web-archive-it.com » IT » V » VETERINARIBRINDISI.IT

Total: 343

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • Riforma 281, adottato il testo base
    stesso Mancuso alla presenza del Sottosegretario Francesca Martini Mancuso ha osservato che il Comitato si è riunito numerose volte nell arco di diversi mesi e dopo avere svolto un ciclo di audizioni di associazioni ed esperti del settore è giunto a elaborare un testo particolarmente ricco e articolato su cui si è registrata una convergenza abbastanza ampia Purtroppo la Conferenza delle regioni e delle province autonome non ha sin qui dato la propria disponibilità per un audizione ed è stata pertanto invitata a trasmettere una memoria scritta La Conferenza ha posto all odg della seduta del 23 giugno scorso la riforma della 281 anticipando per voce di Anna Banchero la volontà di deliberare un parere sintetico e non ostativo Il sottosegretario Martini ha espresso vivo apprezzamento per il lavoro svolto dal relatore e da tutto il Comitato ristretto Negli ultimi anni ha detto è divenuta evidente la necessità di aggiornare la legge n 281 del 1991 giudicando positivamente il fatto che il testo elaborato dal Comitato ristretto proceda a tale aggiornamento recependo e valorizzando il contenuto delle ordinanze adottate dal Governo che hanno sin qui dato buoni frutti e riscosso ampi consensi Si è dichiarata pertanto favorevole all adozione del

    Original URL path: http://www.veterinaribrindisi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=82:riforma-281-adottato-il-testo-base (2016-02-14)
    Open archived version from archive


  • Protezione vitelli e suini, due decreti in CDM
    consentire un minimo di esercizio fisico contatti con altri bovini e movimenti normali sia in piedi che coricati nessun vitello di età superiore alle otto settimane deve essere rinchiuso in un recinto individuale a meno che un veterinario abbia certificato che il suo stato di salute o il suo comportamento esige che sia isolato dal gruppo al fine di essere sottoposto ad un trattamento Tutti i vitelli allevati in locali di stabulazione devono essere controllati dal proprietario o dalla persona responsabile almeno due volte al giorno e quelli allevati all esterno almeno una volta al giorno I vitelli che presentano sintomi di malattie o ferite devono ricevere immediatamente le opportune cure e qualora un vitello non reagisca al trattamento dell allevatore dev essere consultato al più presto un veterinario Se necessario i vitelli malati o feriti devono essere isolati in locali appropriati con lettiera asciutta e confortevole La Direttiva 2008 120 CE stabilisce le norme minime per la protezione dei suini e vuole garantire un equilibrio tra i vari aspetti in gioco il benessere inclusa la salute degli animali le considerazioni economiche e sociali e l impatto ambientale I suini traggono beneficio da un ambiente che corrisponde alle loro esigenze in termini di possibilità di movimento e di comportamento esplorativo Il loro benessere sembra essere pregiudicato da forti restrizioni di spazio Qualora i suini siano tenuti in gruppo per il loro benessere è opportuno adottare adeguate misure di protezione Quando dispongono di libertà di movimento e si trovano in un ambiente complesso le scrofe preferiscono avere interazioni sociali con gli altri suini Dovrebbe essere pertanto vietato tenere le scrofe in uno stretto isolamento continuo Il mozzamento della coda e la troncatura o la levigatura dei denti possono causare ai suini dolore immediato e a volte prolungato La castrazione provoca spesso

    Original URL path: http://www.veterinaribrindisi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=83:protezione-vitelli-e-suini-due-decreti-in-cdm (2016-02-14)
    Open archived version from archive

  • La manovra abolirà il numero programmato
    il numero programmato ai corsi di laurea venga abolito Ed ha proprio citato la veterinaria ad esempio La bozza argomenta contro le limitazioni numeriche all esercizio di una professione basate sulla popolazione e altri criteri di fabbisogno Curiose alcune eccezioni La manovra lascerebbe libero corso solo alle professioni di architetto ingegnere avvocato notaio farmacista e autotrasportatore Per la veterinaria ci sarebbe la possibilità di un recupero in extremis La bozza infatti prevede la possibilità di escludere dall ennesima liberalizzazione le professioni che per decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri siano riconosciute portatrici di un interesse pubblico da tutelare In tal caso dovrebbe essere il Ministro della Salute a proporre l esonero della veterinaria dalle nuove liberalizzazioni Ma sentito il Ministro delle Finanze ed entro il temine di quattro mesi dall entrata in vigore della Finanziaria La manovra è all ordine del giorno della Giunta Esecutiva di Confprofessioni che si riunirà domani a Roma ANMVI affiliata a Confprofessioni e rappresentata in Giunta da Carlo Scotti porterà all attenzione della Confederazione la questione delle aliquote IVA ANMVI chiederà azioni immediate sul Dicastero delle Finanze per escludere il rialzo percentuale sulle prestazioni veterinarie Dura reazione di Gaetano Stella presidente di Confprofessioni alla bozza del decreto sulla manovra pluriennale da 43 45 miliardi di euro che contiene un ampio capitolo sulle liberalizzazioni delle professioni Siamo tornati indietro di 15 anni ai tempi dell Antitrust di Giuliano Amato Come allora anche oggi si ripropone la decotta equazione professione uguale impresa contravvenendo alle regole più banali che stanno alla base delle prestazioni professionali Apprendiamo con stupore l iniziativa del ministero dell Economia che senza consultarci ha introdotto nella manovra un pacchetto di misure tese a liberalizzare il comparto delle libere professioni continua Stella i liberi professionisti non sono contrari a misure che favoriscano la competizione

    Original URL path: http://www.veterinaribrindisi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=81:la-manovra-abolira-il-numero-programmato (2016-02-14)
    Open archived version from archive

  • E' abuso di professione compilare ricette in bianco
    con la ASL di Frosinone dei farmaci dietro prescrizioni su carta intestata timbrata e firmata dal medico ma poi compilate in ogni loro parte dai due In primo grado i titolari delle due farmacie ed il medico sono stati giudicati responsabili dei reati di falsità ideologica in certificazioni amministrative ed esercizio abusivo della professione medica I ricorrenti ribadivano che non sarebbe ravvisabile il reato di falsità ideologica in quanto i pazienti destinatari delle prescrizioni farmacologiche erano affetti dalle malattie accertate dal medico in precedenza per cui avevano necessità dei medicinali indicati nelle ricette essendo già inseriti nel piano terapeutico predisposto dal sanitario I Giudici di Piazza Cavour hanno spiegato che con la compilazione della ricetta il medico compie un attività ricognitiva del diritto soggettivo del paziente all assistenza farmacologica consentendo l attuazione di tale diritto mediante l emissione della prescrizione medica Pertanto la stesura della prescrizione medica riveste un duplice ruolo di certificazione laddove il sanitario individua elementi medici rilevanti e di autorizzazione amministrativa laddove permette di rimuovere i limiti stabiliti dalla legge garantendo così al malato l esercizio del suo diritto all erogazione di medicinali E inoltre essenziale che la prescrizione medica risponda alle valutazioni diagnostiche maturate dal medico il quale potrà decidere se prescrivere o meno un determinato farmaco solo dopo un accurata valutazione clinica del caso Pertanto la Suprema Corte ha puntualizzato che il reato di falsità ideologica contestato agli imputati risiede proprio nella falsa attestazione del compimento da parte del medico convenzionato della ricognizione del diritto all assistito all assistenza farmacologica essendo irrilevante la circostanza che i pazienti fossero affetti da patologie croniche posto che anche per essi lo schema seguito dal legislatore impone al medico dopo la diagnosi iniziale e la prima prescrizione farmacologica di attuare controlli intermedi predefiniti prima di emettere le prescrizioni ripetute

    Original URL path: http://www.veterinaribrindisi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=80:e-abuso-di-professione-compilare-ricette-in-bianco (2016-02-14)
    Open archived version from archive

  • Mediaconciliazione, primi casi in veterinaria
    degli Organismi di mediazione del Ministero della Giustizia sono arrivate 5mila richieste di conciliazione Fra queste anche contenziosi per responsabilità civile del medico veterinario E il caso del Collega che riceve notifica dallo sportello di conciliazione della Camera di commercio con invito per un atto di conciliazione indetto da un cliente E accaduto a Pisa al centro della disputa il decesso del paziente animale La responsabilità medica rientra fra le situazioni che potranno essere risolte fra la parti senza ricorso al Tribunale al quale ci si potrà comunque rivolgere nel caso di mancata intesa Ma anche in questo caso il Giudice potrà rinviare le parti al mediatore qualora ravvisi che la soluzione prospettata in sede di conciliazione fosse quella giusta L istituto della mediazione civile di cui si mette in discussione l obbligatorietà è ampiamente praticata in altri Paesi Europei come la Spagna e la Germania ha lo scopo di abbassare i tempi e i costi delle cause sia a favore della Giustizia che dei cittadini Benchè contestato soprattutto dall Organismo Unitario dell Avvocatura i sostenitori lo promuovono Il 43 dei procedimenti è già stato definito con raggiungimento di un accordo giudicato soddisfacente dalle parti nel 20 dei casi La

    Original URL path: http://www.veterinaribrindisi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=79:mediaconciliazione-primi-casi-in-veterinaria (2016-02-14)
    Open archived version from archive

  • Protezione vitelli e suini, due decreti in CDM
    e movimenti normali sia in piedi che coricati nessun vitello di età superiore alle otto settimane deve essere rinchiuso in un recinto individuale a meno che un veterinario abbia certificato che il suo stato di salute o il suo comportamento esige che sia isolato dal gruppo al fine di essere sottoposto ad un trattamento Tutti i vitelli allevati in locali di stabulazione devono essere controllati dal proprietario o dalla persona responsabile almeno due volte al giorno e quelli allevati all esterno almeno una volta al giorno I vitelli che presentano sintomi di malattie o ferite devono ricevere immediatamente le opportune cure e qualora un vitello non reagisca al trattamento dell allevatore dev essere consultato al più presto un veterinario Se necessario i vitelli malati o feriti devono essere isolati in locali appropriati con lettiera asciutta e confortevole La Direttiva 2008 120 CE stabilisce le norme minime per la protezione dei suini e vuole garantire un equilibrio tra i vari aspetti in gioco il benessere inclusa la salute degli animali le considerazioni economiche e sociali e l impatto ambientale I suini traggono beneficio da un ambiente che corrisponde alle loro esigenze in termini di possibilità di movimento e di comportamento esplorativo Il loro benessere sembra essere pregiudicato da forti restrizioni di spazio Qualora i suini siano tenuti in gruppo per il loro benessere è opportuno adottare adeguate misure di protezione Quando dispongono di libertà di movimento e si trovano in un ambiente complesso le scrofe preferiscono avere interazioni sociali con gli altri suini Dovrebbe essere pertanto vietato tenere le scrofe in uno stretto isolamento continuo Il mozzamento della coda e la troncatura o la levigatura dei denti possono causare ai suini dolore immediato e a volte prolungato La castrazione provoca spesso un dolore prolungato aggravato dall eventuale lacerazione dei tessuti Tali

    Original URL path: http://www.veterinaribrindisi.it/index.php?view=article&id=83:protezione-vitelli-e-suini-due-decreti-in-cdm&tmpl=component&print=1&layout=default&page= (2016-02-14)
    Open archived version from archive

  • La manovra abolirà il numero programmato
    ha proprio citato la veterinaria ad esempio La bozza argomenta contro le limitazioni numeriche all esercizio di una professione basate sulla popolazione e altri criteri di fabbisogno Curiose alcune eccezioni La manovra lascerebbe libero corso solo alle professioni di architetto ingegnere avvocato notaio farmacista e autotrasportatore Per la veterinaria ci sarebbe la possibilità di un recupero in extremis La bozza infatti prevede la possibilità di escludere dall ennesima liberalizzazione le professioni che per decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri siano riconosciute portatrici di un interesse pubblico da tutelare In tal caso dovrebbe essere il Ministro della Salute a proporre l esonero della veterinaria dalle nuove liberalizzazioni Ma sentito il Ministro delle Finanze ed entro il temine di quattro mesi dall entrata in vigore della Finanziaria La manovra è all ordine del giorno della Giunta Esecutiva di Confprofessioni che si riunirà domani a Roma ANMVI affiliata a Confprofessioni e rappresentata in Giunta da Carlo Scotti porterà all attenzione della Confederazione la questione delle aliquote IVA ANMVI chiederà azioni immediate sul Dicastero delle Finanze per escludere il rialzo percentuale sulle prestazioni veterinarie Dura reazione di Gaetano Stella presidente di Confprofessioni alla bozza del decreto sulla manovra pluriennale da 43 45 miliardi di euro che contiene un ampio capitolo sulle liberalizzazioni delle professioni Siamo tornati indietro di 15 anni ai tempi dell Antitrust di Giuliano Amato Come allora anche oggi si ripropone la decotta equazione professione uguale impresa contravvenendo alle regole più banali che stanno alla base delle prestazioni professionali Apprendiamo con stupore l iniziativa del ministero dell Economia che senza consultarci ha introdotto nella manovra un pacchetto di misure tese a liberalizzare il comparto delle libere professioni continua Stella i liberi professionisti non sono contrari a misure che favoriscano la competizione e l apertura del mercato dei servizi professionali Ma in

    Original URL path: http://www.veterinaribrindisi.it/index.php?view=article&id=81:la-manovra-abolira-il-numero-programmato&tmpl=component&print=1&layout=default&page= (2016-02-14)
    Open archived version from archive

  • Mediaconciliazione, primi casi in veterinaria
    5mila richieste di conciliazione Fra queste anche contenziosi per responsabilità civile del medico veterinario E il caso del Collega che riceve notifica dallo sportello di conciliazione della Camera di commercio con invito per un atto di conciliazione indetto da un cliente E accaduto a Pisa al centro della disputa il decesso del paziente animale La responsabilità medica rientra fra le situazioni che potranno essere risolte fra la parti senza ricorso al Tribunale al quale ci si potrà comunque rivolgere nel caso di mancata intesa Ma anche in questo caso il Giudice potrà rinviare le parti al mediatore qualora ravvisi che la soluzione prospettata in sede di conciliazione fosse quella giusta L istituto della mediazione civile di cui si mette in discussione l obbligatorietà è ampiamente praticata in altri Paesi Europei come la Spagna e la Germania ha lo scopo di abbassare i tempi e i costi delle cause sia a favore della Giustizia che dei cittadini Benchè contestato soprattutto dall Organismo Unitario dell Avvocatura i sostenitori lo promuovono Il 43 dei procedimenti è già stato definito con raggiungimento di un accordo giudicato soddisfacente dalle parti nel 20 dei casi La stessa professione forense sta dando vita a numerosi organismi di

    Original URL path: http://www.veterinaribrindisi.it/index.php?view=article&id=79:mediaconciliazione-primi-casi-in-veterinaria&tmpl=component&print=1&layout=default&page= (2016-02-14)
    Open archived version from archive



  •