colleghi come un fumato funzionale Egli passa metà dell anno su uno yacht da 16 5 milioni di dollari dove fuma regolarmente erba qualche anno fa è stato anche arrestato in Nuova Zelanda per questioni di droga ha riferito al Plain Dealer E uno dei sostenitori principali della proposta radicale del Nevada avendo dato montagne di soldi al Progetto della Politica Sulla Marijuana che si sta occupando della Question 9 in quello stato Lewis afferma L assurdità della sua illegalità mi è chiara ormai da tempo Ho conosciuto l erba attraverso i miei figli e ho realizzato che era molto meglio dello scotch e io amo lo scotch Poi vado dal dottore e mi dice che è preoccupato perché bevo troppo e che starei molto meglio se fumassi erba piuttosto che bere Soros che ha fumato erba in passato ha rifiutato l intervista e come il resto della troika non vuole discutere con Walters Forse rifiutano per due ragioni 1 è probabile che perdano visto che nessuno di loro è un politico 2 se vai in giro per il mondo su uno yacht di ottanta metri metteresti nella tua agenda lo zar della droga come uno dei porti in cui passare Così combattono piuttosto la politica federale con iniziative su iniziative difendendo allo stesso tempo leggi locali pro erba La loro parte ha avuto una grande spinta dai media in California in settembre quando agenti federali fecero irruzione con un raid all alba nel Wo Men s Alliance for Medical Marijuana Alleanza di donne e uomini per la marijuana medica di Santa Cruz I federali hanno trascinato i proprietari della fattoria che stavano coltivando erba legalmente sotto la legge californiana in un palazzo federale a San Josè per aver disobbedito alla legge federale e hanno trattenuto una paraplegica residente nella fattoria per ore Ho aperto gli occhi e ho visto cinque agenti federali che mi puntavano fucili alla testa Metti le mani sopra la testa Alzati Alzati Mi sono tolta il respiratore dalla faccia e gli ho spiegato che ero paralizzata dice Suzanne Pheil 44 anni che è invalida per gli effetti della sindrome post poliomelite La sua storia venne trasmessa ovunque dacchè i pro erba avevano praticamente aspettato che venisse molestata e solo alcuni minuti dopo l irruzione stavano già pigiando ogni numero di telefono dei media sulla loro lista Quelli dell erba sorprendentemente possono muoversi molto velocemente quando lo vogliono L irruzione non poteva andare meglio per i pro erba L avvocato generale della California Bill Lockyer ha spedito una lettera arrabbiata al capo della DEA Asa Hutchinson che gli ha risposto asserendo che la legge federale permette ai feds federali di confiscare l erba Lockyer afferma che durante gli anni di Clinton non lo facevano ed è deluso che stiano usando risorse preziose per agire come un branco di bulli Il capo della polizia di San Josè William Lansdowne era così irritato dall incursione che ritirò i suoi ufficiali dalla task force della DEA locale dando fine ad una stretta collaborazione durata 15 anni Persino il governatore Gray Davis che sulla questione marijuana non si è pronunciato ha espresso la sua preoccupazione riguardo all irruzione dei feds Una settimana dopo il raid le autorità di Santa Cruz si sono riunite in municipio per sovraintendere la pubblica distribuzione di marijuana ai membri della Wo Men s Alliance for Medical Marijuana di fronte alle telecamere un modo per dare una lezione a Washington A molti repubblicani questa sembra una cattiva politica per Bush Dice l ex aiutante di Nixon e Reagan Lyn Nofziger Mi pare che questo sia quello che si ottiene da un conservatorismo compassionevole Ci sono tantissimi cinquantenni che hanno fumato erba da quando erano giovani e non sembra che sia stato qualcosa che gli ha rovinato la vita Penso che ci sia molta più apertura mentale riguardo all erba di quanta ce ne sia mai stata in passato In Nevada il popolare governatore repubblicano Kenny Guinn rifiuta di rendere una posizione sulla Question 9 l emendamento della legalizzazione dell erba nella costituzione dicendo che seguirà il voto della gente Egli non vuole preoccuparsene per ora visto che l emendamento costituzionale sarà effettivo solo se la popolazione del Nevada voterà sì il 5 novembre e di nuovo nel 2004 Può darsi che Guinn sia scaltro a starsene fuori dalla discussione poiché la retorica è fuori controllo da entrambe le parti L ultimo spot pubblicitario dello zar della droga che era focalizzato su un gruppo di adolescenti ed i loro genitori mostra due ragazzi nello studio di loro padre che parlano apaticamente di robe varie Uno di loro prende fuori una pistola dal cassetto del genitore l altro gli chiede pigramente se è carica quello con la pistola in mano fa spallucce e spara all altro ragazzo Walters afferma che la suggestione non sta nel dire che troppi ragazzi che usano marijuana si sparano nelle loro case ma vuole mostrare che la marijuana altera la capacità di giudicare Secondo diverse persone pro erba del Nevada nell altro campo molti

    Original URL path: http://www.usidellacanapa.it/medicina/time3.php (2016-01-31)
    Open archived version from archive

  • USI DELLA CANAPA - una risorsa di nome canapa
    con percezioni uditive e visuali amplificate come già detto Deboli perturbazioni si osservano nell attitudine ad effettuare compiti abitudinari di varia complessità Ciò si ascrive ad una leggera diminuzione delle performance psicomotorie e mnesiche eventualmente collegate alla riduzione di LTP risultante dall attivazione dei recettori CB 1 Questi effetti sono modulati dalle dosi e ad alte concentrazioni 40 mg THC si potranno osservare sindromi di sedazione sensazioni di pesantezza e a volte effetti depressivi È importante notare che gli effetti di sonnolenza indotti dalla cannabis sono la risultante dell azione combinata di differenti cannabinoidi cosa che spiega che non siano identici secondo l origine della cannabis hashish vs marijuana Benché criticabili nella loro metodologia diversi studi hanno dimostrato che durante il periodo di impregnazione da THC a dosi elevate le facoltà di apprendimento erano leggermente alterate dal consumo di cannabis sopratutto a causa di un calo di attenzione Tuttavia i risultati sono abbastanza contradditori i più forti consumatori erano i meno affetti mentre nessuna modificazione è stata osservata nelle facoltà di astrazione e di utilizzazione del vocabolario Si tratta piuttosto di alterazioni della memoria a breve termine apparentemente senza ripercussioni sulla memoria di lungo periodo Benché questi effetti sembrino modesti e meritino di essere confermati da studi più approfonditi ciò va preso in conto presso gli adolescenti scolarizzati Cionondimeno bisogna notare che a dispetto delle modificazioni possibili dei processi mnesici e di diverso apprezzamento del tempo spesso notati dai consumatori di cannabis la qualità del lavoro effettuato non risulta modificato Anche il consumo giornaliero a dosi massicce di cannabis protratto per molti anni non pare indurre comportamenti demotivati o assenza di motivazioni stabili Le leggere alterazioni sulla memoria a breve termine da parte della cannabis utilizzata cronicamente proverrebbero da perturbazioni nell organizzazione e integrazione di informazioni complesse Queste mettono in gioco la corteccia frontale in cui il THC provoca variazioni del flusso sanguigno e del metabolismo osservato attraverso neuroimmagini Gli effetti comportamentali della cannabis in particolar modo la sonnolenza e il rallentamento dei comportamenti motori hanno condotto a studiarne le ricadute sulla guida di veicoli Numerosi studi ed inchieste si sono avute vedi il libro bianco G Lagier I risultati sono difficili da interpretare a causa dell associazione praticamente costante nei conducenti responsabili di incidenti per i quali sono state fatte le analisi di parecchie sostanze tra cui la più frequente era l alcol Usata sola la cannabis non sembra essere fattore maggiore di rischio di incidente cosa che non si può affermare quando associato all alcol agli psicostimolanti o ai tranquillanti Indagini recenti effettuate su un maggior numero di casi potrebbero contraddire questi risultati In presenza di allucinogeni che si potrebbero assumere incidentalmente mescolati ad ecstasy gli effetti psichici sono tali che la guida di veicoli diventa quasi impossibile Ricerche di laboratorio hanno permesso di valutare più direttamente gli effetti della cannabis sulla guida Effettuate attraverso l aiuto di simulatori di guida o guide controllate in città i consumatori di cannabis sembrano poco diversi dai gruppi controllati Tuttavia si constatano nei primi risposte differenti alla partenza al sorpasso ecc Esiste d altra parte un effetto cosciente di compensazione delle alterazioni di attenzione che tuttavia potrebbe esser considerato un difetto in caso di situazioni inattese o in presenza di sovracconsumo Cionondimeno bisogna relativizzare il rischio in rapporto all alcol che resta comunque più pericoloso in termini di incidenti stradali a causa dei suoi effetti inibitori CANNABIS E STATI PSICOPATOLOGICI La prima volta che si assume la cannabis può portare in rari casi effetti di severa ansietà simili nei soggetti predisposti a ciò che si prova durante una crisi di panico reversibili allorché si arresta l assunzione e non sembrano riprodursi in seguito Non si segnala alcuna patologia mentale direttamente collegata al sovracconsumo di cannabis cosa che differenzia questa sostanza da psicostimolanti come l MDMA la cocaina o l alcol il cui uso eccessivo e protratto può dar corso a sindromi psicotiche caratteristiche Né la cannabis sembra precipitare la comparsa di disfunzioni mentali preesistenti schizofrenia depressione bipolare ecc È comunque possibile come per tutte le sostanze a rischio d abuso che l uso continuato di cannahis si riscontri più spesso presso gli individui affetti da disturbi psichici schizofrenici in particolare Infine nessuna sindrome amnesica comparabile a quella di Wernicke e Korsakov osservate negli alcolisti cronici si è potuta descrivere nel consumatori eccessivi di cannahis CANNABIS E FUNZIONE CEREBRALE TOSSICITÀ La tossicomania da cannabis non comporta neurotossicità del tipo descritto al capitolo III da criteri neuroanatomici neurochimici e comportamentali Cosicché precedenti risultati che suggerivano delle modificazioni anatomiche nel cervello dei consumatori cronici di cannahis misurate per tomografia non sono stati confermati dalle moderne e precise tecniche per neuroimmagini Ugualmente le alterazioni morfologiche dell ippocampo dei topi successive a somministrazione di fortissime dosi di THC non hanno ricevuto conferma Parecchi studi sono stati dedicati agli effetti della cannabis sui potenziali evocati e sull elettroencefalogramma nell uomo Il consumo intermittente produce cambiamenti reversibili sui profili di onde alfa nella corteccia frontale probabilmente in rapporto con gli stati di sonnolenza indotti dal THC A lungo termine 15 anni e con forte consumo giornaliero un aumento dell attività frontale teta insieme ad una iperfrontalità alfa sono state osservate L eventuale relazione con cambiamenti comportamentali o in test neuropsicologici non è stata discussa come del resto quella possibile con gli effetti anticonvulsivi del THC Diversi studi constatano variazioni nella circolazione cerebrale e nel metabolismo in alcune regioni cerebrali in particolare nelle regioni del cervelletto e della corteccia prefrontale rilevate attraverso il sistema PET Scan o FMRI cosa pure sovente osservata con gli psicotropi Sarebbe certamente molto interessante studiare più dettagliatamente la distribuzione dei siti CB1 occupati da quantitativi di PET Scan in funzione I della dose di THC consumata 2 del tempo che intercorre tra il momento della somministrazione e la misura cinetica della dissociazione nelle diverse regioni cerebrali 3 del collegamento di questi parametri agli effetti osservati Ciò richiede lo sviluppo di leganti selettivi marcati da isotopi radioattivi a decadimento rapido ed a biodisponibilità appropriate D altra parte tenuto conto dei molti circuiti neuronali potenzialmente mobilitati dal THC sarebbe interessante esaminarli sistematicamente attraverso l utilizzo di appropriati leganti PET Scan TOLLERANZA E DIPENDENZA DA CANNABIS Si tratta ancora di soggetto molto discusso Negli animali le azioni farmacologiche del THC e dei cannabinoidi di sintesi danno luogo a fenomeni di tolleranza L origine biochimica di questo fenomeno potrebbe essere dello stesso tipo di quelle riscontrate negli oppiacei o un adattamento del sistema di ricezione transduzione cosa che resta da chiarire come per tutti i neuromodulatori Risultati contraddittori concernenti la densità dei recettori in certe regioni cerebrali sono rapportati con aumento o diminuzione misurate attraverso connessioni o ibridazioni in situ Cambiamenti comunque reversibili come mostra uno studio effettuato sul cervello di scimmia 7 mesi dopo l esposizione del soggetto a fumo di cannabis per un anno Le droghe sono generalmente classificate in funzione della loro attitudine a ingenerare fenomeni di dipendenza fisica e psichica e sono considerate a rischio se rispondono a questi due criteri La cannabis è stata inserita in questo gruppo di sostanze benché i cannabinoidi siano ben lontani dal produrre effetti comparabili a quelli generati da eroina alcol o tabacco Così il brusco arresto di un trattamento cronico di THC ha dato risultati contraddittori nel topo poiché nel caso di modificazioni comportamentali queste non erano modificate dalla somministrazione dell agonista Il naloxone presenta una sindrome di astinenza leggera molto diversa da quella prodotta nell animale dipendente dalla morfina Il recente sviluppo dell antagonista selettivo del recettore CB1 lo SR141716A ha permesso di mostrare nel ratto prima e nel topo in seguito l esistenza di una leggera dipendenza fisica al THC molto diversa da quelle generate ad esempio dagli oppiacei Oltretutto bisognerà aspettarsi che i sintomi di svezzamento siano ancor più deboli in assenza della somministrazione di antagonisti Ciò corrisponde bene a quello che si può osservare nell uomo al momento dell arresto di consumo di cannabis In effetti anche in casi di uso frequente di dosi massicce non è stata osservata alcuna sindrome paragonabile a quella prodotta dallo svezzamento da eroina o da alcol ad esempio Gli effetti dello svezzamento da THC riportati in un recente studio sono segni di nervosismo disturbi leggeri del sonno e una diminuzione dell appetito che rapidamente scompaiono L assenza di severe sindromi di svezzamento nel caso dei cannabinoidi è indubbiamente dovuta parzialmente alla sua eliminazione lenta Sarebbe interessante studiare questo fenomeno attraverso PET Scan nelle scimmie e nell uomo Se gli effetti comportamentali consecutivi all arresto di consumo di cannabis restano modesti gli effetti cardiovascolari e vegetativi sono nel consumatore neofita più netti tachicardia sul picco dell effetto della cannabis poi bradicardia Essi sono soggetti ad assuefazione È soprattutto attraverso la loro attitudine a generare dipendenza psichica addiction che si valuta la pericolosità delle droghe È provato che la stragrande maggioranza dei consumatori di cannabis non utilizzano questo prodotto che occasionalmente e possono cessarne definitivamente l uso senza grandi difficoltà Ciò è ben dimostrato dalle curve disegnate dall evoluzione dei consumi nel corso dei differenti periodi della vita Si considera che esista meno del 10 dei grandi consumatori di cannabis che incontrano difficoltà nell abbandonare l uso della sostanza nonostante lo desiderino Gli effetti di crisi di astinenza eventualmente responsabili della dipendenza si ritrovano con la stessa incidenza 9 Cionondimeno il dibattito sui rischi di dipendenza alla cannabis è stato rilanciato nel corso dei due ultimi anni a causa della messa in evidenza diretta di due parametri considerati come predittivi d un rischio di dipendenza Il primo è la liberazione di dopammina nel nucteus acumbens indotta dalla somministrazione di THC e il secondo è dato dall osservazione che questa liberazione è antagonizzata dal naloxone che sembra dunque controllata dalla stimolazione del sistema oppioideo Effettivamente ciò è stato appena confermato formalmente dalla dimostrazione di un incremento del tasso extracellulare di Mer encefalina nel nucleus acumbens tramite microdialisi dopo trattamento al THC Ciononstante questa liberazione è debole circa 4 volte inferiore a quella prodotta dall RB 101 che non produce alcuna dipendenza fisica o psichica Il secondo è dato dalla liberazione di CRF indotta dalla somministrazione di SR141 716A sul ratto trattato cronicamente con THC fenomeno ugualmente prodotto dallo svezzamento dall alcol o da qualunque forma di stress Agendo sui recettori dell amigdale il CRF aumenterebbe le sensazioni di ansia potenziando così la vulnerabilità alla ripresa di consumo La somministrazione acuta dell agonista CB1 l HU 210 sul ratto produce un incremento di liberazione di CRF come succede allorché l animale si trovi in condizioni di stress nuoto forzato o in campo aperto Le reazioni di adattamento del ratto in simili condizioni di stress sono bloccate dall antagonista D Phe CRF12 41 che riduce altrettanto le azioni stressanti dell HU 210 Tuttavia la liberazione di cortisosterone indotta dall antagonista CB1 non è a sua volta essa stessa antagonizzata dal 5R141 716A Le risposte ottenute sui ratti potrebbero rendere conto di effetti di ansietà che sopravvengono sporadicamente nell uomo subito dopo 1 assunzione di una forte dose di cannabis Tuttavia un altra spiegazione potrebbe venire dalla liberazione di dinorfine sotto l azione del THC Abbiamo già ricordato l assenza di relazione diretta tra la liberazione di dopamina nel nucleus acumbens provocata da diverse sostanze o da stimoli naturali e la potenza degli effetti di rinforzo così come la dipendenza da questi ultimi Bisogna ricordare che il THC non sembra capace di indurre un comportamento di autosomministrazione Così come nella maggior parte del casi non è dato osservare preferenze di sito al THC cronico e un leggero effetto di avversione è perfino misurato Nondimeno una risposta positiva in questo test è stata descritta e il THC si mostra altrettanto capace di facilitare l autostimolazione elettrica della dopammina di rinforzo La deriva verso le droghe dure detta gateway theory prodotta dal consumo cronico di THC non sembra sostenuta dai risultati di recenti esperienze su animali Così il trattamento cronico di THC non modifica la preferenza di sito indotta dalla morfina L eterosensibilizzazione corrispondente all attivazione della risposta indotta da una droga per esempio eroina a seguito della assunzione di un altra per esempio alcol è fenomeno che non sembra esser stato studiato dettagliatamente con il THC Bisogna tuttavia notare che l anandamide e il THC sono capaci di diminuire la severità dello svezzamento dagli oppioidi cosa che suggerisce che negli eroinomani la cannabis potrebbe attenuare gli effetti di crisi di astinenza Nell uomo gli studi epidemiologi danno risultati molto contrastanti secondo il modo in cui i risultati sono presentati ed interpretati In questi anni secondo inchieste condotte negli USA circa l 1 dei consumatori di cannabis sarebbero portati all uso di cocaina cosa che non significa che ne diventino dipendenti Altri studi mostrano che il consumo di droghe dure a seguito del consumo di cannabis riguarda soprattutto minoranze di giovani di ambienti sfavoriti che vivono in condizioni sociali e familiari instabili estraniati dalla scuola ed in contatto con trafficanti di eroina e cocaina Questi risultati insieme ai numerosi altri studi epidemiologici sembrano indicare che il consumo di droghe dure a seguito del consumo di THC avrebbe principalmente cause psicosociologiche Ciononostante benché tutti i criteri stabiliti per definire una sostanza come causa di assuefazione non siano soddisfatti nel caso della cannabis una certa pressione si esercita negli USA perché siano varati programmi finalizzati all arresto totale del suo consumo Ciò si traduce in richieste di analisi sull esistenza o meno di un tale consumo da parte dei datori di lavoro ed il possibile obbligo di astinenza E certo che la soppressione del gene recettore CB1 appena realizzata permetterà di chiarire un certo numero di questioni sulla farmacologia dei cannabinoidi tra cui il problema della possibile esistenza di una eterosensibilizzazione come è stato fatto con altri topi geneticamente modificati Ricerca ancora in corso Bisognerà nondimeno restare prudenti su una estrapolazione diretta sull uomo per ragioni evidenti di specie e più sottili di adattamento possibile probabile inerente a modificazioni generiche in generale EFFETTI SUL SISTEMA RESPIRATORIO Gli effetti tossici più prevedibili della cannabis sono collegati al suo uso eccessivo per inalazione In effetti le stesse concentrazioni di sostanze cancerogene fenolo nitrosamine sostanze poliaromatiche ecc si ritrovano nel fumo proveniente da sigarette o da joint Sono gli effetti più pericolosi nel caso di uso molto frequente di cannabis dovuti al rischio di tumore polmonare tanto più se si considera che il suo consumo non diminuisce quello di tabacco D altra parte infiammazioni bronchiali sono state osservate tra i grandi consumatori più di dieci sigarette al giorno così come problemi di asma ed una alterazione delle funzioni respiratorie benché alcuni di questi effetti non si siano ritrovati in tutti gli studi Uno dei pericoli dell inalazione di cannabis attiene al fatto che questa è più profonda e l aria inspirata più calda Nondimeno non esistono studi epidemiologici che dimostrano che l associazione cannabis tabacco sia un fattore di rischio superiore al tabacco preso da solo per l incidenza di cancri polmonari ed insufficienze respiratori e croniche CANNABIS E SISTEMA IMMUNITARIO Gli studi effettuati su cellule ed in vivo dimostrano che a dosi largamente superiori a quelle utilizzare per fini ricreativi i cannabinoidi perturbano il sistema immunitario Diversi studi su animali hanno mostrato una riduzione della resistenza alle affezioni microbiche e virali dopo trattamento di THC che si comporta probabilmente come un immunomodulatore agendo sui recettori CB2 periferici organi linfoidei linfociti macrofagi ecc Tuttavia le dosi utilizzate erano molto elevate e perciò le eventuali aspettative patologiche difficili da stabilire Così è stato recentemente dimostrato che l anandamide era capace di stimolare la proliferazione di cellule ematopoietiche in sinergia con una citochina 1 interleuchina 3 IL3 che agisce attivando recettori glucoproteici della famiglia dei recettori all ematopoietina Questo risultato sembra contraddire le azioni deleterie del THC sulla resistenza all infezione in particolare causata nel topo dal batterio Legionella pneumophila che erano state collegate a carenze nell azione delle citochine e delle cellule immunocompetenti Questi risultati sono discussi in una recente pubblicazione E tuttavia interessante osservare che esiste una grande similitudine strutturale tra l anandamide ed altri cannabinoidi endogeni e la famiglia dei derivati dai fosfolipidi acido arachidonico prostaglandine prostacicline ecc Degli studi potrebbero essere effettuati per verificare gli effetti diretti dei cannabinoidi sul processo infiammatorio ed immunitario Il recettore dei cannabinoidi presente sui macrofagi è diverso da quello trovato nel cervello cosa che spiega alcuni effetti immunomodulatori ottenuti da derivati del THC sprovvisti di effetti psichici Si può notare che il THC e la cannabis fumata sono state utilizzate con malati di AIDS al fine di diminuire gli effetti secondari dei trattamenti vomiti inappetenza ecc Nessuno studio ha riportato effetti aggravanti dei cannabinoidi sul sistema linfocitico affetto da virus HIV È del resto una ragione invocata per l utilizzo clinico del THC nei malati di AIDS o di cancro POTERI MUTAGENI E CANCEROGENI DELLA CANNABIS Due studi fanno il bilancio Il primo confronta l azione del THC a forti dosi durante 5 settimane nel topo con quella dell etanolo e di un mutageno testimone il Trenimon I risultati mostrano che il THC solo o in combinazione con l etanolo non ha alcun effetto sul tasso di pre impianto embrionale di mortalità fetale e di indice di mutazione Più recentemente uno studio è stato iniziato dal NIH per valutare l eventuale potenziale carcinogeno del THC nei roditori ratto topo a dosi giornaliere culminanti a 500 mg kg e durante periodi da 3 settimane a due anni Nessuna evidenza d un effetto tumorigeno del THC è stato osservato A dosi molto elevate si può notare una certa riduzione di peso Esse sono associate a delle più basse frequenze di tumori compresi i tumori al testicolo nel maschio e dell utero e delle ovaie nella femmina Un atrofia di questi ultimi organi si è osservata eventualmente in relazione ad aumenti importanti nelle concentrazioni ormonali indotte da dosi molto forti di THC Gli effetti mutageni della cannabis fumata osservati nel test di AMES sono dunque dovuti all esistenza del catrame e dei costituenti ottenuti a

    Original URL path: http://www.usidellacanapa.it/medicina/roques.php (2016-01-31)
    Open archived version from archive

  • USI DELLA CANAPA - una risorsa di nome canapa
    LA SVOLTA Stop agli arresti in Gran Bretagna E Blair accende gli spinelli Marijuana libera nel 2002 Di Margherita Moscogiuri LONDRA Basta con gli arresti di fumatori di cannabis In Inghilterra la polizia ha di meglio o di peggio da fare che mandare in fumo ore di sorveglianza per una droga così leggera C è altro nel mirino Il ministro degli Interni David Blunkett ha detto chiaro e tondo in Parlamento che bisogna essere obiettivi e usare il buon senso su tale argomento favorendo un approccio che si concentri su stupefacenti seri e pericolosi come eroina e cocaina Insomma la marijuana retrocede in serie C con steroidi anfetamine e Valium Ciò non significa il permesso di coltivare l erba nel giardino di casa e venderla al mercato delle verdure ma quando la legge entrerà in vigore fra un anno fumare cannabis non sarà più un crimine perseguibile anche con la detenzione come è oggi In alcuni quartieri di Londra come Lambeth la polizia già chiudeva un occhio sulla marijuana quindi la decisione del governo arriva a legalizzare una situazione di fatto Michael Goodman direttore della Commissione per Droghe e Alcohl ha commentato soddisfatto E un muro di Berlino che cade finalmente si riconosce che la cannabis non appartiene alla categoria di droghe pesanti e socialmente pericolose Anche il capo della polizia John Stevens approva la decisione che rappresenta una svolta in direzione più adeguata alla realtà del Drugs Act che finora prevedeva 5 anni di prigione per possesso di marijuana A Londra l anno scorso furono arrestate15 000 persone per detenzione dell erba sottraendo alla polizia 74 000 ore che potevano essere meglio impiegate Le reazioni L intervento di Blunkett finirà di incriminare tanti giovani a detrimento della loro carriera smetterà di assorbire inutilmente le risorse della polizia locale e

    Original URL path: http://www.usidellacanapa.it/medicina/lasvolta.php (2016-01-31)
    Open archived version from archive

  • USI DELLA CANAPA - una risorsa di nome canapa
    meccanismi di mercato e chi è avverso alla liberalizzazione della droga chiamiamola per brevità LD considera i fautori della LD come degli apprendisti stregoni che pensano alla liberalizzazione come a un modo di lasciare che la droga si autoregoli un irresponsabile lavarsi le mani insomma dell immenso e terribile problema La verità è ben diversa I veri sostenitori della LD la vedono come un mezzo di lotta alla droga e un mezzo più efficace rispetto alla via del proibizionismo Il dibattito tocca le pulsioni più profonde dell umana convivenza il rapporto fra la comunità e il male E sempre stato difficile definire il male in relazione ad atti a consumo individuale quali la prostituzione il fumo l alcool la droga Ma pur con varie limitazioni prostituzione fumo alcool sono largamente tollerati nei paesi occidentali Solo la droga continua a vivere nell illegalità al riparo di un immensa industria del crimine Proprio in questo collegamento fra droga e criminalità sta il nodo che i fautori della LD vogliono finalmente sciogliere Il problema droga è un idra a due teste da una parte c è il consumo di droga con tutte le sofferenze individuali e sociali l abiezione la disperazione il dolore l abbrutimento che si porta appresso dall altra c è la criminalità che domina l offerta produzione e distribuzione ma che infetta anche la domanda basti pensare ai crimini compiuti dai drogati per procurarsi i soldi per comprare la droga I sostenitori della LD vogliono semplicemente tagliare una delle due teste dell idra e così facendo avere più risorse per affrontare il primo problema Non è vero insomma che come scrive Andrea Muccioli i fautori della LD pretendono che legalizzando o regolamentando si risolverebbero i problemi del consumo e traffico di stupefacenti Questa è una caricatura che non aiuta il dialogo Legalizzare la droga è un modo per fare un salto di qualità nella lotta alla droga Ma come La droga non è un veleno che abbrutisce chi ne diventa schiavo E bisognerebbe consentirlo permettere di comprare una bustina di droga come si compera una bottiglia di whisky o un pacchetto di sigarette Il comune senso morale si ribella a questa conclusione E tanto più si ribella chi come Muccioli paga di persona come testimone quotidiano delle devastazioni della droga Ma qual è l alternativa Il proibizionismo sarebbe ovviamente l alternativa migliore se solo funzionasse Il problema è che non funziona Il planetario e tragico gioco di guardie e ladri va avanti da decenni come una di quelle guerre nella giungla che continuano da sempre senza mai che una parte possa avere un definitivo sopravvento La guerra alla droga come la chiamano in America consuma migliaia di dollari e migliaia di vite i morti non sono solo quelli dell overdose ma anche quelli delle forze dell ordine e degli spacciatori e dei trafficanti Ha senso continuare in questa strada Avrebbe senso se si pensasse che la vittoria è dietro l angolo con una più efficace repressione con la riconversione delle

    Original URL path: http://www.usidellacanapa.it/medicina/droga.php (2016-01-31)
    Open archived version from archive

  • USI DELLA CANAPA - una risorsa di nome canapa
    con miglioramento del quadro neurologico Completati gli studi di Fase I e II la compagnia farmaceutica punta ora a estendere il programma a studi di Fase III vedi scheda in calce che coinvolgeranno un maggior numero di pazienti in più località e che sono l ultimo stadio prima di ottenere l approvazione dei farmaci La GW ha investito 12 milioni di sterline 35 miliardi di lire nelle sue ricerche e spera di commercializzare i suoi primi farmaci a base di cannabis nel 2003 Gli studi della GW hanno coinvolto pazienti a cui il farmaco a base di cannabis è stato somministrato come spray sublinguale che permette un rapido assorbimento diretto La GW Pharmaceuticals è una compagnia privata fondata nel 1997 che opera su licenza del Ministero dell interno inglese per coltivare possedere e fornire canapa per la ricerca medica Ha coltivato canapa in serre protette e controllate da computer in una località segreta nel sud dell Inghilterra Se le autorità sanitarie daranno una licenza per farmaci a base di cannabis il governo ha già dichiarato che sarà disponibile a emendare la legge sugli stupefacenti per permetterne la prescrizione medica Per saperne di piu http www medicinal cannabis org SCHEDA LE FASI DELLA SPERIMENTAZIONE DI UN FARMACO La sperimentazione clinica di un farmaco si articola in 3 fasi Gli studi di Fase I effettuati in genere su piccoli gruppi di volontari sani servono a determinare la sicurezza del farmaco Gli studi di Fase II effettuati in genere su piccoli gruppi di pazienti volontari sono mirati a verificare gli eventuali effetti collaterali e a determinare i dosaggi ottimali Gli studi di Fase III sono invece mirati a verificare l efficacia del farmaco su gruppi numerosi di pazienti in un lungo periodo di osservazione almeno un anno e prevedono in genere la presenza

    Original URL path: http://www.usidellacanapa.it/medicina/gw_pharmaceuticals.php (2016-01-31)
    Open archived version from archive

  • USI DELLA CANAPA - una risorsa di nome canapa
    si è trovata normalmente a fumare erba del posto Si è accorta del flusso mestruale solo il giorno dell effettivo flusso senza avvertire alcun sintomo nei giorni precedenti Sorpresa di ciò ma contenta di non aver attinto alla sua scorta di pillole ha pensato che la favorevole situazione psicologica della vacanza sia stata determinante nella scomparsa della sua sindrome premestruale Il mese successivo i sintomi si sono regolarmente ripresentati pertanto ha sperimentato l assunzione di canapa con sorprendenti risultati L efficacia terapeutica della canapa nelle sindromi premestruali non è una novità in quanto è riportata innumerevoli volte nella storia millenaria di questa pianta e per riportare un autorevole esempio di tempi recenti il medico personale della regina Vittoria d Inghilterra la somministrava alla sua illustre paziente sofferente della suddetta sindrome Ma questo Stefania non lo sapeva Luigi affetto da Sclerosi Multipla aveva già riportato la sua storia che si può ritrovare sul sito internet della canapa medica ma all incontro di Terricciola aggiunge In questo periodo soffro di contratture e spasmi ai polpacci di tutte due le gambe con dolori acuti che spesso mi rendono molto difficile il camminare I farmaci non mi funzionano pur avendone cambiati diversi né mi procuro canapa da fumare visti tutti i problemi che questa mi ha già procurato per cui mi sono rassegnato ad aspettare che questi sintomi passino da soli così come teoricamente dovrebbe essere Invece qualche giorno fa mi è capitato del tutto casualmente di fumare della canapa e gli effetti positivi sono stati lampanti La contrattura dei muscoli si è molto attenuata è scomparso quel continuo senso di pesantezza alle gambe e quel che è più importante non ho avuto nessuna difficoltà a camminare Luca dopo anni di indicibili e classiche disavventure è uscito dal tunnel dell eroina e da alcuni anni non solo è completamente affrancato da questa sostanza ma gli capita anche di aiutare chi con questa sostanza ha ancora un rapporto privilegiato I postumi della sua sbornia di eroina e metadone sono pesanti e difficili da sanare Il recupero dei rapporti familiari e amicali il reinserimento lavorativo saltuario e precario le condizioni fisiche non brillanti la condizione psicologica faticosamente compensata ma praticamente costante è l ansia l insonnia l inappetenza ed una vera e propria agitazione interna con momenti di rabbia aspecifica Lo spinello rientra fra le tante esperienze che hanno caratterizzato la sua vita l ha fumato in passato l ha fumato saltuariamente durante il suo rapporto con l eroina l ha fumato dopo con modalità che lui definisce decisamente farmacologiche Afferma di aver utilizzato psicofarmaci sotto controllo medico e senza controllo medico ma la presa d atto che la canapa era la sostanza più efficace e meno dannosa nella sua situazione l ha indotto a procurarsela Sottolinea l assurdità della proibizione della canapa per i deleteri rischi legali la pessima qualità di ciò che si trova al mercato nero e gli eccessivi costi non giustificabile dalla pericolosità di questa pianta I benefici della medicina proibita li

    Original URL path: http://www.usidellacanapa.it/medicina/esperienze.php (2016-01-31)
    Open archived version from archive

  • USI DELLA CANAPA - una risorsa di nome canapa
    Rosenthal Dale Giesinger e Tod Mikuriya Si racconta che la regina di Gran Bretagna Vittoria ricorresse alla cannabis per lenire i dolori mestruali e durante il suo regno l erba veniva usata per curare diversi malanni dagli spasmi muscolari reumatismi Poi nel 1900 l interesse per la marijuana diminuì Altre sostanze tra cui l oppio ricavato dal Papaver somniferum entrarono in scena Solo nel 1964 l israeliano Raphael Mechoulam identificò il primo cannabinoide il 9 delta tetraidrocannabinolo Thc componente principale della cannabis I primi recettori cerebrali per gli oppioidi furono descritti negli anni 70 ma per quelli dei cannabinoidi si dovranno attendere altri vent anni scrive Mechoulam su Nature La cannabis fu ritirata dalla farmacopea Usa nel 1941 Ed è proprio dagli Usa che è partita una campagna di sensibilizzazione a favore della marijuana in medicina Dopo il famoso appello nel 1995 su Jama di Lester Grinspoon autore di diversi libri Marijuana reconsidered e The forbidden medicine entrambi tradotti in italiano a favore di una rivisitazione della cannabis come medicina nel 96 California e Arizona votarono a favore della depenalizzazione per chi la usa a scopo terapeutico Oggi almeno altri otto stati americani hanno votato a favore di questo utilizzo L atteggiamento sta cambiando Quest anno il primo ministro britannico Tony Blair ha dato semaforo verde per la cannabis come farmaco E test clinici sono stati autorizzati dai governo canadese che ha fatto anche una gara pubblica per la fornitura di cannabis per progetti di ricerca medica Anche in Spagna e Germania l aria è cambiata e si concede di usarla al malati che la richiedono Segnali favorevoli si registrano anche in Svizzera Non così in Francia dove l Accademia della medicina ha dato parere contrario E tantomeno In Italia dove si fatica a prescrivere gli oppioidi in commercio come farmaci per lenire il dolore Il dibattito sulla cannabis a uso medico è molto teorico anche perché i risultati finora non sono miracolosi avverte Franco Toscani responsabile scientifico dell Istituto di ricerca in medicina palliativa Lino Maestroni Il battage degli ultimi tre anni a favore di questa medicina proibita è stato martellante Nel 97 un rapporto della British medicai association dai titolo significativo Therapeutic uses of cannabis dopo aver passato in rassegna la letteratura scientifica concludeva che le sostanze psicoattive della marijuana hanno dimostrato di dare sollievo negli spasmi muscolari dei malati di sclerosi multipla Prove di beneficio anche se meno evidenti erano segnalate per epilessia glaucoma asma pressione alta perdita di peso associata ad aids o cancro Il primo uso rilevante della cannabis è stato come antinausea nella chemioterapia Nel rapporto si metteva in guardia sui rischi del fumo di marijuana che contiene tre volte più catrame del tabacco ma si invitava il governo ad assumere un atteggiamento più compassionevole verso chi la utilizzava a scopo medico e a incentivare la ricerca Due anni dopo un gruppo di scienziati dell Istituto di medicina di Washington rese pubblico un rapporto preparato per conto della Casa Bianca Anche in questo caso

    Original URL path: http://www.usidellacanapa.it/medicina/nuove-meraviglie.php (2016-01-31)
    Open archived version from archive



  •